InfoAut
Immagine di copertina per il post

Destrutturare la violenza, rompere gli argini

A seguito della violenza subita da una diciannovenne palermitana e dell’arresto di sette giovani indagati per stupro, centinaia di persone a Palermo sono scese in strada in solidarietà alla vittima lo scorso venerdi,  ripercorrendo i luoghi in cui è avvenuto l’abuso. Giovedì prossimo a Catania è stata lanciata un’altra manifestazione, con appuntamento alle 18 a Piazza Stesicoro.

da Antudo

Prendere parola sulla vicenda è complesso e delicato mentre i giornali ricostruiscono la vicenda ancora e ancora, con morbosa attenzione, quasi a costringere chi legge ad assumere il compito del giudice inquisitore.

Ma vogliamo invitare alla riflessione, abbozzare un’analisi, inchiodare le responsabilità di un modello sociale che legittima quotidianamente la violenza.

La società patriarcale basata sullo sfruttamento e sulla prevaricazione forgia di continuo vittime e carnefici. Il capitale, di entrambe le costruzioni e i ruoli – sia quello del dominatore che da quello della vittima – studia e codifica emozioni, attitudini, comportamenti, li socializza, ne storicizza le figure, li rende riproducibili, per garantirne il funzionamento e la conseguente messa a valore.

Il modello sociale che ne consegue è basato sulla violenza e l’assoggettamento, non risparmia niente e nessuno: è la dialettica del rapporto di forza, del conflitto sottile, celato, pervasivo, dispiegato sui territori, che ci vede tutti e tutte in gioco, consapevoli o meno, con le nostre relazioni interpersonali, i nostri pensieri e azioni, su un terreno di gerarchie e di oppressioni che si intersecano. Una fitta rete di immagini, codici e convenzioni in qualche modo determinano le nostre scelte e preferenze, tramite una rappresentazione iperrealistica, nitida, amplificata, iperbolica, verosimile – ma non per questo reale – di ciò che dovremmo desiderare, di come dovremmo pensarlo e poi farlo.

La raffigurazione mediatica del concetto di ”tempo libero”, di ”amore”, di “sessualità”, di “piacere” diventa sempre più stereotipo, quasi impraticabile nella realtà ma di cui tutti conosciamo la spettacolarizzazione. Ed è così che le finzioni esasperate e vivide osservate tramite uno schermo – social network, talkshow, pornografia – costruiscono un benessere di superficie, in un rapporto sempre più individualistico e frammentato, perché ognuno in fondo è solo, a relazionarsi con le sue identità digitali. Uno schermo da cui apprendere quotidianamente che in realtà viviamo in pace, che non esiste l’odio razziale, non esistono la violenza di genere né i conflitti tra blocchi sociali, tra colonizzati e colonizzatori, tra vittime e carnefici. Esiste solo la loro rappresentazione, lontano da noi, qualcosa che scorre velocemente sullo schermo, in superficie, per poi perdersi nel vortice delle informazioni e delle immagini.  In altre parole, una società che costruisce sistematicamente al proprio interno le cause delle disparità e diseguaglianze, delle stragi in mare, delle violenze tra le mura di casa, gli stupri, gli abusi, le morti sul lavoro, prova poi a convincerci che questi siano fatti eccezionali lontani dalla realtà, che siano anomalie, colpi di testa di criminali che con noi non hanno niente a che fare.

In fondo, se le cose stanno così, che bisogno avremmo di costruire un’autodifesa, una risposta che parta dai territori e che sia in grado di rompere l’indifferenza e di impedire che questi avvenimenti riaccadano?

A ognuno di noi spetta in ultimo la possibilità di agire in una direzione piuttosto che un’altra, certo. Ma sempre dentro una cornice che ci colloca tra le categorie di cui sopra, o “vittima” o “carnefice”, o entrambi in modo ambivalente. Per questo non è sufficiente sbattere il mostro in prima pagina, ad ogni stupro, omicidio, abuso, premurandoci di prendere le distanze da quello stesso modello sociale di cui siamo intrisi e accerchiati anche noi che ha creato la cosiddetta “mela marcia”. Né tantomeno invocare ulteriore repressione, punizione, condanna da quegli stessi organismi giudiziari e polizieschi volti alla riproduzione infinita della violenza come struttura fondante di questo modello di sviluppo.

Le istituzioni attuali, funzionali al mantenimento delle attuali gerarchie sociali, mancano il compito fondamentale di costruire comunità attorno ai veri bisogni delle persone, anzi agiscono come strumenti di frammentazione, ostacolando compattezza, appartenenza e solidarietà. 

La società della repressione sferra quotidianamente attacchi alla nostra vita, ai nostri legami, alla nostra terra, ai nostri corpi. Per questo non possiamo farci trovare impreparati, isolati, storditi, indifesi sul campo di battaglia, ma dobbiamo armarci, prepararci al peggio, guardarci le spalle a vicenda, ricostruire un’appartenenza mentre distruggiamo collettivamente, pezzo dopo pezzo, il destino che ci è assegnato come individui -né vittime, né carnefici.

Indipendenza ed emancipazione esistono solo come valori collettivi di ribaltamento degli attuali modelli di riproduzione sociale, sta a noi – dentro casa, a scuola, sul posto di lavoro, nei territori – forgiarli come armi per rompere gli argini della cultura del dominio e della sopraffazione.

E costruire comunità e legami di solidarietà significa anche rispondere collettivamente agli attacchi. Come è stato fatto durante l’appuntamento lanciato a Palermo dal coordinamento Non una di meno: in centinaia hanno ripercorso le strade dell’accaduto per ribaltare una  narrazione mediatica che come un rampicante si insinua nelle piu’ infime fessure, alla ricerca spasmodica del particolare da dare in pasto al pubblico. Allora torniamo per le strade, fuori dagli schermi, spegniamo telefoni e tv, rompiamo il muro di indifferenza, immaginiamo e costruiamo un nuovo mondo.

I prossimi appuntamenti saranno domani, mercoledì 23 agosto, presso la sede Uaar di via Matteo Bonello 39 a Palermo per un’assemblea pubblica e giovedì 24 agosto alle ore 18:00 a Piazza Stesicoro, Catania.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

palermostupro di gruppoviolenza di genereviolenza istituzionale

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Trieste: in Via Gioia uno spazio di accoglienza negato a due passi dal Silos

A Trieste, città di frontiera che non si riconosce tale, vogliamo mostrare che trovare uno spazio dove accogliere le persone migranti è possibile.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Aborto: il convegno promosso dalla Lega a Montecitorio e’ “l’ennesimo tentativo di normalizzare l’antiabortismo nel nostro paese”

Martedì 23 gennaio, nella sala conferenze della Camera dei Deputati, si è tenuto il convegno antiabortista organizzato dal Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli e promosso dalla Lega.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Mai più zitte, mai più sole!

Non una di Meno torna in piazza.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una Di Meno rilancia: mai più sole mai più zitte

Il 16 dicembre Non Una di Meno invita nuovamente a scendere in piazza contro la violenza sulle donne e di genere.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Firme false e assistenza inesistente per i reclusi: la Procura indaga sul Cpr di Milano

Il primo dicembre la Guardia di Finanza ha perquisito la struttura per acquisire documentazione. Il reato ipotizzato per l’ente gestore Martinina è frode in atto pubblico. Un’inchiesta di Altreconomia aveva svelato le “false promesse” della società alla prefettura di Milano

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Una marea in tutta Italia contro la violenza di genere.

Ieri, 25 novembre giornata internazionale contro la violenza maschile sulle donne, oltre ai due cortei nazionali indetti dalla rete di Non Una Di Meno a Roma e a Messina tantissime piazze della penisola si sono riempite di decine di migliaia di persone, come a Milano e Torino, iniziative e cortei anche a Genova, Parma, Perugia, […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

La marea transfemminista inonda Roma. Non Una Di Meno: “Siamo almeno 500 mila”

Con in testa un grande striscione “Transfemministe ingovernabili” è partito questo sabato pomeriggio dal Circo Massimo di Roma l’imponente corteo di Non Una Di Meno contro la violenza sulle donne e la violenza di genere, in occasione della giornata del 25 novembre.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Se domani non torno, distruggi tutto.

Anche a Torino appuntamento per una manifestazione contro la violenza patriarcale sabato 25 novembre alle ore 15 da piazza Carlo Felice.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Oltre la denuncia: considerazioni sul “risarcimento” agli stupri delle donne congolesi.

La notizia di qualche settimana fa rispetto alle donne abusate sessualmente in Congo nel quadro di un intervento dell’OMS per la battaglia contro l’ebola e il conseguente risarcimento di 250 dollari ciascuna ha rotto una serie di tabu sui quali abbiamo voluto approfondire insieme a Simona Taliani, docente dell’università di Torino del dipartimento Culture, Politiche e Società.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Bologna: Studentessa colpita con un calcio al pube. I collettivi accusano polizia

E’ successo durante le proteste che mercoledì hanno risposto agli sgomberi di via Corticella e via Filopanti: è “una violenza sessuale praticata da un uomo, nel corso dello svolgimento di un’attività in divisa”, affermano Cua e Plat, annunciando l’intenzione di “denunciare questo poliziotto, il suo caposquadra, il questore ed il ministro”.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Verso un 25 novembre di rabbia e di lotta.

In questi giorni i fatti stanno imponendo un’accelerazione alle mobilitazioni previste per il 25 novembre, giornata contro la violenza patriarcale.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

“Pensati libera”. Verso il 25 novembre, cresce la rabbia e la necessità di ribaltare la violenza.

Stiamo assistendo a un bombardamento mediatico forse senza pari da quando Giulia è stata ritrovata morta uccisa dal suo ex fidanzato.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Violenza di genere: manifestazioni e presidi in tutta Italia per Giulia Cecchettin. Sabato i cortei nazionali a Roma e Messina

Non è ancora giunta in Germania alcuna richiesta di estradizione di Filippo Turetta, responsabile del femminicidio della ex fidanzata, Giulia Cecchettin. Lo dicono fonti investigative tedesche.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

TransfemministƏ ingovernabili contro la violenza PATRIARCALE!

Appello per un 25 novembre di marea transfemminista a Roma e Messina

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Giornata di mobilitazione contro la guerra sabato 21: manifestazioni a Pisa e Palermo per fermare l’escalation. A Ghedi un altro corteo

In tale prospettiva “Fermare l’escalation” nasce come processo di mobilitazione di diverse realtà di lotta politica, sindacale, sociale, ecologica, transfemminista, dell’associazionismo, del mondo antimilitarista, pacifista e di quello della giustizia climatica, dei nodi territoriali contro le grandi opere, i disastri ambientali ed il fossile.”

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Palermo, i percettori del reddito di cittadinanza ancora in piazza: tensione con la polizia

Mentre migliaia di famiglie siciliane hanno perso il reddito, i servizi sociali, i centri per l’impiego e le APL versano nel caos.Questa mattina i disoccupati palermitani sono tornati in piazza, davanti l’assessorato del lavoro, per continuare a manifestare contro l’abolizione del reddito. da Trinacria «Reddito o lavoro» si legge così sullo striscione che i manifestanti […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Cultura del rispetto o patriarcato militarista? La scuola con l’elmetto del governo Meloni 

Alla fine dello scorso giugno, il Ministro dell’istruzione e del merito Giuseppe Valditara ha annunciato di voler riformare alcune leggi in materia di valutazione del voto di condotta e delle misure di sospensione nelle scuole secondarie con l’obiettivo, a suo dire, di “ripristinare la cultura del rispetto, di contribuire ad affermare l’autorevolezza dei docenti e […]