InfoAut
Immagine di copertina per il post

“Rise or die”: in migliaia in marcia per il clima dal Venice Climate Camp.

||||

Ieri a Venezia si è tenuta la marcia per il clima all’interno del quadro del Venice Climate Camp, occasione di incontri, dibattiti, iniziative per rimettere al centro l’importanza della giustizia climatica e sociale. 

Il campeggio al Lido di Venezia, organizzato dalla rete Rise Up for Climate Justice e Fridays for Future Venezia/Mestre, si è svolto proprio in concomitanza con la Mostra del Cinema di Venezia, un momento di importante visibilità per la città. I temi toccati sono stati molti, dalla crisi climatica, alle risorse, alla giustizia sociale, il lavoro, la decolonialità come lente con la quale leggere il presente, grazie anche al confronto con attiviste del Sud globale. 

Una delle tante iniziative in preparazione al Camp ha voluto puntare l’attenzione sulla decisione del governo di ripristinare le centrali a carbone, in una fase in cui la crisi del gas sta sconvolgendo l’assetto generale della produzione, della riproduzione e del consumo. La centrale a carbone di Fusina è una di quelle che dovrebbe tornare a pieno regime, ed è per questo che gli attivisti e le attiviste per il clima si sono date appuntamento per indicare in questa scelta una falsa soluzione per scongiurare una crisi sociale scatenata dalle conseguenze del cambiamento climatico, dalla pandemia e dalla guerra. Una consapevolezza che ha attraversato le giornate del Camp è il fatto che la crisi climatica sta già sconvolgendo intere regioni del mondo, in particolare di quelle aree considerate Sud, un Sud da sfruttare, utilizzare come risorsa illimitata, come dimostrano le politiche degli ultimi cinquanta anni di neocolonialismo. La situazione in cui versa il Pakistan attualmente è soltanto uno degli esempi del fatto che, nonostante si parli di emergenza climatica, occorra sottolinearne le cause strutturali che alimentano questa e le crisi future. 

Nella giornata di ieri la marcia per il clima è stata aperta da uno striscione dal titolo Time’s Up Join the fight, unendo così nelle parole d’ordine questa iniziativa con il Climate Social Camp di quest’estate a Torino, ha attraversato le strade del Lido per raggiungere il red carpet della Mostra del Cinema per ribadire ancora una volta l’urgenza di affrontare una seria inversione di rotta. La risposta delle forze dell’ordine non si è fatta attendere, infatti, idranti e manganelli hanno cercato di arrestare la marcia di migliaia di giovani. 

Giovani che hanno chiare le priorità dell’oggi e che da tempo stanno disturbando il torpore di chi prende decisioni politiche, ma soprattutto, che prendono in mano il loro presente e futuro. 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

climate changeCLIMATE SOCIAL CAMPCRISI CLIMATICAECOLOGIAVENICE CLIMATE CAMP

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Cortina: primi larici abbattuti per fare spazio alla pista da bob

Mercoledì, a Cortina, è iniziato l’abbattimento dei larici per lasciare spazio alla nuova pista da bob per le olimpiadi Milano Cortina 2026.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Megaprofitti e sfruttamento degli agricoltori: occupazione della sede di Lactalis

“Lactalis, restituisci i soldi”: invasa l’azienda che strangola gli agricoltori mentre il suo amministratore delegato è multimiliardario

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il boomerang della transizione energetica mette l’Europa in panne

Una politica climatica temeraria, incurante delle contraddizioni reali derivanti dai cambiamenti occorsi sulla scena mondiale, ha finito per scontentare sia la classe imprenditoriale che i ceti sociali più esposti alle conseguenze della transizione energetica.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Raúl Zibechi: sempre più vicini al collasso

La notizia del drastico calo del traffico nel Canale di Panama e in quello di Suez, provocati rispettivamente dal cambiamento climatico e dalla guerra, non è sotto i riflettori mediatici.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Messina: l’inganno del ponte

Mark Twain ha detto un giorno che «è molto più facile ingannare la gente, che convincerla che è stata ingannata».

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Nebbia e inquinamento in Pianura Padana. Incidenti a catena sull’A1, polveri sottili costantemente sopra i limiti

La stessa pianura padana che in queste settimane si trova in cima alle classifiche mondiali per inquinamento da polveri sottili: il mese scorso la qualità dell’aria ha superato la soglia critica delle concentrazioni di PM10

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

G7? Gsim! La Puglia dei movimenti per la giustizia climatica inizia a prepararsi al G7

A giugno si terrà in Italia il G7, l’incontro periodico di Canada, Francia, Germania, Giappone, Italia, Regno Unito, Stati Uniti a cui solitamente si aggiunge anche l’Unione europea.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

“Amore tossico” azioni di Extinction Rebellion alla cassa depositi e prestiti e alla Regione Lombardia.

Extinction Rebellion occupa l’ingresso di Cassa Depositi e Prestiti a Torino e del palazzo della Regione Lombardia a Milano. Nel giorno di S. Valentino viene denunciata l’ipocrisia del Governo e delle Regioni su crisi climatica e distruzione degli ecosistemi, “un amore dichiarato ma mai veramente vissuto”.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

A fianco dei trattori in lotta – no alla transizione per pochi dell’UE!

Il paradigma di sviluppo dell’industria agroalimentare delineato nella Pac 2023-27 (Politica Agricola Comune) rispecchia il più ampio progetto del Green Deal, ovvero un insieme di strategie volte a raggiungere l’obiettivo della neutralità climatica entro il 2050.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La Terra Trema: appunti sulle mobilitazioni di questi giorni degli agricoltori

Le mobilitazioni di questi giorni degli agricoltori, che stiamo seguendo e attraversando, ci danno la possibilità di ribadire alcune questioni.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Digitalizzazione o giusta transizione?

Sfinimento delle capacità di riproduzione sociale, economia al collasso e aumento del degrado ecologico: di fronte a queste sfide per il settore agricolo non basta il capitalismo verde

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Agricoltori calabresi in rivolta, un’analisi

Ancora sulle proteste degli agricoltori, pubblichiamo questa interessante analisi sulle mobilitazioni in Calabria apparse originariamente su Addùnati il 24 gennaio.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

India: come non sfamare un pianeta affamato

In India è scoppiato un nuovo ciclo di proteste degli agricoltori contro il governo Modi con scontri e lanci di lacrimogeni alle porte di Nuova Delhi.

Immagine di copertina per il post
Culture

L’ecosocialismo di Karl Marx

Disponibile la tesi di dottorato del filosofo giapponese Kohei Saito, pubblicata dalla casa editrice Castelvecchi.