InfoAut
Immagine di copertina per il post

Agricoltura: la fabbrica impossibile

La nostra meta non è mai un luogo, ma piuttosto un nuovo modo di vedere le cose. Henry Miller

Il movimento dei trattori sta facendo discutere in tutta Europa. Ma molto spesso l’interpretazione di questo fenomeno si sofferma sulla superfice: per alcuni è semplicemente un movimento reazionario e negazionista del cambiamento climatico, per altri si tratta semplicemente di una mobilitazione corporativa di un ceto sociale che, sotto l’attacco del grande capitale, è destinato alla progressiva scomparsa.

D’altronde alcune delle rivendicazioni esplicite di queste mobilitazioni sono perlomeno ambigue e chi cerca di sussumere dall’alto questo movimento lo prova ad usare esplicitamente contro le lotte per la giustizia climatica. Al di là della destra negazionista non è un caso che tra le varie rivendicazioni degli agricoltori quelle accolte dall’Unione Europea riguardino l’uso dei pesticidi.

Ma forse non possiamo comprendere queste mobilitazioni senza cercare un nuovo modo di vedere le cose. A volte rischiamo di rimanere ancorati ad una immagine statica e falsificata dell’agricoltura: vediamo l’immagine felice e “naturalista” della civiltà contadina ormai estinta che ci offre la pubblicità della Mulino Bianco, oppure sterco, letame, ignoranza e provincialismo. Entrambe queste raffigurazioni sono ad uso e consumo del capitalismo.

Ma cos’è oggi l’agricoltura nel nostro paese? In Italia le aziende agricole sono all’incirca 1,1 milioni, quasi 500mila in meno del 2010. Di queste il 64% possiedono appezzamenti di terreno al di sotto o pari a 5 ettari, che è considerata la “soglia di sopravvivenza” di un’azienda agricola. Il sistema agricolo italiano attuale è uno strano ibrido: dal punto di vista dell’estensione è agroindustriale solo in una piccolissima parte, mentre dal punto di vista delle tecniche di produzione è significativamente intensivo e spinto verso la monocoltura in alcune aree, più diversificato in altre.

Senza soffermarcisi troppo, il nostro sistema agricolo è il prodotto delle spinte alla modernizzazione neoliberista dall’alto che si sono materializzate compiutamente a partire dagli anni ’80 ed in alcune sue parti significative a basso valore aggiunto è sostanzialmente drogato dai fondi per la politica agricola.

Questa apparente contraddizione tra la modernizzazione neoliberista e i sostegni a fondo perduto mostra concretamente la principale contraddizione con cui si misura il capitalismo in questo campo: la “natura” e l’agricoltura con essa non è scalabile. I cicli naturali sono imprevedibili e sono infiniti i fattori che concorrono alla buona riuscita o meno di un raccolto dunque è quasi impossibile ridurre l’agricoltura ad una fabbrica, spingerla dentro a forza al modello industriale.

La legge divina della “massimizzazione dei profitti” in agricoltura incontra grossi limiti: se si spreme un terreno di ogni suo nutriente questo diventerà un deserto di polvere, come già ormai cento anni fa scriveva Steinbeck in Furore. Esistono dei limiti inagirabili su cui continua ad infrangersi da decenni il soluzionismo tecnologico.

Il capitalismo sta cercando diverse strade per imporre comunque una scalabilità alla natura: una che potremmo definire della “accettazione”, un’altra che potremmo definire del “superamento”. Non si tratta di un bivio vero e proprio, a volte queste due strade sono sovrapponibili, in altri casi la loro scelta dipende dalle caratteristiche intrinseche del bene che si vuole trasformare in merce.

L’accettazione consiste nel prendere atto che al livello della produzione non è possibile scalare la natura, dunque la trasposizione dei beni in merce avviene nelle fasi successive. In alcuni casi vengono prodotti beni “pericapitalisti” nella definizione di Anna Tsing: cioè beni che non sono immediatamente merci, ma che lo diventano nel momento in cui la filiera capitalista se ne appropria e li trasforma attraverso i consorzi, la standardizzazione, la catena del freddo, la logistica, la vendita sul mercato ecc… Anna Tsing deriva questa sua definizione da un bene particolare che consiste in funghi particolarmente apprezzati in Giappone che crescono in Oregon, in Asia ed in altri luoghi, ma questo concetto si può applicare a molti altri beni: il pesce che non si può produrre in allevamento, la selvaggina, vegetali che non si prestano all’agricoltura intensiva. In sostanza la filiera capitalista abbandona almeno in parte il controllo sulla produzione che è troppo soggetta alla variabilità dei cicli naturali e cerca di imporre una scalabilità su un livello più alto della catena del valore attraverso il controllo dei processi di trasformazione e vendita e dei prezzi. Questa strada non viene applicata solo ai beni “pericapitalisti”, ma diventa sempre più comune in alcuni campi della produzione agricola dove l’agricoltore diventa fondamentalmente un “cottimista”, cioé può scegliere i tempi ed i modi di produzione, ha a suo carico le spese per i mezzi, ma non fissa il prezzo che viene fissato altrove. Ciò produce, manco a dirlo, dei livelli di autosfruttamento e sfruttamento enormi nelle piccole e medie aziende per poter rimanere competitivi sul mercato o anche solo per non fallire.

Questa “cottimizzazione” produce inevitabilmente una tendenza alla alienazione rispetto a ciò che si produce e all’ambiente che si ha intorno, ma anche una controtendenza dettata dal rapporto particolare che necessariamente si sviluppa tra l’agricoltore ed i beni che produce nel contesto in cui li produce.

L’altra strada è quella del “superamento” della natura: se i limiti naturali impongono una non scalabilità questa viene superata attraverso dei beni succedanei o delle nuove tecnologie di produzione su cui si può avere l’intero controllo (almeno apparente). Alcuni vegetali prodotti in un ambiente industriale completamente controllato, la carne sintetica sono esempi di questa seconda strada. Metodi di produzione che non si possono applicare ad ogni bene e che non è detto che siano necessariamente più efficienti, ma che permettono al capitalismo la scalabilità. Adesso a noi non ci interessa particolarmente infilarci nella polemica sulla carne sintetica, ma è evidente che liquidarla come uno scontro tra progressisti e oscurantisti è riduttivo, date le implicazioni più generali che apre nonostante al momento sia un bene, come dicevamo, succedaneo.

Che questa sia la via per una transizione ecologica giusta, cioè la creazione di una pseudo-natura in vitro apparentemente totalmente scalabile ci pare quantomeno distopico.

Entrambe queste strade hanno come sbocco l’accentramento del mercato dei beni agricoli, nel primo caso nelle mani di chi controlla il prezzo, nel secondo in quelle di chi può permettersi gli investimenti tecnologici imposti dal “superamento”.

Ma torniamo al movimento dei trattori: se si usa un nuovo sguardo per vedere le cose si può notare che molte delle rivendicazioni degli agricoltori sono in contrapposizione rispetto a queste due vie per ridurre la natura a fabbrica. Vi è un elemento che potremmo definire salariale (rispetto alla cottimizzazione), ma anche un conflitto sui modi di produzione. Al netto della carne coltivata di cui abbiamo già parlato, tra le rivendicazioni degli agricoltori piemontesi di cui abbiamo trattato in questo articolo notiamo la lotta contro la cementificazione del suolo produttivo destinato alle aree industriali, il rifiuto dell’uso dei terreni agricoli per il fotovoltaico, l’opposizione al deposito di scorie nucleari nell’alessandrino.

Tra gli agricoltori scesi in strada c’è una forte ostilità verso il mondo industriale: che si tratti dell’imbroglio del “Made in Italy”, accusato a ragione di essere solo un brand per vendere prodotti le cui materie prime arrivano da un po’ tutto il mondo, oppure dei capannoni della logistica che invadono l’hinterland della grandi città. Altrettanto forte è la rabbia verso le industrie che trasformano le materie prime fornite dai contadini.

Non si tratta di un’ostilità luddista, gli agricoltori di oggi fanno largo uso di tecnologie delle più disparate per diminuire la quantità di lavoro necessario. Si tratta di un’ostilità alla sottrazione del controllo sulla produzione e in definitiva ai tentativi di ridurre l’agricoltura al modello industriale. E questo è un fatto nuovo, ed interessante.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Editorialidi redazioneTag correlati:

agricolturaCRISI CLIMATICAMovimento dei trattoriTRANSIZIONE ECOLOGICA

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Editoriali

“Difendiamo la nostra terra!” Reportage dalle proteste degli agricoltori Piemontesi

Si tratta di un racconto situato e parziale, a metà strada tra la cronaca e l’analisi, che speriamo possa servire da spunto tanto per una riflessione più ampia quanto per la scrittura di altre analisi situate.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Costante trumpista: la guerra civile latente negli Stati Uniti

In molti avevano creduto che dopo i fatti di Capitol Hill il trumpismo come fenomeno politico sarebbe stato archiviato, presentandosi al limite nelle forme di un estremismo suprematista tanto più radicale quanto residuale.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Palestina, il “senso storico” e noi

Quanto sta accadendo in Palestina crediamo sia un elemento chiarificatore. Lo è sicuramente per le masse che si sono messe in movimento per sostenere la popolazione di Gaza non solo nel mondo arabo, ma anche in tutto l’Occidente.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Salvini: una vita al servizio dei potenti

La nuova trovata di Salvini: una campagna d’odio verso l’islam per distrarre l’opinione pubblica dal genocidio in corso a Gaza.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Caselle: la propaganda di guerra uccide

Lo schianto della Freccia Tricolore che ha ucciso una bambina di cinque anni ha scosso il paese. Quanto avvenuto però merita una riflessione più profonda sulla militarizzazione della società e sul concetto di sicurezza.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Quale futuro ci aspettiamo?

Come incidere in questo scenario? Come porre una rigidità nei confronti delle dirigenze occidentali, a partire dal nostro governo, per frenare l’escalation bellica alla quale stiamo assistendo? Assumendosi il compito di non voler fare parte di chi può essere sacrificabile e, con noi, la nostra parte.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

SPECIALE BANLIEUE | Toute la symphonie ardente

Apriamo questa nuova pagina di approfondimento rispetto alla vicina Francia, per comprendere quanto sta accadendo e per trarne alcuni spunti interessanti da convogliare nella nostra riflessione in questa fase e nel nostro agire.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Cosa ci dicono le banlieue…

Quello che sta succedendo in Francia rende più esplicito il ruolo dello Stato e del suo apparato militare all’interno degli agglomerati urbani. Utilizziamo questi giorni di fuoco francesi e le analisi di chi li osserva da un punto di vista critico per andare più in profondità su alcune questioni.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Le mezze verità di Lagarde

L’inflazione è colpa delle imprese, ma paghiamo sempre noi…

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Lacrimogeni e cannoni ad acqua: la rabbia degli agricoltori si riversa sulle strade di Bruxelles

A Bruxelles, un migliaio di trattori ha bloccato il quartiere europeo a margine di una riunione dei ministri dell’Agricoltura dell’UE-27. Gli agricoltori hanno difeso un reddito equo, la fine del libero scambio e, in alcuni casi, le norme ambientali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Landgrabbing: parte la mobilitazione dal basso contro il megaprogetto eolico di Sorgenia a Pitigliano

Contro la speculazione spacciata per transizione ecologica, cresce la mobilitazione dal basso nel territorio in Maremma e  Tuscia contro l’espansione incontrollata di megaimpianti di energia eolica.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Digitalizzazione o giusta transizione?

Sfinimento delle capacità di riproduzione sociale, economia al collasso e aumento del degrado ecologico: di fronte a queste sfide per il settore agricolo non basta il capitalismo verde

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Megaprofitti e sfruttamento degli agricoltori: occupazione della sede di Lactalis

“Lactalis, restituisci i soldi”: invasa l’azienda che strangola gli agricoltori mentre il suo amministratore delegato è multimiliardario

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il boomerang della transizione energetica mette l’Europa in panne

Una politica climatica temeraria, incurante delle contraddizioni reali derivanti dai cambiamenti occorsi sulla scena mondiale, ha finito per scontentare sia la classe imprenditoriale che i ceti sociali più esposti alle conseguenze della transizione energetica.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Raúl Zibechi: sempre più vicini al collasso

La notizia del drastico calo del traffico nel Canale di Panama e in quello di Suez, provocati rispettivamente dal cambiamento climatico e dalla guerra, non è sotto i riflettori mediatici.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Agricoltori calabresi in rivolta, un’analisi

Ancora sulle proteste degli agricoltori, pubblichiamo questa interessante analisi sulle mobilitazioni in Calabria apparse originariamente su Addùnati il 24 gennaio.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Nebbia e inquinamento in Pianura Padana. Incidenti a catena sull’A1, polveri sottili costantemente sopra i limiti

La stessa pianura padana che in queste settimane si trova in cima alle classifiche mondiali per inquinamento da polveri sottili: il mese scorso la qualità dell’aria ha superato la soglia critica delle concentrazioni di PM10

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

G7? Gsim! La Puglia dei movimenti per la giustizia climatica inizia a prepararsi al G7

A giugno si terrà in Italia il G7, l’incontro periodico di Canada, Francia, Germania, Giappone, Italia, Regno Unito, Stati Uniti a cui solitamente si aggiunge anche l’Unione europea.