InfoAut
Immagine di copertina per il post

Messico: “Recuperiamo quello che ci appartiene”, i nahua dopo la distruzione della Casa dei Popoli

||||

Juan C. Bonilla, 16 febbraio 2022. I più di 20 popoli nahua della Regione Cholulteca si sono dichiarati in assemblea permanente e in massima allerta, di fronte alla possibile riattivazione della imbottigliatrice che ha seccato i pozzi, i fiumi e le cisterne. Affermano che sono disposti a recuperare quello che gli appartiene, come lo hanno fatto in tutta la loro storia.

È lo spirito del comunicato che è stato diffuso da Popoli Uniti della Regione Cholulteca e dei Vulcani, di fronte ai soprusi dei governi federale, statale e municipale, che sono entrati con la forza nella Casa dei Popoli, nella quale le comunità nahua avevano costruito vita dove l’impresa Bonafont rubava la loro acqua.

Con questa azione è diventato evidente come i poteri appoggiano le multinazionali depredatrici, mentre reprimono i popoli che resistono al saccheggio e costruiscono la propria autonomia.

La cosa più importante, in queste difficili ore, è la disposizione alla lotta e alla resistenza delle comunità della regione, che stanno insegnando che non si sono vendute, che non si arrendono né claudicano. Questa è l’unica ragione per cui vogliono distruggere l’esempio di dignità e autonomia dei popoli nahua della Regione Cholulteca.

signal 2022 02 15 155241 001 640x360

Il comunicato:

Ai popoli Nahua della Regione Cholulteca

All’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale

Al Congresso Nazionale Indigeno

Al Consiglio Indigeno di Governo

Ai popoli del Messico e del mondo che difendono la vita

Alle organizzazioni nazionali e internazionali dei diritti umani

Ai collettivi del Messico e del mondo che resistono al sistema capitalista

Ai mezzi di comunicazione

Al Popolo in generale

Oggi, 15 febbraio 2022, il presidente del Messico, Andrés Manuel López Obrador, il governatore del Puebla, Luis Miguel Barbosa Huerta, e il presidente municipale di Juan C. Bonilla, José Cinto Bernal, si sono coordinati per difendere l’impresa Bonafont della compagnia DANONE, per derubare ai popoli la loro acqua e violare l’autodeterminazione delle comunità originarie della Regione Cholulteca. Con una mega-operazione con agenti della Guardia Nazionale, del corpo dei granatieri, della polizia statale e della polizia municipale hanno orchestrato l’entrata con la forza nelle installazioni di Altepelmecalli, la Casa dei Popoli, bastione dell’organizzazione per la difesa dell’acqua a livello nazionale e internazionale.

Questo attentato è la dimostrazione che gli stati sono al servizio degli interessi privati e le loro forze armate ci sono per reprimere la popolazione. In Messico stiamo vivendo un aumento di violenza contro i popoli organizzati, soltanto questa settimana i nostri compagni dell’Istmo di Tehuantepec, Ayotzinapa, Mactumatzá, Nahuatzen, sono stati repressi, il nostro compagno Francisco, un oppositore della Termoelettrica di Huexca, Morelos, è stato assassinato.

Questo è la dimostrazione che stiamo vivendo una guerra mondiale per l’acqua, contro i popoli e tutta l’umanità.

I fatti

All’1.20 am di martedì 15 febbraio, approfittando del poco traffico, decine di agenti delle forze pubbliche hanno bloccato la strada federale Messico Pueble, di fronte all’Altepelmecalli, la Casa dei Popoli, e con minacce hanno sgomberato i membri dei Popoli Uniti della Regione Cholulteca che difendevano l’immobile.

Sono entrati con la forza nelle installazioni, hanno demolito il posto dove c’era il picchetto che era stato installato davanti al cancello dal 22 marzo 2021, data in cui fu chiuso l’impianto di imbottigliamento per decisione dell’assemblea dei popoli della regione per bloccare il saccheggio dell’acqua, con questo hanno ignorato e violato la nostra autodeterminazione.

Hanno proceduto a cancellare i murali che diversi artisti avevano dipinto per sostenere la costruzione della Casa dei Popoli e che davano un’identità allo spazio.

Finora non conosciamo le condizioni in cui si trovano gli animali (galline, conigli, agnelli e maiali) che appartengono alle cooperative promosse nell’Altepelmecalli.

Così non conosciamo anche la sorte delle attrezzature con cui i membri dei Popoli Uniti sviluppavano progetti di Salute, Educazione, Comunicazione e Agricoltura, così come le centinaia di libri che facevano parte della biblioteca comunitaria.

Rendiamo responsabili i rappresentanti dei tre livelli di governo di qualsiasi danno che subiranno gli animali e gli oggetti che erano custoditi in queste installazioni.

Li rendiamo responsabili dell’integrità di tutti i membri dei Popoli Uniti della Regione Cholulteca, così come di tutte e tutti i compagni che hanno partecipato alla nostra resistenza.

Sono colpevoli di perpetrare il disastro ambientale che l’impresa Bonafont della compagnia DANONE stava provocando da 29 anni nelle comunità limitrofe ai vulcani Popocatépetl e Iztaccíhuatl.

Loro, lo stato e gli impresari, credono che sequestrando le installazioni dell’Altepelmecalli ci vinceranno. Noi, i Popoli nahua della Regione Cholulteca gli diciamo che non ci arrenderemo, continueremo a difendere la nostra acqua e la vita.

Facciamo un forte appello a tutte e tutti i compagni con cui abbiamo camminato in questa lotta a mobilitarsi nei propri territori.

– Facciamo appello ai popoli, alle organizzazioni e ai collettivi del Messico a realizzare azioni di protesta per denunciare la repressione che oggi stiamo vivendo, nelle sedi di CONAGUA, SEMARNAT, INPI, del governo municipale, statale e nazionale, all’ambasciata di Francia (paese d’origine dell’impresa Bonafont), e nelle installazioni dell’impresa DANONE.

– Facciamo appello ai nostri compagni in Francia, Italia, Inghilterra, Germania, Colombia, Venezuela, Argentina, Uruguay, Svizzera, Stati Uniti, Canada, Gana, Kurdistan a solidarizzare e mobilitarsi all’ambasciata del Messico nei propri paesi così come nelle installazioni della DANONE che ci sono nei loro territori.

– Esortiamo le organizzazioni dei Diritti Umani che ci accompagnano a documentare e denunciare le gravi violazioni dei nostri diritti come popoli e difensori ambientali quali siamo.

– Facciamo appello alle Università pubbliche e private a pronunciarsi contro questo sopruso.

Con questo mettiamo in moto a livello Globale una campagna permanente di mobilitazione, boicottaggio e sabotaggio contro l’impresa Bonafont della compagnia DANONE.

Noi, i più di 20 popoli nahua della Regione Cholulteca ci dichiariamo in assemblea permanente e in massimo allerta, di fronte alla possibile riattivazione dell’imbottigliatrice che ha seccato i nostri pozzi, fiumi e cisterne.

Recupereremo quello che è nostro come storicamente lo stiamo facendo.

Faremo valere, una volta di più, la Legge dei Popoli.

Il 15 febbraio 2022 dalle terre ribelli di Juan C. Bonilla.

Acqua, Terra e Libertà

FUORI LA BONAFONT!

FUORI LA DANONE!

ALT ALLA REPRESSIONE DEI POPOLI CHE DIFENDONO LA VITA

POPOLI UNITI DELLA REGIONE CHOLULTECA E DEI VULCANI

Avvertiamo sull’escalation del governo federale contro i movimenti, Michoacán, Oaxaca, Puebla.

15 febbraio 2022

Desinformémonos

Da Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

DANONEindigeni in lottamessico

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Niger, Ciad e Senegal: l’Africa non vuole più i militari francesi e statunitensi

Mentre cresce la presenza militare russa, in Africa si estende il rifiuto di quella occidentale, considerata un indesiderabile retaggio storico del colonialismo pur giustificata dalla necessità di contrastare un tempo i movimenti guerriglieri e oggi le organizzazioni jihadiste.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Università per Gaza (encore)

Puntata speciale in diretta da Palazzo Nuovo a Torino, facoltà occupata da alcuni giorni all’interno dell’ondata di mobilitazioni partita dai campus statunitensi e giunta nelle ultime settimane in Europa

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Assange vince all’Alta Corte di Londra: potrà fare appello contro l’estradizione negli USA

Julian Assange ha ottenuto un’importante vittoria nella sua battaglia giudiziaria contro l’estradizione negli Stati Uniti d’America.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: pene tombali per i leader curdi dell’Hdp

Pene tombali sono state inflitte dai tribunali turchi ai fondatori e leader del Partito Democratico dei Popoli.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nel CPR ad Atene per la solidarietà alla Palestina

Il 14 maggio 2024, ventotto (28) persone sono state arrestate nel corso dell’operazione di polizia durante l’occupazione della Facoltà di Giurisprudenza di Atene nel contesto delle proteste internazionali contro lo spargimento di sangue a Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Zoo umani, esposizione di teschi, la frusta: capire la rivolta dei Kanak

In Palestina, come in Nuova Caledonia e in altri conflitti coloniali, quando i colonizzati si ribellano, i colonizzatori cancellano la storia e cercano di far dimenticare i loro crimini.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il famoso storico Pappé fermato e interrogato dall’FBI negli USA

L’Impero egemone in caduta libera, insieme allo stato paria e genocida israeliano ormai sono impazziti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Broadcast 4 Palestine.

Speciale Info in diretta da Palazzo Nuovo occupato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

76 anni di Nakba: una Storia di colonialismo di insediamento

Sono passati 76 anni dalla Nakba, il disastro della nascita di Israele, il 15 maggio 1948, sul territorio dei nativi palestinesi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: la polizia ha effettuato varie perquisizioni ai locali e alle mense delle organizzazioni sociali

Lunedì mattina, agenti della Polizia Federale hanno perquisito i locali e le mense popolari del Polo Obrero, si sono recati anche nel domicilio di uno dei dirigenti del FOL e hanno effettuato una perquisizione del locale di questa organizzazione nel quartiere di Congreso.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: i Me`phaa di Tilapa creano sistema di giustizia a difesa del loro territorio

Il popolo Me`phaa di Tilapa, Guerrero, ha presentato il proprio sistema di giustizia denominato Sicurezza di Protezione Territoriale Indigena (Serti), per “difendere il territorio da una prospettiva indigena, olistica e integrale”, di fronte alle minacce di progetti minerari, saccheggio territoriale e controllo dei gruppi del crimine organizzato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

In un recente comunicato, l’Assemblea Comunitaria di Puente Maderas, Municipio de San Blas Atempa, Oaxaca, intitolato significativamente “Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione”, ribadisce il suo rifiuto fondato e il suo impegno di resistenza alla megaopera del Corridoio Interoceanico dell’Istmo di Tehuantepec.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sudamerica: crisi diplomatica dopo l’assalto della polizia ecuadoregna all’ambasciata del Messico a Quito.

Il presidente messicano Obrador ha annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche con l’Ecuador, dopo che la polizia ha fatto irruzione nell’ambasciata messicana a Quito per arrestare l’ex vicepresidente Jorge Glas, legato all’ex presidente Correa, da tempo rifugiatosi in Europa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: In Chiapas a gennaio si contano 2300 profughi indigeni

Secondo il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de Las Casas, in questo mese di gennaio, la violenza generalizzata nelle comunità del sud del Chiapas in Messico, ha provocato l’uscita di più di duemila abitanti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: Per la violenza migliaia di persone sono obbligate a sfollare nella regione Sierra e a Frontera nel Chiapas

Migliaia di persone dei municipi chiapanechi di Chicomuselo, Socoltenango e La Concordia sono state obbligate a sfollare dalle proprie comunità per la violenza provocata da gruppi del crimine organizzato e dalle forze armate, dopo lo scontro tra cartelli del passato 15 gennaio e l’irruzione dell’esercito e della Guardia Nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Chiapas: si concludono le celebrazioni per il 30esimo anniversario dell’insurrezione zapatista

Si sono tenute a cavallo del capodanno le celebrazioni per i 30 anni dell’inizio della rivolta zapatista in Chiapas.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’EZLN annuncia che popoli e comunità avranno il comando nella nuova autonomia zapatista

L’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN) ha fatto conoscere la nuova struttura dell’autonomia zapatista, nella quale “il Comando e il Coordinamento dell’Autonomia è stato trasferito dalle JBG (Giunte di Buon Governo) e dai MAREZ (Municipi Autonomi Ribelli Zapatisti) ai popoli e alle comunità”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’EZLN informa che scompaiono municipi autonomi e Giunte di Buon Governo

L’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN) ha informato che è stata decisa la scomparsa dei Municipi Autonomi Ribelli Zapatisti (MAREZ) e delle Giunte di Buon Governo, come risultato di un processo di “profonda analisi critica e autocritica” e di consultazioni con tutti i popoli zapatisti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Disboscamento clandestino: guerra palese a sud di Città del Messico

Negli ultimi tre anni, la popolazione del sud di Città del Messico ha reso nota la grave situazione del disboscamento clandestino, che finora ha devastato quasi 3.000 ettari della foresta di San Miguel Topilejo.