InfoAut
Immagine di copertina per il post

Palermo: goodbye Vucciria

Di una tragedia sfiorata si è trattato, perché se il crollo fosse avvenuto durante la quotidianità lavorativa del mercato, o peggio ancora in una serata di fine settimana quando la piazza diviene centro di richiamo per la vita notturna, staremmo parlando di ben altro, di qualcosa di molto più grave. La piazza è stata posta sotto sequestro dai vigili urbani, mentre, nelle ultime ore la magistratura e gli uffici pubblici preposti hanno deciso di murare quasi tutti gli ingressi alla piazza per evitarne l’attraversamento.

Va subito detto che la palazzina in questione era di proprietà proprio del Comune che, da sempre, è stato al corrente delle condizioni in cui questa e tantissime altre strutture del centro storico versano da decenni. Basta infatti guardare qualche scatto per rendersi conto di quanto tutto ciò fosse ampiamente prevedibile. É questa, del resto, una delle vicende in cui si può tranquillamente affermare che “tutti sapevano”; così come tutti sanno che, senza interventi immediati, non sarà l’ultimo caso che riguarda il centro cittadino.

Da tempo ormai lo storico quartiere e il mercato della Vucciria soffrono dell’abbandono e dell’indifferenza delle amministrazioni comunali che, oltre a non riuscire a preservare e valorizzare un patrimonio economico, sociale e culturale come quello dello storico mercato rionale, stanno a guardare lo spopolarsi del quartiere, che significa anche “abbandono degli edifici” e sempre più degrado e alto rischio strutturale per coloro i quali ancora ci abitano. Così oggi, in occasione della visita dell’assessore al centro storico Agata Bazzi a piazza Garraffaello, non è mancata una sonora contestazione degli abitanti e dei commercianti del luogo. Sono state rinfacciate alla giunta non solo le responsabilità circa il palazzo crollato ma anche l’immobilismo di fronte alla chiusura della piazza che significherà la morte definitiva delle attività economiche del quartiere. Tutto ciò quando una messa in sicurezza che non murasse tutte le vie d’accesso a una piazza storica era possibile non solo prima del crollo, ma anche oggi se solo esistesse la volontà per farlo.

Tanti i proclami in merito da parte dell’attuale amministrazione che in campagna elettorale prometteva rilancio economico e un’adeguata riqualificazione strutturale. Quello che continuiamo a vedere oggi è invece un significativo processo di allontanamento dal cuore della città: l’impossibilità di sopravvivere per un mercato prossimo al tramonto, a cui si aggiungono gli obblighi di ristrutturazione dei prospetti imposti dal comune a spese dei proprietari e, non ultimi, sfratti e sgomberi. Tutto ciò non può essere derubricato semplicemente come sintomo e conseguenza dell’indifferenza e dell’incapacità istituzionale in salsa nostrana ma, soprattutto, espressione di una esemplare volontà speculativa e predatoria delle governance al tempo della crisi.

Il mercato da tempo in crisi si è visto, in qualche forma, sostituito dalle “putie” serali/notturne che hanno reso la Vucciria forse il luogo piú frequentato dai giovani, palermitani e non, che abitano la città. Eppure le istituzioni comunali – aiutate dai soliti “ben pensanti” indignati nel vedere un quartiere intero, popolare, e la “sua” gente autorganizzare le proprie economie – continuano a fare la guerra a chi abita una zona cui aspirano tanti palazzinari in affari.

Per intenderci, emblematico è l’episodio che quest’estate ha portato alla chiusura a zona pedonale della piazza antistante il mercato, quando la forte protesta dei commercianti (gravemente danneggiati nelle loro attività dall’ordinanza comunale) non solo venne stigmatizzata con le solite retoriche su mafia, illegalità, egoismo, ma venne immediatamente denunciata e repressa con il comune che si costituì parte civile contro i commercianti stessi. Quindi, li dove non si può, ancora, con la forza, un po’ di retorica sulla pericolosità di quelle zone – e di chi le vive – male (a Comune&amici) non fa. Almeno si giustifica l’assenza di qualsivoglia politica di salvaguardia e valorizzazione del centro storico che preveda (giammai!) migliori condizioni di vita per chi attualmente vi si sente a casa.

Insomma: altro che “le balate della Vucciria torneranno ad essere sempre bagnate”, come Orlando prometteva evocando tempi di splendore per il mercato. La volontà piuttosto, sembra quella di – sciorinando una delle tante varianti del “mancano fondi” o del “c’è la crisi, dobbiamo fare sacrifici” o ancora del più recente “il patto di stabilità ci impone il pareggio di bilancio” – giustificare e legittimare una gestione della spesa pubblica in cui diritti, servizi e garanzie collettive (casa, lavoro, sanità, istruzione) diventano spese straordinarie, supplementari, e dove perfino gli interventi di manutenzione e messa in sicurezza di strade, edifici e territori sono presentati come spese eccessive per le quali non si sa da dove attingere.

Ciò ovviamente non riguarda solo la governance locale, una delle tante articolazioni ed espressioni del modus operandi del comando capitalista nella crisi caratterizzato da austerity, governo delle banche, proletarizzazione di massa volta a preservare la ricchezza di pochi, esclusione di classe.

Mentre valanghe, smottamenti, fiumi di fango devastano e sommergono intere città e paesi a causa del dissesto idrogeologico in cui versa il territorio italiano, 20 miliardi vengono destinati alla distruzione della Val Susa per l’inutile TAV o per la militarizzazione del territorio niscemese in difesa della base MUOS della marina statunitense. Del resto se la povertà ha raggiunto livelli record, se in una città come Palermo, nel 2013, ci sono state duemilacinquecento (con aumento del 30% previsto per quest’anno) procedure di sfratto, e se milioni di italiani stentano ad arrivare a fine mese, perché non ricapitalizzare Banchitalia con 7 miliardi dei contribuenti?

Quello che accade alla Vucciria non è quindi frutto di una dissennata gestione e progettualità, ma uno dei tanti esempi di quell’attacco ai tessuti proletari e sottoproletari individuato come il miglior modo di far rientrare i costi e le perdite di una crisi che, nel nostro caso, si traduce in uno stravolgimento e sradicamento dell’identità popolare del quartiere che lasci il posto a facili appalti e a una speculazione immobiliare che sposterebbe un bel po’ di capitali per pochi palazzinari. E alla faccia dell’emergenza abitativa di cui i movimenti sono riusciti finalmente a far parlare. Non a caso, negli ultimi tempi, venendo a mancare i finanziamenti pubblici, anche l’iniziativa privata di speculazione e “messa in vetrina” di queste zone era vistosamente rallentata. Forse, da ieri, questo crollo, scongiurato il pericolo per l’amministrazione comunale di omicidio colposo, sarà il pretesto utile a ri-accelerare un tale processo speculativo. Ma – considerando noi questi quartieri non come insieme e basta di palazzi ma come complesso di relazioni, vite, economie, comunità, che detengono il vero diritto di decidere – diremmo: Vucciria permettendo…

Infoaut Palermo

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Bisognidi redazioneTag correlati:

crisicrollopalermovucciria

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Milano 2-3 marzo 2024: assemblea nazionale dei movimenti per il diritto all’abitare

La fase economica, sociale e politica che stiamo vivendo racchiude in sé tutte le contraddizioni che il sistema capitalistico porta in seno.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: siamo ancora qua… eh già!!

Prendiamo parola a seguito dell’inizio del percorso di co-progettazione che porterà il pian terreno e il giardino del centro sociale a diventare bene comune.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: “Così è, ci pare”

Abbiamo aspettato qualche giorno prima di prendere parola davanti alla delibera sull’Askatasuna emessa dal Comune di Torino. Fatecelo dire, le reazioni scomposte a cui abbiamo assistito ci hanno fatto ridere sotto e sopra i baffi.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: “Così è, se vi pare”

“Apriamo spazi al quartiere per i bisogni collettivi!” così 27 anni fa scrivevamo su uno striscione il giorno in cui in tante e tanti occupavamo il Centro Sociale Askatasuna.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Proteste degli agricoltori e nuova PAC: dalla Sicilia alla Germania.

In questi giorni le forti proteste degli agricoltori, rappresentate da lunghissime file di trattori che bloccano le principali arterie stradali, sono salite agli onori della cronaca. Dalla Germania si sono estese in Francia e anche in Italia, in particolare al Sud, nelle isole, e in territori di provincia come alcuni casi meno significativi al centro-nord della penisola italiana.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Torino: eseguito sfratto a sorpresa in tempi record!

da Prendocasa Torino Questa mattina, mentre con Mimmo e la sua famiglia resistevamo allo sfratto, ottenendo un rinvio al 7 marzo, l’ufficiale giudiziario si è presentato con la celere a casa di Mohamed e della sua famiglia in via Monginevro 68. Mohamed era sotto sfratto dopo essere stato truffato dalla sua proprietaria di casa che, […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La questione abitativa nella città di Torino

Nell’ultimo anno abbiamo visto un aumento degli affitti del 100%, infatti ora il prezzo medio di un bilocale in Barriera di Milano si aggira attorno agli 800 EURO, e un aumento degli sfratti del 230%, infatti oggi a Torino gli sfratti in corso sono 6000!

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Bologna: ecco che rumore fa la dignità!

Condividiamo di seguito i comunicati di PLAT e del CUA Bologna sulle giornate di lotta che hanno seguito lo sgombero del Condominio Sociale e dello Studentato Glitchousing.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sgomberi a catena dal Sud al Nord Italia

Tra ieri e oggi diversi spazi occupati, attraversati da differenti progetti e realtà sociali e aggregative, sono stati colpiti da un duro attacco repressivo.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La casa è un bisogno. Basta guerre, lusso e capitalismo

Sull’onda della mobilitazione nazionale dell’ottobre scorso i movimenti di lotta per il diritto all’abitare tornano in piazza.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Crollo di Firenze: la destra diventa europeista quando si tratta di deregolamentare il lavoro

Cinque operai morti e tre feriti, questo è il tragico bilancio del crollo avvenuto venerdì 16 febbraio nel cantiere del supermercato Esselunga in via Mariti, a Firenze, morti che si aggiungono alla lunga lista di una strage silenziosa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Giornata di mobilitazione contro la guerra sabato 21: manifestazioni a Pisa e Palermo per fermare l’escalation. A Ghedi un altro corteo

In tale prospettiva “Fermare l’escalation” nasce come processo di mobilitazione di diverse realtà di lotta politica, sindacale, sociale, ecologica, transfemminista, dell’associazionismo, del mondo antimilitarista, pacifista e di quello della giustizia climatica, dei nodi territoriali contro le grandi opere, i disastri ambientali ed il fossile.”

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Israele: crolla il mito dei servizi di intelligence più efficaci del Pianeta

In Palestina dopo 56 anni di occupazione militare, colonizzazione, sterminio di civili e Apartheid in occasione del 50° anniversario della guerra dello Yom Kippur, Hamas reagisce con gli stessi strumenti utilizzati per decenni dagli israeliani per sottometterli.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Palermo, i percettori del reddito di cittadinanza ancora in piazza: tensione con la polizia

Mentre migliaia di famiglie siciliane hanno perso il reddito, i servizi sociali, i centri per l’impiego e le APL versano nel caos.Questa mattina i disoccupati palermitani sono tornati in piazza, davanti l’assessorato del lavoro, per continuare a manifestare contro l’abolizione del reddito. da Trinacria «Reddito o lavoro» si legge così sullo striscione che i manifestanti […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Diario della crisi – Gli spettri del debito cinese

In questa estate infuocata, una possibile tempesta (non solo meteorologica) potrebbe abbattersi sul sistema finanziario globale.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Destrutturare la violenza, rompere gli argini

A seguito della violenza subita da una diciannovenne palermitana e dell’arresto di sette giovani indagati per stupro, centinaia di persone a Palermo sono scese in strada in solidarietà alla vittima lo scorso venerdi, ripercorrendo i luoghi in cui è avvenuto l’abuso.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

A Palermo centinaia di persone in assemblea pubblica dopo i roghi, “Vogliamo risposte”

A Palermo, marterdì primo agosto, si è tenuta un’assemblea spontanea sotto lo slogan “Basta Incendi”, presso piazza Indipendenza colma di persone dopo il tam tam dei giorni scorsi sui social.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Diario della crisi – Dalla gestione della crisi al sistema di guerra

In questa decima puntata del Diario della crisi – progetto nato dalla collaborazione tra Effimera, Machina-DeriveApprodi ed El Salto – Stefano Lucarelli riflette sull’inopportuno susseguirsi di crisi che, spiazzando ed eliminando le cause e dunque le possibilità d’intervenire sulle conseguenze di quelle precedenti, fanno sì che gli effetti di queste ultime si accumulino e si […]

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Il ritorno del paradosso di Solow?

Nel 1987, mentre si stava affermando la cosiddetta rivoluzione informatica, il premio Nobel per l’economia Robert Solow enunciò un paradosso che divenne famoso: “Si possono vedere computer dappertutto, tranne che nelle statistiche sulla produttività”.

Immagine di copertina per il post
Culture

Spazi Sociali 2023 – Il giornale del Network Antagonista Torinese

Questo Primo Maggio come da tradizione è stato diffuso il volantone “Spazi Sociali”, il giornale del Network Antagonista Torinese. Al centro dell’edizione di quest’anno la questione della guerra e della crisi sociale, ma anche la libertà d’aborto e gli attacchi giudiziari ai movimenti sociali.