InfoAut
Immagine di copertina per il post

Una prospettiva palestinese… non sentirete nulla di simile sulla Bbc!



 

Cari tutti,

Vi sto mandando una traduzione dell’e-mail che ho mandato ad alcuni amici mercoledì notte quando tutto è iniziato. Continuerò a tenervi aggiornati su questo incubo che è appena iniziato, per favore fatemi sapere se preferite non ricevere più questi aggiornamenti. Israele sta compiendo l’ennesimo attacco a Gaza da mercoledì pomeriggio. Mercoledì a mezzanotte, ora palestinese, a sole poche ore dall’inizio dell’operazione, i morti palestinesi erano già 8 (tra cui un neonato di 11 mesi e un bambino di 3 anni) e più di 64 feriti (tra cui più di una dozzina di bambini). Ma queste sono solo le vittime del primo giorno.

Gli attacchi sono continuati, Israele ha già richiamato i riservisti, preparandosi ad una escalation militare che potrebbe essere imminente. Questa volta il massacro si chiama “Operazione Pilar Defense”. Ogni volta che ci sono elezioni in Israele (anche questa volta sono vicine), si verificano attacchi indiscriminati a Gaza. Infatti, l’attacco era atteso dal momento che alcuni giorni fa Israele ha cominciato a bloccare l’accesso di materiale medico/sanitario in Gaza. Alcuni giorni fa Israele ha anche aumentato il ritmo di lavoro della sua industria bellica, la stessa che lavora 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana durante tutto l’anno, e che in momenti come questo lavora in regime straordinario. Israele cerca di raccontare al mondo di essere vittima dei razzi lanciati da Gaza da parte dei Palestinesi che, ovviamente, non sono altro che terroristi; cerca di raccontare di avere non solo il diritto ma anche il dovere di difendere i civili isrealiani, racconta di essere l’unica democrazia del medio oriente e di possedere “l’esercito più etico del mondo”, dovremmo ringraziarli per portare avanti un lavoro così utile di pulizia sociale. Tra poco comincieranno tutti a parlare di “guerra” nel tentativo di normalizzare ciò che è semplicemente una cosa normale.

Ma i razzi non nascono per generazione spontanea. Israele nasconde accuratamente di possedere il controllo di tutta Gaza via terra, mare e aria a partire dall’occupazione militare cominciata nel 1967; che nonostante la ritirata dei coloni ebrei dalla Striscia di Gaza nel 2005, Gaza rimane vittima di un blocco brutale e Israele controlla ogni singolo oggetto che entra nella Striscia, fino al punto di controllare l’apporto calorico giornaliero dei cittadini di Gaza, per assicurarsi di mantenere tale livello appena sopra il livello di malnutrizione; che Gaza è una prigione a cielo aperto dove 1,7 milioni di persone vivono in un’area di 365 metri quadrati, di cui il 50% sono sotto i 18 anni, e che si tratta di una richiesta quantomento irrealistica di tenerli in queste condizioni e pensare di tenerli calmi, senza proteste, specialmente quando l’80% dei essi si avvalgono di assistenza umanitaria per sopravvivere; che, nonostante l’esercito di Israele sia dotato della più avanzata tecnologia disponibile, ogni volta che attaccano Gaza, è la causa di un alto numero di vittime “casuali” civili, che sono ovviamente classificati come semplici danni collaterali, e vogliono farci credere che sia una semplice coincidenza. Infatti, anche se dichiarano che lo scopo dell’operazione sia distruggere Hamas, nel primo giorno hanno ucciso già due bambini su 8 vittime totali, di cui uno solo era un militante di Hamas. Come sempre, la posta in gioco non è semplicemente un attaco occasionale contro i miliziani palestinesi, ma il tentativo di infliggere una punizione collettiva alla popolazione civile di Gaza. Israele non è l’unica democrazia del Medio Oriente, in realtà è difficile definirla come tale nel momento in cui nega i più basilari diritti umani ad un intero popolo che è stato scacciato dalle proprie case e mantenuto sotto occupazione militare. Né possiede l’esercito più etico del mondo ma la macchina da guerra più potente e tutte le armi necessarie (a partire dal sistema educativo fino all’esercito) per avere uno degli stati più militarizzati del mondo, in cui le persone acconsentono a vendere le proprie libertà personali e collettive nel nome della sicurezza più insicura. Pronti ad ascoltare ancora più bugie, bugie che sono un’altra arma di questo massacro che è iniziato alcuni anni fa e che continua grazie alla passività della comunità internazionale.

Questa volta, inoltre, Israele sta mettendo alla prova le reazioni della seconda amministrazione Obama e del nuovo governo egiziano. Ora vedremo se la primavera araba avrà portato un qualche cambiamento reale al fragile equilibrio delle forze nella regione. Nessun cambiamento da parte degli USA: fino ad ora, si sono solo preoccupati dei razzi lanciati da Gaza verso le città israeliane, ed hanno ratificato il diritto di Israele all’autodifesa. Dall’altro lato, il ministro degli esteri egiziano ha convocato l’ambasciatore israeliano in Egitto per consultazioni. Nel frattempo, il presidente dell’Autorità Palestinese sta facendo pressioni per votare lo status di osservatore all’ONU per la Palestina più avanti nel mese.

Fino a poco fa il bombardamento di Gaza è proseguito, così come i razzi da Gaza verso Israele. Da casa possiamo udire alcuni aerei militari. In fin dei conti, questa terra non è poi così ampia.

Sperando che quest’incubo abbia presto termine,

‘Il cittadino medio di Oceania non posa mai gli occhi su un cittadino sia di Eurasia che di Estasia, e gli è proibita la conoscenza delle lingue straniere. Se gli venisse permesso il contatto con gli straniere scoprirebbe che sono creature simili a lui che che la maggior parte di ciò che gli è stato detto su di loro sono menzogne. (…) Le principali frontiere non devono mai essere attraversate da nulla ad eccezione delle bombe’ (George Orwell, 1984.)

 

ps: (Si ringrazia per la segnalazione la rete Payday).

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

gazapillar cloudstraduzioni

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Giornata di mobilitazione per il clima e a sostegno della Palestina.

Da Nord a Sud Italia questa mattina lo sciopero climatico lanciato da Fridays For Future ha riempito le piazze di giovani e giovanissimi che hanno ribadito le connessioni stringenti tra la devastazione dei territori e le guerre, rappresentando un forte grido in sostegno alla Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Appello alla mobilitazione in sostegno alla popolazione di Gaza ed alla resistenza palestinese

Ci appelliamo a tutt3 coloro che vogliono sostenere la resistenza del popolo palestinese per difendere una prospettiva universale di autodeterminazione, uguaglianza, equità e diritti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Attacco iraniano a Israele: quali conseguenze per il Libano?

Lo Stato ebraico potrebbe intensificare la lotta contro Hezbollah, ma secondo gli esperti una guerra aperta sul territorio libanese è improbabile.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: il popolo mapuche convoca una marcia a Temuco contro un megaprogetto elettrico

Viene convocata anche per chiedere la fine della promulgazione e dell’applicazione di leggi che cercano di fronteggiare i genuini processi di rivendicazione territoriale che comunità e Pu lof portano avanti in attesa della ricostruzione e liberazione nazionale mapuche.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Federico II di Napoli: assemblea di massa in solidarietà con il popolo palestinese

Napoli venerdi 12 aprile, h 11.30. Dopo aver impedito al direttore di Repubblica Molinari di portare avanti la sua propaganda guerrafondaia, dopo aver occupato il rettorato, gli studenti della Federico II hanno costretto ad un tavolo il rettore Lorito.  L’aula Conforti della facoltà di Giurisprudenza è stracolma, parliamo almeno di 500 persone.  L’intervento d’apertura da […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le elezioni USA: non solo uno scontro tra un “rimbambito” e un “delinquente”

Dopo il Super Tuesday del 5 marzo, la partita delle primarie presidenziali negli Stati Uniti si è chiusa con lo scontato risultato della vittoria di Biden da un lato e di Trump dall’altro, che quest’estate verranno incoronati quali candidati per la corsa del novembre 2024 nelle Conventions dei rispettivi partiti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

In un recente comunicato, l’Assemblea Comunitaria di Puente Maderas, Municipio de San Blas Atempa, Oaxaca, intitolato significativamente “Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione”, ribadisce il suo rifiuto fondato e il suo impegno di resistenza alla megaopera del Corridoio Interoceanico dell’Istmo di Tehuantepec.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’obiettivo finale di Netanyahu e le ambizioni regionali dell’estrema destra israeliana

Gli eventi degli ultimi giorni suggeriscono che potremmo vedere prendere forma l’obiettivo finale di Israele. Gli obiettivi del governo di estrema destra di Netanyahu non si limitano a Gaza: vuole conquistare tutta la Palestina e iniziare una guerra anche con Hezbollah e l’Iran.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: cariche alla manifestazione contro il concerto “in onore” dei 75 anni della NATO. 10 gli attivisti feriti

Scontri e feriti alla manifestazione contro la Nato e le politiche di guerra, 10 i manifestanti feriti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sudamerica: crisi diplomatica dopo l’assalto della polizia ecuadoregna all’ambasciata del Messico a Quito.

Il presidente messicano Obrador ha annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche con l’Ecuador, dopo che la polizia ha fatto irruzione nell’ambasciata messicana a Quito per arrestare l’ex vicepresidente Jorge Glas, legato all’ex presidente Correa, da tempo rifugiatosi in Europa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

No alla disumanizzazione! Fermiamo il genocidio!

Pubblichiamo di seguito l’appello alla mobilitazione in solidarietà alla Palestina lanciato dal coordinamento Torino per Gaza per domani sabato 2 marzo rivolto a tutte le piazze italiane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Aggiornamento sulla guerra in Palestina: Israele attacca l’Onu.

Le ultime notizie sulla guerra alla Striscia di Gaza indicano il disinteresse da parte di differenti attori in campo, più o meno spazialmente attigui, a intervenire in maniera esplicita e attiva nella guerra, fatta eccezione per lo Yemen attraverso gli attacchi degli Houthi alle navi mercantili e petroliere israeliane dirette nei porti del Mediterraneo

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dove siamo? Tra disordine e responsabilità – Parte 2

Chiunque abbia letto “Le vene aperte dell’America Latina”di Eduardo Galeano ha ben presente qual’è la relazione tra la concezione capitalista della natura ed il colonialismo, vecchio e nuovo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Detenzione amministrativa in Israele: un approfondimento con Khaled El Qaisi.

Abbiamo avuto l’opportunità di avere ai nostri microfoni Khaled El Qaisi, studente e ricercatore italo palestinese da poco rientrato in Italia a seguito del suo arresto in Palestina alcuni mesi prima del 7 ottobre.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Striscia di Gaza: Netanyahu prosegue il genocidio.

La situazione internazionale a fronte del genocidio perpetrato dal governo di Netanyahu all’interno della striscia di Gaza non accenna a dare segnali in senso contrario..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Gaza: Arresti di massa nella scuola dell’Onu. Prigionieri spogliati, bendati e portati via

Catturati a decine nel nord di Gaza, tra loro sfollati, giornalisti, medici. In attesa di identificazione. La Mezzaluna sospende il lavoro a nord, le Nazioni unite prive di mezzi a sud: Gaza ha fame e sete

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Corteo per la Palestina: Torino 2 dicembre.

Il corteo di sabato 2 dicembre a Torino ha visto la partecipazione di più di tremila persone, moltissimi giovani e giovanissimi, provenienti da quartieri e contesti molto diversi tra loro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La base siciliana di Sigonella spicca il volo.

La base siciliana di Sigonella spicca il volo verso le guerre stellari. L’ufficio stampa di U.S. Space Force, la divisione delle forze armate degli Stati Uniti d’America responsabile di tutte le operazioni spaziali, ha reso nota l’attivazione nella stazione aeronavale siciliana del 5th Space Warning Squadron Detachment 1 (5SWS/Det-1), distaccamento del 5° Squadrone di “pronto allarme” delle unità preposte alle Star Wars. La cerimonia di inaugurazione del centro di comando si è tenuta a Sigonella il 30 ottobre 2023.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Torino: conferenza di Ilan Pappe.

Ilan Pappé, uno dei maggiori rappresentanti della cosiddetta Nuova storiografia israeliana, ospite alla Scuola Holden di Torino per un incontro aperto ai cittadini sul conflitto sulla Striscia di Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La Striscia è già occupata: le due parti di Gaza che Israele non può spezzare

Le continue discussioni riguardanti gli obiettivi militari di Israele a Gaza sono in gran parte incentrate sul fatto che lo Stato coloniale stia pianificando una nuova occupazione militare della Striscia a lungo o a breve termine.