Anche in Francia nasce On ne payera pas!

Stampa

Anche in Francia nasce un tentativo di ricomposizione sotto il cappello "Non paghiamo" contro il carovita. Alcune rivendicazioni sono la requisizione degli alloggi vuoti, il congelamento dei prezzi delle bollette e degli affitti e l'aumento degli aiuti sociali e del salario minimo. Una prima iniziativa è stata lanciata tramite le reti di mobilitazione dei Gilet Jaunes la scorsa domenica. Ripubblichiamo il loro comunicato. 

||||
|||| ||||

In Inghilterra, centinaia di migliaia di persone chiedono di sospendere il pagamento delle bollette a causa dell'impennata dei prezzi dell'energia. In Italia, le bollette vengono bruciate in piazza. In Spagna, gli "scioperi degli affitti" vanno avanti da anni.

E in Francia? Tutti i prezzi stanno esplodendo, soprattutto quelli degli immobili. È molto difficile trovare un posto dove vivere in una grande città come Nantes o Rennes. I prezzi degli alloggi, i piani e le richieste dei proprietari, le false promesse dello Stato... È un incubo per milioni di persone. La soluzione è una sola: la mobilitazione!

E come nel caso del movimento #dontpayuk in Gran Bretagna, creiamo un vero e proprio rapporto di forza.

E' stata creata una pagina Facebook: On Ne Payera Pas.

Qui il video che lancia la piattaforma

Da : Contre Attaque

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons