InfoAut
Immagine di copertina per il post

Gli scioperi scoppiano quando i lavoratori essenziali statunitensi chiedono protezione durante la pandemia

||||

Abbiamo tradotto questo interessante reportage di Michael Sainato per il The Guardian che fa una panoramica sugli scioperi negli Stati Uniti nel contesto della pandemia. Scioperi che si stanno diffondendo a macchia d’olio tra i diversi settori essenziali per rivendicare il diritto alla salute, ma che stanno anche sollevando il problema del salario e delle garanzie. Buona lettura!

 

Condizioni di lavoro, salari bassi e mancanza di protezioni di sicurezza hanno scatenato proteste in vari settori

Scioperi selvaggi, astensioni e proteste sulle condizioni di lavoro sono scoppiati negli Stati Uniti durante la pandemia di coronavirus poiché i lavoratori “essenziali” hanno richiesto una retribuzione migliore e condizioni di lavoro più sicure. I leaders dei lavoratori sperano che le proteste possano portare a un cambiamento permanente.

Norma Kennedy, una dipendente di uno stabilimento di abbigliamento americano è una di quelle persone. Kennedy insieme a dozzine di altri lavoratori lasciò il lavoro a Selma, in Alabama, il 23 aprile dopo che due lavoratori risultarono positivi al coronavirus. La fabbrica è rimasta aperta durante la pandemia per fabbricare maschere per un contratto dell’esercito americano.

“Ci siamo fermati per la nostra stessa protezione”, ha detto Kennedy. “In precedenza, la direzione ha dichiarato che se qualcuno si fosse dimostrato positivo si sarebbe spento e avrebbe pulito l’impianto. Quando i lavoratori sono risultati positivi, non volevano spegnerlo. Non sono veramente preoccupati per i lavoratori “.

Condizioni di lavoro, salari bassi e mancanza di protezioni per la sicurezza hanno scatenato proteste in tutta la pandemia in quanto i lavoratori di vari settori, tra cui servizi alimentari, lavorazione della carne, vendita al dettaglio, produzione, trasporto e assistenza sanitaria, si sono uniti per protestare contro i problemi, molti dei quali erano già evidenti in precedenza il coronavirus.

“Non ci sono mandati o requisiti federali per implementare la guida sul distanziamento sociale o altro. È solo una guida e i datori di lavoro possono scegliere di implementarli o meno “, ha affermato Deborah Berkowitz, direttore della sicurezza e della salute dei lavoratori del National Employment Law Project. “Ed è per questo che, in un modo senza precedenti, stanno scioperando per attirare l’attenzione del pubblico sul fatto che le loro aziende non stanno proteggendo la loro sicurezza e salute”.

Roberto Echiveste, un camionista a El Paso, in Texas, per 10 anni, è stato uno dei centinaia di conducenti che si sono uniti in un convoglio di proteste attraverso El Paso venerdì 1 maggio. Durante la pandemia, Echiveste e altri conducenti hanno visto le loro tariffe di trasporto scendere da $ 2- $ 2,50 al miglio a un minimo di $ 0,50 al miglio.

40001

“Sto perdendo soldi solo per lavorare. L’ultima settimana che ho lavorato ho pagato $ 200 di tasca mia solo per tornare a casa “, ha detto Echiveste. “Devo pagare per lavorare e i broker di camion mantengono la maggior parte del taglio. Dobbiamo pagare in media $ 500 ogni volta che ci riforniamo, l’assicurazione costa circa $ 1.000 al mese e le parti per il mio camion sono tre o quattro volte più costose di una normale parte di automobile, e alcuni conducenti stanno ancora pagando il camion e il rimorchio. Da solo, pago oltre $ 2.300 al mese “.

Echiveste ha affermato che la protesta è stata coordinata su Facebook, e si unisce a suo fratello, suo padre e il suo vicino che sono tutti camionisti.

Proteste simili sono state organizzate da camionisti nel sud della California, in Arizona, a Sacramento, in California, a Lansing, nel Michigan, a Washington DC e a Chicago, nell’Illinois, per il calo delle tariffe di trasporto e delle condizioni di lavoro durante la pandemia.

I lavoratori dei fast-food con la lotta per $ 15 e una campagna sindacale hanno organizzato scioperi e proteste di un giorno in California, Illinois, Florida, Missouri e Tennessee durante la pandemia.

Ieshia Townsend, un lavoratore di McDonald a Chicago per cinque anni, ha partecipato a uno degli scioperi e ha lasciato il lavoro per protestare contro la mancanza di indennità di rischio, adeguati dispositivi di protezione individuale, ferie retribuite e mancanza di prestazioni di assicurazione sanitaria.

“I lavoratori come me stanno scioperando perché a McDonald e alle altre società da miliardi di dollari non importa di noi come lavoratori. A loro non importa se siamo al sicuro sul posto di lavoro, a loro non importa se siamo malati sul posto di lavoro “, ha detto Townsend, che ha anche subito tagli significativi al suo programma di lavoro durante la pandemia.

McDonald ha respinto gli scioperi come “attività limitata” e ha osservato che stanno concedendo il 10% della retribuzione guadagnata nel mese di maggio in bonus ai lavoratori dei negozi di proprietà dell’azienda, che rappresentano solo il 5% dei ristoranti di McDonald.

50001

Il 29 aprile, Braden Lauder, responsabile del turno di lavoro per un anno presso un Arby (altra catena di fast food statunitense, ndt) a Morris, Illinois, ha scioperato con i colleghi per la mancanza di indennità di rischio, la mancanza di dispositivi di protezione individuale e la carenza di personale.

“Siamo a corto di personale, sottopagati e sottovalutati”, ha detto Lauder. Guadagna $ 12 l’ora come manager di turno e ha notato che molti dei suoi collaboratori guadagnano meno di $ 10 l’ora. “Allo stesso tempo, sono un manager di turno, quindi faccio le scartoffie per le vendite che facciamo ogni giorno e so per certo che ora siamo più occupati di quanto non siamo mai stati in qualsiasi altro momento da quando ho iniziato quasi un anno fa.”

Arby non ha commentato la mancanza di indennità di pericolo. “La sicurezza dei membri del nostro team e degli ospiti continua ad essere la nostra massima priorità. Questo è stato un incidente isolato che si è verificato in un luogo in franchising e apprendiamo dal proprietario che tutte le parti sono impegnate in un dialogo aperto “, ha detto un portavoce di Arby.

L’11 maggio, più di 100 conducenti di Uber a San Francisco hanno organizzato una carovana di protesta fuori dalla sede centrale di Uber in seguito alla riunione degli azionisti virtuali della società per chiedere a Uber di versare finanziamenti per un’iniziativa di voto per l’abrogazione dell’Assembly Bill 5 (AB5), entrata in vigore il 1 ° gennaio 2020.

L’AB5 classifica i conducenti come dipendenti, garantendo ai conducenti diritti quali il salario minimo e l’accesso alla disoccupazione e alle indennità per i lavoratori. Uber ha dedicato una spesa di almeno $ 30 milioni all’iniziativa di voto per abrogare la legge.

“Riteniamo che il denaro potrebbe essere utilizzato per supportare i conducenti durante questa crisi”, ha dichiarato Mekela Edwards, autista Uber nella zona di San Francisco, in California, per circa un anno. “Questa crisi, personalmente per me, mi ha appena mostrato quanto sono vulnerabile come conducente”.

Edwards non è stata in grado di lavorare a causa del suo medico che la ha indirizzata all’autoisolamento durante la pandemia. Ci sono volute diverse settimane prima che iniziasse a ricevere sussidi di disoccupazione e non ha ancora ricevuto una risposta alla sua domanda di congedo per malattia retribuito da Uber.

“Ho fatto domanda, ho inviato la nota del medico, compilato la domanda, inviato i miei documenti e non ho ancora avuto notizie da Uber”, ha aggiunto Edwards.

Uber e American Apparel non hanno risposto a ulteriori richieste di un commento sulla vicenda.

Sharon Block, direttore esecutivo del Labor and Worklife Program presso la Harvard Law School, ha dichiarato che è troppo presto per dire se queste azioni dei lavoratori negli Stati Uniti avranno un impatto duraturo.

“Questi scioperi mostrano che i lavoratori essenziali non vogliono più essere trattati come se fossero usa e getta. Chiedono voce su come le loro aziende rispondono alla pandemia. Avere una voce è una questione di vita o di morte ora più che mai ”, ha affermato Block. “Il successo dipenderà dal fatto che i consumatori e i responsabili politici saranno ispirati dal coraggio di questi lavoratori”.

 

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

CORONAVIRUSlavoratoriscioperiUsa

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cile: La polizia reprime una marcia in onore di un dirigente mapuche assassinato dai carabinieri nel 2018

La Polizia di Santiago (Cile) ha utilizzato la violenza per reprimere e disperdere le manifestazioni realizzate questo lunedì per il quarto anniversario dell’assassinio del comunero mapuche Camilo Catrillanca, che morì dopo che i carabinieri gli spararono alle spalle.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Autonomie nel Wall Mapu: territori in resistenza

Un mare di pini verdi tappezza la vasta superficie ondulata, dalle profonde valli fino alle altissime cime. Quando la distanza si tramuta in vicinanza, quando ci addentriamo nelle eterogenee piantagioni, il silenzio e la monotonia trasformano quel mare in un deserto disabitato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Iran: sciopero generale nel 60° giorno della rivolta. Il parlamento vota la condanna a morte per chi manifesta nelle strade

Sciopero generale ieri in Iran in occasione del terzo anniversario della rivolta del novembre 2019 che coincide col 60 giorno di rivolta iniziata il 16 settembre con l’omicidio di Mahsa Amini, giovane curda di 22 anni.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Udai Tamimi, la Fossa dei Leoni è la culla popolare della resistenza palestinese

La capacità di Udai di effettuare due operazioni in aree di importanza strategica per lo stato israeliano ed eludere l’arresto per 12 giorni ha catturato l’attenzione dei media popolari mentre l’esercito israeliano assediava il campo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Atene: tra scioperi e rivolte da non dimenticare

Il percorso di mobilitazioni su carovita e contro la guerra continua il 17 novembre, giorno in ricordo della rivolta di Politecnio, una protesta che  si svolse presso il Politecnico di Atene a partire dal 14 novembre 1973 nell’ambito di una massiccia manifestazione studentesca sul rifiuto popolare della giunta militare greca e terminò in uno spargimento di sangue al mattino del 17 novembre, quando un carro armato sfondò i cancelli del campus e furono massacrati 24 civili.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nazione Mapuche: Due organizzazioni rivendicano azioni di sabotaggio “contro la visita di Gabriel Boric e la sua subordinazione all’oligarchia”

Due organizzazioni ribelli, cioè: la Resistenza Mapuche Lavkenche (RML), e l’ORT (Organizzazione di Resistenza Territoriale) “Toño Marchant” del CAM, hanno rivendicato il sabotaggio di un campo di lavoro forestale contro la visita di Gabriel Boric e le sue posizioni sempre più reazionarie riguardo al popolo originario.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il movimento curdo nega il proprio coinvolgimento nell’attentato di Istanbul

Dopo l’attentato di ieri ad Istanbul che ha provocato sei morti e decine di feriti il governo di Erdogan ha immediatamente accusato il PKK e le Ypg/Ypj di essere responsabili dell’attentato. Il movimento curdo ha respinto con forza queste accuse e ha denunciato un piano oscuro del dittatore turco per colpire Kobane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro il “Nido delle Vespe”: l’ascesa della Brigata Jenin

l campo profughi di Jenin è stato trasformato in una “zona liberata” dalle fazioni della resistenza armata. Ora la resistenza spera che il modello Jenin si diffonda in altre parti della Cisgiordania.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: Festa o no nella favela?

Qual è il futuro della relazione dello stato con le periferie urbane?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

First strike: tra opposizione e realtà di una guerra ancora lunga.

La cosiddetta dottrina Biden apre a una serie di considerazioni rispetto alla guerra russa-ucraina rispetto alla sua possibile escalation e minando il campo delle ipotesi di risoluzione del conflitto.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Black Friday: un buon giorno per “far pagare Amazon”

La “stagione di punta” dello shopping è il momento giusto per azioni coordinate. Dall’Italia agli Usa, la lotta sindacale nel gigante antisindacale

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Stati Uniti e Cina allo scontro globale

Riprendiamo di seguito l’introduzione del nuovo libro di Raffaele Sciortino uscito per Asterios: Stati Uniti e Cina allo scontro globale. Strutture, strategie, contingenze.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le elezioni di Mid-Term negli USA. Un nuovo terremoto?

Le elezioni di Mid-Term si annunciano come una probabile sconfitta per il presidente in carica Biden. A pesare sarebbe l’incipiente recessione, l’inflazione che non accenna a diminuire e la percezione di insicurezza economica e sociale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cuba: all’ONU voto schiacciante contro il Bloqueo, ma resta in vigore per il veto USA

Il rapporto presentato all’Onu sulle sanzioni Usa in occasione del voto mostra che “solo fra agosto 2021 e febbraio 2022, questa politica unilaterale degli Usa, in vigore ormai da 60 anni, ha causato a Cuba perdite dell’ordine di quasi 4 miliardi di dollari.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA: all’interno del vasto reclutamento di Lookheed Martin nei campus universitari

Abbiamo tradotto da In These Times questa lunga ed articolata inchiesta a firma Indingo Oliver sui rapporti tra università ed industria della difesa negli Stati Uniti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il clima come arma

Qual è il nesso, davvero, tra cambiamenti climatici e sicurezza?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La strategia di sicurezza nazionale di Biden

Alla luce di tali linee strategiche risultano più chiare anche al lettore medio le cause profonde della guerra in atto in Ucraina e le crescenti tensioni in Estremo Oriente sia rispetto alla questione di Taiwan che alla penisola di Corea.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Lecco: Condannato delegato sindacale per aver denunciato i guasti della malasanità

Il Tribunale di Lecco ha condannato a 8 mesi di reclusione Francesco Scorzelli delegato sindacale dell’ USB Unione Sindacale Di Base. Aveva denunciato su Facebook e non solo all’inizio della pandemia di Covid-19 la disastrosa situazione della Sanità lombarda – nello specifico della ASST di Lecco – accusando l’operato di una dirigenza manifestamente e volutamente […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Prove di internazionalizzazione del renminbi yuan e de-dollarizzazione

Riprendiamo da ACrO-Polis questo estratto del nuovo libro di Raffaele Sciortino, “Cina e Usa allo scontro nella crisi globale”, la cui uscita è prevista per ottobre. Buona lettura! “Tutto ciò rimanda, giova ricordarlo, alla complessa strutturazione dell’imperialismo finanziario del dollaro, che ha preso forma all’indomani della crisi degli anni Settanta facendo da base per la […]