Quinto giorno di proteste per la libertà di Pablo Hasel in diverse città della Spagna.

Stampa

Questo sabato nuove mobilitazioni sono partite nelle strade di diverse città in Spagna per chiedere la libertà di Pablo Hasel e di tutti gli arrestati durante le cariche della polizia di questi giorni. 

||||
|||| ||||

A Madrid la manifestazione è trascorsa senza incidenti, mentre a Barcellona si sono ripetuti scontri come nei giorni scorsi. Le forze di polizia hanno nuovamente dispiegato un enorme dispositivo repressivo in quasi tutte le città.

A Madrid, l'eccessivo dispiegamento di forze dell’ordine contro la manifestazione di protesta in Plaza Callao non ha disturbato il corteo che si è svolto in tono pacifico e giocoso, anche ballando e rappando di fronte all'accerchiamento di diverse centinaia di poliziotti antisommossa della UIP, che questa volta non hanno agito con la loro abituale forza repressiva.

A Barcellona, una grande manifestazione ha attraversato il centro della città, scandendo di nuovo slogan per la libertà di Pablo Hasel e delle persone arrestate durante le operazioni della polizia di questi giorni. Dalle 20.30 hanno cominciato a diffondersi immagini di negozi che venivano saccheggiati, così come di filiali di banche che ricevevano colpi e proiettili da alcuni manifestanti.

La Guardia Urbana ha chiuso alcune strade e il Comune ha rimosso i cassonetti della spazzatura in alcune strade del centro per evitare che venissero usati come barricate o bruciati.

Una volta iniziati gli scontri, sono state costruite barricate con sacchi di macerie per escludere la polizia dalle strade centrali della capitale catalana. Un falò è stato incendiato davanti all'edificio della Borsa di Barcellona.

L'intervento del BRIMO ha prodotto diversi feriti. A Gràcia hanno accerchiato centinaia di manifestanti pacifici e si sono scatenati contro di loro, causando decine di feriti.

Tradotto da https://kaosenlared.net/ del 22/02/2021

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons