InfoAut
Immagine di copertina per il post

Autostrade: stoppiamo i lavori perché la giustizia arriva troppo tardi.

In seguito alle mobilitazioni di questi giorni in Francia contro diversi progetti autostradali che andrebbero a distruggere interi territori e ecosistemi, ripubblichiamo un contributo apparso su Reporterre.net a proposito delle prospettive per la lotta contro questa tendenza del governo.

Il governo si rifugia nello “Stato di diritto” per giustificare la costruzione della A69 Castres-Tolosa. Ma, come per la circonvallazione di Strasburgo, la giustizia arriverà troppo tardi per fermare i lavori, avverte l’autore di questo articolo.

Bruno Dalpra è ecologista e membro del collettivo GCO Non Merci.

“Spero che il progetto dell’autostrada Tolosa-Castres veda la luce nel 2025”, ha dichiarato Jean Terlier, deputato della terza circoscrizione del Tarn, a France Bleu Occitanie all’indomani di un fine settimana di mobilitazione degli oppositori del progetto A69 (autostrada tra Castres e Tolosa).

Ha dichiarato: “Siamo ben consapevoli dell’impronta ecologica di una simile infrastruttura, ma alcuni abitanti sono favorevoli. Il progetto consiste nella costruzione di un’autostrada a pedaggio accanto a una strada nazionale esistente tra Castres e Tolosa. Costruire una strada in parallelo con un’altra, vede l’aberrazione?

“I lavori sono iniziati, siamo in uno stato di diritto: ci sono state regole e procedure e, ogni volta, la giustizia ha confermato questo progetto”, ha reagito Clément Beaune, ministro delegato ai Trasporti, a France Info lunedì 24 aprile. Perché il fatto di aver iniziato i lavori di questo progetto inutile dovrebbe giustificare il loro perseguimento? Questa si chiama “trappola dei costi sommersi”: nient’altro che una trappola.

Non dovremmo smettere di cementificare la terra?

La legge sul clima del 22 agosto 2021 ha riconosciuto la necessità di smettere di artificializzare il territorio. Questo non dovrebbe spingere i nostri leader politici a rivedere il loro modello di pianificazione territoriale e ad abbandonare la logica dello sviluppo su tutte le strade, laddove esistono alternative? In realtà, gli oppositori del progetto A69 si scontrano con lo stesso muro degli oppositori della circonvallazione ovest di Strasburgo (o “GCO”), quello di funzionari eletti e decisori sordi alle voci degli oppositori che cercano di proporre qualcosa di diverso.

Invocare “lo stato di diritto”, come fa il ministro, dovrebbe essere sufficiente per mettere a tacere e mettere tutti d’accordo. Ma non è così. Al contrario, bisogna fare di tutto per fermare i lavori di costruzione. In questo senso, il GCO è un caso da manuale. Spiegazione: sette pareri negativi al momento dell’inizio dei lavori, nel settembre 2018. Il tribunale amministrativo non ha sospeso i lavori durante l’udienza di sospensione sommaria, pur avendone i mezzi. Tre anni dopo, nel giugno 2021, ha esaminato il merito del caso. A luglio si è pronunciato a favore degli oppositori e ha richiesto ulteriori informazioni sugli aspetti ambientali, anche se il GCO era quasi completato. A novembre, il Conseil national de la protection de la nature (CNPN) e, a gennaio 2022, l’Autorità ambientale (AE) hanno nuovamente espresso parere negativo sulle misure compensative proposte dal concessionario (ottavo e nono parere negativo). A maggio, anche la Commissione supplementare d’inchiesta pubblica ha espresso un parere negativo (il decimo). Tuttavia, a luglio, la prefettura ha rilasciato una nuova autorizzazione unica corretta.

Nel gennaio 2023, il Tribunale amministrativo (TA) di Strasburgo ha riesaminato il dossier. A febbraio ha convalidato il progetto nonostante i dieci pareri negativi degli organi statali. Di fatto, ha convalidato un progetto già costruito e in funzione, pur riconoscendo la legittimità dell’azione degli oppositori che, secondo i giudici, hanno “corretto i documenti mancanti o incompleti nel fascicolo delle misure ambientali”.

“Bisogna fare di tutto per fermare i lavori dell’A69”.

In questo stesso tribunale, nel giugno 2021, il relatore pubblico aveva affermato che se i lavori non fossero iniziati, l’autorizzazione unica ambientale sarebbe stata annullata. Morale della favola: un progetto può essere fermato se e solo se i lavori non sono iniziati. E per chi pensa alla circonvallazione di Beynac, si tratta di un’eccezione. Ma la questione non sembra essere conclusa, perché il dipartimento si ostina.

Una moratoria per uscire dalla logica dei progetti stradali

Per evitare di mettere la popolazione e i rappresentanti eletti di fronte al fatto compiuto, ci sono delle soluzioni:

– fare in modo che il parere del Consiglio nazionale per la protezione della natura o dell’Autorità ambientale non sia più solo consultivo, ma abbia il potere di fermare i lavori;

– consentire alla giustizia amministrativa di essere più reattiva e di sospendere la legge in caso di sequestro, per evitare di avere opere concluse o quasi da pronunciare nel merito.

Oggi, nel 2023, almeno 7 progetti autostradali sono contestati e contestabili. Più di 70 progetti di infrastrutture stradali sono stati identificati dalla coalizione La Déroute des routes, di cui almeno 55 sono controversi, secondo un articolo di Reporterre. Secondo la coalizione, questi progetti valgono più di 18 miliardi di euro di denaro pubblico. Questi soldi potrebbero essere reindirizzati verso una mobilità più in linea con le questioni climatiche: bicicletta, car pooling, treni giornalieri, o sostenere, ad esempio, il telelavoro dove è possibile.

Di fronte all’emergenza ecologica, il Ministro dei Trasporti non può più rifugiarsi dietro lo “stato di diritto” per giustificare la costruzione della A69 Castres-Tolosa. Il progetto della circonvallazione ovest della A355 a Strasburgo dimostra che se le nostre istituzioni avessero lavorato nel rispetto delle regole, il progetto non sarebbe stato realizzato.

Quindi, per evitare che la storia si ripeta, insieme alla coalizione nazionale di quarantasette persone, la Déroute des routes chiede una moratoria su tutti i progetti di infrastrutture stradali in Francia, in attesa che vengano riesaminati alla luce delle strategie stabilite dallo Stato in termini di clima, ecologia e salute. La petizione ha già superato i 10.000 firmatari.

di Bruno Dalpra

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

CEMENTIFICAZIONECRISI CLIMATICAdevastazione ambientaleFranciano grandi operenotav

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Collassi localizzati, debito ecologico e politiche pubbliche

Le inondazioni nel Rio Grande do Sul, una delle zone più ricche e potenti del Brasile, hanno provocato 163 morti, più di 80 persone disperse e 640.000 persone costrette a lasciare le proprie case.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: manifestazione contro il progetto della A69

Ben 6.000 oppositori dell’A69 sfidano il divieto di manifestare e si uniscono nella rivolta contro i progetti autostradali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

No Tav: sabato 15 giugno manifestazione popolare contro Grandi Opere Inutili e mafie

Che le grandi opere siano terreno fertile per le mafie non è una sorpresa. L’enorme scritta che ormai da 15 anni compare sul fianco del Musinè “TAV= MAFIA”, ne è una testimonianza concreta.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia, A69, bacini: azioni seriali di disarmo contro le aziende ecocide

Macchine incendiate nel cantiere della A69, un bacino scoperchiato nella Vienne

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Manifestazione di 2.000 persone contro il magazzino Greendock, tentativo di blocco della logistica e arresti.

Sabato, più di 2.000 persone hanno manifestato da Gennevilliers a L’Île-Saint-Denis per mostrare la loro opposizione a un gigantesco magazzino sulle rive della Senna e all’espansione senza fine dei magazzini logistici

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: dalla cordigliera alla meseta e alla costa, la lotta di un popolo per l’acqua

Tra il 15 e il 21 dicembre 2021, il popolo del Chubut abrogò la Legge di Zonificazione Mineraria che era stata approvata sei giorni prima, senza consultazioni, dai deputati provinciali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Brasile: l’acqua che tutto abbatte

Due donne, già negli anni, attendono i soccorsi alle intemperie, sopra il tetto della vecchia casa familiare, in un villaggio del Rio Grande do Sul.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bill Gates, il miliardario che sta industrializzando l’agricoltura mondiale

Utilizzando milioni di dollari, la Fondazione Bill & Melinda Gates sta aggirando e plasmando le politiche agricole internazionali. I grandi vincitori di questo gioco antidemocratico sono le aziende agro-industriali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La strategia estrattivista per entrare nei territori ancestrali raggiunge il suo apice

Il conflitto per il territorio degli Shuar, causato dagli interessi minerari, va avanti da più di 20 anni. Ma questa volta è diverso, sembra essere l’ultima battaglia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

“Il Ponte sullo Stretto è uno specchietto per allodole”. Calabria e Sicilia si preparano alla manifestazione popolare

Il ponte sullo Stretto” tra la Calabria e la Sicilia è uno “specchietto per le allodole.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Per un sollevamento antifascista.

Abbiamo tradotto il documento redatto dal movimento Soulèvement de la Terre a proposito della fase storica che si sta vivendo in Francia, verso le prossime elezioni.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nantes: rivoluzione o barbarie?

È questa l’alternativa proposta dallo striscione in testa alla manifestazione di Nantes

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Elezioni Europee: tra voto di protesta ed astensione l’europeismo liberista e belligerante è sempre più in crisi

Debacle totale per il falco Macron che ha passato gli ultimi mesi di campagna elettorale a spingere sul terreno del conflitto aperto con la Russia. Alexandre De Croo, primo ministro liberale del Belgio è dimissionario e in Germania, il grande malato d’Europa, l’ultradestra di AfD sorpassa i socialisti di Sholz.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La mappa degli impatti e dei conflitti delle Terre Rare. Sfide per una transizione verde e digitale

La Rare-Earth Elements Impacts and Conflicts Map documenta i processi controversi che si svolgono nelle catene di fornitura degli elementi delle Terre Rare (REE): siti di estrazione, lavorazione e riciclo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’alleanza anticoloniale. Dalle ultime proteste in Francia in solidarietà alla Palestina

Dopo l’intervista di Netanyahu alla tv nazionale TF1, le proteste a favore della Palestina in Francia hanno raggiunto un livello ineguagliato di rabbia e intensità rispetto alle manifestazioni precedenti.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

L’Ungheria è vicina

Mentre la polizia manganella studenti e ambientalisti e trattiene in questura dimostranti e giornalisti durante le manifestazioni, la maggioranza prepara una nuova stretta repressiva prevedendo il carcere fino a 25 anni per il reato di resistenza in manifestazioni contro le grandi opere.