InfoAut
Immagine di copertina per il post

Elezioni: vince Fratelli d’Italia, ma “l’essenziale è invisibile agli occhi”

||||

I risultati  di queste elezioni, punto più, punto meno, sono quelli che si potevano immaginare già settimane fa.

Nessuno sconvolgimento, nessun vento che cambia, Fratelli d’Italia si è posizionato agevolmente come primo partito svuotando il bacino elettorale della Lega e mandando il capitano ed il suo progetto nazionale con le gambe all’aria.

Queste elezioni certificano tre semplici cose:

– La crisi della rappresentanza iniziata nel 2008 che aveva dato avvio al primo ciclo neopopulista ed al suo seguente riassorbimento nel sistema istituzionale, si è riaperta. I dati dell’affluenza parlano chiaro, sempre meno gente trova delle forme di rappresentazione credibili nell’attuale sistema elettorale, tanto che il centro destra vince senza appello ed è in grado agevolmente di comporre un governo, sì, ma con qualche milione di voti in meno. Ciò nonostante la scomposizione del quadro istituzionale tra terzi, quarti e quinti poli che non sono stati in grado di portare alle urne gli elettori indecisi.

– L’estrema volatilità del voto, in poco più di una legislatura abbiamo visto tre partiti diversi classificarsi come primi, dal M5S, alla Lega alle Europee, fino a Fratelli d’Italia oggi, non si solidificano vere identità politiche e forme di fideizzazione generali. Il voto viene espresso in base agli interessi contingenti, spesso è un voto contro… Ciò non significa che non esista un progressivo spostamento a destra di alcuni strati di popolazione, ma questo fenomeno è ancora altamente variabile e per niente solidificato.

– Qui la terza questione: ha vinto l’unico grande partito di opposizione al governo Draghi, questo stupisce solo i giornalisti abituati ad osannare l’ex premier, ma chiunque abbia un minimo di percezione del paese reale non ci trova molto di strano. A fare una performance decente in proporzione nel campo del cosidetto centrosinistra sono infatti quelle forze come l’Alleanza di Verdi e Sinistra che perlomeno superano lo sbarramento e non sono mai entrati nel governo, ed il 5stelle di Conte che ha preso le distanze dall’agenda Draghi riprendendo alcuni temi fondativi neoriformisti.

Il PD è nuovamente il grande sconfitto, attestato sotto la soglia psicologica del 20%, perde anche alcune delle roccaforti tradizionali della Toscana e i centri cittadini dove i ceti borghesi se non svoltano completamente a destra, preferiscono la versione liberista senza compromessi, di Renzi e Calenda che per il resto non mostra nessuna capacità trasversale. Anche qui i vari commentatori mainstream si limitano a sottolineare una campagna elettorale sbagliata, ma il vero nodo è che questo partito-governo ha fatto il suo tempo a fronte di una tendenziale polarizzazione degli interessi all’interno della società. Infatti l’unica classe d’età in cui continua a vincere è quella dei pensionati.

Due sono i dati sostanziali dal punto di vista geografico, che mostrano nuovamente un paese spaccato a metà:

– Al Nord per la Lega è una debacle totale a favore di Fratelli d’Italia, la base sociale del Carroccio è stata completamente sbrindellata dal tentativo salviniano di costruire il partito nazionale, ed ora le ridotte non reggono più, ma bastava una foto dall’alto del pratone di Pontida per capirlo.

– Dunque Fratelli d’Italia diventa il partito del Centro-Nord, mentre al Sud i 5Stelle sono in tutte le regioni il primo partito. Di certo la campagna criptorazzista e classista di altre compagini contro il reddito di cittadinanza non ha aiutato, ma non si tratta solo di questo, l’agenda neoriformista di Conte evidentemente coglie alcune pulsioni profonde di una parte d’Italia appesa tra una profonda ristrutturazione capitalistica in senso estrattivista e l’abbandono quasi totale.

Un altro capitolo è il voto giovanile che, per quanto si può capire dai sondaggi pre-elettorali, dove c’è stato ha premiato forze con programmi di sinistra ed ambientalisti, in netta controtendenza con il trend generale.

Ora quanto successo non va sminuito, nei prossimi mesi ci confronteremo con il governo più a destra della storia repubblicana, e questa è una realtà innegabile. Ma quello che ci dice questo risultato elettorale, se si scava più a fondo, è che il quadro istituzionale è tutt’altro che solido e che una serie di faglie e contraddizioni continuano a muoversi, in maniera imprevedibile sotto la cenere. E’ evidente che la chiamata all’antifascismo di facciata di alcune compagini elettorali non ha smosso nulla, perchè il governo venturo va affrontato sull’agenda politico-economica anti-popolare e contro l’emancipazione delle soggettività oppresse che inevitabilmente metterà in campo e per cui un pezzo della borghesia italiana (non senza coperture internazionali) l’ha sostenuto.

Queste elezioni potrebbero trasformarsi in un esercizio di chiarezza all’interno della crisi sociale che ha iniziato a muovere solo i suoi primi passi, un momento in cui fuori dalle pastoie del centrosinistra qualcosa di nuovo, almeno in parte, potrebbe nascere, e questo dipende anche da tutti e tutte noi che pensiamo che una trasformazione dello stato di cose esistenti sia necessaria ed urgente.

pubblicato il in Bisognidi redazioneTag correlati:

CONTEELEZIONI 2022FRATELLI D'ITALIAMELONIpartito democraticoPRIMAPAGINA

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Quale convergenza per insorgere contro la guerra?

Ci sembra che lotte sociali e lotta contro la guerra non possano riprodursi come piani separati. E che non sia purtroppo sufficiente dire che le lotte sono già in sé stesse contrapposizione alla guerra.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

A Madrid una marea umana per difendere la sanità pubblica

Oltre 650mila persone secondo gli organizzatori sono scese in piazza a Madrid contro la Riforma neoliberista della Presidenta de la Comunidad Isabel Ayuso.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

InfoAut da oggi è anche su Telegram!

Il mondo dei media, dell’informazione è in continuo mutamento. Questo è il campo di battaglia che ingaggiamo e da oggi abbiamo un nuovo strumento per diffondere la nostra informazione di parte, dalla parte delle lotte e dei movimenti sociali.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sulla sentenza di primo grado del processo contro il Comitato abitanti Giambellino-Lorenteggio

Come abbiamo già detto, il Comitato Abitanti Giambellino Lorenteggio era un comitato di lotta territoriale in un quartiere popolare di Milano in cui esistono e persistono tante – troppe – problematiche, di cui la questione casa è solo la più evidente ma non è affatto l’unica.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Torino: sgombero case Atc di Via Sospello.

Questa settimana il Comune di Torino ha messo in campo ciò che da tempo agitava in maniera propagandistica, ossia procedere con gli sgomberi delle case popolari occupate.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Dalla parte del diritto all’abitare: informazioni ed approfondimenti sulle lotte per la casa

Dalla parte del diritto all’abitare: trasmissione periodica di informazione e approfondimento sulle lotte per la casa, contro sfratti sgomberi e pignoramenti.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

“Ubi solitudinem faciunt, pacem appellant” – Sulle vergognose condanne al Comitato Giambellino Lorenteggio

Si è chiuso mercoledì 9 novembre il processo milanese a carico di nove compagni del ‘Comitato abitanti Giambellino-Lorenteggio.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Padova: violente manganellate della celere dopo uno sgombero di case occupate

Cariche poliziesche contro occupanti ed attivisti ed attiviste del Cso Pedro questa mattina a Padova dopo uno sgombero di 4 alloggi popolari in via Delle Melette.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Torino: vivere in case ATC nuoce gravemente alla salute, sgomberi e alloggi insalubri

In questi giorni abbiamo assistito a diversi sgomberi di case popolari occupate. Chi occupa una casa lo fa per un motivo semplice: il welfare abitativo cittadino non funziona.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

«Mo bast… Insorgiamo!»: Napoli, 20mila in piazza

Gli organizzatori: «Anche il Sud alza la testa e qui, a Napoli, al fianco del Movimento 7 Novembre e degli operai GKN, si riuniscono coloro che vogliono ribaltare i rapporti di forza nel Paese».

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

“Non disturberemo chi vuole fare” e la minaccia di sgombero dell’ex-GKN

Da oggi la fabbrica ex-GKN di Campi Bisenzio è a rischio di sgombero. Venerdì con una mail è stato annunciato ad i lavoratori dalla “nuova” proprietà che oggi sarebbero arrivati i camion per procedere allo svuotamento dello stabilimento.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Che Italia ha in mente la Meloni? Quella delle piccole-medie imprese ad alto coefficiente di sfruttamento

Al netto della vittimizzazione continua dell’imprenditoria italiana – come se negli ultimi anni avessero governato socialisti inferociti e non banchieri propensi a realizzare i desiderata di Confindustria in ogni ambito – qual’è l’Italia che per Meloni non va disturbata?

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Il nuovo governo e le contingenze del Cav.

Prende forma il governo Meloni, secondo governo “democraticamente” eletto dal 2018, anno terribile per la democratura italica, in cui i 5 stelle con la stampella leghista diedero l’assalto ai palazzi dei “poteri forti”, per poi uscirne decimati dopo poco.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

In piazza per un aborto libero, sicuro e gratuito

La prima manifestazione a livello nazionale dislocata nei vari territori che si è tenuta con il neogoverno eletto è stata quella indetta da Non Una Di Meno in difesa di un aborto libero, sicuro e gratuito. In Piemonte il contesto politico in questo senso è già minato già prima dell’avvio del governo a guida FdI […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ponte sullo Stretto: a volte ritornano

Per rilanciare la narrazione del Ponte, scrive Antonio Mazzeo su Pagine Esteri, si sfruttano la crisi socio-economica, gli alti tassi di disoccupazione generale, la precarietà delle vite di milioni di persone. Si tace sul fatto che la politica delle Grandi Opere è stata ed è caratterizzata in larga misura da progetti senza opera, senza cantieri, […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

“Mascherarsi non può l’uomo ignorante, se parla è conosciuto al primo istante.”

Pubblichiamo il comunicato scritto dal centro sociale askatasuna a seguito di ciò che si apprende dai giornali, ossia la discussione avvenuta ieri in Comune a proposito della richiesta di sgombero dello spazio entro la fine della campagna elettorale.   Crosetto capogruppo di Fratelli d’Italia, nipote di Crosetto Guido, fondatore di FdI (perchè è sempre bene fare tutto in […]

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Elezioni: matinée con foto di famiglia

Questa foto vale più di molte analisi sulla fase della politica istituzionale italiana. Si tratta di uno scatto avvenuto durante il meeting di CL a Rimini che ritrae quasi tutti i leaders delle principali forze politiche intenti a discutere amabilmente sotto un ombrellone. Cambia poco che il segretario del PD Enrico Letta si sia giustificato […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Crisi di governo: il circo di Draghi e gli scenari greci

Nella giornata di giovedì 14 luglio il movimento 5 Stelle, astenendosi al senato dal voto di fiducia posta dal governo Draghi sul decreto “aiuti”, ha aperto la terza crisi di governo della XVIII legislatura. Cronaca saliente e scenari. Com’è noto, Mario Draghi ieri pomeriggio è salito due volte al colle, rassegnando in serata le dimissioni […]