New IRA: anche un palestinese tra gli arrestati. Ruolo chiave dei servizi segreti nell’operazione. Notte di scontri e fiamme a Lurgan

Stampa
Video

Un uomo palestinese è stato interrogato ieri sera a Belfast come parte di una grande operazione di sorveglianza dell’MI5 – i servizi segreti britannici –  che si estende dalle sei contee alla Scozia congiuntamente alla SDU – Aonad Speisialta Bleachtaireachta – diretta da Dublino.

||||
|||| ||||

Il 62enne è stato arrestato sabato all’aeroporto di Heathrow e più tardi quello stesso giorno è stato portato dagli uomini dell’antiterrorismo a Belfast.

Resta inteso che, sebbene sia originario della Palestina, negli ultimi anni ha vissuto a Edimburgo.

Sabato, nell’ambito dell’operazione, è stata perquisita una proprietà nella città scozzese.

Ieri alla polizia sono state concesse altre 36 ore per interrogare l’uomo.

La stampa locale sa che nelle procedure dell’operazione di sorveglianza, l’MI5 ha intercettato due proprietà a  Tyrone e ha anche registrato conversazioni tenutesi in Scozia.

Il palestinese è stato arrestato nell’ambito dell’operazione Arbacia, che sta indagando sulle attività dell’IRA, chiamata dai media “Nuova IRA”.

Si è anche capito dal flusso di voci che si rincorrono nelle ultime 48 ore, che l’uomo era noto a Dennis McFadden, un ex shinner nella squadra di Saoradh,  originario della Scozia e ora sospettato di essere l’agente per i servizi di sua maestà al centro dell’operazione.

Nessuno è riuscito a contattarlo da quando nove persone – sette uomini e due donne – sono state arrestate a Derry, Tyrone e Armagh la scorsa settimana.

È emerso che l’operazione di sorveglianza ha comportato l’intercettazione di due riunioni nella contea di Tyrone all’inizio di quest’anno.

Beninteso, soprattutto, che questi meeting si sono svolti in luoghi separati e che sono state raccolte prove sia audio che video.

È stato anche affermato che il cittadino palestinese era presente a una delle riunioni.

In precedenza aveva partecipato a un ard fheis del partito repubblicano Saoradh.

Si afferma che due pesi massimi dell’army council si siano rivolti ai membri dell’esecutivo dell’organizzazione in entrambe le riunioni di Tyrone.

Un avvocato che rappresenta uno degli arrestati ha detto che circa 500 agenti della PSNI sono stati coinvolti nell’operazione, che ha assicurato 36 ore di registrazioni.

Mercoledì alla polizia sono state concesse 72 ore in più per interrogare i nove arrestati originali, di età compresa tra i 26 ei 50 anni.

Sabato due uomini, Shea Reynolds di Lurgan e Paddy McDaid di Derry, sono comparsi in tribunale accusati di una serie di reati, tra cui la direzione del terrorismo.

Quelli che rimangono in custodia includono gli uomini di Tyrone Kevin Barry Murphy, Damien McLaughlin, David Jordan e sua moglie Sharon Jordan, gli uomini di Derry Joe Barr e Gary Hayden insieme alla donna Lurgan e la presidente di Saoradh Mandy Duffy.

Le due donne insieme agli uomini di Derry e Damien McLaughlin dovrebbero comparire oggi in tribunale a Belfast.

Nel frattempo, sabato alla polizia sono state concesse 36 ore in più per continuare a interrogare i restanti due.

Anche proprietà a Dublino, Laois, Cork e Kerry sono state perquisite da gardaí nell’ambito dell’operazione transfrontaliera.

Sembra chiaro che anche altri sono ancora ricercati in relazione alle indagini.

Intanto ieri sera (domenica) un furgone è stato sequestrato e incendiato a Lurgan assieme ad un altro veicolo.

L’ispettore Adam Ruston ha dichiarato: “Abbiamo avuto a che fare con un incidente sulla linea ferroviaria a Lake Street – che attraversa il distretto repubblicano di Kilwilkie – dove un furgone è stato dirottato e dato alle fiamme questa sera.

“La linea è attualmente chiusa”.

Nel frattempo, il consigliere dello Sinn Fein Keith Haughey ha condannato l’imboscata avvenuta a Lurgan.

“Un uomo innocente che faceva il suo lavoro consegnando pizza è stato minacciato ieri sera da due uomini, uno dei quali aveva un’arma, ha spiegato.

“Hanno poi lasciato un dispositivo falso che ha causato gravi sconvolgimenti ai residenti locali.

“Un certo numero di persone ha dovuto uscire dalle loro case per rifugiarsi in alloggi di emergenza mentre la situazione veniva risolta”.

Da lesenfantsterribles

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons