USA: gli operai della FCA inaugurano una nuova ondata di lotte contro la pandemia

Stampa

L'aumento dei casi COVID-19 e l'abbandono di qualsiasi misura ufficiale per contenere il virus hanno scatenato una nuova ondata di lotte da parte dei lavoratori, con i lavoratori del comparto automobilistico di Detroit che hanno avviato interruzioni di lavoro nei giorni scorsi per richiedere l'adozione di misure per proteggere le loro vite.

||||
|||| ||||

La pandemia è sfuggita al controllo. Gli Stati Uniti hanno registrato il numero più alto e il secondo più alto di nuovi casi venerdì e sabato, con oltre 90.000 test positivi nel corso di 48 ore. I decessi negli Stati Uniti ora superano i 125.000 e al ritmo attuale supereranno i 200.000 entro la fine di luglio. A livello globale, i casi totali hanno superato i 10 milioni e le morti hanno superato i 500.000 nel fine settimana, senza fine per l'accelerazione della malattia in vista.

In seguito al ritorno prematuro e omicida al lavoro forzato nel mese scorso dall'amministrazione Trump e dai governatori dello stato democratico, il coronavirus ha ampliato la sua presa silenziosa e rapida in fabbriche, magazzini e altri luoghi di lavoro. La direzione aziendale e i funzionari sindacali stanno deliberatamente trattenendo informazioni sui nuovi casi tra i lavoratori, alimentando rabbia esplosiva e opposizione.

Giovedì, i lavoratori dello stabilimento di assemblaggio di Fiat Chrysler (FCA) Jefferson North a Detroit hanno interrotto la produzione dopo aver sentito le notizie di nuovi casi di COVID-19, rimanendo in linea ma rifiutando di gestire i veicoli. L'azione dei lavoratori si è diffusa in tutti e tre i turni dell'impianto nel giorno successivo e in metà giornata di quello dopo, con i lavoratori che chiedevano supporto su Facebook e Twitter.

Sabato sera, i lavoratori dello stabilimento di assemblaggio FCA Sterling Heights, a nord di Detroit, hanno lanciato il proprio blocco del lavoro, dopo aver appreso che un collega nella movimentazione dei materiali si era rivelato positivo per il coronavirus. I lavoratori dello stabilimento avevano seguito da vicino i rapporti sulle azioni degli operai presso Jefferson North.

I lavoratori di Jefferson North e Sterling Heights hanno avviato comitati di sicurezza indipendenti per far valere i propri interessi, di fronte al rifiuto intransigente della direzione aziendale e agli United Auto Workers di fornire misure di sicurezza di base o informazioni su nuovi casi.

Una dichiarazione rilasciata venerdì dal Jefferson North Rank-and-File Safety Committee ha affermato che "la salute dei lavoratori non deve essere messa a repentaglio per i profitti aziendali" e ha invitato "tutti i lavoratori dei comparto automobilistico e di altri settori: se necessario, interrompere la produzione. Abbiamo il diritto a un ambiente sicuro e a non portare a casa questa malattia ai nostri cari. Lo dobbiamo fare. "

Le azioni indipendenti intraprese dai lavoratori del comparto automobilistico nei giorni scorsi sono la punta avanzata di un'impennata della lotta di classe da parte dei lavoratori negli Stati Uniti e in altri paesi.

La scorsa settimana, gli infermieri di Riverside, in California, hanno lanciato uno sciopero contro la catena ospedaliera HCA per richiedere adeguati dispositivi di protezione e personale, mentre gli infermieri di Joliet, Illinois, hanno fissato una scadenza prima di entrare in sciopero per il 4 luglio.

Circa 4.300 costruttori navali alle Bath Iron Works nel Maine stanno entrando nella seconda settimana di sciopero oggi. Le proteste di diverse sezioni di lavoratori sono emerse durante la scorsa settimana, tra cui autisti Uber e Lyft, operai di Disneyland, addetti ai servizi dell'Università della California e impiegati statali nel Nevada.

I lavoratori di tutto il mondo stanno cercando di contrastare i problemi comuni che devono affrontare: mancanza di misure di sicurezza contro la pandemia, disoccupazione di massa e spirale della disuguaglianza sociale. Nei Paesi Bassi, i lavoratori di Tata Steel hanno scioperato la domenica in opposizione ai tagli programmati del lavoro. In Nigeria, gli operatori sanitari nello stato di Nasarawa hanno lanciato uno sciopero dopo che 50 dei loro colleghi si sono dimostrati positivi per COVID-19.

Traduzione di un articolo comparso su World Socialist Web Site

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons