InfoAut
Immagine di copertina per il post

“Dubai è una farsa”: Scienziati in Rivolta organizzano una alter COP a Bordeaux

Il collettivo Scientists in Rebellion sta organizzando una COP alternativa a Bordeaux per denunciare il fallimento della governance climatica globale e inventare nuovi immaginari.

di Emmanuel Clévenot, da Reporterre

“Il messaggio è terribile. La COP28 sta testimoniando il fallimento della governance internazionale sul clima”. Con il microfono in mano, il biochimico Jérôme Santolini si rivolge all’assemblea con la pedagogia di un professore e la febbre di un attivista. In questa austera sala della base sottomarina di Bordeaux, tutta rivestita di cemento, la temperatura è un po’ più fresca che a Dubai. Benvenuti nell’alter-COP di Scientists in Rebellion. Questi uomini e donne in camice bianco hanno lasciato i loro laboratori per occupare questo edificio dal 30 novembre al 3 dicembre e denunciare “la farsa che si sta svolgendo sotto i nostri occhi”.

“La COP28 non è una soluzione, è il problema”, afferma Jérôme Santolini. “Sta saturando l’arena politica e impedisce l’emergere di alternative”. A suo avviso, le istituzioni rimangono bloccate in un modello che risale ai Trenta gloriosi e sono incapaci di adattarsi all’era dell’Antropocene. La prova sta nel processo che si è svolto il 30 novembre a Parigi: otto scienziati e attivisti sono stati processati per aver occupato il Muséum national d’histoire naturelle nel 2022. “E mentre tutto questo accade, i veri criminali del clima, noti da sempre, si aggirano nei corridoi della COP con le mani intrise di petrolio”, insiste il ricercatore.

“Le COP sono macchine per creare una finzione collettiva”

Amy Dahan, storica delle politiche sul cambiamento climatico, ci tiene a rassicurare il pubblico che nemmeno lei crede nelle COP. “Tuttavia, questo quadro multilaterale ha contribuito ad aumentare la consapevolezza dell’urgenza della situazione”. Con una ventina di partecipazioni a suo nome, può testimoniare che prima dei primi anni 2000, praticamente nessun funzionario credeva nel cambiamento climatico: “C’era molto scetticismo climatico e, su questo punto in particolare, le cose sono cambiate.”

Anche se non è tutto da buttare, la situazione rimane desolante al momento del ventottesimo vertice sul clima: “Il Protocollo di Kyoto, l’Accordo di Copenaghen, l’Accordo di Parigi… E cosa ne è rimasto?” si chiede Romain Grard, del collettivo Scientifiques en rébellion. La Convenzione quadro sui cambiamenti climatici, firmata nel 1992 a New York, rifletteva il desiderio delle parti coinvolte di stabilizzare le concentrazioni di gas serra a un livello sostenibile. Trentuno anni dopo, sono aumentate del 60%: “Le COP sono macchine per creare una finzione collettiva”, afferma la collassologa Agnès Sinaï. “Migliaia di funzionari costruiscono una retorica inafferrabile per la gente comune, che non fa altro che coprire il tabù dei combustibili fossili.”

Gli Scientifiques en rébellion hanno scelto di andare oltre il quadro istituzionale per raggiungere il grande pubblico.

“Oggi non possiamo più permetterci il lusso di opporci semplicemente”, afferma Romain Grard. “Non possiamo stare fermi e non fare nulla, quindi dobbiamo inventarci qualcosa di diverso”. Agnès Sinaï ha diverse alternative da suggerire. A cominciare dalla creazione di una Corte internazionale di giustizia climatica, sul modello della Corte penale internazionale dell’Aia: “L’Accordo di Parigi è un trattato politico senza sanzioni. Non ha senso che gli Stati siano contemporaneamente giudici e giudicati”. L’autrice propone anche di lanciare una Convenzione internazionale dei cittadini sul clima o una COP sulla decrescita. Per quanto utopiche, queste strade hanno il merito di inventare nuovi immaginari.

Questa è anche la sfida di questo alter-COP: riprendere la narrazione che per troppo tempo è stata monopolizzata dai potenti. “Da sempre ci si aspetta che gli scienziati producano rapporti importanti da mettere sulla scrivania di questo o quel ministro”, dice Stéphanie Mariette, genetista delle popolazioni. “Ma a cosa serve se poi si parla solo di crescita verde? Oggi questo quadro istituzionale, creato dallo Stato, non è più sufficiente. Dobbiamo liberarci da esso ed entrare in contatto diretto con i cittadini, il più vicino possibile alle lotte locali”.

Un divario tra il pubblico e gli scienziati

Il geografo e collaboratore dell’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change), Wolfgang Cramer, condivide questa osservazione: “Sono affascinato dall’immagine che ci siamo costruiti dello scienziato deliberatamente ingenuo. Non abbiamo fatto altro che osservare. Abbiamo guardato queste curve salire e scendere, e poi le abbiamo descritte con un linguaggio freddo e neutrale”. Sfida chiunque a trovare un solo punto esclamativo nel lavoro dell’IPCC. “E quando siamo tornati a casa, siamo passati ad altre cose”, si lamenta. “Pensavamo che più eravamo disimpegnati, più eravamo credibili. Era un contratto immaginario con la società.”

“Questo atteggiamento ha ampliato il divario tra il pubblico e gli scienziati. Ho la sensazione che spesso ce ne stiamo per conto nostro”, conferma l’oceanografo François Sarano. “E questo comodo isolamento allontana proprio le persone che dovremmo convincere. Spaventiamo le persone e quello che diciamo è spaventoso. Ma dobbiamo conquistarle.” E come lo facciamo? Cercando persone con cui parlare al di fuori delle riviste specializzate in cui viene pubblicato il nostro lavoro e delle conferenze internazionali in cui i ricercatori incontrano solo i loro colleghi. “Sta diventando fondamentale costruire ponti con il grande pubblico”, concorda Julian Carrey, un insegnante di fisica con un camice bianco e i capelli arruffati.

Più facile a dirsi che a farsi: ai dibattiti hanno partecipato appena un centinaio di persone, tra scienziati e giornalisti. E almeno altrettante sedie vuote. Così, al calar della sera, l’amara sensazione di un appuntamento mancato aleggiava nell’aria.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

climaCop 28CRISI CLIMATICADubaiscienziati in rivolta

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

TavLeaks. Documento tecnico lancia l’allarme sull’impatto idrogeologico del cantiere: sta accelerando il cedimento di una diga in Val Maurienne

Il giornale Mediapart si è procurato un documento interno della EDF, l’azienda francese di fornitura elettrica, in cui un ingegnere lancia l’allarme, con tanto di emoji , sul fatto che lo scavo del tunnel del TAV ha, nel 2019, svuotato di acqua una parte della montagna in Val Maurienne, in Savoia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Torna il Festival Alta Felicità

Torna il Festival Alta Felicità! Dal 26 al 28 Luglio la Borgata 8 Dicembre di Venaus sarà di nuovo attraversata da migliaia di persone che, con entusiasmo, arriveranno in Val di Susa per tre giorni di musica, dibattiti, incontri e gite.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Maxi-striscione di Extinction Rebellion su una gru dentro il Politecnico: “Stop alla ricerca per il genocidio”.

Un grandissimo striscione è stato appeso questa mattina da Extinction Rebellion al braccio orizzontale della gru che affaccia su corso Castelfidardo: “Politecnico: stop research for genocide”, in solidarietà agli studenti in occupazione per la Palestina.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Appello alla mobilitazione per la stagione 7 dei Soulèvement de la Terre.

Per consultare l’appello completo è possibile leggerlo in italiano direttamente sul sito dei Soulèvement de la Terre. Di seguito le prossime date da segnare in calendario..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ciao Silvano

Avremmo voluto avere un po’ più di tempo per salutarci come si deve, con un brindisi in più per salutare questo mondo che da quando eri ragazzo hai fatto di tutto per cambiare.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Messico: due contadini morti e centinaia di feriti per la repressione sui difensori dell’acqua nel Veracruz.

Città del Messico / Almeno due contadini sono stati assassinati e centinaia di persone colpite dai poliziotti del Veracruz durante un’operazione per sgombrare il picchetto indefinito che il Movimento in Difesa dell’Acqua..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il Tav segna il campo anche nella Francia in campagna elettorale.

Nel contesto di crisi di governo in Francia, dopo le dimissioni di Macron e lo scioglimento dell’Assemblea Nazionale che ha portato a chiamare nuove elezioni, il tema del tav si pone ancora una volta come campo di battaglia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: ancora cariche, polizia e sradicamento delle piante al Parco don Bosco.

Ancora tensione a Bologna al parco Don Bosco, dove abitanti e manifestanti protestano da mesi per evitare il taglio e l’abbattimento di oltre 70 alberi.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La Sardegna si contrappone alla speculazione eolica e fotovoltaica.

Il territorio sardo è ormai, purtroppo, conosciuto per i numerosi progetti e cantieri che lo costellano nell’ambito della produzione energetica, in particolare quella cosiddetta green, che proviene dal vento e dal sole.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Le donne africane e la difesa della terra e dei beni comuni

Due articoli tratti dalla WoMin African Alliance, scritti in occasione della Giornata della Terra (22 aprile) e della Giornata internazionale della biodiversità (22 maggio).

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Collassi localizzati, debito ecologico e politiche pubbliche

Le inondazioni nel Rio Grande do Sul, una delle zone più ricche e potenti del Brasile, hanno provocato 163 morti, più di 80 persone disperse e 640.000 persone costrette a lasciare le proprie case.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La mappa degli impatti e dei conflitti delle Terre Rare. Sfide per una transizione verde e digitale

La Rare-Earth Elements Impacts and Conflicts Map documenta i processi controversi che si svolgono nelle catene di fornitura degli elementi delle Terre Rare (REE): siti di estrazione, lavorazione e riciclo.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia, A69, bacini: azioni seriali di disarmo contro le aziende ecocide

Macchine incendiate nel cantiere della A69, un bacino scoperchiato nella Vienne

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: dalla cordigliera alla meseta e alla costa, la lotta di un popolo per l’acqua

Tra il 15 e il 21 dicembre 2021, il popolo del Chubut abrogò la Legge di Zonificazione Mineraria che era stata approvata sei giorni prima, senza consultazioni, dai deputati provinciali.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla Francia all’Italia, la terra si ribella

Domenica 12 maggio una delegazione del movimento francese Soulèvements de la Terre era a Roma per incontrare altri movimenti ecologisti e invitare alle prossime mobilitazioni. Un racconto a più voci di un importante momento di scambio.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Brasile: l’acqua che tutto abbatte

Due donne, già negli anni, attendono i soccorsi alle intemperie, sopra il tetto della vecchia casa familiare, in un villaggio del Rio Grande do Sul.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bill Gates, il miliardario che sta industrializzando l’agricoltura mondiale

Utilizzando milioni di dollari, la Fondazione Bill & Melinda Gates sta aggirando e plasmando le politiche agricole internazionali. I grandi vincitori di questo gioco antidemocratico sono le aziende agro-industriali.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La diffusione del dengue, l’agroindustria e il cambiamento climatico

Le cause dell’epidemia di dengue sono molteplici, conosciute e anche poco affrontate: cambiamento climatico, deforestazione, uso di pesticidi, impatto sui predatori delle zanzare e mancanza di pianificazione territoriale.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Emilia Romagna: a un anno esatto dalla prima devastante alluvione, qual è la situazione dei territori colpiti?

Furono giorni drammatici, convulsi, in cui non mancò tuttavia uno slancio solidale esteso e diffuso, con ben pochi precedenti.