Educazione patriarcale e violenza mediatica: alcune voci

Stampa

Riprendiamo alcuni dei punti di vista emersi negli ultimi giorni riguardo alla vicenda che ha coinvolto un'educatrice di una scuola per l’infanzia privata del Torinese, messa alla gogna e licenziata dopo che l’ex fidanzato ha diffuso pubblicamente video di natura privata agli amici, attraverso la “chat del calcetto”. Il video è poi arrivato sui gruppi della scuola in cui la donna lavorava, attraverso la madre di un alunno. La direttrice, anzichè difendere la lavoratrice, l’ha licenziata.

||||
|||| ||||

Al di là del bigottismo e dell'ipocrisia che emerge da tutta questa vicenda a colpire è la catena della cultura patriarcale agita dall'ex fidanzato, dalla madre dell'alunno e dalla direttrice e per finire la narrazione mediatica che ne è stata fatta.

Di seguito riportiamo alcuni audio estratti da Radio Onda d'Urto e Radio Blackout:

 

A peggiorare ancora di più una situazione terrificante, c’è la gestione mediatica di questa plurima violenza: invece che sottolineare il reato e la violenza dietro a questo gesto perpetrato dall’ex fidanzato, e poi dagli altri personaggi coinvolti, si è invece fatta speculazione sulla figura della donna, sottolineando strumentalmente il suo ruolo di maestra  e relegando, invece, il gesto dell’uomo a una…goliardata.

Ne parliamo con Fè, compagna di Non Una di Meno Torino. Ascolta o Scarica.

 

L’intervista a Valentine, attivista transfemminista e compagna di Torino. Ascolta o scarica

In diretta con Claudia Ska fondatrice di agit-porn per parlare di: “Video hard”, “foto spinte”, “revenge porn” – il caso di Settimo Torinese non c’entra con tutto questo.

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons