STOP AGLI SFRATTI

Stampa

A Roma, come in tutta Italia, si susseguono sfratti e sgomberi, a fronte di condizioni economiche sempre più difficili per chi lavora. Non solo governo centrale ed amministrazioni non fanno nulla arginare il fenomeno, o almeno per trovare soluzioni dignitose a chi perde la casa, ma colpiscono duramente chi prova a ribellarsi.
I movimenti per il diritto all'abitare vengono colpiti con sgomberi, arresti e denunce: a Torino 17 arresti e 111 indagati, a Roma Paolo e Luca sono agli arresti ormai da quasi sei mesi.
Le procure sperimentano nuovi metodi per effettuare gli sfratti: sospensioni e sequestri preventivi permettono alle forze dell'ordine di aggirare le normali procedure e piombare a casa delle persone senza preavviso.
Abbiamo visto a Centocelle lanciare lacrimogeni per eseguire uno sfratto ai danni di una famiglia "colpevole" di non aver pagato l'affitto dopo la perdita del lavoro.

Lunedì 6 ottobre dalle ore 6 di mattina saremo sotto al portone di via Pian Due Torri 3, a Magliana, per impedire che un altro sfratto venga eseguito, stavolta ai danni di una famiglia truffata con la complicità di agenzie immobiliari, che ha versato dei soldi convinta di poter comprare una casa e ora si ritrova sfrattata. Non accettiamo più che vengano eseguiti sfratti senza che comune e municipio non abbiano prima trovato una sistemazione dignitosa per le famiglie sfrattate.

 

Movimenti per il diritto all'abitare
Comitato di Lotta per la Casa Magliana

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons