InfoAut
Immagine di copertina per il post

USA: il nuovo inferno di dipendere dal tuo datore di lavoro per l’accesso all’aborto

||||

Abbiamo tradotto questo interessante articolo di Sarah Lazare per In These Times che pone l’accento su uno dei risvolti dell’abolizione della norma Roe v. Wade, cioè la progressiva incorporazione dell’aborto all’interno del workfare aziendale. Dalla lettura di Lazare si evince come le pressioni reazionarie della Christian right siano in un certo grado funzionali al rafforzamento del dominio dei padroni neoliberali sui posti di lavoro.

Alcune aziende dicono che copriranno i viaggi in altri Stati per l’aborto. Ecco cosa c’è di sbagliato nell’affidarsi alla loro benevolenza.

A seguito della sentenza della Corte Suprema della scorsa settimana che ha annullato le protezioni federali per i diritti all’aborto, le principali aziende, tra cui un certo numero di giganti della Silicon Valley, hanno annunciato pubblicamente la loro intenzione di assistere i loro lavoratori per viaggiare fuori dallo stato per avere la possibilità di abortire. Meta, Apple, Disney, Dick’s Sporting Goods e Condé Nast erano tra questi, ha osservato il New York Times, unendosi a società che avevano dichiarato impegni simili a maggio, quando un memo trapelato ha rivelato che la Corte avrebbe ribaltato la Roe v. Wade. Queste aziende includono Reddit, Tesla, Microsoft, Starbucks, Yelp, Airbnb, Netflix, Patagonia, DoorDash, JPMorgan Chase, Levi Strauss & Co. e PayPal, riporta il Times.

 

Nel frattempo, Google si è impegnata a consentire ai lavoratori di richiedere di trasferirsi “senza giustificazione” se vivono in stati che non consentono l’aborto. Uber ha ribadito che i suoi “piani assicurativi negli Stati Uniti coprono già una serie di benefici per la salute riproduttiva, tra cui l’interruzione della gravidanza e le spese di viaggio per accedere all’assistenza sanitaria”.

A prima vista, questi gesti da parte dei datori di lavoro possono sembrare una buona cosa. Come Levi Strauss & Co. ha dichiarato in un comunicato: “La protezione dei diritti riproduttivi è una questione aziendale critica che ha un impatto sulla nostra forza lavoro, sulla nostra economia e sui progressi verso l’equità di genere e razziale. Data la posta in gioco, i leader aziendali devono far sentire la loro voce”. E forse tali gesti sono preferibili all’alternativa: non offrire assolutamente nulla ai lavoratori che sono stati privati dei loro diritti fondamentali da un giorno all’altro.

 

Ma questa risposta apre un’altra porta dell’inferno: la realtà che i lavoratori faranno ancora più affidamento su datori di lavoro capricciosi e egoisti per dotarsi dell’assistenza sanitaria di base e necessaria, dando ai padroni ancora più potere, dando ai lavoratori un’altra cosa da combattere con le unghie e con i denti da proteggere.

Diamo un’occhiata a come questo approccio ha funzionato per la copertura sanitaria generale. In un paese che, a differenza di altre nazioni industrializzate, non fornisce assistenza sanitaria gratuita e universale alla sua gente, gli individui si affidano ai datori di lavoro per questo bene vitale. Ciò significa che il capo di un lavoratore ha il controllo sulla sua capacità di sottoporsi a un intervento chirurgico cardiaco di emergenza senza andare in bancarotta, di pagare per il trattamento della leucemia di un bambino, di ottenere assistenza sanitaria preventiva per scongiurare gravi complicazioni, di permettersi l’insulina per non morire di diabete, ecc. In altre parole, la capacità dei lavoratori di mantenere in vita se stessi e i loro cari è decisa dai capricci dei loro capi.

 

Le questioni quotidiane di routine – come chiedere tempo libero, o chiedere a un capo di non molestarti sessualmente, o anche unirsi ai tuoi colleghi per organizzare un sindacato – hanno una posta in gioco più alta in questo sistema. Cosa succede se un capo si vendica? E se stessi già camminando sul ghiaccio sottile? E se i licenziamenti fossero in arrivo e il minimo atto di sfida percepito ti mettesse sul ceppo del boia? Se perdi il lavoro, perdi la tua assistenza sanitaria. E se questa assistenza sanitaria è estesa alle persone a carico e al coniuge, lo stesso vale per la tua famiglia.

E che dire di altre questioni, più difficili da quantificare, come la felicità personale e la realizzazione sul lavoro? Secondo un sondaggio del maggio 2021 di West Health e Gallup, un adulto su sei che riceve assistenza sanitaria fornita dal datore di lavoro rimane in un lavoro che non vuole perché ha paura di perdere questi benefici. Delle persone che guadagnano meno di $ 48.000 all’anno, il 28% rimane in un lavoro che non vuole per questo motivo. E per i lavoratori neri, è il 21 per cento. È difficile sopravvalutare il significato di questi risultati. In una società capitalista, il lavoro è il modo in cui spendiamo le nostre vite. Sperperare la nostra unica vita preziosa in un lavoro indesiderato è un tragico spreco.

 

Naturalmente, il modo migliore per proteggere il proprio diritto alla salute, a meno di vincere la battaglia per l’assistenza sanitaria universale, è organizzare un sindacato. I lavoratori sindacalizzati hanno molte più probabilità rispetto alle loro controparti non sindacalizzate di avere benefici per la salute. Ma immagina tutte le cose che i lavoratori potrebbero vincere se non dovessero passare il loro tempo al tavolo delle trattative per negoziare sulla capacità dei loro membri di sopravvivere. Se l’assistenza sanitaria fosse fuori dal tavolo, perché è già stata fornita dal governo, forse avremmo vittorie più forti per il bene comune, o clausole che proteggono il diritto di sciopero in qualsiasi circostanza, o settimane lavorative di 30 ore.

Ora, applicate questo principio al regno dell’aborto. Pensare di dover aggiungere la protezione della propria capacità di abortire all’elenco delle cose che i datori di lavoro forniscono, e possono quindi togliere, è terrificante. In primo luogo, nessuno dovrebbe mai essere nella posizione di dover parlare con un datore di lavoro della sua necessità di viaggiare fuori dallo stato per un aborto. Ma in secondo luogo, alcune delle aziende che affermano pubblicamente che proteggeranno il diritto all’aborto sono tra i datori di lavoro più ferocemente antisindacali del nostro tempo. Come useranno questa nuova forma di leva per reprimere i diritti dei lavoratori a chiedere condizioni migliori?

 

Stiamo già vedendo un esempio in Starbucks, che ha detto che non può “fare promesse” che eventuali benefici per i lavoratori che hanno bisogno di aborti saranno garantiti per i negozi sindacalizzati, anche se sono attualmente forniti. Come ha osservato il giornalista del lavoro Steven Greenhouse su Twitter, “Starbucks sa al 1.000% che il sindacato non esiterebbe ad accettare tali benefici. L’unica ragione per cui Sbucks dice che non può promettere quei benefici è sabotare lo sforzo sindacale”.

Altre aziende che fanno tali promesse hanno perseguito politiche sorprendentemente anti-lavoratori, come Uber, che sta attualmente combattendo contro la classificazione dei suoi lavoratori come dipendenti, una mossa che darebbe ai lavoratori l’accesso a benefici chiave, come il diritto di formare un sindacato e l’accesso al compenso dei lavoratori. Pensiamo davvero che un’azienda che non vuole che i suoi lavoratori abbiano diritti fondamentali sia veramente impegnata a garantire che siano in grado di accedere alla possibilità di abortire quando ne hanno bisogno?

 

Il finanziamento dei viaggi per l’aborto non dovrebbe essere una chip sul tavolo delle trattative. Ma questo è il terreno su cui i sindacati devono lottare. E sono, in questo momento, la migliore protezione per i loro membri. Come C.M. Lewis ha recentemente riferito a In These Times, i lavoratori di Vox Media avevano già anticipato gli attacchi ai diritti all’aborto e incluso protezioni nelle loro richieste per le loro trattative contrattuali, compresa l’assistenza per coloro che hanno bisogno di viaggiare fuori dallo stato. E sembra che il sindacato abbia guadagnato terreno reale: il 16 giugno, Vox Media Union ha annunciato che il suo contratto ratificato include la clausola che “l’azienda creerà una politica sull’assistenza sanitaria critica che include l’accesso garantito all’aborto e alle cure di affermazione del genere, indipendentemente da dove vivono i membri del sindacato degli Stati Uniti”.

Ci sono una miriade di altre cose che i sindacati potrebbero fare per proteggere i membri del sindacato. La dottoressa Rebecca Givan, esperta di diritto del lavoro, ha suggerito soluzioni creative, tra cui l’utilizzo del tempo di rilascio sindacale – quando un datore di lavoro paga a un lavoratore i propri salari per fornire servizi legati al sindacato – per aiutare le persone ad abortire, guidarle lì o fornire assistenza all’infanzia.

I sindacati dovrebbero assolutamente pensare in questo senso. Qualsiasi passo che possa mettere la protezione dell’aborto nelle mani dei lavoratori, piuttosto che dei loro capi, è una buona cosa.

Ma cerchiamo di essere chiari su ciò che fa l’attacco al diritto all’aborto. Rubando, improvvisamente e traumaticamente, un diritto fondamentale alla propria autonomia corporea e all’autodeterminazione, la destra cristiana sta cercando di creare una seconda classe ufficiale, inferiore a quella esistenziale. Un aspetto critico di ciò è quello di eliminare la leva sul posto di lavoro – per dare alle persone che hanno bisogno di abortire un’altra cosa per cui devono implorare i loro capi. Un’altra cosa da proteggere in una società in cui la rete di sicurezza è già sottile e le persone della classe operaia affrontano l’aumento dei prezzi e una potenziale recessione incombente. Un motivo in più per cui i datori di lavoro possono rivendicare la benevolenza mentre schiacciano le unità sindacali.

La benevolenza dei padroni non è una protezione affidabile quando si tratta di diritti riproduttivi. Mentre la densità sindacale è ancora bassa in termini storici relativi e le circostanze economiche sono terribili, siamo in un momento in cui il movimento operaio sta risorgendo, lo slancio sta crescendo e le persone normali, arrabbiate per il loro destino nella vita, stanno correndo rischi per organizzare i loro luoghi di lavoro – da Starbucks ad Amazon a Dollar General. C’è l’opportunità per questo movimento di diventare una forza politica per difendere il diritto all’aborto su tutta la linea. Non possiamo fare affidamento solo sul tavolo delle trattative per riconquistare i diritti sociali che abbiamo perso. È tempo che il risorgente movimento operaio si organizzi come l’inferno per dire che questo attacco all’autodeterminazione e all’umanità è inaccettabile e non sarà tollerato – sul posto di lavoro e oltre.

 

 

 

 

 

 

 

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

abortoFEMMINISMO SINDACALISTALAVORATRICIUsaWORKFARE

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Lost in Translation: i processi contro il soccorso in mare ed il loro uso politico

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questo secondo articolo sulla vicenda processuale dell’equipaggio della nave Iuventa.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Rompere i confini. Lo sbarco dei migranti nel porto di Catania

“Lo Stato sta impedendo lo sbarco dei passeggeri di una nave Ong, bisogna andare a portare solidarietà”. È questo il messaggio arrivato la sera di sabato 5 novembre sul telefono di molti e molte di noi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Cronaca dal porto di Catania: sabato prevista grande mobilitazione

In questi giorni al Porto di Catania sta andando in onda una nuova puntata della guerra alle Ong che prestano soccorso e assistenza nel Mar Mediterraneo alle imbarcazioni di profughi provenienti da Libia e Tunisia.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bogotà: scoppia la protesta dopo l’ennesimo abuso sessuale contro una giovane

Giovedì scorso ha avuto luogo a Bogotà una manifestazione femminista dopo l’ennesimo abuso sessuale nei confronti di una ragazza minorenne alla stazione degli autobus della compagnia Transmilenio.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non una di Meno: verso il 26 novembre a Roma

In un quadro di crescente incredulità rispetto alle prime mosse del governo entrante, il week end appena trascorso a Reggio Emilia rappresenta uno spazio di confronto e di possibilità di lotta transfemminista in vista della grande manifestazione nazionale del 26 novembre a Roma.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Nel silenzio è stato rinnovato il Memorandum della vergogna con la Libia

L’Italia condanna i migranti con il silenzio. Quando celebreremo il Giorno della Memoria ricordiamo anche gli accordi con la Libia sui lager per profughi e migranti, voluti dai governi di centro sinistra e rinnovati oggi dal governo di destra.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Convergenze e Intersezionalità: verso il 26 Novembre!

Ad unire i tre tavoli tematici – violenze e autodeterminazione, guerra ed ecologie politiche – vi è stato il filo rosso delle convergenze e dell’intersezionalità. L’esigenza del movimento transfemminista risulta quella di ribadire la capacità trasformativa e la trasversalità che tale ottica ha sulle istanze del nostro tempo, mostrando il nesso tra lotta al capitalismo e lotta al patriarcato, superando l’idea che la lotta di classe sia slegata da quella femminista e tranfemminista.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Violenza in residenza Edisu a Torino.

Sulla violenza subita dalla studentessa all’interno della residenza Edisu a Torino vi sono già molti articoli e dichiarazioni da parte di politici, istituzioni e sciacalli di ogni tipo.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non si processa la solidarietà: sulla vicenda dell’equipaggio della Iuventa

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questa traduzione di un articolo che parla della vicenda dell’equipaggio della Iuventa. Nel marzo 2021, quattro membri dell’equipaggio della nave di soccorso civile Iuventa,dopo un’indagine durata cinque anni, sono stati accusati di “favoreggiamento dell’ingresso non autorizzato in Italia”.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Tra Atene e Torino, violenza di genere come pratica di disciplinamento e repressione

Emerge come l’oppressione della polizia è tutt’uno con quella patriarcale. La violenza sessuale diventa così a carattere sistematico, una metodologia che permette al potere di consolidarsi, reprimere e diffondere i propri valori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

First strike: tra opposizione e realtà di una guerra ancora lunga.

La cosiddetta dottrina Biden apre a una serie di considerazioni rispetto alla guerra russa-ucraina rispetto alla sua possibile escalation e minando il campo delle ipotesi di risoluzione del conflitto.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Black Friday: un buon giorno per “far pagare Amazon”

La “stagione di punta” dello shopping è il momento giusto per azioni coordinate. Dall’Italia agli Usa, la lotta sindacale nel gigante antisindacale

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Stati Uniti e Cina allo scontro globale

Riprendiamo di seguito l’introduzione del nuovo libro di Raffaele Sciortino uscito per Asterios: Stati Uniti e Cina allo scontro globale. Strutture, strategie, contingenze.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le elezioni di Mid-Term negli USA. Un nuovo terremoto?

Le elezioni di Mid-Term si annunciano come una probabile sconfitta per il presidente in carica Biden. A pesare sarebbe l’incipiente recessione, l’inflazione che non accenna a diminuire e la percezione di insicurezza economica e sociale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cuba: all’ONU voto schiacciante contro il Bloqueo, ma resta in vigore per il veto USA

Il rapporto presentato all’Onu sulle sanzioni Usa in occasione del voto mostra che “solo fra agosto 2021 e febbraio 2022, questa politica unilaterale degli Usa, in vigore ormai da 60 anni, ha causato a Cuba perdite dell’ordine di quasi 4 miliardi di dollari.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA: all’interno del vasto reclutamento di Lookheed Martin nei campus universitari

Abbiamo tradotto da In These Times questa lunga ed articolata inchiesta a firma Indingo Oliver sui rapporti tra università ed industria della difesa negli Stati Uniti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il clima come arma

Qual è il nesso, davvero, tra cambiamenti climatici e sicurezza?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La strategia di sicurezza nazionale di Biden

Alla luce di tali linee strategiche risultano più chiare anche al lettore medio le cause profonde della guerra in atto in Ucraina e le crescenti tensioni in Estremo Oriente sia rispetto alla questione di Taiwan che alla penisola di Corea.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Governo contro l’aborto: saremo marea!

Emerge non soltanto la volontà di aumentare la stigmatizzazione di chi sceglie di abortire ma intenzioni repressive che mirano a colpire indirettamente la legge 194.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

In piazza per un aborto libero, sicuro e gratuito

La prima manifestazione a livello nazionale dislocata nei vari territori che si è tenuta con il neogoverno eletto è stata quella indetta da Non Una Di Meno in difesa di un aborto libero, sicuro e gratuito. In Piemonte il contesto politico in questo senso è già minato già prima dell’avvio del governo a guida FdI […]