Covid, capitalismo, scioperi & solidarietà: Asia Art Tours intervista Chuang

Stampa

Abbiamo tradotto questa interessante intervista di Asia Art Tours al collettivo Chuang. Un'intervista molto stimolante che sottolinea l'insufficienza del dibattito internazionale tra i compagni e le compagne sulle vicende che coinvolgono la Cina e il rapporto tra Cina ed Occidente. Buona lettura!

||||
|||| ||||

Asia Art Tours: come descrivete nel vostro articolo sul Covid-19 (simile al lavoro di Mike Davis o Achille Mbembe) le pandemie e altre catastrofi ambientali sono inevitabili sotto la necropolitica del capitalismo. All'interno di una Cina che ha dovuto (e per favore dimmi se sto esagerando) rischiare di "sacrificare" Wuhan per contenere l'epidemia, c'è stata una riflessione del governo o una trasformazione su larga scala sulle pratiche capitaliste che hanno scatenato il Covid-19 in Cina? Inoltre, cosa ci dice il trattamento dei lavoratori che non sono colletti bianchi e dei migranti su come la Cina (e il capitale globale) tratterà il lavoro in futuro durante la prossima (inevitabile) crisi biologica o ambientale?

Chuang (): Non è chiaro cosa intendi per "sacrificare" Wuhan? Come epicentro, ovviamente è stato sottoposto a controlli molto più rigorosi, ma non usiamo un linguaggio iperbolico qui, perché a parlare di "sacrificio" sembra che ci sia stata una piaga zombi fantascientifica e il governo stia discutendo se effettuare un attacco aereo . La situazione non è mai stata così grave. Se vuoi un esempio di "sacrificio", ti suggeriamo di guardare alla politica degli Stati Uniti (spinta da tutti i principali interessi industriali tranne i pochi che beneficiano del telelavoro o dell'e-commerce), dove centinaia di migliaia di persone - sproporzionatamente poveri, che negli Stati Uniti implica anche una sproporzione razziale, sono stati letteralmente sacrificati per servire i bisogni dell'economia. Il bilancio delle vittime è enorme. Se prendessi tutti coloro che sono morti a causa del Covid-19 in tutta la provincia di Hubei, non riempirebbero nemmeno il dieci per cento dei posti a sedere in uno stadio di football americano medio. Anche se prendessi tutte le morti segnalate in tutta la Cina e, sospettando di essere sottovalutate, raddoppiassi il numero, non avresti comunque abbastanza corpi per riempire nemmeno un terzo di uno stadio medio. Ma poi prendi tutti quelli che sono morti a causa della malattia in America e potresti sostituire ogni singola persona in una città delle dimensioni di Richmond, in Virginia, con un cadavere e avere ancora dei morti rimanenti. È una metafora cupa, ma il punto è che quello che è successo a Wuhan sarebbe stato da considerarsi, in tutti i sensi, un grande successo rispetto a tutte le principali città americane.

Per quanto riguarda la seconda metà della tua domanda, la risposta è fondamentalmente solamente: No. Innanzitutto, ricordiamoci che questo non è un errore innocente. Non è che i grandi capitalisti agricoli non siano consapevoli del problema - dopotutto, devono spendere milioni in vaccini, antibiotici, ecc. per il loro bestiame ogni stagione - né è un problema di cui il governo non era consapevole o che voglia regolamentare: la SARS li ha resi perfettamente consapevoli di quanto stava accadendo e sicuramente li ha aiutati a predisporre i metodi in ultima analisi adottati rispetto a questa più recente pandemia. Ma niente di tutto ciò può modificare il requisito di base integrato nel sistema: la redditività. Non c'è modo di produrre in modo redditizio su larga scala che non generi queste fratture ecologiche: sia macro-ambientali che microbiologiche. La Cina è una società capitalista governata da una classe capitalista e guidata da imperativi capitalisti, indipendentemente da ciò che i politici di destra potrebbero dire in senso contrario. Quindi "il governo" che, in Cina, significa un'alleanza abbastanza ben organizzata di tutte le frazioni dirigenti della classe capitalista, deve prima di tutto soddisfare i bisogni dell'accumulazione. Tutto il resto è secondario.

Detto questo, ovviamente possiamo vedere alcune lezioni importanti qui su come lo Stato cinese ha affrontato i suoi problemi di scarsa capacità. In passato, è stato estremamente difficile per lo stato ottenere che la sua autorità "scendesse fino in basso" a livello locale. In molti casi, ciò ha significato una devoluzione del potere abbastanza a lungo termine a livello locale. Ciò era particolarmente vero nei villaggi, dove la commercializzazione è stata accompagnata dal ritiro della supervisione diretta, nonché dall'ascesa di tutti i tipi di nuove autorità governative locali balcanizzate. Ma questo significava anche che tali aree hanno visto l'ascesa di nuovi meccanismi ibridi di governo locale come il comitato degli abitanti del villaggio (村委会), che è tecnicamente eletto ma tende in pratica ad essere dominato dalle élite locali, spesso organizzate attraverso associazioni di lignaggio (家族) in collaborazione con le sezioni locali del PCC, spesso queste associazioni hanno iniziato a entrare simultaneamente nei comitati locali e nelle sezioni locali del PCC. Nelle aree urbane esiste un meccanismo equivalente, noto come comitato residente (居委会), che è ufficialmente il livello più basso di amministrazione statale nelle città nonostante non sia un ente governativo ufficiale. Allo stesso modo, anche i rami locali del PCC hanno iniziato a decentralizzarsi un po ', consentendo a più élite locali di entrare nel partito e selezionando i leader locali del partito attraverso misure elettorali simili che erano, analogamente, quasi sempre elezioni fasulle distorte dagli interessi dell'élite locale.

Tra tutti questi nuovi organi ibridi di governo locale, i comitati dei villaggi rurali hanno avuto la tendenza ad avere più potere e ottenere più attenzione, perché sono coinvolti in tutti i tipi di conflitti sulla vendita di terreni, investimenti, ecc. Ma nel contesto della pandemia, abbiamo visto che i comitati di residenza urbana hanno effettivamente svolto una funzione molto importante, essenzialmente intervenendo laddove mancava una più ampia capacità statale. A queste miriadi di piccoli gruppi, ciascuno dei quali supervisionava qualcosa come da quattro a cinquemila persone, è stata data la responsabilità primaria di gestire il flusso di persone che tornavano dal Festival di Primavera nel bel mezzo dell'epidemia. Questi comitati sono stati (in molte città) il principale punto di contatto delle persone con "lo stato" durante l'intero calvario, anche se questo rapporto può essere stato gestito indirettamente. Erano quelli a cui ti riferivi se arrivavi in quell'area, hanno supervisionato la tua quarantena, hai fornito loro i tuoi dati sanitari e avevano anche la massima autorità sul fatto che tu potessi tornare a casa o meno. Resta da vedere come si evolveranno tali organizzazioni in futuro, ma può darsi che guarderemo indietro e indicheremo questo momento come il segnale di quando la Cina iniziò a guadagnare un apparato statale locale veramente funzionale, nonostante tutte le sue attuali incongruenze. Allo stesso tempo, è vero che questi comitati hanno svolto un lavoro simile in situazioni di emergenza passate, come durante la SARS o nel rigido inverno del 2008, quando i comitati di villaggio hanno contribuito a coordinare la risposta alle emergenze in aree interdette da ogni accesso. L'attuale pandemia mostra semplicemente che si sono evoluti in scala, portata ed efficienza, ma soprattutto, che ora sembrano essere più completamente integrati in catene di comando collegate un po' più direttamente allo stato centrale, anche se continuano a operare attraverso tutti i tipi di idiosincrasie locali. Non si tratta tanto di un cambiamento improvviso, quindi, quanto di un lungo progetto di costruzione dello Stato che ha subito un'accelerazione nell'ultimo decennio.

Quindi, da questa esperienza, possiamo dire che, sebbene la capacità dello Stato cinese rimanga debole in termini assoluti, ha ottenuto molto, molto più successo nel gestire questa incapacità delegando il potere alle autorità locali. In generale, possiamo usarlo come un esempio di dove lo stato ha chiaramente visto la sua debolezza e sta tentando di costruire una base dal basso per il governo fondendo molte attività apparentemente "dal basso" nei propri organi locali de facto. Aiuta il fatto che, oltre a questi comitati residenti, ci fosse un sacco di attività seriamente di base e di mutuo soccorso in corso per fornire agli operatori sanitari DPI, ad esempio, o per sostenere l'istituzione di blocchi stradali di quarantena locali. Quelle attività hanno mostrato l'incapacità dello Stato, ma l'hanno anche nascosta perché hanno sostanzialmente risolto il problema da sole, anche se in modo a volte disordinato (come quando polizia e residenti di Hubei e Jiangxi si sono scontrati per la riapertura del confine provinciale alla fine di marzo). Mostra chiaramente che c'è il potenziale per questa attività semi-autonoma a livello locale di essere fusa più direttamente all'apparato statale e la pandemia è stata una fase importante in quel processo, dimostrando essenzialmente che tutto il lavoro di costruzione di questi strani ibridi organi amministrativi locali è stato ripagato con successo e non si sono limitati a dare (come molti predissero al momento del lancio) un'ulteriore balcanizzazione in numerosi feudi gestiti dall'élite locale (anche se questo non è del tutto falso).

Asia Art Tours: sono stato piuttosto rincuorato dal lavoro di testate come Chuang, Reignitepress e Lausan che hanno tradotto articoli da più lingue in cinese. Dal vostro punto di vista quali tecniche, strategie o obiettivi teorici globali possono fornire solidarietà o utilità agli attivisti in Cina? (All Cops are Bad? Be Water? Black Lives Matter? The Milk Tea Alliance?) E quali tattiche, metodi o intuizioni di sinistra / comunisti / anarchici in Cina hanno il potenziale per essere tradotti, diffusi e usati in altre lotte globali?

Chuang (闯): Solidarietà è un termine confuso e ne siamo piuttosto critici, anche se noi stessi siamo chiaramente impegnati in un livello di interazione diretta con gli attivisti cinesi che supera di gran lunga quello di cui gli altri sono capaci, perché la parola di solito è solo un significante vuoto in base al quale le persone tentano di confrontare e misurare diversi livelli di performance di sinistra, che si svolge quasi esclusivamente sui social media e coinvolge periodicamente alcuni segni di partecipazione in scena. Non c'è niente di politico in questo, perché non c'è niente di materiale dietro. Nel peggiore dei casi, coinvolge cose come campagne di pressione diplomatica, proteste in ambasciate, ecc. che tendono a non fare altro che alimentare le narrazioni interne di destra di una nuova guerra fredda tra l'occidente amante della libertà e l'autoritario cinese. Queste campagne faticheranno anche a essere intese come "di sinistra" poiché, per essere efficaci, devono nascondere tutte le menzioni delle tendenze socialiste, comuniste o anarchiche dei loro sostenitori. E anche allora non riescono a diffondersi in modo molto efficace. Quindi il risultato è che non solo soffrono di tutti i peggiori problemi della vecchia strategia del Fronte Popolare (dove i radicali si uniscono ai liberali per opporsi al fascismo, sotto la guida liberale), ma in questo caso non sono nemmeno popolari. Siamo franchi qui: se queste campagne fanno qualcosa di materiale, è per fornire una patina di legittimità per i politici di destra che approvano nuove misure protezionistiche di sicurezza nazionale che aiutano a sostenere il potere dei monopoli interni, di solito quelli collegati direttamente alle infrastrutture di sicurezza nazionale, come Oracle, che è stata letteralmente scorporata da un omonimo progetto della CIA, l'azienda ha appena effettuato un'enorme quota di investimento in TikTok a causa di una di queste leggi negli Stati Uniti. Se il successo in una campagna del genere significa che puoi incontrare Tom Cotton per aiutare a redigere una legislazione anti-cinese, questo è forse un'indicazione che ti sei procurato una strategia che fa molto più male che bene.

Allo stesso tempo, però, è vero anche il contrario, poiché molti seri membri di sinistra occidentali finiscono per riconoscere questi fatti e si voltano completamente nella direzione opposta, leggendo materiale di wumao (troll online pagati dal governo cinese per argomentare a suo favore) che difende lo Stato cinese da ogni critica. Alla fine offrono una forma di "solidarietà" che fornisce una patina di legittimità per cose come la repressione a Hong Kong e la sepoltura di massa nello Xinjiang. Anche i media abbastanza importanti di sinistra, come la Monthly Review, sono caduti in questa trappola. È piuttosto disgustoso vedere, onestamente, quando queste pubblicazioni aiutano a promuovere la propaganda orientata a coprire e persino a negare apertamente la seconda più grande ondata di incarcerazione di massa nel mondo (dopo, ovviamente, il complesso carcerario degli Stati Uniti). Questo certamente non ha nulla a che fare con la "solidarietà".

Quindi, in termini materiali, come possono le persone "fornire solidarietà" agli attivisti in Cina? Al momento, la maggior parte delle persone fondamentalmente non può farlo in alcun modo materiale. A livello individuale, ovviamente, puoi leggere di queste lotte e imparare di più sul ruolo della Cina all'interno del capitalismo globale. Non intendiamo ignorare questo tipo di attività. Dovresti farlo. Questa è una delle ragioni per cui esistiamo, dopotutto. Il comunismo è intrinsecamente internazionalista, quindi ovviamente ciò comporta la necessità di conoscere le esperienze della più grande frazione nazionale del proletariato globale che lavora nei più grandi complessi tecnologici del mondo! Ma leggere libri non è davvero solidarietà, sfortunatamente. Se sei veramente, estremamente interessato, puoi provare a fare alcune delle cose che abbiamo fatto, che sono un po' più materiali: significa imparare il cinese se non lo parli già, aiutare a tradurre queste esperienze, andare in Cina per parlare direttamente con questi lavoratori, e allargare ulteriormente queste linee di comunicazione che noi e gli altri gruppi di cui parli qui (così come numerosi altri) lavoriamo per costruire da molti anni. Forse puoi caratterizzarlo al meglio come qualcosa come "pre-solidarietà", perché questi sono fattori necessari che gettano le basi per ciò che potrebbe crescere, in futuro, in un vero supporto materiale e uno scambio reale e pratico tra i movimenti.

Due esempi potrebbero essere utili qui, uno storico e uno recente. Il primo è un esempio di attivisti cinesi che imparano dalle lotte al di fuori della Cina, e il secondo è un esempio del contrario. Prima lo storico: una cosa che spesso si dimentica quando si parla di "solidarietà" e "internazionalismo" oggi è la forma pragmatica che assumevano quei termini. Solidarietà non significava solo "pensieri e preghiere" o i nostri "cuori e menti" sono con te! Significava: stai avendo un'insurrezione? Fantastico, ci uniremo a te! O, se non possiamo averne una nostra, almeno prendi queste spedizioni di armi! Questo è un esempio estremo, ovviamente, ma segnala il carattere ultimo di ciò di cui stiamo parlando. Come è stata in passato questa solidarietà internazionale per gli organizzatori cinesi? Una componente essenziale di tale solidarietà tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo era il ruolo dei programmi di studio e lavoro internazionali: anarchici cinesi provenienti da ambienti leggermente più ricchi usavano le loro risorse per creare un'infrastruttura per i giovani radicali cinesi per viaggiare dalla Cina in luoghi come la Francia, dove sarebbero stati gettati nel mezzo della vibrante vita dei sindacati francesi, per poi riportare queste lezioni nel contesto sociale cinese. Successivamente, programmi di scambio simili con l'Unione Sovietica sarebbero stati ugualmente fondamentali. C'è molto da criticare sui dettagli di tali programmi, ma il punto qui è che la "solidarietà" era molto pratica, molto materiale. Quella sorta di viaggio internazionale diretto, lavoro e studio - e ovviamente la traduzione, la fondazione di giornali, biblioteche, riviste, tutto va di pari passo con questo - era la vera carne della solidarietà. E questo è il genere di cose per cui stiamo cercando di gettare le basi.

Ciò richiede non solo l'interazione internazionale diretta, ma anche il collegamento pragmatico delle lotte. Quindi il secondo esempio, contemporaneo, è utile qui: possiamo vedere casi reali di solidarietà nel modo in cui le tattiche di strada di Hong Kong hanno informato coloro che sono stati coinvolti nella recente ribellione negli Stati Uniti. La vera solidarietà, dopotutto, non significa solo che agiterò un cartello davanti a un'ambasciata, chiedendo essenzialmente al governo degli Stati Uniti di condannare la repressione. No, significa che imparerò da quella lotta per la vita e la morte e lo tradurrò direttamente nelle mie condizioni. Colpirò le ingiustizie che sono a distanza ravvicinata per me, piuttosto che tifare per battaglie lontane. Quindi, se vuoi "mostrare solidarietà" con Hong Kong, ad esempio, condividi alcuni articoli su Twitter sulla lotta e, cosa più importante, sulle formazioni tattiche o sull'utilizzo di buone pratiche di sicurezza su Telegram, per esempio, ma vai anche là fuori su per le strade e fai qualcosa dove sei, pragmaticamente informato da ciò che hai imparato.

Ci sono molti di sinistra che hanno passato anni essenzialmente a fare lezioni alla gente sulla somiglianza delle loro lotte con quelle di lontani compagni in Cina, immaginando che, così facendo, si impegnassero nella "solidarietà". Ma la realtà è che il solo sapere, vagamente, che le persone scioperano in Cina o si ribellano a Hong Kong non è di grande aiuto, e anche conoscere le ragioni e la storia dietro non sono sempre molto utili. In definitiva, questa "solidarietà" è quindi abbastanza economica. Ma poi ci sono questi ragazzi - e stiamo davvero parlando, tipo, di adolescenti qui - che guardano le rivolte di Hong Kong in diretta sui social media, che vedono alcuni dei meme che abbiamo aiutato ad aggregare e tradurre, coprendo cose come le formazioni di scudi e semplicemente vanno là fuori e lo riproducono per le strade. Questa è la vera solidarietà! Perché ha un costo, ovviamente, e richiede un po' di coraggio. Fare conferenze alle persone su una lotta lontana che non sembra rilevante per la loro vita reale, ma controlla tutte le scatole del corretto internazionalismo "collega i punti": questa è una prestazione piacevole utile solo per riempire l'ego della sinistra. È facile. Non richiede un grammo di coraggio e non ha alcun costo in sudore o sangue. Quindi forse, in ultima analisi, è quello che dovremmo dire d'ora in poi invece di solidarietà: sudore e sangue.

Infine, vogliamo sottolineare un punto quando si tratta di lotte sul posto di lavoro. Queste stanno ricominciando ad aumentare in molti luoghi a seguito del collasso economico che da tempo si era accumulato e che è stato finalmente innescato dalla pandemia. Abbiamo tradotto numerosi resoconti di tali lotte nella Cina continentale nel corso degli anni e abbiamo prodotto due articoli più lunghi che esaminano il loro contesto più ampio e le tendenze più profonde. Anche se tali azioni in Cina stanno diminuendo di intensità da un po' di tempo, questa storia recente offre ancora una serie di lezioni estremamente pratiche per i lavoratori in luoghi come gli Stati Uniti o l'Europa, che sono messi a dura prova nel mezzo della crisi. Uno dei motivi per cui il caso cinese ha così tante lezioni pratiche è proprio perché l'illegalizzazione de facto dell'organizzazione del lavoro indipendente ha fatto sì che tutti i principali scioperi fossero scioperi selvaggi informali che utilizzavano l'azione diretta. In passato, questo includeva non solo la chiusura diretta della produzione, ma anche la distruzione di molte proprietà, il rapimento di capi e persino la violenza diretta contro manager abusivi o funzionari locali corrotti. Tali tattiche erano, in media, anche estremamente efficaci. Queste sono tutte grandi lezioni per i lavoratori nei paesi occidentali, e specialmente negli Stati Uniti, dove la sindacalizzazione è incredibilmente bassa ei sindacati esistenti agiscono quasi esclusivamente per reprimere i disordini, distogliere i lavoratori da tattiche veramente efficaci e concedere lentamente ai padroni nei negoziati. I lavoratori americani potrebbero imparare molto da questo: non fidarti ciecamente dei rappresentanti sindacali ufficiali, approvati dallo stato, per esempio. E ancora più importante: impegnarsi nell'azione più diretta possibile per interrompere l'attività, inclusa la distruzione della proprietà. Nel frattempo, crittografa le tue comunicazioni e preparati a difenderti dalla polizia!

Asia Art Tours: con l'aumento dei confini, della sorveglianza, della violenza di stato e dell'etnosupremazia sia in Cina che nel mondo. Volevo chiedervi quanto stabile vedi la Cina come uno stato-nazione funzionale per il prossimo futuro? E come la governance / etnosupremazia sempre più brutale ha influenzato globalmente le conclusioni di CHUANG sul desiderio di stati-nazione in un futuro comunista / anarchico?

Chuang (闯): Il contesto è importante qui. Quando dici "governance / etnosupremazia sempre più brutale", ci chiediamo: rispetto a dove e quando? In realtà, sembra che le cose che sono sempre accadute siano state rese visibili a molte persone solo di recente. Questo è quello che potresti forse chiamare il "fenomeno Trump" negli Stati Uniti, ad esempio, dove improvvisamente incarcerazioni di massa, lavoro forzato, costruzione di campi di concentramento per migranti, separazione familiare al confine, dilaganti omicidi della polizia, assassinii di estrema destra e sparatorie di massa: tutte queste cose improvvisamente appaiono a un gruppo di persone tutte in una volta non perché non esistessero prima, ma piuttosto perché l'elezione di Trump ha rivolto gli occhi di queste persone verso argomenti politici per la prima volta nella loro vita. La realtà, ovviamente, è che tutto ciò che è elencato sopra ha una lunga, lunga storia in America. In effetti, quella lista è una sintesi abbastanza buona della storia americana in generale!

Quindi una corretta inquadratura storica è in realtà molto importante. È vero che, se sei un comunista o un anarchico che si sta organizzando per l'uguaglianza razziale negli Stati Uniti, ora potresti avere le tue comunicazioni sotto sorveglianza? Che tu possa essere picchiato dalla polizia, sbattuto in prigione, ucciso da pazzi di estrema destra? Ovviamente lo è. Ma lo stesso era vero negli anni '60, '30, 1890, ecc. Potremmo dire esattamente la stessa cosa per la Cina, a proposito, forse modificando un po' gli anni. Quindi, in tutti questi sensi, tendiamo ad esagerare cosa, esattamente, cosa è nuovo e cosa non lo è, perché i nostri punti di riferimento immediati sono spesso una storia abbastanza recente che era stata riempita di propaganda che promuoveva la fine della storia in quanto tale, la fine del lotta di classe, come cresceva l'economia, come tutti erano classe media, tutte quelle sciocchezze. Ovviamente anche allora non era vero se stavi prestando attenzione al mondo intero, ma è questa falsa patina della storia recente che di solito funge da nostro punto di riferimento spontaneo nel cercare di capire questo periodo in cui quella patina sta scivolando via. Ciò non significa che lo stato non abbia necessariamente poteri molto più espansivi oggi, è solo importante misurare esattamente come lo fa e come non lo fa. Ovviamente, la complessità della sorveglianza è oggi più grande di quanto non fosse in passato, per esempio. E il vero problema qui è fondamentalmente se queste capacità rendano o meno gli stati moderni più resilienti alle sfide popolari interne contro il suo potere.

Certamente, possiamo indicare la disuguaglianza davvero estrema quando si tratta della capacità di mobilitare la forza e la violenza. Misurata a livello tecnico, la classe capitalista contemporanea, organizzata in una miriade di stati, è terrificante nella sua capacità di distruggere letteralmente il mondo. Allo stesso tempo, anche la più grande supremazia militare è chiaramente incapace di affrontare facilmente una lotta popolare e asimmetrica contro di essa. Se poi si aggiungono le classiche condizioni rivoluzionarie a quell'equazione - cose come l'ammutinamento all'interno delle forze armate, per esempio, la defezione di massa dal lato conservatore a quello rivoluzionario, il crollo dell'apparato produttivo, ecc. - sembra suggerire che questo squilibrio potrebbe non essere così grave come sembra a prima vista. La capacità rivoluzionaria non può essere misurata solo contando le pistole. Invece è qualcosa di intenso, comporta un vero e proprio crollo nei circuiti principali dell'economia globale e questo fa un tipo di danno molto diverso al potere della classe capitalista rispetto a molte rivoluzioni storiche. Quindi questa è una delle ragioni per cui il caso cinese è così interessante per noi, a causa dei modi unici in cui il sistema industriale globale ha concentrato un numero di nodi assolutamente essenziali all'interno della Cina, e cosa potrebbe accadere se una ribellione locale dovesse fermare quella produzione.

Infine, chiedi del "desiderio di stati-nazione in un futuro comunista / anarchico". La risposta qui è molto semplice: non esiste tale desiderio. Nessun comunista che si rispetti può guardarti in faccia e dire che c'è ancora uno “stato” nel comunismo. Se lo fanno, non sono comunisti in nessun senso della parola. E ovviamente gli anarchici non hanno alcun desiderio di uno stato. Nel frattempo, il termine "stato-nazione" è sempre stato più uno sforzo di propaganda che una descrizione di qualsiasi unità fondamentale. Se gli stati hanno un carattere linguistico o nazionale / culturale, è perché erano alla loro fondazione e sono ancora oggi il meccanismo amministrativo di alcune fazioni di capitalisti (e storicamente, ovviamente, élite terriere, vecchi aristocratici, ecc.) con affinità culturale e quindi cominciarono a coordinare i propri interessi secondo questi accidenti storici che li avevano accomunati. Si trattava di alleanze contingenti tra capitalisti, spesso ereditate da geografie precapitaliste, che assumevano poi il carattere di culture "nazionali" più generali.

Ma anche la "nazione" è spesso uno scherzo, a dire il vero. Perché il fatto è che le nazioni più omogenee hanno quasi sempre dovuto (spesso in modo abbastanza violento) imporre la standardizzazione e l'assimilazione in quella presunta stessa cultura nazionale. Se si guarda alla formazione della prima età moderna di questi stati-nazione in Europa, ad esempio, i documenti storici sono pieni di tentativi di costringere tutti a parlare versioni standardizzate e mutuamente intelligibili, diciamo, di francese, e di celebrare un particolare sottoinsieme di caratteristiche culturali spiccatamente nazionali. In molti luoghi, anche ignorando gli esempi più eclatanti degli stati coloniali, ciò ha significato una soppressione piuttosto sostanziale della diversità linguistica e culturale interna (si pensi, ad esempio, al motivo per cui le persone parlano inglese nelle isole britanniche e non, diciamo, gallese) . Questo è ovviamente esattamente ciò che lo stato cinese continua a perseguire oggi, causando il recente conflitto sull'educazione linguistica mongola, ad esempio.

In realtà, quasi tutte le prove indicano un livello spontaneo molto maggiore di diversità culturale e linguistica che sorge ogni volta che si interrompono i tentativi contrari. Quindi ci aspetteremmo che, anche se ci fosse un forte sforzo per costruire e mantenere una lingua franca mutuamente intelligibile (o più) per l'intero globo in una tale società, ci aspetteremmo anche di vedere una fioritura senza precedenti di culture e linguistiche completamente nuove praticate su scala locale. Sarebbe un errore, tuttavia, usare concetti come "nazione" per descrivere tali pratiche, proprio come sarebbe un errore usare la parola "stato" per descrivere qualsiasi tipo di coordinamento collettivo e intenzionale tra le persone in una società. Sono termini che, nelle loro connotazioni moderne, descrivono fenomeni specifici dell'arco delle società di classe, dai primi imperi agrari al capitalismo contemporaneo. Il progetto comunista è porre fine alla società di classe. Marx ed Engels descrivono questo come una sorta di ritorno, su scala completamente nuova (tecnologica, demografica, ecologica), alle relazioni comuniste che hanno prevalso per gran parte della storia umana. Quindi qualunque diversità linguistica, culturale o geografica che vedremmo in una società comunista avrebbe bisogno di nuovi termini per descriverla o, per lo meno, sarebbe meglio descritta usando categorie da contesti linguistici molto diversi - lingue che sono emerse nelle società pastorali nomadi, o tra i cacciatori-raccoglitori, per esempio. E le implicazioni di tali parole sarebbero molto diverse.

Asia Art Tours: Infine, ricordo sempre quello che mi disse lo studioso Eli Friedman nella nostra intervista all'attivista sindacale (allora incarcerato) Xiangzi, che (sto parafrasando) non sappiamo mai quali proteste internazionali, dissenso o azione diretta possano effettivamente esercitare pressioni sulla Cina , quindi dobbiamo solo continuare a cercare di trovare nuovi punti di pressione. Per quanto riguarda gli attivisti che lavorano nel campo del lavoro, dello Xinjiang, di Hong Kong, del Tibet o di altre questioni cinesi, che consiglio avete per trovare questi punti di pressione e come usarli quando vengono trovati?

Chuang (闯): Pensiamo che qualsiasi politica costruita attorno a "pressioni" su stati o corporazioni per agire meglio sarà una partita persa. Pensa, ad esempio, alle gigantesche proteste globali quasi due decenni fa, quando gli Stati Uniti invasero l'Iraq. Ci sono state enormi manifestazioni nei paesi di tutto il mondo. Emersero tutti i tipi di pressione diplomatica, molte nazioni si rifiutarono di unirsi allo sforzo guidato dagli Stati Uniti, gruppi contro la guerra sorsero negli stessi Stati Uniti e si organizzarono continuamente mentre la guerra iniziava e si trascinava. E non ha cambiato assolutamente nulla. Gli stati e i capitalisti che siedono dietro di loro semplicemente non sono soggetti a regole di etichetta diverse da quelle che si sono prefissati. Quindi, nella migliore delle ipotesi, un punto di pressione "efficace" in questo senso significa supplicare che una frazione della classe capitalista ne punisca un'altra per essersi allontanata. Questo tipo di appello allo stato è, in effetti, ciò che molti attivisti hanno perseguito riguardo alla repressione della Cina a Hong Kong e ai suoi violenti progetti di assimilazione nello Xinjiang, in Tibet e ora in Mongolia. Si spera che almeno alcuni di questi attivisti siano un po' imbarazzati dal fatto che quelli più pronti a condannare la Cina insieme a loro siano stati i più famosi politici conservatori e capitalisti nazionali. Questo dovrebbe essere una prova sufficiente che l'idea di "punti di pressione" è una strategia perdente, tutto sommato.

Anche molti “socialisti” oggi stanno cadendo in questa trappola, però, dall'estremo opposto: pensare che “antimperialismo” significhi schierarsi da una parte in quello che è veramente un conflitto interimperialista in costruzione. Indicano l'ipocrisia dei presunti membri di sinistra che condividono articoli di famigerati e folli anticomunisti come Adrian Zenz sullo Xinjiang, per esempio, o condividono immagini di manifestanti di Hong Kong che sventolano bandiere americane. Questi sono obiettivi facili, ma sono obiettivi reali, perché così tante persone stanno commettendo questi errori fondamentali e si appellano alle forze conservatrici che si oppongono anche all'"autoritarismo cinese" per interesse economico o per la loro ideologia evangelica di estrema destra, nonostante il fatto che queste sono le stesse persone che spingono per l'approvazione di leggi che illegalizzano le organizzazioni di estrema sinistra in Europa e negli Stati Uniti! Ma è altrettanto idiota commettere l'errore equivalente nella direzione opposta, saltando in difesa dello Stato cinese, ignorando la repressione delle femministe, dei centri operai e dei gruppi studenteschi marxisti, o negando apertamente ciò che sta accadendo nello Xinjiang.

Contro tutto ciò, pensiamo che sia più strategico chiedersi come e dove i comunisti possono costruire un potere reale nel mezzo delle rivolte globali in corso in un modo che non viene semplicemente spazzato via in una spinta generica per politiche sociali "progressiste" o cordate a sostenere una fazione in un conflitto intercapitalista globale. Una parte importante di questo è stabilire linee di comunicazione e comprensione reciproca mentre, così facendo, affinare la nostra comprensione del capitalismo globale e della sua miriade di conflitti. Come accennato in precedenza, questo è davvero ancora un progetto nelle sue fasi iniziali, ma gettare le basi è essenziale e abbiamo già visto alcuni risultati fantastici e stimolanti, ad esempio alcuni degli effetti di crossover tra la rivolta negli Stati Uniti e quella a Hong Kong un anno prima. Si spera che questo tipo di interazioni possa acquisire profondità e ampiezza nel tempo, in particolare mentre i disordini continuano a crescere in tutto il mondo.

E questa è un'altra parte importante del progetto: partecipare a questi cicli di disordini in cui ti trovi. Se vuoi davvero mostrare "solidarietà" con la Cina, stai sprecando il tuo tempo cercando di fare appello alla natura migliore delle élite di governo. Se questa è la tua idea di solidarietà, alla fine sarai imbarazzato dai risultati. Faresti meglio a unirti al fronte e difendere i rivoltosi che bruciano la stazione di polizia e saccheggiano l'obiettivo a Minneapolis; respingi i contenitori di gas lacrimogeni mentre la folla distrugge i negozi di lusso lungo gli Champs-Élysées; lanciare mattoni contro la fila dei poliziotti in ritirata a Bandung, in Indonesia; assaltano edifici federali con le femministe a Città del Messico. Ovunque tu sia, la migliore solidarietà si costruisce dal sangue e dal sudore che contribuiscono a rendere i territori sempre più ingovernabili, a prescindere da quanto tu comprenda intellettualmente, ad esempio, che la lotta contro il razzismo negli Stati Uniti è strutturalmente legata alla lotta contro l'austerità del lavoro le leggi in Indonesia e la lotta per la cosiddetta "democrazia" a Hong Kong. Non sprecare il tuo tempo a cercare "punti di pressione" o a presentare petizioni ai tuoi leader. Invece, crea potere ovunque e come puoi.

 

 

Dai un'occhiata anche al podcast di Matt, The Arts of Travel, per interviste su politica, arte e attivismo di sinistra radicale in tutta l'Asia. Consigliamo in particolare l'intervista del 15 novembre con Geoff Aung, "On The Capitalist Dreamworlds and Nightmares of Myanmar".

 

 

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons