Assemblea cittadina a Bologna “Verso lo sciopero del 18 marzo - costruiamo l'opposizione sociale alla guerra!"

Stampa

Assemblea cittadina a Bologna “Verso lo sciopero del 18 marzo - costruiamo l'opposizione sociale alla guerra!"

 

Assemblea cittadina “Verso lo sciopero del 18 marzo costruiamo l'opposizione sociale alla guerra" - Mercoled' 16 Marzo - ore 19.30 @ Zamboni 38

Nelle ultime settimane abbiamo visto come i venti di guerra, che già da tempo soffiano contro il Medio Oriente, stiano ponendo un accelerazione preoccupante in cui si palesa la volontà dell'Italia di entrare attivamente in guerra.
Abbiamo visto ad esempio come il tema degli interventi bellici sia un vero e proprio nervo scoperto dell’elites anche all'interno dell’università dove è bastato contestare il proff Panebianco, criticandone le posizioni ultraconservatrici e interventiste, per provocare reazioni isteriche e criminalizzazione verso chi prova a prendere posizione in contrasto con queste scelte guerrafondaie.

Valutiamo positivamente la scelta del SICOBAS di indire, insieme ad altre sigle del sindacalismo di base, uno sciopero per il prossimo 18 marzo che ha al primo punto dell’ordine del giorno il rifiuto di qualsiasi operazione bellica nel Medio Oriente ed altrove. Annunciando la nostra partecipazione allo sciopero vogliamo indire un assemblea cittadina chiamando a discutere operai, studenti medi, universitari, occupanti di case, inquilini resistenti e i compagni e le compagne per confrontarci sulla necessità di costruire l’opposizione sociale alle guerre imperialiste che sono già in atto e in preparazione. Invitiamo gli operai e le operaie del SICOBAS a presentare quindi lo sciopero del 18 marzo e ad aprire una discussione non più rinviabile che si iscrive in un clima di continuo impoverimento, dove le politiche neoliberiste del governo Renzi stanno tagliando sempre di più il welfare e aggrediscono i salari degli operai e delle operaie mettendo in ginocchio milioni di persone, aumentando precarietà e povertà.

Milioni di euro spesi in armamenti militari anzi che per una redistribuzione delle risorse; territori devastati - come quello sardo e quello siciliano - dall'utilizzo bellico per radar, addestramenti, simulazioni di guerra; frontiere di ogni tipo ai margini dei paesi occidentali dell'UE. C’è urgente bisogno di invertire la tendenza e bloccare le iniziative belliche che seminano miserie nella nostra città e lutti e atroci sofferenze fuori dai confini dell’Europa.

Dai magazzini della logistica all'università, dalle scuole passando per i quartieri e le lotte per la casa il reddito e la dignità incontriamoci in assemblea verso lo sciopero del 18 marzo e rilanciamo la costruzione dell’opposizione sociale alla guerra!

Mercoledì 16 marzo alle 18h in via Zamboni 38 assemblea insieme agli operai e alle operaie del SICOBAS!

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons