InfoAut
Immagine di copertina per il post

Padova. Prosegue l’occupazione delle operaie alla Nek di Monselice contro i licenziamenti

Da questo dicembre va avanti il conflitto tra le lavoratrici e la cooperativa. Prima uno sciopero contro il taglio di 80 euro in busta paga poi contro i licenziamenti indetti dopo questo sciopero. Il 9 dicembre viene indetto uno sciopero contro il decurtamento di 80 euro dalla busta paga, le lavoratrici bloccano gli ingressi allo stabilimento, nel quale nella notte erano stati distrutti diversi macchinari. M. Zese, proprietario della cooperativa fa partire immediatamente denunce per violenza ed il licenziamento di 24 lavoratrici.

Dalla denuncia ed il blocco per il continuo abbassamento del salario si passa all’occupazione dello stabilimento dopo l’annuncio dei licenziamenti. Da natale a Monselice lo stabilimento è bloccato. Le discussioni si accendono oltre che con la cooperativa anche col sindacato Filt-Cgil che chiede la fine dell’occupazione per evitare il fallimento della cooperativa nonostante la chiusura verso la riassunzione delle lavoratrici sia stata totale. A ciò si aggiunge un’ennesima ritorsione: le lavoratrici iscritte al sindacato adl Cobas non percepiscono lo stipendio da ottobre.

A metà gennaio arriva la notizia del licenziamento di tutti i lavoratori. Continuano le iniziative di protesta, l’occupazione ed il blocco della produzione. La cooperativa prova qualsiasi arma di intimidazione, sostenuta dall’immobilismo della Cgil ma le lavoratrici continuano a mantenere vivo il presidio e l’occupazione, in cui le scioperanti hanno passato tutte le festività, sostenute dalla solidarietà degli amici e di tutto il paese.

L’1 febbraio c’è il tentativo di sgombero dell’occupazione, ma la polizia non riesce nel suo intento. Una parte delle donne viene portata via di peso mentre un’altra parte riesce a salire su delle balle di rifiuti alte diversi metri e continua la resistenza. Il giorno dopo la polizia torna per provare nuovamente ad effettuare lo sgombero, la resistenza delle donne continua ma una viene portata via in ambulanza dopo un malore, ha avuto un aborto a causa dello stress subito.

Nonostante le violenze e le intimidazioni i picchetti e l’occupazione continuano. La scatola cinese fatta di aziende, cooperative, subappalti è nuovamente messa in crisi dalla resistenza di chi ha deciso di contrapporsi a continui abusi. Il sistema cooperativistico Emiliano-Veneto si sta scontrando da anni con conflitti ancora isolati ma potenzialmente ricomponibili: una forza lavoro in gran parte migrante, femminile, al centro anche dei processi di riproduzione sociale, posta sotto ricatto si nega e passa all’attacco contro le imposizioni padronali bloccando e danneggiare i profitti, ripercorrendo la catena di appalti e aziende.

A portare avanti questo conflitto contro il sistema cooperativistico sono sempre più donne, come nel caso della Yoox. A partire dal rifiuto di subire ulteriori soprusi si apre il ventaglio della possibilità, dell’affermazione di una forza e di una volontà di porre un punto contro all’avanzare dell’arroganza padronale. Un rifiuto che si da anche rispetto al sindacato confederale, esplicitamente braccio concertativo dell’azienda il cui unico scopo è quello di favorire l’inclusione differenziale dei lavoratori che accettano il disciplinamento di questo sistema di sfruttamento cooperativistico. Le uniche parole rivolte ai lavoratori sono per chiedere l’accettazione di riassunzioni parziali per evitare il fallimento dell’azienda. Ma a Monselice la lotta prosegue.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Bisognidi redazioneTag correlati:

licenziamentilogisticamonselicenek

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Milano 2-3 marzo 2024: assemblea nazionale dei movimenti per il diritto all’abitare

La fase economica, sociale e politica che stiamo vivendo racchiude in sé tutte le contraddizioni che il sistema capitalistico porta in seno.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: siamo ancora qua… eh già!!

Prendiamo parola a seguito dell’inizio del percorso di co-progettazione che porterà il pian terreno e il giardino del centro sociale a diventare bene comune.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: “Così è, ci pare”

Abbiamo aspettato qualche giorno prima di prendere parola davanti alla delibera sull’Askatasuna emessa dal Comune di Torino. Fatecelo dire, le reazioni scomposte a cui abbiamo assistito ci hanno fatto ridere sotto e sopra i baffi.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: “Così è, se vi pare”

“Apriamo spazi al quartiere per i bisogni collettivi!” così 27 anni fa scrivevamo su uno striscione il giorno in cui in tante e tanti occupavamo il Centro Sociale Askatasuna.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Proteste degli agricoltori e nuova PAC: dalla Sicilia alla Germania.

In questi giorni le forti proteste degli agricoltori, rappresentate da lunghissime file di trattori che bloccano le principali arterie stradali, sono salite agli onori della cronaca. Dalla Germania si sono estese in Francia e anche in Italia, in particolare al Sud, nelle isole, e in territori di provincia come alcuni casi meno significativi al centro-nord della penisola italiana.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Torino: eseguito sfratto a sorpresa in tempi record!

da Prendocasa Torino Questa mattina, mentre con Mimmo e la sua famiglia resistevamo allo sfratto, ottenendo un rinvio al 7 marzo, l’ufficiale giudiziario si è presentato con la celere a casa di Mohamed e della sua famiglia in via Monginevro 68. Mohamed era sotto sfratto dopo essere stato truffato dalla sua proprietaria di casa che, […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La questione abitativa nella città di Torino

Nell’ultimo anno abbiamo visto un aumento degli affitti del 100%, infatti ora il prezzo medio di un bilocale in Barriera di Milano si aggira attorno agli 800 EURO, e un aumento degli sfratti del 230%, infatti oggi a Torino gli sfratti in corso sono 6000!

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Bologna: ecco che rumore fa la dignità!

Condividiamo di seguito i comunicati di PLAT e del CUA Bologna sulle giornate di lotta che hanno seguito lo sgombero del Condominio Sociale e dello Studentato Glitchousing.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sgomberi a catena dal Sud al Nord Italia

Tra ieri e oggi diversi spazi occupati, attraversati da differenti progetti e realtà sociali e aggregative, sono stati colpiti da un duro attacco repressivo.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La casa è un bisogno. Basta guerre, lusso e capitalismo

Sull’onda della mobilitazione nazionale dell’ottobre scorso i movimenti di lotta per il diritto all’abitare tornano in piazza.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Mondo Convenienza: la lotta paga. Applicato il CCNL della logistica a tutti gli appalti

È ufficiale. Dal 1 marzo in tutti gli appalti Mondo Convenienza verrà applicato il CCNL della Logistica. All’inizio dicevano che era “impossibile”. Ora sarà realtà.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Logistica di guerra: l’idea di difesa degli USA

I bombardamenti guidati da USA e Gran Bretagna in Yemen contro gli Huthi vengono spacciati dalla Nato come “difensivi”. Ma cosa difendono e per chi?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA e Gran Bretagna attaccano lo Yemen. Navi, sottomarini e aerei colpiscono la capitale e le città portuali

Le forze Houthi hanno fatto sapere che i bombardamenti di Stati Uniti e Gran Bretagna hanno ucciso 5 persone e ferito altre 6. I raid sono stati 73 e hanno colpito 5 regioni dello Yemen controllate dagli Houthi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Logistica di guerra: dopo gli Houti nel Mar Rosso anche la Malesia blocca le navi israeliane

Il primo ministro malese Anwar Ibrahim ha dichiarato che il paese ha deciso di non accettare più navi battenti bandiera israeliana per attraccare nel paese. La dichiarazione afferma che Israele sta commettendo “massacri e brutalità” contro i palestinesi.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Grugliasco: un mese di sciopero alla Lear

Un aggiornamento dallo sciopero (sospeso per i prossimi giorni) che ormai dura un mese alla Lear Corporation di Grugliasco, fuori Torino.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

E’ sciopero ad oltranza alla LEAR di Grugliasco

Da una settimana ormai le lavoratrici e i lavoratori della Lear di Grugliasco incrociano le braccia e animano Via Cumiana in presidio permanente. Il 31 Dicembre scadrà la cassa integrazione straordinaria e ad oggi nulla si sa delle sorti dei 300 lavoratori su 420 che rischiano l’esubero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile. “Non produrremo un solo bullone”: i metalmeccanici della General Motors scioperano per contrastare i licenziamenti

I 4.000 lavoratori della fabbrica di São José dos Campos affermano che torneranno al lavoro solo se i loro colleghi saranno reintegrati.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Riforma del lavoro in Grecia: spolpare le ossa di lavoratori e lavoratrici

La scorsa settimana in Grecia è stata approvata la nuova riforma del lavoro. Un ulteriore attacco diretto alle vite di lavoratori e lavoratrici da parte del governo conservatore di Mitsikatis, rieletto a giugno.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

USA: rotte le trattative. Entra in sciopero il colosso della logistica

Se entro la fine di luglio non verrà trovato un accordo sul rinnovo del contratto, i 340.000 lavoratori del gigante della logistica statunitense rhood of TeamUPS – organizzati dall’International Brothesters (IBT) – entreranno in sciopero.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Mondo Convenienza: cinque camionette della polizia per sgomberare il presidio a Settimo Torinese. 25 lavoratori a Campi Bisenzio licenziati a mezzo stampa

Cinque camionette di polizia questa mattina sono intervenute a Settimo Torinese per sgomberare il presidio dei lavoratori di Mondo Convenienza. “Lo sciopero non è un problema di ordine pubblico ma un diritto dei lavoratoti, i lavoratori in sciopero non sono criminali ma esercitano la libertà sindacale.