InfoAut
Immagine di copertina per il post

Ecuador: In una settimana sono saliti a 1.500 gli arrestati

Da quando Noboa ha dichiarato che il paese vive un “conflitto interno” sono più di 1.500 i detenuti. Le Forze Armate hanno arrestato in alto mare 21 persone che trasportavano nelle loro imbarcazioni un carico sospetto di contenere tonnellate di droga. Il Consiglio della Magistratura ha nominato sette nuovi giudici specializzati nella lotta contro il crimine organizzato.

Le Forze Armate e la Polizia dell’Ecuador hanno già arrestato 1.534 persone ad una settimana dello scoppio del “conflitto armato interno” contro le bande criminali, mentre il Consiglio della Magistratura ha nominato sette nuovi giudici specializzati nella lotta contro la corruzione e il crimine organizzato.

L’agenzia di notizie Europa Press ha informato che almeno cinque presunti delinquenti, dichiarati “terroristi” secondo il decreto presidenziale, sono morti in operazioni dell’Esercito e della Polizia in zone del paese con alti indici di criminalità. Per quanto riguarda la situazione delle carceri, le forze di sicurezza hanno dichiarato in un comunicato di aver potuto catturare finora un totale di 27 prigionieri che erano fuggiti.

Lunedì il presidente Daniel Noboa ha affermato che dopo gli ultimi interventi stanno recuperando il controllo dei centri penitenziari. In questo senso, si è riusciti a liberare 200 funzionari e lavoratori che operavano nelle carceri, così come una decina di poliziotti che erano stati presi come ostaggi da questi gruppi, ha specificato il quotidiano ecuadoriano El Universo. Secondo l’autorità carceraria (SNAI), durante la settimana in cui i narco hanno controllato le carceri, sono giunti a tenere 178 ostaggi e 19 persone sono morte.

L’origine dell’aumento della violenza

La crisi è cominciata domenica 7 di questo mese, quando Adolfo Macías, capo della principale banda criminale della nazione conosciuta come “Los Choneros”, è scomparso dalla sua prigione nel porto di Guayaquil, a sudest del paese. Alla sua fuga è seguito un violento attacco: assassinii, ammutinamenti nella carceri, funzionari delle prigioni presi dai detenuti, poliziotti sequestrati, reclusi fuggiti, attacchi con esplosivi e l’occupazione di una canale televisivo che trametteva in diretta.

Centinaia di soldati e poliziotti continuano a cercare il capo narco, mentre da lunedì della scorsa settimana vige uno stato d’emergenza di 60 giorni in tutto il paese, inclusi i penitenziari, e un coprifuoco di sei ore. L’Esercito della Colombia sospetta che Macías abbia attraversato il confine del suo territorio, dove ci sono le maggiori coltivazioni di coca del mondo.

Nuovi giudici anticorruzione

Nel frattempo, il Consiglio della Magistratura dell’Ecuador ha nominato sette nuovi giudici specializzati nella lotta contro la corruzione e il crimine organizzato. Quattro di loro si sono uniti all’Unità di Garanzie Penali e tre faranno parte di un nuovo Tribunale, con sede nella provincia di Pichincha, la cui capitale è Quito.

Con questa designazione, realizzata in una plenaria straordinaria del Consiglio della Magistratura, l’Ecuador giunge a 23 amministratori di giustizia specializzati in queste due problematiche che colpiscono il territorio. “Contribuiranno al procedimento giudiziario della cause che sono iniziate negli ultimi giorni, per l’applicazione del decreto esecuto 111, mediante il quale l’Ecuador è stato dichiarato in stato di ‘conflitto interno armato’”, ha precisato in un comunicato la Magistratura, il massimo organo di governo dei magistrati ecuadoriani.

Operazione in mare

Da un’altra parte, in alto mare almeno 21 persone sono state arrestate dalla Marina dell’Ecuador mentre navigavano in un gruppo di imbarcazioni con a bordo circa 3,2 tonnellate di sostanze sospette di essere droga, secondo quanto ha informato il comandante generale della Polizia Nazionale, César Zapata.

La Marina ecuadoriana ha precisato in un comunicato che gli arrestati si stavano trasferendo su una nave cisterna e sei battelli caricati con 80 pacchi che conterrebbero “sostanze soggette a fiscalizzazione” e la cui destinazione sarebbe il Centroamerica. L’intercettazione di queste imbarcazioni è avvenuta a circa 429 chilometri da Manta, città situata nella costa centrale dell’Ecuador.

Circondato dalla Colombia e dal Perù, i due maggiori produttori mondiali di cocaina, l’Ecuador negli ultimi anni si è trasformato in un punto chiave del traffico mondiale di questa droga, servendosi le mafie dei suoi porti e delle sue coste per inviare tonnellate di carico verso l’Europa e il Nordamerica. Questo lo ha anche convertito nel terzo paese al mondo che sequestra più droga, dietro solo alla Colombia e agli Stati Uniti, dato che ha superato le 200 tonnellate di stupefacenti confiscati annualmente, volume che si è ripetuto negli ultimi tre anni.

Morti di minorenni

Al ritmo di questa crescita, negli ultimi quattro anni è anche aumento del 640% il tasso di omicidi di minorenni in Ecuador, giungendo a registrare 770 morti nel 2023 difronte alle 104 del 2019, ha denunciato attraverso un comunicato il Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia (UNICEF). “Negli ultimi mesi, le morti di bambini, bambine e adolescenti sono andate alle stelle a causa del drammatico aumento della delinquenza in varie parti dell’Ecuador. Anche il reclutamento forzato di adolescenti da parte di gruppi armati sta aumentando, e i centri sanitari e le scuole stanno venendo assediati”, ha affermato il direttore generale dell’UNICEF per il Latinoamerica e i Caraibi, Garry Conille.

In questo senso, Conille si è lamentato che l’interruzione su grande scala dei servizi basici in zone controllate da questi gruppi armati non solo sta mettendo più bambini a rischio di essere reclutati, ma sta anche impedendo l’accesso alla salute, all’educazione e alla protezione di centinaia di migliaia di persone. Questo deterioramento della situazione ha portato alla chiusura temporanea delle scuole in tutto il paese, privando di centri educativi adeguati più di 4,3 milioni di bambini e bambine, secondo i dati forniti dall’organismo.

Immagine: AFP

17 gennaio 2024

Pagina/12

Traduzione a cura del Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

ecuadornarcotrafficostato d'emergenza

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: liberi di lottare contro la guerra e affianco al popolo palestinese

Alle 6 di stamani la polizia è andata a casa di 4 compagn per notificare l’applicazione dell’obbligo di firma e contestare vari reati per la manifestazione in solidarietà al popolo palestinese del 13.02 di quest’anno fuori le sedi della RAI di Napoli. da Laboratorio Politico Iskra Giovedi 18 luglio, Presidio h 10, Sede Rai via […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Combattenti stranieri per Israele: mercenari o guardiani “dell’unica democrazia” del Medio Oriente?

Israele sta usando i combattenti stranieri nella sua Guerra Genocida contro Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’INTIFADA NON SI FERMA NEANCHE IN ESTATE

Assemblea nazionale al Festival Alta Felicità venerdì 26/07/2024 ore 18.00 dell’Intifada Studentesca

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La partenza dei coloni israeliani è aumentata del 150% dal 7 ottobre

I media israeliani evidenziano un notevole aumento di coloni israeliani che lasciano la Palestina occupata, con preoccupazioni per la sicurezza e l’incolumità che guidano questa “migrazione inversa”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Mesopotamia: cos’è Hezbollah? Intervista a Fabio Merone

Grazie al contributo di Fabio Merone, ricercatore che si occupa di islam politico e, in generale, di politica nel mondo arabo, in questa puntata andiamo scopriamo il movimento sciita libanese Hezbollah (“Il partito di Dio”).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Regno Unito. L’analisi del voto e gli scenari di scontro possibile

Abbiamo chiesto a George, del collettivo politico e d’inchiesta militante Notes From Below, una panoramica sui risultati delle elezioni in UK e sulle conseguenze politiche per l’area britannica.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Italia: l’aeronautica militare e la marina nell’Indo-Pacifico. Continua l’investimento nell’ambito bellico

L’Aeronautica Militare va nell’Indo-Pacifico con un consistente numero di aeromobili e personale per partecipare all’esercitazione Pitch Black 2024 in Australia, alla Rising Sun 24 in Giappone, nonché per addestrarsi insieme alla Marina Militare in mare aperto.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Tempo delle elezioni e tempo della rivolta.

Alla luce di alcuni momenti di mobilitazione degli ultimi giorni a cui abbiamo avuto occasione di partecipare, raccogliendo testimonianze e punti di vista, proviamo a tratteggiare qualche considerazione sull’attuale situazione in Francia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le “Dita” di Netanyahu a Gaza ricordano i passati fallimenti israeliani

Ciò che Netanyahu sta cercando di attuare a Gaza è una copia scadente delle strategie precedenti utilizzate da altri leader israeliani

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: il sessennio “si chiude con repressione, sangue e sequestro dei popoli da parte dello stato”

“Il sessennio di Andrés Manuel López Obrador si chiude con repressione, sangue e sequestro da parte dello stato dei popoli che difendono il proprio territorio ed esercitano i propri diritti all’autodeterminazione, alla protesta, alla libertà d’espressione e ad un ambiente sano”

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: i Me`phaa di Tilapa creano sistema di giustizia a difesa del loro territorio

Il popolo Me`phaa di Tilapa, Guerrero, ha presentato il proprio sistema di giustizia denominato Sicurezza di Protezione Territoriale Indigena (Serti), per “difendere il territorio da una prospettiva indigena, olistica e integrale”, di fronte alle minacce di progetti minerari, saccheggio territoriale e controllo dei gruppi del crimine organizzato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sudamerica: crisi diplomatica dopo l’assalto della polizia ecuadoregna all’ambasciata del Messico a Quito.

Il presidente messicano Obrador ha annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche con l’Ecuador, dopo che la polizia ha fatto irruzione nell’ambasciata messicana a Quito per arrestare l’ex vicepresidente Jorge Glas, legato all’ex presidente Correa, da tempo rifugiatosi in Europa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: Per la violenza migliaia di persone sono obbligate a sfollare nella regione Sierra e a Frontera nel Chiapas

Migliaia di persone dei municipi chiapanechi di Chicomuselo, Socoltenango e La Concordia sono state obbligate a sfollare dalle proprie comunità per la violenza provocata da gruppi del crimine organizzato e dalle forze armate, dopo lo scontro tra cartelli del passato 15 gennaio e l’irruzione dell’esercito e della Guardia Nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ecuador: Una guerra contro il movimento indigeno

Il decreto di Conflitto Armato Interno emesso dal governo di Daniel Noboa “si inscrive in modo diretto nella Dottrina dello Shock come condizione di possibilità per l’aggiustamento economico”, sostiene l’economista ecuadoriano Pablo Dávalos.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Ecuador si apre all’intervento militare degli Stati Uniti

La violenza e l’insicurezza che da più di un lustro imperano in Ecuador, promosse da una successione di governi di destra, ha raggiunto oggi una nuova pietra miliare, dopo che il 2023 si è chiuso con circa 8 mila morti violente, il tasso più alto nel numero di assassinati nella storia del paese, e quasi il doppio rispetto alle più di 4 mila avvenute un anno prima.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Ecuador: “L’opacità è una strategia di controinsurrezione”. Intervista a Raquel Gutiérrez

In questo Paese, dal 2021, sono stati denunciati circa 500 assassinii nelle carceri e, allo stesso tempo, il numero di omicidi aumenta ogni giorno, soprattutto nei quartieri periferici delle città costiere come Esmeraldas e Guayaquil. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ecuador: degradazione allarmante

Domenica l’Ecuador è entrato in un vortice di violenza e di decomposizione dello stato di diritto.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ecuador: un referendum ferma l’estrazione di petrolio nella foresta amazzonica

Si stima che in un solo ettaro del parco Yasunì ci siano più specie animali che in tutta l’Europa e più specie vegetali che in tutto il Nord America.