InfoAut
Immagine di copertina per il post

Che Italia ha in mente la Meloni? Quella delle piccole-medie imprese ad alto coefficiente di sfruttamento

L’impronta economica del nuovo governo è stata tracciata chiaramente in una semplice frase durante il discorso alla camera: “Il nostro motto sarà non disturbare chi vuole fare” ed in maniera più esplicita “Chi oggi ha la forza e la volontà di fare impresa in Italia va sostenuto ed agevolato, non vessato e guardato con sospetto”.

La matrice dunque è chiara, quella del laissez faire declinata nella modernità capitalista che echeggia la nuova destra americana. Conservatorismo sociale e liberismo economico contemperato dai climi mediterranei. Al netto della vittimizzazione continua dell’imprenditoria italiana – come se negli ultimi anni avessero governato socialisti inferociti e non banchieri propensi a realizzare i desiderata di Confindustria in ogni ambito – qual’è l’Italia che per Meloni non va disturbata?

Anche qui basta aprire le pagine dei giornali per rendersene conto: tra innalzamento al tetto dei contanti, taglio al cuneo fiscale e contrapposizione al reddito di cittadinanza ed al salario minimo come strumenti di dignità, il governo ha in mente un referente ben preciso, il sistema delle piccole e medie imprese italiane.

Ora intendiamoci, la definizione di piccole e medie imprese è un calderone dove ci si può trovare di tutto, dal piccolo esercizio commerciale a gestione familiare, alla azienda con migliaia di impiegati collocata all’interno della filiera internazionale del valore. Dunque questa categoria, tanto cara alla statistica italiana, è un po’ povera di accuratezza.

Ma è al contrario ben chiaro chi trarrà benefici dalle politiche del nuovo governo e saranno quelle aziende ad alto coefficiente di sfruttamento che sostanzialmente avranno il via libera a estrarre ancora più valore dal lavoro povero. Dobbiamo continuamente sorbirci la balla che il problema strutturale dell’impresa italiana sta nella scarsa produttività del lavoro, ma la verità è che buona parte del sistema imprenditoriale italiano è basato su produzioni di beni e servizi a scarso valore aggiunto che per fare profitti devono estrarre la maggiore quantità di sfruttamento dal lavoro e di risorse dalla devastazione ambientale, abbattendo i costi di produzione in ogni direzione possibile (si veda la sicurezza sul lavoro o l’inquinamento ambientale). E’ il sistema dei distretti, della logistica (quella su ampia scala e quella urbana), del terziario basso e della Grande Distribuzione. Il sistema in cui lavoro nero, contratti da fame e ipersfruttamento sono la quotidianità. Quando non si tratta di aziende totalmente parassitarie che assomigliano a truffe legalizzate.

E’ un mondo in cui la legalità è un concetto totalmente relativo (su cui le istituzioni chiudono volentieri entrambi gli occhi) ed a dominare sono i rapporti di forza tra lavoratori e lavoratrici da un lato ed aziende dall’altro. Un mondo in cui il capitale mafioso e para-mafioso trova ampia valorizzazione. Sicuramente questa visione dell’economia non è una novità, la tendenza è tracciata da anni, ma stiamo assistendo chiaramente ad un approfondimento che è condito dall’attacco su ogni piano, compreso quello giudiziario, nei confronti di chi prova a rivendicare condizioni di vita e di lavoro migliori.

Si parla tanto di abbassare la tassazione sul lavoro, il che di per sè non è del tutto negativo, ma questa tassazione è già oggi interamente scaricata dalle aziende sui salari, per cui il reale effetto redistributivo di questa misura è tutt’altro che certo: la verità è che si tratta solo di garantire nuovi e maggiori profitti in un paese in cui i salari non crescono da trent’anni.

Questa è la visione dell’Italia che ci aspetta, una visione vecchia ed in parte antistorica (cosa rimarrà di questi settori di fronte alla competizione globale sempre più accesa ed alla crisi ecologica?), ma in cui chi è aggrappato al proprio privilegio è disposto a tutto pur di conservarlo. Questo è un attacco sostanziale alle condizioni di vita dei più poveri che non può passare sotto silenzio ed essere normalizzato ed anche la traccia di un lavoro politico a venire, di una forza da costruire.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Sfruttamentodi redazioneTag correlati:

confindustriaeconomiaMELONIneoliberismosfruttamento

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Stellantis senza freni

Le ore successive allo sciopero del settore automotive a Torino sono state sorprendenti: i media hanno annunciato l’aumento dei compensi che si sono riservati i vari dirigenti del gruppo Stellantis, in primis il Ceo Tavares.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Contro la vostra “pace” e il vostro “lavoro” la lotta è solo all’inizio

Primo maggio a Torino: con la resistenza palestinese, contro il governo della crisi sociale.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Lotte operaie: bloccato per ore a Tortona un intero polo della logistica. Alle 20 si replica

Sciopero nazionale della logistica promosso da Si Cobas, Adl Cobas, Cobas Lavoro Privato, Sgb e Cub, esclusi dal tavolo di rinnovo del Ccnl, nonostante la forte rappresentatività tra facchini, driver e operai.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Lavoro: maxi-sequestro a GS (Gruppo Carrefour). Quale futuro attende lavoratori e lavoratrici?

Si arricchisce di ulteriori dettagli il maxisequestro della Procura di Milano (65 milioni di euro) a Gs spa, il gruppo di 1.500 supermercati italiani di proprietà del colosso francese Carrefour.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

L’attività sindacale equiparata ad “associazione a delinquere”: la Procura di Piacenza ci riprova

Dunque, sebbene il carattere tutto politico di questo teorema sia stato ampiamente smascherato, ciò non ha frenato la procura di Piacenza dal perseguire il proprio scopo di criminalizzare il SI Cobas

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Esselunga di Firenze: qualcosa si muove

A due settimane dal crollo nel cantiere per la costruzione di un nuovo negozio Esselunga nel quartiere di Rifredi, che ha provocato la morte di cinque operai, la popolazione locale continua a mobilitarsi

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Crollo di Firenze: la destra diventa europeista quando si tratta di deregolamentare il lavoro

Cinque operai morti e tre feriti, questo è il tragico bilancio del crollo avvenuto venerdì 16 febbraio nel cantiere del supermercato Esselunga in via Mariti, a Firenze, morti che si aggiungono alla lunga lista di una strage silenziosa.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Addio Pasquale, compagno generoso ed instancabile

Apprendiamo con amarezza che per un malore improvviso è venuto a mancare Pasquale Lojacono.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Firenze: crollo in un cantiere Esselunga. Cinque operai morti, lunedi sciopero sindacati di base

L’azienda committente e la ditta appaltatrice del crollo nel cantiere Esselunga a Firenze sono gli stessi degli incidenti avvenuti nel cantiere di un altro supermercato del gruppo lombardo della Gdo a Genova, nella zona di San Benigno

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Monza: “Dita spezzate e calci a terra”, violento sgombero poliziesco del presidio SI Cobas 

“Nuova escalation di violenza di Stato contro il sindacato SI Cobas: brutale aggressione contro i lavoratori e il coordinatore di Milano Papis Ndiaye“

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Solidarietà a Giovanni Iozzoli

Il giorno 7 maggio 2024 il Tribunale di Modena ha condannato Giovanni Iozzoli, scrittore, delegato sindacale e redattore di “Carmilla online”, al pagamento di circa 20.000 euro (tra risarcimento e spese legali) a favore dell’azienda Italpizza, colosso dell’export agroalimentare emiliano.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Congo: la maledizione del cobalto

Quando Roger Milolo ha lasciato la sua città natale al confine tra la Repubblica Democratica del Congo (RDC) e lo Zambia per lavorare come operatore in una miniera di cobalto, sperava che la sua sarebbe stata una storia “dagli stracci alla ricchezza”.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Uscita la legge europea sull’Intelligenza Artificiale: cosa va alle imprese e cosa ai lavoratori

Il 13 marzo 2024 è stato approvato l’Artificial Intelligence Act, la prima norma al mondo che fornisce una base giuridica complessiva sulle attività di produzione, sfruttamento e utilizzo dell’Intelligenza Artificiale.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Digitalizzazione o giusta transizione?

Sfinimento delle capacità di riproduzione sociale, economia al collasso e aumento del degrado ecologico: di fronte a queste sfide per il settore agricolo non basta il capitalismo verde

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Sciopero degli addetti al settore cargo di Malpensa

Sciopero all’aeroporto di Milano Malpensa degli addetti al settore cargo.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Cremona: la polizia sgombera la Prosus, occupata da 4 mesi dai lavoratori

I lavoratori dell’azienda di macellazione Prosus di Vescovato, alle porte di Cremona, che dal 16 ottobre 2023 occupavano lo stabilimento sono stati sgomberati questa notte.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Terzo giorno di gas al peperoncino, proiettili di gomma e arresti

Una nuova repressione ha avuto luogo nelle vicinanze del Congresso dopo l’approvazione del progetto di Legge Omnibus.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La camera approva la legge contro gli ecoattivisti

La Camera ha approvato definitivamente la legge per contrastare le azioni simboliche dei movimenti che si battono per la giustizia climatica contro monumenti e opere d’arte. Pene da due a cinque anni di reclusione e sanzioni da 20mila a 60mila euro.