InfoAut
Immagine di copertina per il post

Lo Stato si vendica contro i giovani del 26 ottobre e le loro famiglie

||||

Riprendiamo di seguito il commento del Centro Sociale Askatasuna a questo articolo di Repubblica in cui si annuncia che le famiglie dei rivoltosi del 26 ottobre potrebbero perdere o vedere ridotto il reddito di cittadinanza. Nel frattempo il castello accusatorio messo in campo dalla procura ha già subito un duro colpo, infatti il giudice non ha convalidato gli arresti e ha respinto l’impostazione dei pm Paolo Scafi e Giuseppe Drammis che contestavano a 24 persone la devastazione e saccheggio, ritenendo che il reato da configurare sia invece quello di furto aggravato. Sette tra i 24 arrestati resteranno in carcere, altri otto andranno agli arresti domiciliari e gli altri saranno sottoposti all’obbligo di firma.

Vendetta. Non si potrebbe definire altrimenti l’operazione che Media, Questura e Magistratura stanno portando avanti nei confronti dei giovani rivoltosi del 26 Ottobre. Una vendetta che in sé contiene la spiegazione postuma della rivolta stessa.

Oggi su Repubblica è apparso un articolo disgustoso con i virgolettati di Emma Avezzù, procuratrice capo dei minori di Torino che afferma che le famiglie dei giovani coinvolti nell’operazione dell’altro ieri potrebbero perdere o vedere ridotto il reddito di cittadinanza nel caso in cui ne usufruiscano.

Nelle parole della procuratrice la misura dovrebbe avere uno scopo “rieducativo” nei confronti dei genitori che si presume non seguano abbastanza i figli.

Questo genere di provvedimento è la dimostrazione più palese di qual è l’atteggiamento dello Stato nei confronti dei giovani di periferia, in particolare se di seconda generazione e delle loro famiglie.

Punizione, paternalismo e repressione per chi prova ad alzare la testa.

Invece di provare ad affrontare le determinanti sociali del disagio, i bisogni di chi vive in una situazione difficile, aggravata ulteriormente dalla pandemia, li si marchia definitivamente come cittadini di serie B, che devono dimostrare di “sapersi comportare” secondo determinate norme per accedere a dei diritti garantiti a chiunque altro. Chissà se i giornali, se la Pm, se chi giudica questi giovani sa cosa vuol dire crescere una famiglia in determinati contesti, a quali contraddizioni si è sottoposti, tra la precarietà del reddito, la preoccupazione per garantire un tetto, le difficoltà della lingua a volte, i ricatti e le scelte fatte, difficili, coraggiose per avere una vita dignitosa.

Tutto questo non riempie le pagine dei giornali, non è in cima alle agende politiche, non si vede nei talk show in tv. La rivolta di ottobre in piazza Castello è stato uno dei pochi momenti in cui il velo dietro cui sono celate queste condizioni è stato squarciato, almeno per qualche intenso attimo.

Ed è questo che la Polizia, le procure, la Politica vogliono accuratamente evitare, che chi vive nei quartieri popolari prenda finalmente voce per dire tutto ciò che non va in questo sistema marcio ed escludente. Per chi comanda si tratta di dare una punizione esemplare, di ridurre all’obbedienza, non solo per evitare che qualche vetrina di un negozio di lusso venga sfasciata, ma per ridurre completamente al silenzio queste voci, farle vivere nel timore di perdere anche quel poco che si ha.

Qui l’articolo che ricostruisce la giornata del 26 ottobre.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Bisognidi redazioneTag correlati:

26 OTTOBRErivoltatorino

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Milano 2-3 marzo 2024: assemblea nazionale dei movimenti per il diritto all’abitare

La fase economica, sociale e politica che stiamo vivendo racchiude in sé tutte le contraddizioni che il sistema capitalistico porta in seno.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: siamo ancora qua… eh già!!

Prendiamo parola a seguito dell’inizio del percorso di co-progettazione che porterà il pian terreno e il giardino del centro sociale a diventare bene comune.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: “Così è, ci pare”

Abbiamo aspettato qualche giorno prima di prendere parola davanti alla delibera sull’Askatasuna emessa dal Comune di Torino. Fatecelo dire, le reazioni scomposte a cui abbiamo assistito ci hanno fatto ridere sotto e sopra i baffi.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: “Così è, se vi pare”

“Apriamo spazi al quartiere per i bisogni collettivi!” così 27 anni fa scrivevamo su uno striscione il giorno in cui in tante e tanti occupavamo il Centro Sociale Askatasuna.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Proteste degli agricoltori e nuova PAC: dalla Sicilia alla Germania.

In questi giorni le forti proteste degli agricoltori, rappresentate da lunghissime file di trattori che bloccano le principali arterie stradali, sono salite agli onori della cronaca. Dalla Germania si sono estese in Francia e anche in Italia, in particolare al Sud, nelle isole, e in territori di provincia come alcuni casi meno significativi al centro-nord della penisola italiana.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Torino: eseguito sfratto a sorpresa in tempi record!

da Prendocasa Torino Questa mattina, mentre con Mimmo e la sua famiglia resistevamo allo sfratto, ottenendo un rinvio al 7 marzo, l’ufficiale giudiziario si è presentato con la celere a casa di Mohamed e della sua famiglia in via Monginevro 68. Mohamed era sotto sfratto dopo essere stato truffato dalla sua proprietaria di casa che, […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La questione abitativa nella città di Torino

Nell’ultimo anno abbiamo visto un aumento degli affitti del 100%, infatti ora il prezzo medio di un bilocale in Barriera di Milano si aggira attorno agli 800 EURO, e un aumento degli sfratti del 230%, infatti oggi a Torino gli sfratti in corso sono 6000!

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Bologna: ecco che rumore fa la dignità!

Condividiamo di seguito i comunicati di PLAT e del CUA Bologna sulle giornate di lotta che hanno seguito lo sgombero del Condominio Sociale e dello Studentato Glitchousing.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sgomberi a catena dal Sud al Nord Italia

Tra ieri e oggi diversi spazi occupati, attraversati da differenti progetti e realtà sociali e aggregative, sono stati colpiti da un duro attacco repressivo.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La casa è un bisogno. Basta guerre, lusso e capitalismo

Sull’onda della mobilitazione nazionale dell’ottobre scorso i movimenti di lotta per il diritto all’abitare tornano in piazza.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Le ragazze di Torino in sciopero della fame

Da martedì 6 febbraio al carcere di Torino nella sezione femminile è iniziato un nuovo sciopero della fame.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Torino: contestazione alla RAI, cariche sui manifestanti

Hanno fatto molto scalpore in questi giorni le parole pronunciate dall’Amministratore Delegato RAI, Roberto Sergio, in sostegno al governo israeliano.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Protesta degli agricoltori a Torino Sud.

Da lunedì 5 febbraio alle porte di Torino Sud è iniziato uno dei tanti presidi della protesta dei trattori, che in queste ultime settimane ha preso piede in tutto il paese.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Askatasuna: giustizia ad orologeria?

Questa mattina compagne e compagni di diverse realtà politiche cittadine, tra cui la nostra, hanno ricevuto misure cautelari venendo svegliati la mattina presto dalla Digos.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Torino: Askatasuna “bene comune”.

E’ di due giorni fa la delibera passata al Comune di Torino che ha avviato il percorso per rendere “bene comune” il centro sociale Askatasuna, spazio sociale che esiste da 27 anni sul territorio cittadino.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Appendere uno striscione non è reato: i magistrati di Torino archiviano le denunce a Extinction Rebellion e Fridays for Future

Sono cadute tutte le accuse contro gli attivisti di Extinction Rebellion e Fridays for Future per aver appeso, a novembre 2023, uno striscione dal tetto dell’Oval di Torino durante l’Aerospace and Defence Meeting.