InfoAut
Immagine di copertina per il post

Torino: Comitato Teleriscaldati organizza assemblea pubblica contro la guerra e carovita.

Non vogliamo più pagare le armi da mandare in Ucraina: il Governo deve usare i soldi per attivare misure reali di sostegno al reddito, per le bollette e le nostre spese!

A più di un anno dall’inizio della guerra in Ucraina da nessun lato si accenna ad arrestare questa guerra che nessuno vuole: il governo italiano è in prima fila nel sostenere la guerra inviando armi per sottostare al volere degli Stati Uniti. Finché si produrranno e invieranno armi non esisterà nessuna pace per i popoli!

A Torino è da più di un anno che sono nate proteste contro gli aumenti ingiustificati delle bollette, in particolare del teleriscaldamento, e fino ad ora la richiesta di un abbassamento della tariffa non ha ricevuto ascolto. Seppure ci siano stati dei risultati che senza la nostra lotta non si sarebbero realizzati.

Abbiamo bisogno di confrontarci per non rimanere isolati ognuno nella propria casa con la paura di non riuscire ad arrivare a fine mese e con la paura di una guerra che se non verrà fermata in tempo potrà allargarsi e coinvolgere ancor più direttamente anche noi.

Vogliamo parlare di cosa sta veramente accadendo nel mondo perché i giornali e le tv non raccontano mai la verità, o almeno, raccontano una verità che è di comodo per permettere ai soliti noti di fare profitto sulle nostre teste.

Vogliamo informarci su quali sono le misure che il Governo sta decidendo di attuare in sostituzione al reddito di cittadinanza, perché abbiamo il diritto di sapere cosa ne sarà delle poche briciole elargite per sostenere i nostri stipendi insufficienti per affrontare le spese e i consumi.

Per questi motivi SABATO 22 APRILE vediamoci tutti insieme in Piazza Montale a Vallette per avere una discussione su questi temi e portare avanti la lotta contro gli aumenti e contro lo strozzinaggio che IREN, Comune di Torino, ATC perpetra nei nostri confronti.

Ci saranno insieme a noi due esperti : un docente di Storia che farà un quadro della situazione globale e un professore dell’Università di Torino che farà luce su cosa si sta muovendo sul fronte del sostegno al reddito. Un’ottima occasione per porre dubbi e domande!

A seguire ci saranno alcune proposte di iniziative che come Comitato Teleriscaldati Torino vogliamo mettere in campo insieme a voi!

E in ultimo, ma non per importanza, ci sarà una merenda condivisa e la mostra fotografica di un anno di lotta contro gli aumenti del teleriscaldamento che ha portato a delle prime parziali vittorie.

Perché SIAMO STANCHI DI PAGARE MA NON DI LOTTARE!!

Ci vediamo sabato 22 aprile alle ore 16 in Piazza Montale, sarà importante la presenza di tutti.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Bisognidi redazioneTag correlati:

basta armicarovitacomitato teleriscaldati torinoguerraguerra ucrainatorino

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Milano 2-3 marzo 2024: assemblea nazionale dei movimenti per il diritto all’abitare

La fase economica, sociale e politica che stiamo vivendo racchiude in sé tutte le contraddizioni che il sistema capitalistico porta in seno.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: siamo ancora qua… eh già!!

Prendiamo parola a seguito dell’inizio del percorso di co-progettazione che porterà il pian terreno e il giardino del centro sociale a diventare bene comune.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: “Così è, ci pare”

Abbiamo aspettato qualche giorno prima di prendere parola davanti alla delibera sull’Askatasuna emessa dal Comune di Torino. Fatecelo dire, le reazioni scomposte a cui abbiamo assistito ci hanno fatto ridere sotto e sopra i baffi.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: “Così è, se vi pare”

“Apriamo spazi al quartiere per i bisogni collettivi!” così 27 anni fa scrivevamo su uno striscione il giorno in cui in tante e tanti occupavamo il Centro Sociale Askatasuna.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Proteste degli agricoltori e nuova PAC: dalla Sicilia alla Germania.

In questi giorni le forti proteste degli agricoltori, rappresentate da lunghissime file di trattori che bloccano le principali arterie stradali, sono salite agli onori della cronaca. Dalla Germania si sono estese in Francia e anche in Italia, in particolare al Sud, nelle isole, e in territori di provincia come alcuni casi meno significativi al centro-nord della penisola italiana.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Torino: eseguito sfratto a sorpresa in tempi record!

da Prendocasa Torino Questa mattina, mentre con Mimmo e la sua famiglia resistevamo allo sfratto, ottenendo un rinvio al 7 marzo, l’ufficiale giudiziario si è presentato con la celere a casa di Mohamed e della sua famiglia in via Monginevro 68. Mohamed era sotto sfratto dopo essere stato truffato dalla sua proprietaria di casa che, […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La questione abitativa nella città di Torino

Nell’ultimo anno abbiamo visto un aumento degli affitti del 100%, infatti ora il prezzo medio di un bilocale in Barriera di Milano si aggira attorno agli 800 EURO, e un aumento degli sfratti del 230%, infatti oggi a Torino gli sfratti in corso sono 6000!

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Bologna: ecco che rumore fa la dignità!

Condividiamo di seguito i comunicati di PLAT e del CUA Bologna sulle giornate di lotta che hanno seguito lo sgombero del Condominio Sociale e dello Studentato Glitchousing.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sgomberi a catena dal Sud al Nord Italia

Tra ieri e oggi diversi spazi occupati, attraversati da differenti progetti e realtà sociali e aggregative, sono stati colpiti da un duro attacco repressivo.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La casa è un bisogno. Basta guerre, lusso e capitalismo

Sull’onda della mobilitazione nazionale dell’ottobre scorso i movimenti di lotta per il diritto all’abitare tornano in piazza.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Raúl Zibechi: sempre più vicini al collasso

La notizia del drastico calo del traffico nel Canale di Panama e in quello di Suez, provocati rispettivamente dal cambiamento climatico e dalla guerra, non è sotto i riflettori mediatici.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fasano: manifestazione contro il G7 ed in solidarietà con il popolo palestinese

Tutti quanti hanno ribadito che quella del G7 a Fasano  non è la tanto declamata “Vetrina Internazionale” sostenuta dagli enti locali ma un incontro che porta con sé solo guerre, miseria per il l’intero pianeta, feroci cambiamenti climatici, distruzione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Le ragazze di Torino in sciopero della fame

Da martedì 6 febbraio al carcere di Torino nella sezione femminile è iniziato un nuovo sciopero della fame.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Torino: contestazione alla RAI, cariche sui manifestanti

Hanno fatto molto scalpore in questi giorni le parole pronunciate dall’Amministratore Delegato RAI, Roberto Sergio, in sostegno al governo israeliano.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Protesta degli agricoltori a Torino Sud.

Da lunedì 5 febbraio alle porte di Torino Sud è iniziato uno dei tanti presidi della protesta dei trattori, che in queste ultime settimane ha preso piede in tutto il paese.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Askatasuna: giustizia ad orologeria?

Questa mattina compagne e compagni di diverse realtà politiche cittadine, tra cui la nostra, hanno ricevuto misure cautelari venendo svegliati la mattina presto dalla Digos.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Torino: Askatasuna “bene comune”.

E’ di due giorni fa la delibera passata al Comune di Torino che ha avviato il percorso per rendere “bene comune” il centro sociale Askatasuna, spazio sociale che esiste da 27 anni sul territorio cittadino.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

L’invasione di Gaza è anche una catastrofe climatica

Solo i primi 60 giorni di conflitto hanno provocato la dispersione nell’atmosfera terrestre di 281mila tonnellate di anidride carbonica