InfoAut
Immagine di copertina per il post

Aggiornamenti da MondoConvenienza: cosa cambia davvero?

Dopo quattro mesi di sciopero a Campi Bisenzio sono in corso una serie di tavoli istituzionali sulla vertenza. I comunicati dei diversi soggetti in campo sono contraddittori, quindi di seguito riproduciamo un resoconto del SI Cobas Prato e Firenze sullo stato dell’arte ad oggi e sulle mosse dell’azienda.

1. Qualche giorno fa, sulla chat aziendale della RL2, la ditta che gestisce l’appalto MondoConvenienza di Campi Bisenzio, è arrivato un messaggio per i lavoratori. Il messaggio spiega “cosa cambierà dal 1 ottobre”, ovvero cosa significherà concretamente la “abolizione del Regolamento Aziendale con conservazione delle condizioni economiche già in essere” annunciata dopo il tavolo nazionale del 15 settembre.

2. Secondo quello che c’è scritto in questo messaggio, l’indennità di trasferta rimarrebbe “INVARIATA”. Il maiuscolo è loro.

3. A quindici giorni di distanza dal tavolo nazionale tra sindacati confederali e azienda abbiamo, da una parte, i comunicati stampa (contraddittori tra loro); dall’altra, ora abbiamo i messaggi Telegram. I verbali degli accordi raggiunti ai tavoli con i sindacati confederali, invece, sono ancora non pervenuti. I comunicati stampa dicono che l’abolizione del Regolamento Aziendale include il superamento del vecchio sistema intollerabile delle trasferte. Il messaggio Telegram dice, invece, che rimane tutto come prima.

4. “Come prima” vuol dire che l’indennità di trasferta (che per un autista è il 40% del salario) viene pagata solo al raggiungimento di 22 giornate di presenza al lavoro in un mese. Sotto i 22 giorni si dimezza. E sotto ancora sparisce. Come denunciamo da tempo, si tratta di un meccanismo diabolico che fa pagare caro al lavoratore qualsiasi tipo di assenza (anche se giustificata da malattia, ferie o infortunio). Perché se non raggiungi i 22 giorni, perdi una parte importante del salario anche per tutti i giorni del mese in cui hai lavorato.

5. 22 giorni lavorativi in un mese non sempre ci sono. Di fatto la “trasferta mensile” obbliga il lavoratore al lavoro straordinario del sabato per avere la garanzia di “raggiungere i giorni per la trasferta”.

6. Finché negli appalti Mondo Convenienza ci sarà la “trasferta mensile”, si sarà costretti a lavorare il sabato non “per arrotondare”, ma per non vedersi tagliato il salario guadagnato dal lunedì al venerdì. Si sarà costretti ad andare a lavoro malati per non vedersi tagliato il salario guadagnato quando si era in salute.

7. E se per raggiungere i 22 giorni al mese devi per forza fare lo straordinario il sabato (non tutti i mesi hanno 22 giorni lavorativi), c’è anche un altro enorme problema: il tuo padrone è libero di “concedertelo” oppure no. Lo straordinario non è dovuto. Te lo “concede” se gli va. Altrimenti stai a casa. E perdi tutta la trasferta.

8. In sintesi: per non vedermi tagliato del 40% lo stipendio del mese, devo lavorare 22 giorni; per lavorare 22 giorni, non devo fare malattie, permessi o denunciare infortuni; ma visto che non sempre basta questo a raggiungere quota 22 devo anche lavorare i sabati; ma per lavorare i sabati devo “fare quello che mi dicono” visto che, in ogni momento, l’azienda può dirmi “il sabato stai a casa”; per poter lavorare i sabati, devo SEMPRE lavorare i sabati, perché se una volta dico NO mi lasciano a casa le altre volte e non raggiungo i 22 giorni.

9. Soprattutto: affinché l’azienda mi “conceda” di lavorare i sabati, devo accettare dal lunedì al venerdì di lavorare 12 ore al giorno (senza straordinari pagati, perché non c’è il marcatempo) per finire giri di consegne e montaggi infiniti. In definitiva, per avere la trasferta devo lavorare gratis 4 ore al giorno dal lunedì al venerdì in modo che mi venga “concesso” di lavorare 12 ore anche il sabato (!!!). È esagerato dire che è un meccanismo diabolico?

10. Diabolico… ed illegale. Perché è la legge che prevede che le indennità di trasferta vengano erogate su base giornaliera. Non è un capriccio dei lavoratori in sciopero. Quindi esattamente, perché ne stiamo ancora parlando?

11. Marcatempo INSIEME A trasferta giornaliera sono le “condizioni minime”. E devono stare insieme per avere un effetto. CONCRETO. Questo perché il marcatempo sarebbe utilizzato da TUTTI i lavoratori, mentre altri meccanismi come i fogli presenze vengono usati solo per i lavoratori che li chiedono. Cosa produrrebbe, quindi, un semplice foglio presenza da tenere sul furgone (dove segni l’orario di ingresso e di fine) senza rendere la trasferta giornaliera? Che per non far vedere che lavori 12 ore te ne fanno lavorare 8. E questo non piace all’azienda. Che allora non ti fa fare i sabati. E così perdi tutta la trasferta del mese. E un altro lavoratore che non vuole (o meglio, non può) rinunciare a quasi metà della busta paga è costretto a fare le consegne che il primo non ha fatto perché ha lavorato”solo” 8 ore. Le ore in più del secondo lavoratore a Mondo Convenienza non costano nulla, perché non le paga. E se un giorno chiedesse di farsele pagare, perderebbe anche lui i sabati e quindi la trasferta. Non siamo paranoici: è quello che è successo in questi mesi in quegli appalti in cui è stato inserito il foglio presenza lasciando invariato il meccanismo della trasferta mensile. Mondo Convenienza va sempre avanti sul lavoro gratuito grazie alla trasferta calcolata su base mensile.

12. Da parte dell’azienda c’è la volontà di mantenere delle condizioni economiche così indecenti per costringere poi i lavoratori stessi a chiedere di fare straordinari per potersi sostenere economicamente… Mondo Convenienza ha un piano molto chiaro, che sta già mettendo in atto in alcuni appalti dove c’è il foglio presenze ed è stata mantenuta la trasferta mensile: piegare i lavoratori prendendoli per fame, farli uscire dal sindacato e tornare al sistema di prima. C’è un motivo se dal primo momento diciamo che senza un’indennità di trasferta giornaliera e non più mensile, e senza un marcatempo, il “sistema Mondo Convenienza” non sarà mai scalfito.

13. Torniamo al messaggio della RL2 ai dipendenti. Dopo aver chiarito sulla trasferta, si annunciano invece le tre importanti novità: pagamento della malattia come da CCNL Multiservizi, due giorni in più di ferie e più permessi ROL. Si tratta di tre effetti dell’abolizione del Regolamento Aziendale che derogava – peggiorandole – le condizioni stabilite dal CCNL. Bene. Ma rimanendo in piedi il meccanismo che fa pagare ogni certificato di malattia e ogni giornata di permesso o ferie con la perdita dell’indennità di trasferta, è chiaro che tutto questo ha un sapore di beffa.

14. L’abolizione del Regolamento Aziendale annunciato dall’azienda dal 1 ottobre è certamente un risultato importante di questi mesi di lotta. Regolamento Aziendale voleva dire anche potere disciplinare arbitrario dell’azienda sui lavoratori, sanzioni, trattenute illegittime sulle buste paga. Una crepa si è aperta. Ma non abbiamo intenzione di sederci come spettatori a guardare cosa succede al di là della fessura. Ora bisogna buttare giù tutto il muro.

15. È quel “CON IL MANTENIMENTO DELLE STESSE CONDIZIONI ECONOMICHE IN ESSERE”, apparentemente neutro, che va rispedito al mittente: le condizioni devono essere RISCRITTE. Nero su bianco. L’indennità di trasferta va riscritta. Lo diciamo noi, lo ha detto la CGIL, lo hanno detto Regione Toscana e Comune di Campi Bisenzio.

16. La questione è semplice: deve essere garantito ai lavoratori che stanno scioperando da 4 mesi il diritto di tornare al lavoro con un sistema e condizioni diverse da quelle per cui sono usciti fuori dai cancelli quattro mesi fa.

17. Il messaggio di RL2 si conclude con l’annuncio dell’avvio delle trattative per l’applicazione del CCNL Logistica. Volevano la santa benedizione del CCNL Multiservizi, ma sono rimbalzati. L’assemblea dei lavoratori aveva definito “fuffa” il rinvio al 19 e 31 ottobre dell’avvio delle trattative per la logistica. Oggi registriamo il fatto che l’avvio della trattativa tra confederali e aziende è stata anticipata allo scorso 21 settembre. A quei tavolo non c’è nessun rappresentante dei lavoratori in sciopero. Ma abbiamo dimostrato già che nessuno può fare i conti senza l’oste. L’unico accordo accettabile, è quello accettato dai lavoratori.

18. L’applicazione del CCNL Logistica sarebbe già un cambiamento importante, se applicato correttamente: la fine delle paghe orarie da fame e la fine del sistema delle trasferte. Ma sull’applicazione del contratto Logistica ad ora non ci sono garanzie. Dicono che il CCNL Multiservizi è una fase “di transizione”. Che però non si sa quanto durerà e non si ha certezza che approderà al risultato dell’ CCNL Logistica. Le cose sono due: o si garantisce – nero su bianco, con delle scadenze certe – l’applicazione certa del CCNL Logistica, oppure si garantisce da subito, mentre proseguono le trattative, un cambiamento di sistema che cambi intanto il “il minimo”: marcatempo ed indennità di trasferta giornaliera.

19. Dopo due settimane passate tra comunicati stampa e messaggi Telegram, i lavoratori in sciopero dal tavolo di lunedì vogliono chiarezza. Cosa cambia DAVVERO per loro? Sulla base di questo, l’assemblea dei lavoratori deciderà come portare avanti la lotta, come d’altronde ha sempre fatto. Con coerenza, chiarezza e trasparenza. Che ci si aspettano da tutti i soggetti coinvolti.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Sfruttamentodi redazioneTag correlati:

mondoconvenienzasciopero

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Crollo di Firenze: la destra diventa europeista quando si tratta di deregolamentare il lavoro

Cinque operai morti e tre feriti, questo è il tragico bilancio del crollo avvenuto venerdì 16 febbraio nel cantiere del supermercato Esselunga in via Mariti, a Firenze, morti che si aggiungono alla lunga lista di una strage silenziosa.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Addio Pasquale, compagno generoso ed instancabile

Apprendiamo con amarezza che per un malore improvviso è venuto a mancare Pasquale Lojacono.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Firenze: crollo in un cantiere Esselunga. Cinque operai morti, lunedi sciopero sindacati di base

L’azienda committente e la ditta appaltatrice del crollo nel cantiere Esselunga a Firenze sono gli stessi degli incidenti avvenuti nel cantiere di un altro supermercato del gruppo lombardo della Gdo a Genova, nella zona di San Benigno

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Monza: “Dita spezzate e calci a terra”, violento sgombero poliziesco del presidio SI Cobas 

“Nuova escalation di violenza di Stato contro il sindacato SI Cobas: brutale aggressione contro i lavoratori e il coordinatore di Milano Papis Ndiaye“

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Sciopero degli addetti al settore cargo di Malpensa

Sciopero all’aeroporto di Milano Malpensa degli addetti al settore cargo.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Cremona: la polizia sgombera la Prosus, occupata da 4 mesi dai lavoratori

I lavoratori dell’azienda di macellazione Prosus di Vescovato, alle porte di Cremona, che dal 16 ottobre 2023 occupavano lo stabilimento sono stati sgomberati questa notte.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

SI Cobas: pistola puntata verso gli operai di Verona e aggressione con metodo mafioso a Prato

Gravissima vicenda fuori dai cancelli della Maxidi di Belfiore, in provincia di Verona: una guardia giurata ha puntato la pistola in faccia ai lavoratori in sciopero da mesi per chiedere l’applicazione del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, oltre che a salari e condizioni di lavoro migliori.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

2023: un anno di scioperi USA

Questo articolo di “Labor Notes” ripreso da “In These Times” traccia un bilancio degli scioperi che si sono succeduti negli Stati Uniti nel 2023. Per questo va letto e rilanciato.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Mondo Convenienza: la lotta paga. Applicato il CCNL della logistica a tutti gli appalti

È ufficiale. Dal 1 marzo in tutti gli appalti Mondo Convenienza verrà applicato il CCNL della Logistica. All’inizio dicevano che era “impossibile”. Ora sarà realtà.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Prima Classe e sfruttamento di classe

Il commissariamento dell’azienda Alviero Martini Spa di Milano per sfruttamento lavorativo è l’ennesima occasione per riflettere sulle trasformazioni delle filiere del nostro paese e sulle devastanti condizioni di lavoro che stanno dietro il tanto celebrato “Made in Italy”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

India: come non sfamare un pianeta affamato

In India è scoppiato un nuovo ciclo di proteste degli agricoltori contro il governo Modi con scontri e lanci di lacrimogeni alle porte di Nuova Delhi.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Sanità: nuovo sciopero di medici e infermieri contro la manovra economica del governo

Nuovo sciopero dei medici oggi lunedì 18 dicembre 2023. Si tratta della seconda giornata di protesta dopo quella del 5 dicembre contro la manovra economica del Governo che taglia fondi alla sanita’ pubblica a favore di quella privata.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Trasporti: Salvini precetta lo sciopero del sindacalismo di base che replica “Confermiamo l’astensione e siamo pronti ad azioni di piazza”

Come era prevedibile l’incontro con il ministro dei Trasporti Salvini del 12 dicembre 2023 “si è concluso con un nulla di fatto” e di fronte all’ordinanza del leghista di ridurre la mobilitazione da 24 a 4 ore si  “conferma lo sciopero”.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Le improbabili genealogie di uno sciopero. Lotte di classe dentro e contro il sindacato

Dopo 46 giorni di sciopero, che nell’ultima fase ha coinvolto 45 mila lavoratori su 146 mila, alla Ford, General Motors e Stellantis – le cosiddette Big Three americane dell’automotive – sono stati rinnovati i contratti per i prossimi i 4 anni e 7 mesi

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sciopero e proteste continuano a Leroy Merlin.

Sono molte le iniziative di solidarietà nei confronti dei lavoratori in sciopero a Leroy Merlin di Piacenza, grande centro logistico del colosso che rischia la chiusura. A Bologna, Milano, Torino i lavoratori dei negozi della catena francese hanno messo in atto azioni di protesta nei negozi sparsi nelle varie città, riempiendo carrelli e gettando la merce a terra con l’obiettivo di boicottare il normale svolgimento dell’attività e provocando un danno economico e di immagine all’azienda.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Lo sciopero politico contro la logistica di guerra

Assembliamo due interessanti interviste uscite su Connessioni Precarie rispetto alle mobilitazioni dei lavoratori portuali in risposta all’appello da parte dei sindacati palestinesi. Buona lettura!

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

L’anomalia giudiziaria modenese

Alla luce delle centinaia di imputazioni che nel giro di pochi anni hanno coinvolto militanti, lavoratori e lavoratrici nel modenese, pubblichiamo la segnalazione ricevuta di una iniziativa pubblica che si terrà sabato 25 novembre a Modena per richiamare l’attenzione sul livello repressivo a cui si è giunti in città.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dall’università al mondo del lavoro: solidarietà alla Palestina!

A Torino si estende la mobilitazione per una solidarietà attiva nei confronti della resistenza palestinese.