InfoAut
Immagine di copertina per il post

“Oennegismo” neoliberale e costituente in Cile?

||||

A proposito dell’articolo scritto da Lucía Sepúlveda Ruiz “Smascherando gli ‘Indipendenti non neutrali’” (1), nel quale mostra i legami imprenditoriali delle figure più conosciute di questo gruppo, che cerca di portare una lista per la prossima elezione di convenzionali costituenti, diventa importante riflettere sul ruolo che negli ultimi 30 anni hanno giocato le grandi ONG in Cile.

Mi sembra che la critica proposta dalla Sepúlveda, quando denuncia il finanziamento che hanno ricevuto grandi ONG, come lo sono Casa di Cristo, America Solidale e TECHO, da parte di grandi imprese, non sono casi isolati, ma parte di un processo molto più profondo, di convergenza tra distinti attori provenienti dalle élite e dal mondo privato.

Propongo questo, giacché l’irruzione dell’ “oennegismo” in Cile, dal decennio dei 90 in poi, è stato completamente funzionale alle politiche neoliberali promosse negli ultimi decenni dalla classe politica. Da lì il fatto che la cosiddetta auge del Terzo Settore, non sia altra cosa che la privatizzazione delle domande della società, dove organizzazioni come la Banca Mondiale e la Banca Interamericana di Sviluppo, sono state in tutti questi anni le loro principali promotrici.

Sebbene il caso della Fondazione Teleton, sia forse il bambino simbolo dell’abbandono dello stato, attraverso una solidarietà di mercato, diffusa dalla concentrazione dei grandi media e sostenuta dai grandi gruppi economici del paese, la sua espansione è andata aumentando grazie alla cosiddetta RSI (Responsabilità Sociale Imprenditoriale).

Una Responsabilità Sociale Imprenditoriale che è stata usata da grandi imprese attraverso queste ONG, per promuovere il consumo, ridurre imposte e pulire la propria immagine, mentre queste organizzazioni della società civile si sono dedicate a creare e implementare programmi sociali a detrimento di un settore pubblico, particolarmente municipale, che si trova completamente definanziato.

È così come la RSI è stata lo strumento perfetto, insieme alle AFP (Amministratrici di Fondi Pensione), per sostenere una crescita economica basata sulla vendita di risorse naturali, senza misurare i suoi impatti sociali e ambientali. Questo giacché le AFP investono il denaro di tutte e tutti i cileni in queste medesime imprese estrattive, che dopo cercano di ridurre le imposte attraverso donazioni a grandi ONG, fatto che fa parte strutturale del modello.

La crociata di sradicamento della povertà, promossa da queste medesime ONG finanziate da grandi imprese minerarie come Barrick, Anglo American, Collahuasi, Minera Los Pelambres, dove figure come Benito Baranda e Felipe Berríos sono diventate tanto conosciute pubblicamente, non è stato altro che una “focopolítica” (a differenza dello stato del benessere di sinistra, lo stato liberal-residuale pensa a diritti e politiche focalizzati sui settori insolventi, ndt) minimalista e completamente sconnessa dalle comunità e dai territori (2).

Da lì il fatto che cercare di mettere fine alla povertà a spese dell’approfondimento di una società di consumo bancarizzata e piena di conflitti socioambientali non solo non è sostenibile, ma non è desiderabile per le grandi maggioranze che si sono sollevate dall’ottobre dell’anno 2019.

Per questo la critica ai partiti politici tradizionali, finanziati anche da grandi gruppi economici, non può essere confusa con un’idea depoliticizzata della democrazia, che vede quanto è indipendente dai partiti come qualcosa di buono in sé stesso, giacché non lo fa meno neoliberale.

A sua volta, bisogna anche differenziare queste grandi ONG, piene di conflitti d’interesse, da molte altre organizzazioni piccole e critiche di governi ed imprese, che hanno dato un forte contributo al paese. I casi della Fondazione Sole e l’Osservatorio Latinoamericano dei Conflitti Ambientali (OLCA), tra molte altre, non solo sono state critiche con la classe politica imperante, ma anche dei grandi gruppi economici esistenti.

Per tutto quanto detto precedentemente, e come ha prospettato bene il Movimento per l’Acqua e i Territori (MAT), la prossima elezione di convenzionali costituenti nei vari distretti sia un’opportunità storica per scegliere dei candidati indipendenti, non solo dai partiti politici tradizionali, ma anche dal potere imprenditoriale, clericale, mediatico e di tutti coloro che hanno cercato di portare il paese su un cammino senza ritorno, dove l’affare di pochi ha finito con il sequestrare la democrazia del paese.

 

Andrés Kogan Valderrama

 

 

(1) Articolo disponible in https://oplas.org/sitio/2021/01/04/lucia-sepulveda-ruiz-desenmascarando-a-los-independientes-no-neutrales-en-chile/

(2) Vedere libro “Colonialidad, minimalismo y focopolitica: El caso de la ONG TECHO en Argentina, Córdoba”. Disponibile in https://oplas.org/sitio/wp-content/uploads/2020/10/Colonialidad-Minimalismo-y-Focopolitica.-El-caso-de-la-ONG-Techo-en-Cordoba-Argentina.pdf

*Andrés Kogan Valderrama. Sociologo nel Municipio di Lo Prado. Diplomato in Educazione per lo Sviluppo Sostenibile. Master in Comunicazione e Cultura Contemporanea. Dottorando in Studi Sociali dell’America Latina. Membro del Comitato Scientifico della Rivista Iberoamérica Social. Membro del Movimento per il Buon Vivere Globale https://buenvivir.global/. Direttore dell’Osservatorio Plurinazionale delle Acque www.oplas.org.

14/01/2021

Rebelión

Da Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

cileCILE MANIFESTAZIONE AMERICA LATINA SOLLEVAZIONE PIAZZA DELLA DIGNITAONG

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Federico II di Napoli: assemblea di massa in solidarietà con il popolo palestinese

Napoli venerdi 12 aprile, h 11.30. Dopo aver impedito al direttore di Repubblica Molinari di portare avanti la sua propaganda guerrafondaia, dopo aver occupato il rettorato, gli studenti della Federico II hanno costretto ad un tavolo il rettore Lorito.  L’aula Conforti della facoltà di Giurisprudenza è stracolma, parliamo almeno di 500 persone.  L’intervento d’apertura da […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le elezioni USA: non solo uno scontro tra un “rimbambito” e un “delinquente”

Dopo il Super Tuesday del 5 marzo, la partita delle primarie presidenziali negli Stati Uniti si è chiusa con lo scontato risultato della vittoria di Biden da un lato e di Trump dall’altro, che quest’estate verranno incoronati quali candidati per la corsa del novembre 2024 nelle Conventions dei rispettivi partiti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

In un recente comunicato, l’Assemblea Comunitaria di Puente Maderas, Municipio de San Blas Atempa, Oaxaca, intitolato significativamente “Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione”, ribadisce il suo rifiuto fondato e il suo impegno di resistenza alla megaopera del Corridoio Interoceanico dell’Istmo di Tehuantepec.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’obiettivo finale di Netanyahu e le ambizioni regionali dell’estrema destra israeliana

Gli eventi degli ultimi giorni suggeriscono che potremmo vedere prendere forma l’obiettivo finale di Israele. Gli obiettivi del governo di estrema destra di Netanyahu non si limitano a Gaza: vuole conquistare tutta la Palestina e iniziare una guerra anche con Hezbollah e l’Iran.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: cariche alla manifestazione contro il concerto “in onore” dei 75 anni della NATO. 10 gli attivisti feriti

Scontri e feriti alla manifestazione contro la Nato e le politiche di guerra, 10 i manifestanti feriti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sudamerica: crisi diplomatica dopo l’assalto della polizia ecuadoregna all’ambasciata del Messico a Quito.

Il presidente messicano Obrador ha annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche con l’Ecuador, dopo che la polizia ha fatto irruzione nell’ambasciata messicana a Quito per arrestare l’ex vicepresidente Jorge Glas, legato all’ex presidente Correa, da tempo rifugiatosi in Europa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Raid israeliano a Damasco: un quadro degli attori e delle strategie nel conflitto in Medio Oriente.

Proviamo a dare un quadro del clamoroso attacco dell’esercito israeliano contro la sede consolare iraniana nella città di Damasco (Siria), avvenuto lunedì 1 aprile, a cui ha fatto seguito l’attacco israeliano contro i convogli umanitari della WCK del 2 aprile.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Tribunale della libertà conferma gli arresti per Anan, Alì e Mansour

L’Italia conferma la propria collaborazione con il progetto israeliano di repressione della resistenza palestinese. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Alcune valutazioni post elezioni in Turchia.

Con Murat Cinar facciamo il punto sulle condizioni delle elezioni in Turchia e gli scontri tra popolazione e forze dell’ordine nei giorni immediatamente successivi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: Erdogan tenta di delegittimare la vittoria di Dem nel sud-est del paese. Manifestazioni e scontri

Proseguono i tentativi del sultano Erdogan e del suo partito AKP di delegittimare i risultati espressi nel voto per le elezioni amministrative del fine settimana.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: la Via Istituzionale v/s Resistenza e Controllo Territoriale

Sotto uno stato capitalista e coloniale è impossibile garantire i diritti fondamentali dei popoli originari.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: il CAM in Sciopero della Fame dice che “Non ci può essere dialogo con militarizzazione, prigionieri politici e senza la restituzione delle terre”

Dal 13 novembre sono in sciopero della fame i prigionieri politici mapuche del CAM (Coordinamento Arauco-Malleco) reclusi nel CCP Biobío di Concepción, Ernesto Llaitul, Esteban Henríquez, Ricardo Delgado Reinao e Nicolás Alcamán, per chiedere l’annullamento della sentenza di condanna a più di 15 anni di reclusione che pesa su di loro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: i prigionieri politici mapuche iniziano uno sciopero della fame fino ad ottenere l’annullamento del processo del razzista stato cileno

Facciamo un appello al nostro Popolo, alle comunità in resistenza, così come agli oppressi in generale, ad accompagnare questa mobilitazione con denunce, proteste e azioni contro lo stato cileno e principalmente contro i veri nemici, i capitalisti e i loro lacchè, responsabili di tante ingiustizie, così come del saccheggio dei territori ancestrali.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Popolo mapuche: accanimento giudiziario verso i dirigenti mapuche con condanne carcerarie eterne

La persecuzione verso le dirigenze mapuche non cessano, nemmeno dietro le sbarre, dove ultimamente abbiamo visto condanne di decine d’anni, una vita intera in carcere, un peso della legge che non cade così nemmeno sui violentatori di diritti umani di questo paese.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cile: rifiuto della condanna senza prove di 4 prigionieri politici mapuche del CAM

Queste azioni si iscrivono in un progressismo liberale che reprime i movimenti popolari, una tendenza che soddisfa le richieste dell’estrema destra e dei grandi imprenditori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: confermata l’estradizione in Cile dell’attivista mapuche Jones Huala

Questo martedì la Corte Suprema di Giustizia argentina ha emesso un verdetto con cui convalida l’ordine d’estradizione in Cile del lonko mapuche Facundo Jones Huala, detenuto da gennaio nel carcere penale federale di Esquel, Chubut, nell’ambito di una causa penale realizzata nel paese transandino e sulla cui legalità ci sono più che troppi sospetti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cile: a 4 anni dalla Rivolta, centinaia di giovani hanno lottato contro i carabinieri di Boric e hanno ripreso Plaza de la Dignidad

Non sono state le moltitudini del 2019, ma ci sono stati scontri simili a quelli di quell’epoca, con gli “sbirri bastardi” del presidente Boric, questo grande usurpatore e arrivista che si è tenuto il reddito dell’indignazione popolare.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cile: 11 settembre 1973 – 11 settembre 2023. 50 anni fa il golpe militare di Pinochet e della CIA contro Allende

11 settembre 1973 – 11 settembre 2023: cinquant’anni fa il colpo di stato di Pinochet e altri gerarchi militari in Cile, eterodiretto da Washington, con il bombardamento del palazzo presidenziale di Santiago e l’uccisione, tra gli altri, del presidente socialista Salvador Allende.