InfoAut
Immagine di copertina per il post

Quando la Procura diventa azione anti-antifascista

E’ primavera e Lecce, reduce da un 25 aprile stranamente partecipato e significativo, accoglie di buon grado la notizia che sarà ospitante di un raduno nazionale di Casapound. La voglia di sapere modalità e luogo dell’iniziativa è tanta quanta lo schifo provocato dal sapersi, di lì a pochi mesi, a qualche chilometro da un concentrato di feccia neofascista.
Aumenta la rabbia e l’insofferenza e si cerca di contrastare questo rigurgito tricolore con ogni mezzo: impedendo praticamente ai fascistellli di portare avanti una propaganda mascherata da iniziative informative e di solidarietà e smascherando gli appoggi politico-istituzionali di questa avanguardia nazi-hipster, senza ignorare nessuna via praticabile.
La classe politica leccese sussulta, tra la destra che si scaglia famelica e la sinistra che batte un colpo (così…per far vedere che non è morta), i giornalai…i giornalieri…i giornalisti -scusate- si indignano, mentre la città è terrorizzata da questi violenti dallo spray facile che hanno addirittura acceso due rauti per le vie del centro! Ma la procura tranquillizza e si può tornare a dormire serenamente. A quanto emerge nei giorni successivi i fascisti a Lecce non ci sono mai stati. E invece noi li abbiamo visti e li vediamo ancora oggi in qualche loro tana o su qualche poltrona, da viale Otranto a palazzo Carafa.
“Si deve senza dubbio alcuno dare una risposta a questi anarcautonominsurrezionalcombattentisti: non si possono permettere di prendere in ostaggio una città, sono loro i veri fascisti…a no, “fascisti” non si può dire, pardon!”
Scherzi a parte, la risposta arriva veramente, da ottobre ad oggi dalla Procura di Lecce partono decine e decine di denunce a vari compagni responsabili, per l’appunto, di aver legittimamente difeso un caposaldo politico e ideologico: l’ANTIFASCISMO.
L’antifascismo quello vero, quello attuato per le strade, e non nei salotti della sinistra istituzionale incapace, a Lecce come altrove, di difendere i valori dell’antifascismo.
Fa riflettere la rapidità e la strana geografia politica degli attacchi della repressione, fa riflettere vedere ripetersi alcuni nomi e fa riflettere la modalità con cui queste carte giungono alle nostre dimore. Si delinea art. dopo art. un fantastico quadro investigativo in cui soggetti sovversivi si organizzano per minare gli ordini democratici dello stato organizzando poi, nella realtà dei fatti, una risposta antifascista ad una presenza nel territorio che non poteva, non può e non potrà mai essere tollerata e legittimata, una presenza fascista, xenofoba e razzista, un aggregato di picchiatori e nuovi intellettuali d’assalto. Tutelati per l’ennesima volta dai politicanti vari e da una magistratura che decide di colpire chi fa di libertà e uguaglianza parole d’ordine, chi oppone l’internazionalismo al principio discriminatorio di identità, chi come alternativa all’assistenzialismo sceglie la solidarietà e il conflitto.

 

Si tenta di informare la cittadinanza di ciò di cui, suo malgrado, si sta rendendo protagonista e si costruisce quella che sarà l’opposizione alla tre giorni tartarugata: dibattiti veri e costruttivi, riappropriazione di spazi (perché noi viviamo per le strade, le piazze e i parchi, e non nelle sale conferenze) e per finire un corteo che esprime, nei suoi limiti politici e territoriali, un antifascismo esplicito, chiaro ed inequivocabile.

La rivendicazione politica di quelle azioni è totale, dai cortei del 25 aprile e del 6 settembre, nelle sue modalità, agli attacchinaggi, alle azioni specifiche fino a sprazzi di militanza, là dove è stata possibile. Difendere le città dall’avanzata di chi vuole propugnare paura e odio, razzismo e intolleranza è prima che un diritto un dovere, e in quanto tale è stato praticato.

Non si vuole fare del vittimismo, né invitare i giudici a punire i fascisti perché “sono loro i veri colpevoli”, non ci aspettiamo che chi con la repressione tenta di tenere in piedi un sistema autoritario e violento riconosca in chi, più o meno esplicitamente, rivendica u modello di Stato di questo tipo. La giustizia verrà da se e non dalle aule. Però è necessario sottolineare come, ancora una volta, si vuole mettere a tacere quella parte politica in grado di essere espressione sincera di un sentimento condiviso: la piazza antifascista il 6 settembre era variegata e bellissima, ma ad essere colpita è stata la componente di movimento, troppo scomoda per i vertici di questa città, che hanno deciso di scagliarsi, colpo dopo colpo contro una realtà che sta riuscendo ad esprimersi e farsi comprendere sempre di più. Non possono tollerare che in questa città si faccia seriamente una politica conflittuale, attenta realmente alle problematiche che la attanagliano. Viene il dubbio se la questione antifascista sia stata solo un pretesto per attaccare questa realtà e le sue componenti. Quale momento migliore per distruggere chi concepisce il dissenso e la lotta se non all’indomani di un corteo che vede le prime pagine dei quotidiani scagliarsi contro due scritte e due botti, e le aree potenzialmente vicine prendere le distanze: dividi et impera. Un operato perfetto da parte dei poteri forti della città che forse non vogliono più accettare questa presenza. Ma non basteranno né qualche denuncia nè improbabili castelli di sabbia a fermare le lotte. Se per la procura di Lecce essere libertari e antifascisti è un reato, siamo colpevoli tutti di esserlo. Una cosa è certa questa repressione non scalfirà il nostro odio verso l’infame camicia nera e i suoi sostenitori, questi attacchi non indeboliranno la nostra forza di ribadire domani e ogni volta che sarà necessario che Lecce è antifascista.

E’ per questo che con ancora più convinzione sabato 7 febbraio saremo nuovamente in piazza, per opporci a questi attacchi repressivi, per ribadire che l’antifascismo è una pratica quotidiana e non cerimoniale e per contrastare il disgustoso revisionismo storico che come ogni anno, in questo periodo, i neofascisti insieme ai più nostalgici pensano bene di riproporre.

SABATO 7 FEBBRAIO, PRESIDIO ANTIFASCISTA, ORE 18.00 in P.za S. ORONZO

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Approfondimentidi redazioneTag correlati:

antifascismoleccerepressione

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La mappa degli impatti e dei conflitti delle Terre Rare. Sfide per una transizione verde e digitale

La Rare-Earth Elements Impacts and Conflicts Map documenta i processi controversi che si svolgono nelle catene di fornitura degli elementi delle Terre Rare (REE): siti di estrazione, lavorazione e riciclo.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla Francia all’Italia, la terra si ribella

Domenica 12 maggio una delegazione del movimento francese Soulèvements de la Terre era a Roma per incontrare altri movimenti ecologisti e invitare alle prossime mobilitazioni. Un racconto a più voci di un importante momento di scambio.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’Europa morirà americana?*

Qual è oggi lo stato dei rapporti transatlantici nel quadro del conflitto ucraino e sullo sfondo del montante scontro Usa/Cina?

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Lo spettro dell’agitatore esterno

Dopo l’attacco alle università Usa, media e politici hanno rinnovato la caccia al provocatore esterno: la usarono anche contro Martin Luther King. Ma gli attivisti che fanno da ponte tra le lotte sono una costante nella storia dei movimenti

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Una luce di speranza

La grande rivolta giovanile nelle università degli Stati Uniti non smette di crescere e mostra una meraviglia di organizzazione e l’incredibile diversità di coloro che vogliono fermare il genocidio a Gaza, arrivando a contagiare anche l’Europa.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La diffusione del dengue, l’agroindustria e il cambiamento climatico

Le cause dell’epidemia di dengue sono molteplici, conosciute e anche poco affrontate: cambiamento climatico, deforestazione, uso di pesticidi, impatto sui predatori delle zanzare e mancanza di pianificazione territoriale.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il ciclo breve dei Csoa, tra spontaneità e organizzazione

Quello di Giovanni Iozzoli, militante e fondatore di Officina 99, uno dei più importanti centri sociali degli anni Novanta, è uno sguardo di parte ma laico.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Andare oltre l’inferno planetario – di Gennaro Avallone

“Non è l’Uomo, ma è il Capitale il responsabile dell’inferno planetario”

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Le “collaborazioni” delle Università: ma la scienza è neutrale?

Se la scienza possa o non possa essere neutrale rispetto al suo utilizzo per finalità diverse è un tema che merita qualche riflessione non troppo superficiale.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Cronaca e riflessioni sulla mobilitazione per la Palestina a Pisa

In questi mesi Pisa, come molte altre città d’Italia, ha visto e continua a vedere un’intensa e articolata mobilitazione per la libertà della Palestina e per lo stop al genocidio. Dallo scorso autunno, sin dall’intensificarsi dell’offensiva israeliana sulla Palestina e la ripresa dei bombardamenti su Gaza dopo il 7 ottobre, giovani e studentǝ della città […]

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

L’Ungheria è vicina

Mentre la polizia manganella studenti e ambientalisti e trattiene in questura dimostranti e giornalisti durante le manifestazioni, la maggioranza prepara una nuova stretta repressiva prevedendo il carcere fino a 25 anni per il reato di resistenza in manifestazioni contro le grandi opere.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Nascono i Gio, “teste di cuoio” contro le rivolte nelle carceri

È nato per sedare le rivolte in carcere, il Gruppo di intervento operativo (Gio), creato come reparto specializzato della Polizia penitenziaria. Lo ha istituito il ministro di Giustizia Carlo Nordio con un decreto ministeriale del 14 maggio, anche se la pianificazione risale ai tempi in cui Marta Cartabia sedeva in via Arenula. 

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Fdi vuole approvare subito il nuovo ddl sicurezza

La norma-spot congelata da mesi. Fratelli d’Italia lo vuole per le europee. Le Camere penali: «Incostituzionale». Il Gip di Napoli contro il reato di rivolta in carcere

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: pene tombali per i leader curdi dell’Hdp

Pene tombali sono state inflitte dai tribunali turchi ai fondatori e leader del Partito Democratico dei Popoli.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ilaria Salis agli arresti domiciliari a Budapest. Accolto il ricorso degli avvocati.

Ilaria Salis può uscire dal carcere e andare agli arresti domiciliari a Budapest.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Livorno è antifascista!

Giovedì 2 Maggio il ministro delle infrastrutture e dei trasporti Matteo Salvini è venuto a Livorno per presentare un suo libro, vergognosamente ospitato all’interno del cinema teatro “4 Mori”..

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Il significato conteso del 25 aprile di fronte al genocidio. Spinte e possibilità.

Le iniziative ufficiali del 24 e 25 aprile di quest’anno sono state la dimostrazione della separatezza che intercorre tra il sinistro antifascismo istituzionale e quello quotidiano di chi non si rifugia in un’identità stantia priva di sostanza e attinenza alla realtà.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Contro fascismo, sessismo, razzismo e guerra. Ora e sempre resistenza! Siamo sempre qua.

La facciata del centro sociale Askatasuna assume una nuova veste. In un presente senza storia rimettiamo al centro la Storia di ieri per guardare in avanti, in una prospettiva in cui c’è bisogno di tutta la capacità, le forze, le intelligenze di ognuno e ognuna per produrre trasformazioni .