#riseup4rojava intervista a Leo giovane cremonese nelle YPG

Stampa

Pubblichiamo questa intervista a Leopoldo, giovane cremonese arruolatosi nelle YPG le unità di protezione del popolo che difendono la rivoluzione confederale in nella Siria del nord

||||
|||| ||||

Ciao, parli per la campagna # RiseUp4Rojava - Smash Turkish fascism. Quali sono gli obbiettivi di questa campagna?

Per dirlo semplicemente: con questa campagna ci opponiamo al regime turco dell'AKP-MHP sotto la dittatura di Erdogan e ci schieriamo dalla parte di coloro che resistono al suo regime. In particolare, l'opposizione di HDP, gli scioperanti della fame per la libertà di Ocalan e la resistenza armata del movimento di liberazione curdo. E in secondo luogo, vogliamo difendere la rivoluzione in Rojava e i suoi risultati. Ma il "RiseUp" esprime ancora di più. Non si tratta solo di far parte della difesa, ma anche di far parte dello sconvolgimento rivoluzionario avviato da Rojava in tutta la regione, se non nel mondo. E come la campagna presta molta attenzione alla connessione tra le forze imperialiste e la Turchia, cosi deve far parte degli sconvolgimenti di sinistra e rivoluzionari anche in altri paesi.

Questo # ci sembra familiare. Cosa associ alla campagna?

Gli ultimi mesi, in effetti l'ultimo anno dopo l'attacco al cantone di Afrin, sono stati contrassegnati dalle continue minacce della Turchia di occupare più parti del Rojava e di espandere la guerra contro il movimento di liberazione curdo e le forze democratiche siriane. Erdogan ha ripetutamente dichiarato il suo obiettivo molto chiaramente: la distruzione totale della rivoluzione. E poiché sembrava che questa guerra sarebbe iniziata alla fine dello scorso anno, la comunità internazionalista del Rojava ha iniziato a mobilitarsi per dei giorni di azione globale sotto # RiseUp4Rojava per la fine di gennaio. Questi giorni di azione seguivano le linee del "World Kobane Day" nel 2014 e "Global Action Day per Afrin" nel 2018. L'obiettivo era di inviare un chiaro segnale di solidarietà con proteste e azioni globali e anche di sottolineare le politiche degli stati occidentali e il loro ruolo nella guerra contro la rivoluzione.

Hai parlato dei giorni d'azione alla fine di gennaio di quest'anno. Come hai valutato questi giorni?

I giorni di azione hanno dato un'immagine chiara del movimento di solidarietà. È diventato un movimento globale in cui persone e gruppi diversi entrano in connessione gli uni con gli altri. In piu di 60 località, in oltre 20 paesi, le persone hanno risposto alla chiamata della comunità internazionalista. E 'stato dimostrato che è importante ed efficace stabilire date concrete per le quali gruppi e persone possono diventare attivi, in modo da aprire un quadro globale che possa integrare ogni singola azione, non importa quanto piccola. E giorni di azione incorniciati come questi sono importanti per aprire lo spazio per lo scambio e la discussione tra gruppi e strutture attraverso i confini. Per approfondire la contesa e crearne di nuove. Ma è anche diventato chiaro che se le bombe non cadono, è difficile mobilitare le persone e il livello di azione rimane molto modesto, poiché l'urgenza non viene vista.

Mostra anche quanto le persone dipendono dalle immagini e dalla copertura dei mass media.

E perché creare una campagna di lungo termine associata alle giornate di mobilitazione globale?

I preparativi per questi giorni di azione sono di solito a brevissimo termine, perché di solito iniziano solo quando la situazione è già molto acuta. Ma una volta che le bombe cadono, è difficile fare tutto il networking, le pubbliche relazioni, le azioni, le conferenze e tutto il resto che deve essere organizzato per dare la risposta giusta. E questo è uno dei motivi per cui da allora è cresciuta una campagna. I contatti e le connessioni che persistono oggi ci consentono di coordinare meglio e quindi aumentare la nostra capacità di reagire più velocemente. La campagna è anche un po 'di preparazione per essere in grado di dare le risposte giuste a ciò che sta arrivando. Per il regime fascista in Turchia è assolutamente necessario schiacciare la rivoluzione e la resistenza nel Kurdistan settentrionale, altrimenti cadra. Di questo dobbiamo esserne consapevoli.

Quali sono gli obiettivi specifici della campagna? Quale sarebbe la "risposta giusta" di cui parli?

L'obiettivo principale della campagna, come abbiamo già detto, è di fare la nostra parte nel difendere la rivoluzione, non in Rojava, ma come movimento internazionalista in tutto il mondo. Perché vediamo la rivoluzione in Kurdistan come internazionalista e antifascista. È una rivoluzione per la liberazione di tutte le società del Medio Oriente e in particolare delle donne. Ma questa rivoluzione è stata attaccata da uno stato fascista, la Turchia, con il sostegno di società di armi, governi e banche occidentali. Solo attraverso il sostegno diplomatico e con il consenso diretto, l'esercito turco e stato in grado di invadere Afrin. C'erano armi da tutto il mondo usate in Afrin contro le forze di autodifesa YPJ e YPG. Senza di loro, il fascismo turco sarebbe stato spezzato dall'indescrivibile resistenza della società di Afrin. Qui sta la "risposta" di cui parliamo: la risposta a questa guerra fascista internazionale deve essere un movimento internazionalista che attacca e impedisce la guerra nei propri rispettivi paesi. E con la campagna, facciamo un piccolo passo avanti in questa direzione.

Che tipo di azioni promuovete?

Diverse azioni hanno già sconvolto società e istituzioni finanziarie che vedono la guerra in Kurdistan semplicemente in termini di "business as usual". Chiediamo di bloccare l'industria delle armi e le istituzioni finanziarie che supportano militarmente o finanziariamente il fascismo turco. Quindi azioni fondamentalmente dirette di disobbedienza civile. Tuttavia, ciò richiede una ricerca ampia e approfondita per scoprire gli ostacoli in questo complesso politico-militare. E il regime dell'AKP-MHP diffonde la sua ideologia fascista in molti paesi attraverso tutta una serie di associazioni islamiche, gruppi di riflessione e istituzioni. Dobbiamo anche essere consapevoli che la lotta contro il fascismo è ideologica.

A quali compagnie e istituzioni ti riferisci esattamente?

In tutto il mondo occidentale troviamo aziende coinvolte. Così, ad esempio, la società statunitense Lockheed Martin è il più grande venditore di armi al mondo. Nel Regno Unito dobbiamo menzionare BAE Systems, attualmente il più grande rivenditore di armi in Europa. In molti casi gli Stati stessi sono azionisti di queste società, come l'Italia che detiene oltre il 30% di Leonardo, una società che è parzialmente coinvolta nella produzione di caccia F-16 usati dalla Turchia. E, naturalmente, dobbiamo segnalare le società tedesche Rheinmetall, Thyssen Krupp, MTU e Krauss-Maffei Wegmann.Le banche coinvolte nella produzione di armi e gli accordi sulle armi con la Turchia sono banche internazionali come Credit Suisse, UniCredit Group, HSBC o Allianz, solo per citarne alcuni da questa lunga lista. Soprattutto in Europa, ci sono molte associazioni fasciste e islamiste che fanno propaganda aperta per il regime e la guerra e attaccano le istituzioni e gli attivisti curdi. Un esempio è ATIB, l'Unione delle associazioni culturali turco-islamiche in Europa. Possiamo anche nominare altre organizzazioni di lobby come l'UETD, l'Unione dei democratici turchi europei.

Dove possono trovare più informazioni su queste aziende e istituzioni?

Bene, abbiamo iniziato a pubblicare informazioni di base sul blog della campagna sotto riseup4rojava. Ma questa informazione è ancora insufficiente, nelle prossime settimane ne verranno altre.Sul tuo sito web, scrivi che e piu di una semplice campagna, ma di una rete. Che cosa vuoi dire con questo?Con questa campagna vogliamo riunire le varie organizzazioni, iniziative e campagne che già esistono, attraversando tutte le differenze ideologiche. Le differenze nel linguaggio, nelle pratiche e l'enfasi devono rimanere. Il comune denominatore è il fascismo turco come nemico comune e l` internazionalismo antifascista. Vogliamo costruire un "secondo fronte" contro il fascismo turco e contro tutte le forze imperialiste che cercano di distruggere la rivoluzione in un modo o nell'altro.

Un "secondo fronte" ...?

Per questa guerra contro la rivoluzione in Rojava e contro il movimento di liberazione curdo non ci può essere un tranquillo entroterra dietro le linee del fronte. Perché la guerra inizia qui, nel cuore della bestia ed è nostra responsabilità come internazionalisti e antifascisti fermare questa guerra da qui. Questo è stato un elemento importante nella lotta antimperialista, che non è stata dimenticata, ma è passata in secondo piano nell'attuale sinistra radicale. Vogliamo costruire su quelle esperienze e unire le forze delle iniziative contro la guerra esistenti. Dal momento che il tema delle esportazioni di armi e della guerra porta a contraddizioni tra governi, aziende e popolazione, queste contraddizioni dovrebbero essere evidenziate.

Hai già menzionato lo sciopero della fame. Qual è la relazione tra la campagna e lo sciopero?

Non c'è mai stato uno sciopero della fame di questa entita nella storia. Il fatto che così tante persone partecipino a questa pratica radicale dimostra quanto sia difficile contrastare il fascismo turco in Turchia e nel Kurdistan settentrionale con le proteste della società civile, perché il regime usa tutti i metodi disponibili per distruggere l'opposizione sociale esistente. Negli ultimi mesi, questo sciopero della fame è diventato l'arma più importante contro il fascismo innescando dinamiche particolarmente incisive. Ma per molte persone è difficile essere parte di questa lotta esostenerla con forme differenti. La campagna apre un altro campo in questa resistenza contro il fascismo turco. E con questo il nostro obiettivo è cercare di espandere le dinamiche esistenti, per continuare ad attaccare su ogni fronte contemporaneamente.

Un'altra domanda. RiseUp4Rojava è una campagna chiaramente anti-imperialista. Come si accorda con la presenza delle truppe statunitensi in Rojava?Come gestisci questa apparente contraddizione?

Dobbiamo distinguere tra alleanze tattiche e direzioni strategiche della rivoluzione in Rojava e il movimento curdo in generale. Coloro che prestano maggiore attenzione alle dinamiche che si sviluppano in Rojava, non solo nelle voci diplomatiche, capiranno che il collegamento con l'esercito americano è puramente tattico. La rivoluzione è consapevole che le forze armate statunitensi non hanno alcun interesse a portare pace e sicurezza a lungo termine, sia nel Rojava che nel Medio Oriente. Ma a breve termine, la presenza degli Stati Uniti porta a contraddizioni, ad es. con la Russia, che la rivoluzione ha saputo e deve sfruttare al meglio. La nostra posizione all'interno della campagna è chiara: tutte le potenze imperialiste devono uscire dal Medio Oriente e questo è particolarmente indirizzato alla NATO e alla Russia. Ma dobbiamo tener conto dell'attuale situazione politica.

Quali sono i prossimi passi nella campagna e in che modo le persone possono essere coinvolte?

Abbiamo voluto rendere pubblica questa campagna tra il 25 aprile e il primo maggio. Queste giornate sono state una buona occasione per sottolineare l'internazionalismo tra movimenti rivoluzionari di sinistra in tutto il mondo. E abbiamo invitato tutti tutti a farlo. Ci sono poster sul nostro sito web che è possibilie stampare e diffondere. E naturalmente abbiamo invitato tutti i gruppi a partecipare attivamente alla campagna. Ciò significa intraprendere azioni e inquadrarle nel contesto della campagna per essere visibili contro il fascismo turco nell'unità. E a questo proposito vogliamo focalizzare l'attenzione su alcuni appuntamenti importanti che si svolgeranno in diversi paesi europei quest` anno:

Campeggio No Tav in Val di Susa che si terra a Venaus dal (20 al 28 luglio) da anni punto di riferimento e connessione di tutte le lotte sul territorio e nel panorama internazionale che si oppongono al modello di sviluppo neoliberista di sfruttamento dell uomo e delle risorse naturali

Stop the arm fair, settimana di azione e dibattito collettivo contro DSEI una delle fiere di armi piu grandi del mondo dal 2 al 13 settembre a Londra

Più di 1.000 aziende di armamenti hanno in programma di partecipare, commercializzando le proprie merci a più di 30.000 partecipanti da tutto il mondo. È qui che coloro che traggono profitto dalla guerra, dalla repressione e dall'ingiustizia franno affari. E qui che possiamo possiamo fermarli.

Rheinmetall-Entwaffen Camp. Campo che si svolgera a Unterlüß, una delle località più importanti della Renania in Germania. Dal 1 al 9 di settembre.L obbiettivo sara quello di sviluppare progettualita comuni con le diverse realta sul tema della guerra imperialista e marciare ai cancelli della fabbrica di uno dei più importanti fornitori di armi della Turchia, al fine di bloccarlo insieme.Sappiamo tutti che il fascismo turco può reggersi in piedi solo grazie al sostegno degli Stati imperialisti, in particolare degli Stati della NATO. Senza questo sostegno, il regime crollerebbe domani e la rivoluzione, non soli in Siria ma in Turchia e il Kurdistan settentrionale, prevarrebbe

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons

});})(jQuery);