InfoAut
Immagine di copertina per il post

“Scuole sicure”: da Gelmini a Salvini

||||

Alcune considerazioni sul progetto “Scuole sicure”, l’ennesima sparata da campagna elettorale permanente del Ministro dell’Interno.

Le tempistiche spesso sono rivelatrici. Non è probabilmente un caso che la legge di riforma della scuola più contestata degli ultimi tre decenni in Italia, la riforma Gelmini, sia datata 2008. Ovvero in piena esplosione della crisi finanziaria internazionale.

Con quella legge la ministra berlusconiana apriva un ciclo di modifiche del comparto formazione, mettendo le basi per la distruzione del settore pubblico e per la sua progressiva privatizzazione e messa a profitto. Basi sulle quali le seguenti leggi a livello bipartisan hanno costruito l’incubo distopico che è la scuola odierna, quella dei presidi-sceriffo, dei voti di condotta, dell’alternanza scuola-lavoro, della precarietà edilizia.

Iniziava un processo di aziendalizzazione degli istituti che andava di pari passo con la dequalificazione dei saperi, presupposto dell’aumento dello sfruttamento e della precarietà che si sarebbe rivelato fuori dalle mura scolastiche. Bisognava adeguare una generazione al futuro che gli era stato apparecchiato dalle dinamiche economiche della crisi.

In questo processo, proseguito poi negli anni seguenti con vari aggiustamenti sfociati nella renziana “Buona Scuola”, trova un naturale inserimento la recente proposta salviniana ribattezzata “Scuole sicure”. Lo stanziamento di denaro per incrementare la presenza poliziesca davanti e dentro gli istituti, così come l’installazione di dispositivi di videosorveglianza, sono il più recente passo dei processi di securitizzazione della scuola avviati sin dalla Gelmini. Basati sulla logica non del “difendere gli alunni dagli spacciatori”, come da sparata del ministro dell’interno, ma nel comprimere sempre di più gli spazi di agibilità politica ed esistenziale di studenti e studentesse.

Troppo grande il rischio che all’interno di un contesto di crisi strutturale, dove la disoccupazione sarà sempre di più la regola e dove la scuola è sempre meno ascensore sociale, si possano creare possibilità di ribellione collettiva. Non a caso abbiamo assistito negli ultimi mesi ad un livello inedito di criminalizzazione studentesca, basti pensare al caso del Virgilio di Roma.

La mossa di Salvini è del resto totalmente propagandistica se tarata su suoi presunti obiettivi: 2,5 milioni di euro per tutte le amministrazioni comunali significano davvero pochi spiccioli rispetto a quello che il progetto intenderebbe fare. Ma dal punto di vista dell’impatto dell’annuncio sull’elettorato, unica cifra della comunicazione salviniana, sicuramente il risultato sarà positivo. Il capitano è pronto a difendere le famiglie italiane.

La realtà è ben diversa. Non è difficile immaginare che mancando la possibilità di un controllo capillare delle scuole – vista l’esiguità delle risorse stanziate – la discrezionalità delle amministrazioni varrà come principio per utilizzare i fondi, probabilmente mettendo nel mirino quelle scuole che hanno dato dimostrazione di incandescenza politica.

Che faranno i solerti agenti fuori dalle scuole in caso di occupazione o di picchetto per raggiungere una manifestazione? Con il principio cardine della sicurezza, che vuol dire tutto e niente, si pone una ulteriore messa a controllo degli istituti più caldi, dove non sono tollerabili ribellioni contro lo strapotere di insegnanti e presidi, così come contro percorsi di alternanza scuola-lavoro che sono in realtà costanza di sfruttamento.

I passaggi della Gelmini di aziendalizzazione degli istituti trovano così nella proposta salviniana la logica conseguenza: come in un’azienda, le milizie servono a controllare la ‘produzione’ e imporre la pacificazione. E c’è poco da aspettarsi dall’opposizione (sic!) su questo tema.

A differenza di un 2008 in cui provò, soprattutto attraverso il Partito di Repubblica, a sfruttare in chiave antigovernativa le prime mobilitazioni (salvo svegliarsi con la doccia fredda degli scontri in tutta Italia e dell’onda perfetta di Torino), il futuro ‘fronte democratico’ è talmente più realista del re che probabilmente cercherà di uscirsene con amenità come “le scuole le abbiamo disciplinate meglio noi! ” l”alternanza è una idea nostra!” ” la polizia fuori dai licei è un nostro progetto copiato dalla Lega”.. un po’ come quando attaccano Salvini dicendo che rimpatri e sgomberi sono una prerogativa del PD.

Il destino della scuola è tutto negli studenti e nelle studentesse: se gli istituti sembrano sempre più gabbie dove allenarsi alla disciplina e alla gerarchia, saranno gli studenti e le studentesse stesse, senza alcun aiuto esterno, a dover trovare le modalità per romperle.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Formazionedi redazioneTag correlati:

salviniscuola

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Formazione

Quattro studenti da sette mesi ai domiciliari. Lo Stato che odia i giovani

Di seguito riportiamo una riflessione studentesca a più di sette mesi dagli arresti di quattro studenti per il corteo del 18 febbraio a Torino. Buona lettura!

Immagine di copertina per il post
Formazione

Una mini-leva militare con bonus per i giovani. La storia della “Naja” e il merito armato del governo Meloni

Si torna a parlare di leva militare, della cosìdetta “naja”, abolita in italia agli inizi del 2000. Questo perchè il presidente del Senato Ignazio La Russa, a margine delle celebrazioni degli Alpini per i caduti in guerra in piazza duomo a Milano, ha annunciato di aver predisposto un disegno di legge che sarà presentato in Parlamento da Fratelli d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Scuole armate o scuole disarmate?

Uno scenario drammatico che si è sovrapposto a quello della scuola italiana nell’ultima decade, dove accanto alla privatizzazione e precarizzazione del sistema educativo si è assistito alla militarizzazione degli istituti e degli stessi contenuti culturali e formativi.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Il governo Meloni abolisce 18app, il bonus studenti: “Toglierlo non significa fare scuola del merito ma azzerare le possibilità”

Il governo a guida Meloni procede spedito nella cancellazione degli ultimi (rari e insufficienti) bonus a sostegno di precari e studenti. Ora l’addio è all’App 18, il bonus ai 18enni per usufruire dell’accesso ai teatri, cinema, spettacoli dal vivo, libri, abbonamenti a quotidiani e periodici, musei, concerti e mostre.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Defend Kurdistan: conclusa l’occupazione dell’università di Pisa e la mobilitazione continua

Assemblea a palazzo Ricci martedì 6 dicembre. Si è conclusa ieri sera l’occupazione del Polo Carmignani dichiarata giovedì 1 dicembre dallә studentә dell’Università appartenenti alla rete di Rise Up for Rojava Pisa. Momenti di confronto, di organizzazione, di azione, di socialità e condivisione: questo sono stati questi giorni al Polo Carmignani. Fin dal primo momento assembleare […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

Alternanza Scuola-Caserma in Sicilia: adesso pure alla Stazione Elicotteri della Marina Militare di Catania

Dopo il Protocollo firmato dall’Esercito italiano e l’Ufficio Scolastico Regionale della Sicilia per i PCTO (Percorsi per le Competenze Trasversali) nelle principali caserme siciliane, arriva l’Alternanza Scuola-Lavoro nelle grandi basi della Marina Militare.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Una scuola di merito e disciplina

Oggi in tutta Italia studenti e studentesse sono scese in piazza portando discorsi lucidi in un presente e in una scuola assuefatti.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Giornata di sciopero e cortei studenteschi in tutta Italia contro il governo Meloni e il Ministero del Merito

Giornata di sciopero e mobilitazioni studentesche in tutta Italia. Oltre 25 città da Nord a Sud sono scese in piazza contro il governo Meloni e il Ministero del Merito.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Bologna: sgombero in corso di Via Oberdan 16. “Università sfrattatrice”

Da questa mattina all’alba è in corso lo sgombero di Via Oberdan 16 a Bologna. L’occupazione era avvenuta subito dopo il corteo della Convergenza per porre l’accento sulla condizione abitativa di migliaia di studenti e studentesse che si confrontano con un mercato immobiliare drogato e fuori controllo.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Invalsi conferma la schedatura di massa degli studenti fragili. A insaputa dei genitori

Invalsi, per bocca del suo Presidente Roberto Ricci, conferma che nelle scuole italiane, è in atto una schedatura di massa degli studenti fragili.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Pacco di Natale: dall’UE mancano 2 miliardi per il Tav. Salvini che fa?

Mancano quasi due miliardi per finanziare il TAV in Val di Susa. La notizia imbarazzante è stata data ieri dall’imbarazzato neo-ministro delle infrastrutture Salvini durante la riunione della conferenza inter-governativa con il suo omologo francese, Clément Beaunne.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

A processo Antonio Mazzeo. Aveva denunciato la militarizzazione nella scuola primaria

Antonio Mazzeo, insegnante, giornalista, attivista pacifista e antimilitarista sarà processato per aver stigmatizzato il Sì all’Esercito in una scuola primaria “contro gli assembramenti anti-Covid”.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

L’eterna bufala del Ponte sullo Stretto

“Facciamo il Ponte”: sono tre parole, semplici, chiare e vistose anche per chi guarda distrattamente i media.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

La selezione (in)naturale della scuola del Merito

Siamo sull’orlo di una tragedia e questa politica non fa altro che tentare di mascherare la crociata ai poveri come un lavoro pedagogico verso le classi meno abbienti. Loro non ci tolgono diritti, ci insegnano a faticare e a lottare per un obiettivo, dicono…

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: le forze israeliane attaccano e demoliscono scuole. A Hebron aggrediti brutalmente studenti e insegnanti

L’apartheid israeliana ha molti volti. Uno di questi è quello della persecuzione contro i giovani e giovanissimi palestinesi e l’attacco agli istituti della loro formazione.

Immagine di copertina per il post
Culture

La vignetta di Fabu – Abboccano?

La vignetta di Fabu – Abboccano?

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Mani in pasta e manganello: Salvini arriva al Ministero delle Infrastrutture

La nomina era nell’aria. Con il giuramento è cosa fatta: Matteo Salvini sbarca al ministero delle infrastrutture. È certo una a soluzione di ripiego, quella del capitone.