InfoAut
Immagine di copertina per il post

Cemil Bayık parla dei nuovi attacchi turchi al Rojava e dei recenti sviluppi in Medio Oriente.

Abbiamo tradotto questa intervista a Cemil Bayik apparsa su ANF News

Nella seconda parte della sua intervista con Stêrk TV, il copresidente del Consiglio esecutivo della KCK Cemil Bayık ha parlato dei nuovi attacchi turchi al Rojava e dei recenti sviluppi in Medio Oriente.

La prima parte dell’intervista può essere letta qui.

Il 1° ottobre, due militanti del PKK, Rojhat Zîlan e Erdal Şahin, hanno compiuto un attacco ad Ankara che ha scosso il Paese. Lo Stato turco ha usato questo fatto come scusa per attaccare il Rojava [Siria del Nord].

Cosa c’entra l’azione di Ankara con gli attacchi al Rojava?

Prima di tutto, vorrei rendere omaggio ai compagni Rojhat ed Erdal. Questi amici hanno compiuto un dovere storico per il popolo curdo e per l’umanità. Hanno compiuto un grande sacrificio affrontando coraggiosamente il nemico. Hanno portato a termine la loro azione contro il Ministero degli Interni da dove viene controllato il genocidio curdo. Il nemico sta cercando di eliminare il popolo curdo e i nostri compagni hanno inviato un messaggio con la loro azione. In pratica diceva: “Volete eliminare il popolo curdo, ma noi non lo accettiamo. Coloro che vogliono eliminarci devono sapere che saremo noi a eliminare loro per primi”. Il popolo turco non può convivere con il genocidio del popolo curdo. Chi commette un genocidio contro il popolo curdo sta commettendo un genocidio a sua volta”. Con questa azione, gli amici hanno rivelato il vero volto dello Stato turco. Pertanto, questa azione è storica.

Con questa azione, la sporca propaganda dello Stato turco che afferma: “Abbiamo distrutto il PKK. Il PKK non esiste più, non può fare nulla, abbiamo assicurato la pace in Turchia, uccidiamo tanti guerriglieri ogni giorno” è stata vanificata.

È un dato di fatto che un governo che vive di omicidi e di propaganda è un governo fascista e genocida. L’azione ad Ankara ha reso nulla questa propaganda. Questa azione ha dimostrato ancora una volta che lo Stato turco sta ingannando tutti. Anche se c’è una guerra così grande, il governo dell’AKP-MHP la nega e cerca ancora di negare l’esistenza della questione curda. Cercano di nascondere la guerra in corso e cercano anche di nascondere alla società i soldati morti. Si propagandano sempre che stanno uccidendo i guerriglieri e che stanno mettendo fine al PKK, ma questa azione ha dimostrato che tutto questo è una menzogna. Il nemico è rimasto scioccato perché l’azione ha rivelato l’intera realtà dello Stato turco, perché ha annullato la loro propaganda, perché ha portato la realtà di questa guerra intensiva nel mezzo del loro Paese. Pertanto, non sapevano cosa fare. Volevano spezzare l’effetto di questa azione con dei contrattacchi.

Ogni giorno arrestano curdi nel Kurdistan settentrionale [Turchia sud-orientale] e chiamano questi arresti e detenzioni “Operazione Eroi”. Che eroismo hanno? Voglio dire, cosa hanno fatto per diventare eroi? Hanno persino messo questo nome per ingannare il popolo. I cittadini turchi devono chiedere conto ai responsabili degli arresti. Devono chiedersi: “È eroismo fare irruzione nelle case con tutte le forze, arrestare le persone, torturarle, insultarle, metterle in prigione? È questo l’eroismo?”. Ogni giorno lanciano attacchi nelle zone di difesa di Medya [aree controllate dalla guerriglia], facendo propaganda su quanti guerriglieri uccidono. Ma questa rimane solo propaganda. Perché anche quando non hanno martirizzato nemmeno un guerrigliero, ingannano in questo modo l’opinione pubblica e i Paesi stranieri. In realtà, il loro obiettivo era quello di lanciare un nuovo attacco al Rojava. Avevano già preso la decisione di attaccare il Rojava. A questo proposito, Erdoğan ha detto apertamente: “Abbiamo preso una decisione e stiamo aspettando il momento giusto”. Hanno attaccato il Rojava usando l’attacco ad Ankara come scusa. Hanno detto: “Gli aggressori provengono dal Rojava. Il Rojava è pericoloso per noi, quindi ci vendicheremo”. In questo modo hanno messo in pratica la decisione che avevano già preso in precedenza. Loro stessi e il mondo intero sanno che quegli amici non provenivano dal Rojava.

Ma lo Stato turco ha attaccato il Rojava perché è nemico di tutto ciò che è curdo. Prima di attaccare, hanno detto che le centrali elettriche, le fabbriche, in altre parole, qualsiasi cosa si trovi sul terreno e nel sottosuolo è il loro obiettivo, il loro esercito e l’intelligence attaccheranno tutto. Hanno minacciato che ogni terza parte deve ritirarsi, che nessuno deve ostacolarli. Hanno affermato che: “Chiunque si opponga a noi, prenderemo di mira anche loro”.

In realtà, la Turchia da sola non ha il potere di condurre questi brutali attacchi contro il Rojava. È stato per decisione della NATO e dell’America che hanno attaccato tutte queste località, perché è uno Stato membro della NATO. Se la NATO non dà il permesso, la Turchia non può compiere questi attacchi contro il Rojava e uccidere persone. Se non avessero approvato le decisioni dello Stato turco di attaccare, lo Stato turco non sarebbe stato in grado di compiere questi attacchi, e se lo avessero fatto, si sarebbero opposti. Lo Stato turco non obbedisce né alle leggi né alla morale della guerra. Fa quello che vuole. Perché vuole eliminare i curdi, ecco perché bombarda ovunque. Distrugge spazi abitativi, centrali elettriche, serbatoi d’acqua, magazzini di grano, impianti petroliferi, ospedali, fabbriche della popolazione. Come farà quella gente a vivere lì se tutto viene distrutto?

Questa è una grande immoralità e un crimine di guerra. Chi si arrende a questo sta collaborando con lo Stato turco. Il nostro popolo lo ha già dichiarato. Hanno detto che non lo accetteranno. Non lasceranno le loro terre, qualunque cosa facciano. Hanno detto: “Forse moriremo, ma moriremo nella nostra terra”. Hanno mostrato una posizione così determinata. Vorrei cogliere questa opportunità per ringraziare e congratularmi con il popolo del Rojava e commemorare i martiri del Rojava con gratitudine e porgere loro il mio rispetto e la mia stima.

Mentre Erdoğan compie questi attacchi contro il Rojava, dall’altra parte si presume che protegga Gaza. Come valuta questa situazione?

Erdoğan, la Turchia, il governo e l’opposizione si comportano in modo ipocrita. Credono di essere astuti e pensano di poter nascondere ciò che stanno facendo sotto gli occhi di tutti e che nessuno capirà. Si suppone che stiano proteggendo Gaza e la Palestina, ma chi prende come base il genocidio dei curdi non potrà mai essere amico del popolo palestinese. Ci sono due problemi fondamentali in Medio Oriente. Uno è la questione palestinese e l’altro è la questione curda. Finché questi due problemi non saranno risolti, ci saranno guerre e massacri e non ci sarà spazio per la libertà e la democrazia in Medio Oriente. Quando questi due problemi saranno risolti, il Medio Oriente sarà in pace, ci sarà un cambiamento, si svilupperanno la democrazia e la libertà. Le potenze egemoniche non vogliono mai che questi problemi vengano risolti, perché su di essi hanno costruito il loro sistema. Il sistema della modernità capitalista non vuole mai che i problemi vengano risolti. Per questo motivo, invece, crea sempre nuovi problemi.

Il nostro popolo, il popolo palestinese e i popoli della regione devono comprendere bene questa situazione. Vogliamo sviluppare un’alleanza curdo-araba. Perché sono questi i popoli del Medio Oriente che vengono lacerati, che affrontano gravi problemi, che subiscono ingiustizie, che affrontano costantemente guerre e genocidi. Così come tutti coloro che creano questi problemi sono insieme, i popoli curdo e palestinese devono opporsi insieme. Ecco perché parliamo di un’alleanza curdo-araba. Gli arabi sono stati divisi in 22 Stati e hanno diviso i curdi in 4 parti. Sono queste forze a succhiare il sangue del popolo curdo e arabo. Ecco perché i popoli curdo e arabo devono sviluppare la loro alleanza. Se questa alleanza si crea, può essere un grande passo verso la liberazione. Il problema del popolo palestinese non è un problema sorto solo oggi. È una questione sociale e storica. Per questo motivo il nostro movimento ha preso come base il popolo palestinese e la sua lotta nei suoi primi anni. Li ha trovati giusti, ha preso parte alla loro lotta e ne ha pagato il prezzo. Uno dei motivi per cui si è sviluppata la congiura internazionale contro il nostro movimento è il rapporto che abbiamo instaurato con i palestinesi e gli arabi. Dal giorno della sua fondazione, il nostro movimento si è basato sull’instaurazione di relazioni con i palestinesi e gli arabi. Siamo stati d’accordo con la loro lotta.

Ma vorrei fare alcune considerazioni. I metodi di Hamas non sono giusti e vanno criticati. Ma questo non giustifica l’utilizzo dei metodi sbagliati di Hamas come pretesto per attaccare il popolo palestinese. Per quanto i metodi di Hamas siano sbagliati, gli attacchi contro il popolo palestinese con questo pretesto sono altrettanto sbagliati. In questo modo, la situazione non si risolverà mai, ma si aggraverà. E causerà persino nuovi problemi nella regione. Questo è molto pericoloso. Pertanto, il popolo palestinese e quello ebraico dovrebbero riflettere su come vivere come fratelli e sorelle. Non dovrebbero insistere su uno Stato nazionale, perché lo Stato nazionale non risolverà mai i loro problemi. Anzi, peggiora i problemi di giorno in giorno. Alcuni sostengono che la soluzione per la Palestina sia uno Stato nazionale. Questo non è vero. Anche coloro che hanno uno Stato nazionale nella regione hanno ancora problemi e sono sfollati dalle loro terre. Quindi non è questa la soluzione. La soluzione sta nel paradigma di Rêber Apo. Lo sviluppo della “nazione democratica” è la soluzione. Dovrebbero prendere questo come base. Poi potranno risolvere i loro problemi. L’ultimo esempio di come lo Stato nazionale non sia una soluzione è la guerra armeno-azera. Entrambi hanno uno Stato. Ma ci sono grandi guerre e persino genocidi nelle loro regioni. Quindi, questa non è una soluzione. La soluzione è la filosofia di Rêber Apo, il paradigma che ha sviluppato per l’umanità. Tutti dovrebbero prenderla come base. È l’unico modo per risolvere i problemi.

La guerra tra l’esercito di occupazione dello Stato turco e la guerriglia continua. Cosa può dirci della guerra in corso nelle zone di difesa di Medya?

Ricordando i compagni Rojhat ed Erdal, così come i martiri degli Asayish a Dêrik e i martiri di Amed, vorrei commemorare ancora una volta tutti i martiri della lotta con gratitudine e rispetto. In questo momento è in corso una grande guerra tra noi e lo Stato turco. Lo Stato turco sta sviluppando molte tattiche per nascondere questa realtà. Ad esempio, non rivela mai l’identità dei suoi soldati morti. Ne annunciano solo uno o due. Inoltre, fanno costantemente dichiarazioni propagandistiche sul fatto che abbiamo ucciso tanti guerriglieri. Creano nella società la percezione di aver eliminato la guerriglia. A volte annunciamo compagni che sono stati martirizzati, e 10, 20 giorni dopo, forse anche un mese dopo, lo Stato turco dichiara di aver recentemente martirizzato questo compagno nell’ambito di un’operazione di intelligence. In questo modo cercano di ingannare tutti. Creano la percezione di aver avuto successo, di aver ottenuto dei risultati.

Per questo motivo, bombardano in continuazione e utilizzano anche armi vietate in tutto il mondo. Caricano i droni con esplosivi chimici e mirano a lanciarli sulle porte dei tunnel. In questo modo, vogliono impossessarsi dei tunnel e martirizzare i loro amici. Nonostante tutto questo, non stanno ottenendo risultati. I guerriglieri stanno dando prova di grande eroismo nelle condizioni più difficili. Vorrei congratularmi con i miei compagni dell’HPG e dell’YJA Star in questa occasione. Sono eroi non solo del popolo curdo, ma anche dell’umanità. Perché difendono l’umanità. Difendono i valori umani. Se non fosse stato per il KDP, lo Stato turco avrebbe perso questa guerra. Se lo Stato turco insiste ancora nella guerra, è solo con il sostegno del KDP. Il popolo curdo deve capirlo molto bene. Lo Stato turco, in particolare i media dell’AKP, sta conducendo una guerra psicologica e speciale. Proprio come Goebbels ingannava la gente con la sua propaganda durante l’era hitleriana in Germania, i media dell’AKP stanno facendo lo stesso. I loro canali mostrano giorno e notte come producono armi e quanto sia potente la loro tecnologia. In altre parole, stanno inviando il messaggio che lo Stato turco è militarmente molto forte, che è una potenza mondiale, che nessuno può più stare di fronte alla Turchia.

Stanno facendo una sporca propaganda. “Il PKK non è un movimento per la libertà, dietro di esso ci sono Stati stranieri che non vogliono che la Turchia si sviluppi e diventi più forte. Vogliono impedire la crescita della Turchia aiutando il PKK. Se queste potenze straniere non aiutano il PKK, questo non può sopravvivere. Questi Stati stanno usando il PKK per i loro interessi. Il PKK non vuole che scopriamo le risorse minerarie della Turchia e le mettiamo al servizio del popolo. Se scopriamo queste risorse minerarie, il popolo turco diventerà molto forte e si opporrà a tutti nel mondo. Se il popolo turco è povero, è a causa del PKK. Combattendo il PKK, gli Stati imperialisti ci impediscono di estrarre il petrolio, ci impediscono di estrarre i minerali, in modo che la Turchia rimanga povera”. Questo è il modo in cui fanno propaganda, quello che dicono alla gente.

In questo modo, vogliono legittimare la distruzione del PKK e il genocidio del popolo curdo. In questo modo intendono ottenere il sostegno del popolo turco e dei popoli del mondo. Tuttavia, è l’America stessa che ha portato l’AKP al potere. Sono l’America, la NATO e alcuni Stati europei a sostenere l’esecuzione della politica di genocidio in Turchia. Con il loro aiuto, rimangono al potere e portano avanti una politica di genocidio. Tutte le armi che usano appartengono alla NATO. C’è una cosa in cui l’AKP-MHP è esperto. È quella di capovolgere i fatti. È così che ingannano tutti. L’AKP sta applicando la stessa tattica che Goebbels applicò al popolo tedesco. Ecco perché nessuno sa cosa sia la verità e cosa siano le bugie. Sta conducendo una guerra così speciale. È così che porta avanti e rafforza il suo potere. Il nostro popolo e il popolo turco devono capirlo bene.

Ci sono stati negoziati tra il KDP e lo Stato turco, e anche tra l’Iran e lo Stato turco. Ci sono stati attacchi da parte dello Stato turco contro il campo profughi di Mexmûr [Makhmour] e ci sono attacchi quotidiani contro il Kurdistan meridionale. Come valuta i negoziati tra lo Stato turco e il KDP e lo Stato turco-iraniano?

Il KDP, in particolare la famiglia di Masoud Barzani, ha legato il suo destino alla Turchia. Sono completamente al servizio dello Stato turco. Lo aiutano non solo nel Kurdistan meridionale, ma ovunque. Inoltre, il KDP sta conducendo una speciale guerra psicologica contro il PKK. Militarmente, a livello di intelligence, in tutti i sensi, sta combattendo contro il PKK schierandosi con lo Stato turco. Ma anche al di fuori del Kurdistan meridionale, il KDP vuole tagliare i legami del PKK con tutti, isolarlo nel mondo, accerchiarlo, prenderne il controllo o eliminarlo. Ad esempio, alcuni nostri amici ci dicono: “Il KDP vi è più ostile dei turchi”. È vero. Barzani non solo sta aiutando lo Stato turco contro di noi nelle aree curde di Metîna, Girê Cudi e Avaşin, ma sta anche servendo la politica del genocidio. La nostra società deve chiedere conto di questo. La politica del KDP legittima tutto ciò che lo Stato turco fa contro il popolo curdo.

Inoltre, il rappresentante del KNK è stato assassinato a Hewlêr [Erbil], ma fino ad oggi non hanno rilasciato una sola dichiarazione, non hanno condannato, non hanno arrestato una sola persona. Ma quando è stata intrapresa un’azione contro la polizia turca ad Ankara, il KDP ha immediatamente condannato l’azione. Questo dimostra anche lo stato del KDP, da che parte sta e al servizio di chi. Perché ha condannato l’azione di Ankara? Quell’azione non era contro di loro, ma contro le forze di sicurezza turche che stanno commettendo un genocidio contro i curdi. Invece di compiacersene, la condannano. Ma perché non condannano coloro che hanno martirizzato Deniz? Perché non arrestano quell’assassino? Dicono: “Io sono il governo, ho il potere, ho le leggi, nessuno può fare niente qui”. In effetti, hanno stabilito un tale potere a Hewlêr che nessuno può muoversi. Ci sono telecamere ovunque. L’edificio del KNK è costantemente sorvegliato. Come è possibile che Deniz sia stato ucciso lì e che il KDP non arresti nessuno? Perché anche loro sono coinvolti in questo omicidio. Il KDP vuole trascinare l’Iraq nella politica che sta conducendo insieme allo Stato turco. Sta lavorando anche per questo. Il rappresentante iracheno ha avuto colloqui ad Ankara per giorni. Vogliono includere l’Iraq nei loro piani. Stanno cercando un modo per distruggere il PKK e completare il genocidio contro il popolo curdo.

A questo proposito, voglio mettere in guardia l’Iraq. L’Iraq non deve cadere nei giochi dei Barzani e dello Stato turco. Non hanno alcun interesse in queste politiche. Dovrebbero chiedere alla Turchia di risolvere il problema curdo con mezzi democratici. Gli interessi dell’Iraq vanno in questa direzione. Schierarsi con lo Stato turco e con i Barzani ed essere ostili ai curdi causerà grandi danni all’Iraq. I Barzani vogliono insediarsi in alcuni luoghi e l’insediamento dei Barzani significa l’insediamento dello Stato turco. Perché lo Stato turco e i Barzani stanno agendo insieme in molti luoghi, combattendo contro di noi. In alcuni luoghi, le loro forze sono a 100-150 metri di distanza l’una dall’altra. Alcuni luoghi sono stati costruiti dai turchi, ma quando se ne sono andati in inverno, li hanno consegnati ai Barzani. Ora i turchi li hanno attaccati di nuovo e hanno dato loro gli avamposti che i turchi avevano consegnato. Quindi stanno agendo insieme. Lo Stato turco ha dominato il Kurdistan meridionale in tutti i sensi. Hanno reso il Behdinan come una provincia dello Stato turco. Lo Stato turco si è insediato in ogni area. Agiscono in base a ciò che vuole lo Stato turco. In questo modo, il KDP serve completamente la politica di genocidio dello Stato turco. Tutti dovrebbero capirlo in questo modo.

Vuole aggiungere qualcosa?

I nostri amici internazionali hanno avviato una campagna per la libertà fisica di Rêber Apo e per il riconoscimento dello status del popolo curdo. La campagna cresce di giorno in giorno. Ora dobbiamo fare la nostra parte, partecipare alla campagna e portarla a termine. Questo è ciò che viene chiesto al nostro movimento e al nostro popolo. Pertanto, tutti i membri del nostro movimento, indipendentemente dalla loro posizione e dal loro ruolo, devono partecipare a questa campagna. Deve svolgere tutto il suo lavoro e le sue attività in modo legato a questa campagna. Dobbiamo agire su questa base fino alla conclusione della campagna. Questo è il nostro lavoro principale. Il ruolo principale spetta alle donne e ai giovani. Credo che le donne e i giovani saranno i promotori di questa iniziativa. Rafforzeranno la campagna.

Poiché siamo un movimento giovanile, mi rivolgo soprattutto ai giovani: dovete partecipare a questa campagna sviluppata dai nostri amici internazionali con tutto ciò che avete e garantire una forte partecipazione alla guerriglia. Perché siamo un movimento giovanile. I giovani devono prendere come base la guerra rivoluzionaria contro il genocidio e la guerra speciale. Su questa base devono adempiere ai loro doveri e alle loro responsabilità. Il nemico impone l’eroina, la violenza della prostituzione e lo spionaggio, e vuole far marcire la società in questo modo. D’altra parte, sta imponendo Hizbul-Kontra alla società. “Se non volete violenza, eroina e spionaggio, dovreste rivolgervi a Hibul-Kontra”, dicono. Stanno conducendo questa politica. È compito dei giovani vanificare questa politica. I giovani devono sollevare la lotta contro la violenza, lo spionaggio e l’eroina. Devono sapere che la politica dello Stato turco nella nostra società, soprattutto tra i giovani, è molto pericolosa. I giovani devono opporsi a questa politica, organizzarsi e partecipare alla guerra popolare rivoluzionaria.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

curdilotta liberazionemedio orientepalestinaRojava

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: un altro sabato di mobilitazione popolare in tutta Italia

Giornata di mobilitazione sabato 2 marzo 2024 in Italia in solidarietà con la Palestina e il popolo palestinese.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il PKK è un’organizzazione terroristica?

Il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e il suo cofondatore e leader di lunga data, Abdullah Öcalan, sono stati per molti anni nella lista dei terroristi degli Stati Uniti e dell’Unione Europea (UE).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Commercio di armi: Leonardo Spa partecipa al massacro dei Palestinesi

L’alleanza tra Leonardo Spa, azienda italiana a partecipazione pubblica che è attiva nella produzione e fornitura di tecnologie e armi a livello mondiale nonchè primo produttore di armi nell’Unione Europea, e Israele è consolidata da decenni ed è florida.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

No alla disumanizzazione! Fermiamo il genocidio!

Pubblichiamo di seguito l’appello alla mobilitazione in solidarietà alla Palestina lanciato dal coordinamento Torino per Gaza per domani sabato 2 marzo rivolto a tutte le piazze italiane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stati Uniti: alle primarie democratiche del Michigan in molti hanno votato scheda bianca contro il genocidio in Palestina

Martedì nello stato del Michigan ci sono state le primarie del partito Repubblicano e di quello Democratico per scegliere i candidati alla presidenza degli Stati Uniti, in vista delle elezioni di novembre.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: al salto dei tornelli per l’aumento del biglietto

I più giovani fanno il salto. I più anziani chiedono permesso per evitare la spesa della SUBE. Madri e padri fanno passare sotto i propri figli. Una cartolina argentina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il vero piano israeliano per Gaza è la deportazione dei palestinesi

A più di 140 giorni dall’inizio della guerra di Gaza,  il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha finalmente proposto un non-piano per il futuro di Gaza ,un elenco di principi irrealizzabili e slegati dalla realtà.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Trappole esplosive e imboscate: come i sadici “Hunger Games” di Israele mirano a far morire di fame la popolazione di Gaza

Ci sono crescenti segnalazioni di agguati israeliani che prendono di mira direttamente i civili a Gaza mentre aspettano gli aiuti, spesso dopo che falsi messaggi segnalano che i soccorsi sono in arrivo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Crescono le spese militari dell’Italia in Africa nonostante le violazioni dei diritti umani

Aumenta l’impegno militare nel continente Africano: il governo Meloni, in continuità con i governi precedenti, proroga le missioni in corso e ne aggiunge di nuove, anche nei paesi che violano i diritti umani e il diritto internazionale.

Immagine di copertina per il post
Contributi

La vittoria del popolo palestinese è la nostra vittoria

Cosa vuol dire, per noi, stare al fianco della Palestina fino alla vittoria?

Immagine di copertina per il post
Culture

Art Not Genocide: oltre ventimila artisti firmano contro la presenza israeliana alla Biennale di Venezia

«Offrire un palcoscenico a uno Stato impegnato in continui massacri contro il popolo palestinese a Gaza è inaccettabile».

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cella di isolamento per Marwan Barghouti: si teme per la sua vita, afferma gruppo per i diritti dei prigionieri

La Commissione palestinese per gli Affari dei detenuti ha dichiarato lunedì di temere per la vita dell’importante leader Marwan Barghouti