InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il PKK è un’organizzazione terroristica?

Il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e il suo cofondatore e leader di lunga data, Abdullah Öcalan, sono stati per molti anni nella lista dei terroristi degli Stati Uniti e dell’Unione Europea (UE).

da ANF Espanol

Il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e il suo co-fondatore e leader di lunga data, Abdullah Öcalan, sono stati per molti anni nella lista dei terroristi degli Stati Uniti e dell’Unione Europea (UE). Öcalan è stato arrestato nel 1999 e consegnato alla Turchia. Lì è stato inizialmente condannato a morte. Nel quadro dei negoziati di adesione tra la Turchia e l’UE, iniziati poco dopo, la pena di morte è stata commutata in ergastolo nel 2002. Da circa tre anni Öcalan, detenuto nell’isola-prigione di İmralı nel Mar di Marmara, non ha contatti con la sua famiglia e i suoi avvocati. Questa situazione è confermata dal Rapporto Turchia 2023 della Commissione europea (pagina 18).

Il Medio Oriente è attualmente scosso da diversi conflitti armati che sono interconnessi in modo complesso. Inoltre, i Paesi mediorientali, la cui base economica è la produzione e l’esportazione di petrolio e gas, si trovano ad affrontare sfide enormi a causa del rapido abbandono dei combustibili fossili, necessario per motivi di politica climatica.

In questo contesto, è urgente porre fine ai conflitti armati e trovare una soluzione politico-diplomatica a questi conflitti. Il conflitto tra i curdi e lo Stato turco svolge un ruolo centrale in tale processo di pace, sebbene le aree di insediamento curde si estendano su un totale di quattro Stati. Per un breve periodo, nel 2013, sembrava che il decennale conflitto armato tra il PKK e la Turchia avrebbe finalmente portato a un processo di pace. Tuttavia, il governo turco ha annullato questo processo nel 2015 e da allora attacca periodicamente le aree di insediamento curde vicino al confine con la Siria settentrionale e l’Iraq settentrionale. La Turchia giustifica i suoi attacchi transfrontalieri – che violano il diritto internazionale – con la necessità di difendersi dal PKK, che classifica come organizzazione terroristica.

Un prerequisito per rilanciare il processo di pace interrotto dalla Turchia sarebbe la fine degli attacchi turchi alle aree di insediamento curde e anche un disarmo retorico, sotto forma di una non più definizione del PKK come organizzazione terroristica ma di un’accettazione come partner negoziale con la parte turca, nonché la liberazione di Öcalan o almeno un trattamento conforme agli standard internazionali e la liberazione dei politici, giornalisti, avvocati e attivisti per i diritti umani curdi imprigionati.

Poiché attualmente la Turchia non mostra alcuna volontà in tal senso, sarebbe necessaria una pressione politica dall’estero per indurre il governo turco a riconsiderare la propria posizione. Circa 15 anni fa questo era difficile da immaginare. Tuttavia, ora ci sono segnali nell’UE e negli Stati Uniti di un ripensamento nella valutazione del PKK e della lotta curda per l’autodeterminazione politica e culturale.

Nel settembre 2017, la Corte d’appello belga (Cour d’appel) di Bruxelles ha stabilito che il PKK non è un’organizzazione terroristica, ma una parte di un conflitto armato interno, ovvero una guerra civile. Il portale di informazione pubblica belga in lingua tedesca Flanderninfo ha scritto a proposito della sentenza: “Questa sentenza è la prima del suo genere nell’Unione Europea che qualifica il conflitto turco-curdo come una guerra civile e non come un affare terroristico”. Secondo la magistratura belga, il diritto internazionale di guerra deve essere applicato in questo caso, perché questa guerra civile è un conflitto armato”. L’avvocato degli imputati del PKK a Bruxelles ha espresso la sua soddisfazione a nome dei suoi clienti per il fatto che la magistratura belga consideri questo conflitto come una guerra civile”.

Nel già citato Rapporto Turchia 2023, la Commissione europea trova in diversi passaggi parole chiare sulla situazione dei diritti umani in Turchia e sul sistema penale turco. Il rapporto sottolinea che il PKK è ancora nella lista dei terroristi dell’UE e riconosce il diritto della Turchia di proteggersi dal terrorismo. Allo stesso tempo, il rapporto invita la Turchia a rispettare gli standard internazionali e il principio di proporzionalità. Il Rapporto Turchia 2023 rileva inoltre che la Turchia non ha ancora ottemperato alle molteplici richieste del Consiglio d’Europa e del suo Comitato per la prevenzione della tortura di garantire il rispetto dei diritti umani. La Commissione UE conferma quindi le accuse spesso rivolte dai curdi e da altri membri dell’opposizione in Turchia allo Stato turco, alle forze di sicurezza turche e alla magistratura turca di ignorare i diritti umani.

Mentre il rapporto della Commissione UE sulla Turchia rimane diplomaticamente moderato nella sua valutazione della situazione dei diritti umani, il Global Terrorism Threat Assessment 2024 pubblicato pochi giorni fa dal Center for Strategic and International Studies (CSIS) di Washington ha parole più chiare.

Gli autori del rapporto tendono a vedere la Turchia come responsabile dell’instabilità della regione. A pagina 80 si legge: “Il governo turco ha esteso la sua campagna contro i gruppi curdi oltre i confini nazionali. Il numero di attacchi in Turchia è diminuito dal 2020, ma la violenza tra le forze turche e i gruppi armati curdi al di fuori della Turchia è aumentata drasticamente nello stesso periodo. Il conflitto Turchia-KPK continua a generare instabilità regionale e, indirettamente, terrorismo in tutto il Medio Oriente. La Turchia ha intensificato la sua retorica contro i gruppi nazionalisti curdi, comprese le Unità di Difesa del Popolo che costituiscono una parte consistente delle Forze di Difesa Siriane (SDF) sostenute dagli Stati Uniti”.

Inoltre, gli autori scrivono: “Gli attacchi terroristici rappresentano una minaccia minore all’interno della Turchia, anche se il conflitto tra Turchia e curdi rimane un fattore importante di violenza e instabilità in tutta la regione”. [Questo calo della violenza terroristica all’interno della Turchia si è verificato parallelamente a un sostanziale aumento del conflitto tra la Turchia e il PKK in Iraq. Il PKK non rappresenta una minaccia diretta per i Paesi occidentali diversi dalla Turchia. [Anche la minaccia del PKK all’integrità territoriale turca è discutibile. Il gruppo non ha la capacità di sfidare direttamente l’esercito turco, come è stato ripetutamente chiarito durante gli interventi della Turchia nel nord della Siria e nell’Iraq nord-occidentale. Il PKK accetta ufficialmente gli attuali confini della Turchia e ha sostituito le sue richieste di indipendenza con quelle di una maggiore autodeterminazione. Attualmente, il PKK sostiene un’ideologia che Öcalan chiama “confederalismo democratico”, che cerca di raggiungere l’autodeterminazione senza mettere in discussione i confini politici esistenti. Le dichiarazioni pubbliche del PKK suggeriscono almeno che il gruppo non rappresenta una minaccia significativa per l’integrità territoriale turca”.

Gli autori di questo rapporto del CSIS confermano infine con la loro analisi ciò che la Corte d’Appello belga ha concluso sul PKK nel 2017: non è un gruppo terroristico. Infatti, il PKK non rappresenta una minaccia per gli Stati Uniti o per l’Unione Europea. Né minaccia l’integrità territoriale della Turchia. Se tutte queste valutazioni vengono prese sul serio, non c’è più alcun motivo per cui il PKK non debba essere rimosso dalla lista dei terroristi degli Stati Uniti e dall’elenco dei terroristi dell’UE. Ciò aprirebbe la porta al rilancio di un processo di pace di cui la Turchia e, in ultima analisi, l’intero Medio Oriente hanno urgente bisogno, perché l’effetto destabilizzante di questo conflitto cesserebbe. La rimozione del PKK dalle liste di terroristi sopra citate sarebbe un chiaro segnale politico per il governo turco, che si impegnerebbe a rivitalizzare il processo di pace. Senza questo segnale, è improbabile che lo faccia. Le iniziative politiche devono essere sviluppate e portate avanti con questo obiettivo.

FONTE: Jürgen Klute / Medya News

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

confederalismo democraticokurdistanOcalanpkkturchia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA per la Palestina: dipendenti Google licenziati e studenti alla Columbia University sgomberati dalla polizia

Negli Stati Uniti proteste in corso a sostegno del popolo palestinese, per il quale diversi settori della società civile si sono mobilitati.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Giornata di mobilitazione per il clima e a sostegno della Palestina.

Da Nord a Sud Italia questa mattina lo sciopero climatico lanciato da Fridays For Future ha riempito le piazze di giovani e giovanissimi che hanno ribadito le connessioni stringenti tra la devastazione dei territori e le guerre, rappresentando un forte grido in sostegno alla Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Appello alla mobilitazione in sostegno alla popolazione di Gaza ed alla resistenza palestinese

Ci appelliamo a tutt3 coloro che vogliono sostenere la resistenza del popolo palestinese per difendere una prospettiva universale di autodeterminazione, uguaglianza, equità e diritti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Attacco iraniano a Israele: quali conseguenze per il Libano?

Lo Stato ebraico potrebbe intensificare la lotta contro Hezbollah, ma secondo gli esperti una guerra aperta sul territorio libanese è improbabile.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: il popolo mapuche convoca una marcia a Temuco contro un megaprogetto elettrico

Viene convocata anche per chiedere la fine della promulgazione e dell’applicazione di leggi che cercano di fronteggiare i genuini processi di rivendicazione territoriale che comunità e Pu lof portano avanti in attesa della ricostruzione e liberazione nazionale mapuche.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Federico II di Napoli: assemblea di massa in solidarietà con il popolo palestinese

Napoli venerdi 12 aprile, h 11.30. Dopo aver impedito al direttore di Repubblica Molinari di portare avanti la sua propaganda guerrafondaia, dopo aver occupato il rettorato, gli studenti della Federico II hanno costretto ad un tavolo il rettore Lorito.  L’aula Conforti della facoltà di Giurisprudenza è stracolma, parliamo almeno di 500 persone.  L’intervento d’apertura da […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le elezioni USA: non solo uno scontro tra un “rimbambito” e un “delinquente”

Dopo il Super Tuesday del 5 marzo, la partita delle primarie presidenziali negli Stati Uniti si è chiusa con lo scontato risultato della vittoria di Biden da un lato e di Trump dall’altro, che quest’estate verranno incoronati quali candidati per la corsa del novembre 2024 nelle Conventions dei rispettivi partiti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

In un recente comunicato, l’Assemblea Comunitaria di Puente Maderas, Municipio de San Blas Atempa, Oaxaca, intitolato significativamente “Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione”, ribadisce il suo rifiuto fondato e il suo impegno di resistenza alla megaopera del Corridoio Interoceanico dell’Istmo di Tehuantepec.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’obiettivo finale di Netanyahu e le ambizioni regionali dell’estrema destra israeliana

Gli eventi degli ultimi giorni suggeriscono che potremmo vedere prendere forma l’obiettivo finale di Israele. Gli obiettivi del governo di estrema destra di Netanyahu non si limitano a Gaza: vuole conquistare tutta la Palestina e iniziare una guerra anche con Hezbollah e l’Iran.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: cariche alla manifestazione contro il concerto “in onore” dei 75 anni della NATO. 10 gli attivisti feriti

Scontri e feriti alla manifestazione contro la Nato e le politiche di guerra, 10 i manifestanti feriti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Alcune valutazioni post elezioni in Turchia.

Con Murat Cinar facciamo il punto sulle condizioni delle elezioni in Turchia e gli scontri tra popolazione e forze dell’ordine nei giorni immediatamente successivi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: Erdogan tenta di delegittimare la vittoria di Dem nel sud-est del paese. Manifestazioni e scontri

Proseguono i tentativi del sultano Erdogan e del suo partito AKP di delegittimare i risultati espressi nel voto per le elezioni amministrative del fine settimana.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kurdistan: Gerîla TV pubblica un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê

Gerîla TV ha pubblicato un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê verso la fine di dicembre, in cui sono stati uccisi decine di soldati.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

SDF: gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un atto di aggressione barbara e terroristica

Gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un “atto di aggressione barbarica e terroristica”, lo hanno affermato le SDF in una nota. Questa mattina la Turchia ha continuato ad attaccare la regione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rojava: Foza Yûsif invita alla mobilitazione “Dichiariamo la resistenza totale”

Invitando alla mobilitazione contro lo Stato turco occupante, Foza Yûsif, membro del Consiglio di co-presidenza del PYD, ha dichiarato: “Dichiariamo la resistenza totale”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unità operativa rivoluzionaria di guerriglieri a Zap: “Noi non ci arrenderemo, ma il nemico sì”

Gerîla TV ha pubblicato un filmato del gruppo d’azione Girê Şehîd Pîrdogan che ha preso parte all’operazione rivoluzionaria per espellere l’esercito turco dalla regione occidentale di Zap, nelle zone di difesa di Medya controllate dalla guerriglia nel Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kalkan: la lotta del popolo palestinese per la libertà e la democrazia è sacra

Il membro del Consiglio esecutivo del PKK Durkan Kalkan ha parlato del nuovo contesto geopolitico, analizzando il ruolo della Cina e l’attuale guerra israeliana alla Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: l’ipocrisia di Erdogan e il ruolo di Ankara in Medio Oriente. Intervista a Murat Cinar

“La Turchia risulterà l’unico membro della famiglia Nato ad avere un dialogo con Hamas?”