InfoAut
Immagine di copertina per il post

Quando una storia di violenza in divisa contro una donna viene raccontata come una storia di insolenza.

||||

Per un qualsiasi passante il Pubblico Ministero, organo che dovrebbe stare al di sopra delle parti, all’udienza di oggi poteva essere scambiato per l’avvocato a difesa dei poliziotti presenti la notte del fermo di Maya. 

Si parla della Pm Pedrotta, una donna che riesce a descrivere un pugno in faccia a una ragazza da parte di un poliziotto come il risultato scontato dell’ insolenza da parte di lei e come una piccola sbavatura nella professionalità che ci si dovrebbe aspettare da parte di un agente di polizia di trentennale esperienza.

Secondo lei Maya doveva per forza aver fatto qualcosa per essere stata portata in commissariato quella notte e il tentativo raffazzonato utilizzato per giustificare l’agire delle forze di polizia è quello di rappresentare Maya come una folle provocatrice. Questi sono i termini con cui si descrive il fatto che si fosse soffermata a vedere cosa stavano facendo due poliziotti che avevano fermato dei ragazzi stranieri per strada.

Per questo motivo Maya è stata poi a sua volta presa dai polsi, trascinata dentro la volante, privata del suo telefono fino a essere rinchiusa in commissariato per svariate ore. A quanto pare per la giustizia non è legittimo verificare, o anche solo osservare, in un luogo pubblico l’operato delle forze dell’ordine. Anzi, secondo l’avvocato del poliziotto un “cittadino ha diritto di verificare l’operato.. ma fino ad un certo punto”. Infatti sottolinea anche che “se fosse andata a casa non sarebbe successo”.

Nel commissariato Maya era circondata da un branco di poliziotti che la insultavano. Qui uno di questi ha alzato la mano sul suo volto e la Pm spiega questo gesto come se dovesse proteggersi. Per proteggere se stesso. La pm si chiede a quel punto come si sia sentito il poliziotto quando Maya seduta di fronte a lui ha accavallato la gamba, se si fosse sentito in pericolo per questo. Senza sapere più come giustificare un abuso in divisa la pm si appella a una spiegazione ridicola, secondo lei il tutto è stato conseguenza di un “fraintendimento” tra i due. Allo stesso tempo però, tutto viene narrato sulle note del solito leitmotiv “per evitare che si facesse del male”. Ossia, ti picchio per evitare che tu ti faccia del male.

Ci sono gravi incongruenze nelle deposizioni dei poliziotti presenti quella sera, viene negata l’evidenza di ciò che si vede nei video del commissariato, viene paragonato un pugno in faccia a una mano aperta sul suo volto. Un pugno in una carezza? Secondo l’avvocato a difesa del poliziotto possiamo stare tranquille, infatti nella sua arringa dice chiaramente “Possiamo dire con tranquillità che il mio assistito non ha tirato un pugno alla Bosser anche perché se lo avesse fatto le avrebbe fatto ben più male (…) e se proprio l’avessero voluta picchiare avrebbero scelto un altro commissariato senza telecamere”.

La pm pedrotta chiede 6 mesi per oltraggio a Maya in cambio di un 1 mese e una tiratina d’orecchie al poliziotto. Una tiratina d’orecchie che gli è già valsa una promozione da vice sovrintendente a sovrintendente capo.

È sotto la luce del sole che la polizia si senta legittimata a abusare del proprio potere grazie all’atteggiamento di paternalistica indulgenza e comprensione che hanno i rappresentanti dell’autorità giudiziaria (la pm pedrotta in questo caso) e che questo si ripeta sistematicamente in questa storia. Maya viene privata della libertà perché ingiustamente portata con forza in un commissariato e in quelle stanze avvengono delle violenze. Tutto questo viene denunciato e le udienze di questo processo dimostrano l’esistenza incancrenita di un sistema di potere infimo, vergognoso, atto solo a criminalizzare sistematicamente chi sceglie di non abbassare la testa e di lottare.

La gravissima sproporzione delle richieste di pena della pm ci riempie di rabbia e conferma quelle istanze che ci hanno fatto scendere davanti al “palazzo di giustizia” in questi mesi: il tribunale fa parte pienamente di quella catena di violenza che si devono affrontare quando si denuncia, e di perpetrare sistematicamente il meccanismo di ribaltamento da donna picchiata a donna che se l’è cercata.

Sapremo cosa deciderà la giudice il 17 dicembre, siamo abituate a non sperare nella giustizia ma ci vedremo ancora una volta insieme ad affrontarla!

 

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

ABUSO IN DIVISANON UNA DI MENOpoliziaviolenza di genere

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Lost in Translation: i processi contro il soccorso in mare ed il loro uso politico

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questo secondo articolo sulla vicenda processuale dell’equipaggio della nave Iuventa.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Rompere i confini. Lo sbarco dei migranti nel porto di Catania

“Lo Stato sta impedendo lo sbarco dei passeggeri di una nave Ong, bisogna andare a portare solidarietà”. È questo il messaggio arrivato la sera di sabato 5 novembre sul telefono di molti e molte di noi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Cronaca dal porto di Catania: sabato prevista grande mobilitazione

In questi giorni al Porto di Catania sta andando in onda una nuova puntata della guerra alle Ong che prestano soccorso e assistenza nel Mar Mediterraneo alle imbarcazioni di profughi provenienti da Libia e Tunisia.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bogotà: scoppia la protesta dopo l’ennesimo abuso sessuale contro una giovane

Giovedì scorso ha avuto luogo a Bogotà una manifestazione femminista dopo l’ennesimo abuso sessuale nei confronti di una ragazza minorenne alla stazione degli autobus della compagnia Transmilenio.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non una di Meno: verso il 26 novembre a Roma

In un quadro di crescente incredulità rispetto alle prime mosse del governo entrante, il week end appena trascorso a Reggio Emilia rappresenta uno spazio di confronto e di possibilità di lotta transfemminista in vista della grande manifestazione nazionale del 26 novembre a Roma.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Nel silenzio è stato rinnovato il Memorandum della vergogna con la Libia

L’Italia condanna i migranti con il silenzio. Quando celebreremo il Giorno della Memoria ricordiamo anche gli accordi con la Libia sui lager per profughi e migranti, voluti dai governi di centro sinistra e rinnovati oggi dal governo di destra.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Convergenze e Intersezionalità: verso il 26 Novembre!

Ad unire i tre tavoli tematici – violenze e autodeterminazione, guerra ed ecologie politiche – vi è stato il filo rosso delle convergenze e dell’intersezionalità. L’esigenza del movimento transfemminista risulta quella di ribadire la capacità trasformativa e la trasversalità che tale ottica ha sulle istanze del nostro tempo, mostrando il nesso tra lotta al capitalismo e lotta al patriarcato, superando l’idea che la lotta di classe sia slegata da quella femminista e tranfemminista.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Violenza in residenza Edisu a Torino.

Sulla violenza subita dalla studentessa all’interno della residenza Edisu a Torino vi sono già molti articoli e dichiarazioni da parte di politici, istituzioni e sciacalli di ogni tipo.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non si processa la solidarietà: sulla vicenda dell’equipaggio della Iuventa

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questa traduzione di un articolo che parla della vicenda dell’equipaggio della Iuventa. Nel marzo 2021, quattro membri dell’equipaggio della nave di soccorso civile Iuventa,dopo un’indagine durata cinque anni, sono stati accusati di “favoreggiamento dell’ingresso non autorizzato in Italia”.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Tra Atene e Torino, violenza di genere come pratica di disciplinamento e repressione

Emerge come l’oppressione della polizia è tutt’uno con quella patriarcale. La violenza sessuale diventa così a carattere sistematico, una metodologia che permette al potere di consolidarsi, reprimere e diffondere i propri valori.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Governo contro l’aborto: saremo marea!

Emerge non soltanto la volontà di aumentare la stigmatizzazione di chi sceglie di abortire ma intenzioni repressive che mirano a colpire indirettamente la legge 194.

Immagine di copertina per il post
Culture

We Own This City: corruzione e violenza in divisa

I realizzatori della stra nota serie The Wire, a distanza di 20 anni, ci regalano un nuova “chicca” sulla travagliata città di Baltimora negli Stati Uniti. Questa volta però, ad andare in scena è una mini serie  serratissima, sulla corruzione della polizia di Baltimore, lungo gli anni 10 del nuovo millennio. A far da sfondo […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Torino: TORNIAMO DAVANTI AL TRIBUNALE! Mai più nessuna da sola di fronte alla violenza di genere

Durante lo sciopero dell’8 marzo e la mattina del 7 aprile siamo state in presidio di fronte al tribunale di Torino, mentre all’interno si svolgevano le udienze di un processo per stupro, in cui il Tribunale aveva condotto indagini faziose, attraverso retoriche infantilizzanti, colpevolizzanti e denigratorie, e zittito la donna offesa, lasciando la parola solo […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

NO ALLA VIOLENZA DI GENERE E ALLA VIOLENZA DEI TRIBUNALI

Ieri si è tenuto un presidio organizzato da Non Una di Meno e da tantissime compagne, attiviste e solidali della città per sostenere con determinazione una donna che ha avuto il coraggio di denunciare uno stupro. Ieri, dentro il tribunale di Torino era in corso la sentenza nei confronti dello stupratore, udienza avvenuta a porte […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

8 Marzo: uno sciopero per tutt*

Ieri la giornata di sciopero globale dell’8 marzo ha visto scendere nelle strade decine di migliaia di persone in tutta Italia. La ricchezza delle piazze, dei cortei, delle azioni che si sono susseguite durante tutta la giornata esprimono profonde e trasversali indicazioni. Indicazioni centrali in una fase come quella che il mondo sta attraversando, dalla […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

8 marzo: Sciopero Globale Transfemminista, le voci dalle piazze

Riprendiamo di seguito le voci raccolte dalle piazze transnazionali dell’8 marzo da Radio Onda d’Urto e Radio Blackout.   BRESCIA  17.30 – Molto partecipato il presidio in Piazzetta Bella Italia tanto che ormai l’iniziativa si è spostata nell’antistante Piazza della Loggia. Diversi gli interventi che si stanno susseguendo in attesa della partenza del corteo alle […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Lettera aperta di Non Una Di Meno: 8 MARZO, SCIOPERO PER TUTT

Con questa lettera ci rivolgiamo direttamente a coloro che vorremmo essere parte attiva nella costruzione dello sciopero femminista e transfemminista dell’8Marzo. Siamo donne, persone lgbt*qia+, lavoratrici, disoccupate, delegate sindacali, migranti, sex workers attive nel movimento transnazionale Non Una di Meno. Abbiamo scelto di scrivervi una lettera aperta perché due anni di pandemia hanno colpito duramente le […]