InfoAut
Immagine di copertina per il post

Gli scioperi scoppiano quando i lavoratori essenziali statunitensi chiedono protezione durante la pandemia

||||

Abbiamo tradotto questo interessante reportage di Michael Sainato per il The Guardian che fa una panoramica sugli scioperi negli Stati Uniti nel contesto della pandemia. Scioperi che si stanno diffondendo a macchia d’olio tra i diversi settori essenziali per rivendicare il diritto alla salute, ma che stanno anche sollevando il problema del salario e delle garanzie. Buona lettura!

 

Condizioni di lavoro, salari bassi e mancanza di protezioni di sicurezza hanno scatenato proteste in vari settori

Scioperi selvaggi, astensioni e proteste sulle condizioni di lavoro sono scoppiati negli Stati Uniti durante la pandemia di coronavirus poiché i lavoratori “essenziali” hanno richiesto una retribuzione migliore e condizioni di lavoro più sicure. I leaders dei lavoratori sperano che le proteste possano portare a un cambiamento permanente.

Norma Kennedy, una dipendente di uno stabilimento di abbigliamento americano è una di quelle persone. Kennedy insieme a dozzine di altri lavoratori lasciò il lavoro a Selma, in Alabama, il 23 aprile dopo che due lavoratori risultarono positivi al coronavirus. La fabbrica è rimasta aperta durante la pandemia per fabbricare maschere per un contratto dell’esercito americano.

“Ci siamo fermati per la nostra stessa protezione”, ha detto Kennedy. “In precedenza, la direzione ha dichiarato che se qualcuno si fosse dimostrato positivo si sarebbe spento e avrebbe pulito l’impianto. Quando i lavoratori sono risultati positivi, non volevano spegnerlo. Non sono veramente preoccupati per i lavoratori “.

Condizioni di lavoro, salari bassi e mancanza di protezioni per la sicurezza hanno scatenato proteste in tutta la pandemia in quanto i lavoratori di vari settori, tra cui servizi alimentari, lavorazione della carne, vendita al dettaglio, produzione, trasporto e assistenza sanitaria, si sono uniti per protestare contro i problemi, molti dei quali erano già evidenti in precedenza il coronavirus.

“Non ci sono mandati o requisiti federali per implementare la guida sul distanziamento sociale o altro. È solo una guida e i datori di lavoro possono scegliere di implementarli o meno “, ha affermato Deborah Berkowitz, direttore della sicurezza e della salute dei lavoratori del National Employment Law Project. “Ed è per questo che, in un modo senza precedenti, stanno scioperando per attirare l’attenzione del pubblico sul fatto che le loro aziende non stanno proteggendo la loro sicurezza e salute”.

Roberto Echiveste, un camionista a El Paso, in Texas, per 10 anni, è stato uno dei centinaia di conducenti che si sono uniti in un convoglio di proteste attraverso El Paso venerdì 1 maggio. Durante la pandemia, Echiveste e altri conducenti hanno visto le loro tariffe di trasporto scendere da $ 2- $ 2,50 al miglio a un minimo di $ 0,50 al miglio.

40001

“Sto perdendo soldi solo per lavorare. L’ultima settimana che ho lavorato ho pagato $ 200 di tasca mia solo per tornare a casa “, ha detto Echiveste. “Devo pagare per lavorare e i broker di camion mantengono la maggior parte del taglio. Dobbiamo pagare in media $ 500 ogni volta che ci riforniamo, l’assicurazione costa circa $ 1.000 al mese e le parti per il mio camion sono tre o quattro volte più costose di una normale parte di automobile, e alcuni conducenti stanno ancora pagando il camion e il rimorchio. Da solo, pago oltre $ 2.300 al mese “.

Echiveste ha affermato che la protesta è stata coordinata su Facebook, e si unisce a suo fratello, suo padre e il suo vicino che sono tutti camionisti.

Proteste simili sono state organizzate da camionisti nel sud della California, in Arizona, a Sacramento, in California, a Lansing, nel Michigan, a Washington DC e a Chicago, nell’Illinois, per il calo delle tariffe di trasporto e delle condizioni di lavoro durante la pandemia.

I lavoratori dei fast-food con la lotta per $ 15 e una campagna sindacale hanno organizzato scioperi e proteste di un giorno in California, Illinois, Florida, Missouri e Tennessee durante la pandemia.

Ieshia Townsend, un lavoratore di McDonald a Chicago per cinque anni, ha partecipato a uno degli scioperi e ha lasciato il lavoro per protestare contro la mancanza di indennità di rischio, adeguati dispositivi di protezione individuale, ferie retribuite e mancanza di prestazioni di assicurazione sanitaria.

“I lavoratori come me stanno scioperando perché a McDonald e alle altre società da miliardi di dollari non importa di noi come lavoratori. A loro non importa se siamo al sicuro sul posto di lavoro, a loro non importa se siamo malati sul posto di lavoro “, ha detto Townsend, che ha anche subito tagli significativi al suo programma di lavoro durante la pandemia.

McDonald ha respinto gli scioperi come “attività limitata” e ha osservato che stanno concedendo il 10% della retribuzione guadagnata nel mese di maggio in bonus ai lavoratori dei negozi di proprietà dell’azienda, che rappresentano solo il 5% dei ristoranti di McDonald.

50001

Il 29 aprile, Braden Lauder, responsabile del turno di lavoro per un anno presso un Arby (altra catena di fast food statunitense, ndt) a Morris, Illinois, ha scioperato con i colleghi per la mancanza di indennità di rischio, la mancanza di dispositivi di protezione individuale e la carenza di personale.

“Siamo a corto di personale, sottopagati e sottovalutati”, ha detto Lauder. Guadagna $ 12 l’ora come manager di turno e ha notato che molti dei suoi collaboratori guadagnano meno di $ 10 l’ora. “Allo stesso tempo, sono un manager di turno, quindi faccio le scartoffie per le vendite che facciamo ogni giorno e so per certo che ora siamo più occupati di quanto non siamo mai stati in qualsiasi altro momento da quando ho iniziato quasi un anno fa.”

Arby non ha commentato la mancanza di indennità di pericolo. “La sicurezza dei membri del nostro team e degli ospiti continua ad essere la nostra massima priorità. Questo è stato un incidente isolato che si è verificato in un luogo in franchising e apprendiamo dal proprietario che tutte le parti sono impegnate in un dialogo aperto “, ha detto un portavoce di Arby.

L’11 maggio, più di 100 conducenti di Uber a San Francisco hanno organizzato una carovana di protesta fuori dalla sede centrale di Uber in seguito alla riunione degli azionisti virtuali della società per chiedere a Uber di versare finanziamenti per un’iniziativa di voto per l’abrogazione dell’Assembly Bill 5 (AB5), entrata in vigore il 1 ° gennaio 2020.

L’AB5 classifica i conducenti come dipendenti, garantendo ai conducenti diritti quali il salario minimo e l’accesso alla disoccupazione e alle indennità per i lavoratori. Uber ha dedicato una spesa di almeno $ 30 milioni all’iniziativa di voto per abrogare la legge.

“Riteniamo che il denaro potrebbe essere utilizzato per supportare i conducenti durante questa crisi”, ha dichiarato Mekela Edwards, autista Uber nella zona di San Francisco, in California, per circa un anno. “Questa crisi, personalmente per me, mi ha appena mostrato quanto sono vulnerabile come conducente”.

Edwards non è stata in grado di lavorare a causa del suo medico che la ha indirizzata all’autoisolamento durante la pandemia. Ci sono volute diverse settimane prima che iniziasse a ricevere sussidi di disoccupazione e non ha ancora ricevuto una risposta alla sua domanda di congedo per malattia retribuito da Uber.

“Ho fatto domanda, ho inviato la nota del medico, compilato la domanda, inviato i miei documenti e non ho ancora avuto notizie da Uber”, ha aggiunto Edwards.

Uber e American Apparel non hanno risposto a ulteriori richieste di un commento sulla vicenda.

Sharon Block, direttore esecutivo del Labor and Worklife Program presso la Harvard Law School, ha dichiarato che è troppo presto per dire se queste azioni dei lavoratori negli Stati Uniti avranno un impatto duraturo.

“Questi scioperi mostrano che i lavoratori essenziali non vogliono più essere trattati come se fossero usa e getta. Chiedono voce su come le loro aziende rispondono alla pandemia. Avere una voce è una questione di vita o di morte ora più che mai ”, ha affermato Block. “Il successo dipenderà dal fatto che i consumatori e i responsabili politici saranno ispirati dal coraggio di questi lavoratori”.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

CORONAVIRUSlavoratoriscioperiUsa

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

48 palestinesi di Gaza torturati a morte da Israele

Quarantotto detenuti palestinesi di Gaza sono stati torturati a morte durante la loro detenzione dall’esercito israeliano, ha riferito Haaretz. L’esercito afferma che sta conducendo indagini penali sulle morti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nantes: rivoluzione o barbarie?

È questa l’alternativa proposta dallo striscione in testa alla manifestazione di Nantes

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Quella di ieri è stata una giornata di lotta potentissima per l’Intifada studentesca!

Siamo partitə da Palazzo Nuovo occupato con un corteo di 2000 persone che si è ripreso le strade della città alzando il grido “Palestina libera”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Libano: sale la tensione al confine. Israele vuole allargare il fronte

“Siamo pronti ad un’azione molto forte nel nord”, ha detto il premier israeliano, Benyamin Netanyahu, che questa mattina ha visitato Kiryat Shmona, dove ieri sono divampati gli incendi dopo il lancio di droni di Hezbollah dal Libano.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stanco dopo otto mesi dall’inizio della guerra di Gaza, l’esercito israeliano è sull’orlo del “collasso”

Mentre l’esercito israeliano si trova ad affrontare gravi carenze di uomini, stanchezza e diserzione e la dirigenza politica si concentra sulla sua sopravvivenza, un alto generale israeliano prevede che la fine di Israele sia vicina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

“La Palestina è un laboratorio: così Israele esporta la tecnologia dell’occupazione”

Armi, tecnologie della sorveglianza, droni, tattiche e repressione: Antony Loewenstein, giornalista australiano e nipote di ebrei tedeschi rifugiati, racconta come la Palestina sia diventata il luogo perfetto per gli affari dell’industria militare israeliana.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’alleanza anticoloniale. Dalle ultime proteste in Francia in solidarietà alla Palestina

Dopo l’intervista di Netanyahu alla tv nazionale TF1, le proteste a favore della Palestina in Francia hanno raggiunto un livello ineguagliato di rabbia e intensità rispetto alle manifestazioni precedenti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: migliaia al corteo del 2 giugno. Cariche vicino al consolato USA

2 giugno: Festa della Contro Repubblica, l’appello dei Giovani Palestinesi alla mobilitazione in occasione della Festa della Repubblica, divenuta secondo i e le manifestanti “Festa di celebrazione della guerra”, ha visto l’adesione di diverse città italiane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Yesh Gvul: aumento senza precedenti del rifiuto dell’arruolamento nella guerra di Gaza

Mercoledì, un movimento israeliano di sinistra ha riferito di un aumento senza precedenti del numero di israeliani che si rifiutano di prestare servizio militare nella guerra in corso nella Striscia di Gaza, riferisce l’agenzia Anadolu.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Università per Gaza (encore)

Puntata speciale in diretta da Palazzo Nuovo a Torino, facoltà occupata da alcuni giorni all’interno dell’ondata di mobilitazioni partita dai campus statunitensi e giunta nelle ultime settimane in Europa

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’Europa morirà americana?*

Qual è oggi lo stato dei rapporti transatlantici nel quadro del conflitto ucraino e sullo sfondo del montante scontro Usa/Cina?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il famoso storico Pappé fermato e interrogato dall’FBI negli USA

L’Impero egemone in caduta libera, insieme allo stato paria e genocida israeliano ormai sono impazziti.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Una luce di speranza

La grande rivolta giovanile nelle università degli Stati Uniti non smette di crescere e mostra una meraviglia di organizzazione e l’incredibile diversità di coloro che vogliono fermare il genocidio a Gaza, arrivando a contagiare anche l’Europa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rafah: le trattative tra Israele e Hamas e il sostegno (apparentemente) in bilico degli Stati Uniti.

Un approfondimento con Eliana Riva, caporedattrice di Pagine Esteri, sullo stato delle trattative in corso al momento al Cairo tra la resistenza palestinese e Israele..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’America Latina al crocevia. Tensioni geopolitiche e la sfida dell’Unità Regionale

Il mese di aprile del 2024 ha tratto con sé una rivelazione di grande impatto: un rapporto fatto trapelare dall’ambasciata degli Stati Uniti in Bolivia, meticolosamente elaborato dal Centro di Studi Geopolitici Multidisciplinari (CEGM), getta luce sul nuovo e ambizioso piano di ricolonizzazione dell’America Latina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada Studentesca: le tende per Gaza stanno diventando un movimento globale

A quasi sette mesi dallo scoppio della guerra a Gaza, in numerose università del mondo sta montando la protesta degli studenti contro la risposta militare di Israele.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA: Columbia occupata, iniziano le sospensioni, prosegue la repressione poliziesca. Centinaia di arresti

Il campus di New York è off limits anche alla stampa. E i ragazzi erigono le barricate. La Polizia entra a Columbia, centinaia di arresti