La rabbia di studenti e studentesse riempie di nuovo le piazze di tutta Italia

Stampa

Gli studenti e le studentesse tornano in piazza per rivendicare un modello di scuola differente, pretendere l'abolizione dell'alternanza scuola-lavoro e la fine dell'aziendalizzazione della scuola.

||||
|||| ||||

Scuole occupate, nuovi collettivi studenteschi, iniziative e prese di parola stanno continuando a crescere nelle ultime settimane. Mobilitazioni la cui profonda necessità è stata ulteriormente sollevata dall'assurda morte di Giuseppe mentre svolgeva il proprio stage a bordo di un furgone su cui non avrebbe dovuto essere.

Oggi sono previsti cortei e presidi in oltre quaranta città, una decisa risposta al ministro Lamorgese che continua a tentare di criminalizzare le piazze.

A Torino sono già oltre cinquemila gli studenti e le studentesse che hanno riempito Piazza XVIII Dicembre. Il corteo è appena partito. Diversi gli striscioni delle numerosissime scuole occupate nelle ultime due settimane in città e provincia, slogan contro l'alternanza scuola-lavoro, la gestione della formazione durante la pandemia e la maturità del ministro Bianchi. Il corteo forza l'entrata della sede torinese di Confindustria, cariche contro gli studenti e le studentesse.

Ora sotto il MIUR si pretende che le istituzioni si prendano le loro responsabilità. sancito un ultimatum con il MIUR per avere delle risposte e viene richiesto che qualcuno scenda a confrontarsi con le richieste di studenti e studentesse.

A Roma circa mille studenti sono partiti da Piazza Vittorio, scendendo lungo via Cavour. Il corteo devia nelle vie limitrofi all'Ufficio Scolastico Regionale mettendo in difficoltà l'enorme dispiegamento di polizia messo in campo dalla Questura. Il corteo si conclude nel primo pomeriggio a Piazza Madonna di Loreto.

WhatsApp Image 2022 02 18 at 19.29.20

Un migliaio di studenti anche a Catania. Per Lorenzo e per Giuseppe contro alternanza, sfruttamento e repressione.

274163548 1554607198244986 4988588649327805510 n

A Pisa sono oltre un migliaio gli studenti scesi in piazza, dopo un breve intervento sotto il Comune sono partiti in corteo andando a toccare la sede dell'Inail, l'Istituto nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro.

Questa mattina anche gli studenti delle scuole di Palermo sono tornati in piazza contro l’alternanza scuola-lavoro. Gli studenti sono partiti da piazza Verdi, per raggiungere piazza indipendenza, per incontrare l'assessore regionale alla formazione, Roberto Lagalla. Per loro la "Regione dovrebbe intervenire per far arrivare le rivendicazioni degli studenti siciliani al Miur". Infine, gli studenti si rivolgono alla Regione per "annullare un accordo tra l'ufficio scolastico regionale e l'esercito per far svolgere le ore di alternanza scuola-lavoro dentro le caserme".

ef49b0af2c1392a93663902de205aad8

Bologna ha visto il concentramento del corteo in Piazza Aldrovandi. La manifestazione ha poi invaso i viali bloccando l'importante arteria di viabilità della città emiliana. Gli studenti e le studentesse hanno provato poi a dirigersi verso il palazzo del provveditorato. Una volta in prossimità del palazzo la polizia ha provato a distanziare il corteo, iniziando a spintonare lo striscione. Dopo intensi minuti di scontri il corteo ha riconquistato solidamente la strada di via Belle Arti, proseguendo vittorioso di aver ottenuto un incontro col provveditore da consolidare entro i prossimi giorni.

274331853 107564215193673 2070162400422815699 n

A Napoli gli studenti e le studentesse dopo essere partiti in corteo sono passati sotto la questura per denunciare le violenze delle scorse settimane da parte delle forze dell'ordine e adesso si stanno dirigendo verso la sede della Confindustria partenopea.

Oltre mille studenti di Cosenza e provincia sono scesi in piazza questa mattina. Hanno partecipato alla manifestazione organizzata dal polo scolastico 'Valentini-Majorana' di Castrolibero, occupato nei giorni scorsi dai giovani che hanno sollevato l'attenzione su un sistema di molestie ed abusi da parte di docenti che veniva sistematicamente insabbiato dalla Preside pur di difendere il “buon nome” dell’istituto. "Le scuole dovrebbero essere luoghi in cui ə studentə si sentano al sicuro, in cui possano crescere da un punto di vista cultura e umano, diventando ə cittadinə coscienti di domani, non un luogo nel quale essere vittima di attenzioni morbose, molestie, battutine a sfondo sessuale che causano solo sofferenza e mettono a rischio la salute mentale di chi ne è vittima." 

WhatsApp Image 2022 02 18 at 17.31.47

Le dirette di Radio Onda d'Urto da alcune delle città in mobilitazione:

Da Roma Dario, nostro corrispondente dalla Capitale. Presenti in piazza, oltre agli studenti, diverse delegazioni di lavoratori con le loro vertenza, da quelli ex-Alitalia al movimento dei disoccupati napoletani”7 Novembre”.

Ascolta o scarica

274186733 4893594344093380 3398308326114668639 n

 

Da Fermo, Mario Di Vito, corrispondente dalle Marche de Il Manifesto. Nella città marchigiana di cui era originario il sedicenne Giuseppe Lenoci, morto la scorsa settimana in un incidente stradale durante lo stage lavorativo, diverse centinaia di persone, sia studenti che lavoratori, sono scese in piazza.

Ascolta o scarica

 

 

Pagina in aggiornamento

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons