InfoAut
Immagine di copertina per il post

Ennesimo PM anti-No Tav nei guai per un favore ad un potente

Che sorpresa, ancora una volta un magistrato che si occupa di No Tav e lotte sociali in Val Susa e a Torino è finito nei guai per aver aiutato un potente a farla franca. Questa volta si tratta di Enzo Bucarelli, pm che negli ultimi anni ha sostituito insieme ad altri lo storico pool nella repressione di chi lotta contro la devastazione in Val Susa.

da notav.info

Bucarelli sarebbe accusato dalla procura di Milano di aver depistato le indagini sul calciatore del Torino, Demba Seck, denunciato dalla sua ex fidanzata per aver minacciato di diffondere pubblicamente un video intimo. Davanti a questo caso di “revenge porn”, il PM, secondo la segnalazione partita dal procuratore generale Francesco Saluzzo, avrebbe avvertito l’agente del giocatore prima di perquisirne la casa. All’arrivo della Guardia di finanza e carabinieri, nell’appartamento di Seck erano già presenti i legali del calciatore. Bucarelli avrebbe partecipato personalmente alla perquisizione e davanti a carabinieri e finanzieri avrebbe cancellato il video citato nell’esposto dell’ex fidanzata di Seck dal cellulare del calciatore: non solo dalla memoria del telefono, ma anche dalle chat con gli amici ai quali il 22enne avrebbe spedito il filmato. Da parte sua, sulla cancellazione del video, Bucarelli si sarebbe giustificato dicendo che non c’erano «esigenze investigative», visto che quel video era già in procura. L’episodio però è apparso quantomeno strano ai finanzieri, che lo hanno riportato in una relazione finita sulla scrivania della procuratrice vicaria Enrica Gabetta, a capo del pool anticorruzione.

Sui giornali la vicenda viene descritta con toni comici: Bucarelli diventa il “PM ultrà” che sarebbe stato influenzato dalla sua fede calcistica granata. Ma quanto è ipotizzato dagli inquirenti, se si rivelasse vero, è estremamente grave, perché testimonia la disposizione del magistrato a fare un uso improprio del suo ruolo per fare un favore ad un personaggio potente come un calciatore, oltretutto di fronte ad un comportamento di quest’ultimo particolarmente violento e pericoloso, come la diffusione di video che violano l’intimità di una donna.

Se fosse veramente bastata la fede granata a curvare le indagini, chi può dire quali altri tipi di pressioni, convincimenti personali e conoscenze potrebbero aver influenzato il PM nello svolgimento del suo lavoro?

Non è il primo caso in cui PM anti-No Tav finiscono nei guai per la “disinvoltura” con cui si rapportano alla legge ed in genere tutto si risolve con un trasferimento e tanta polvere sotto il tappeto, come nel caso di Padalino. Una domanda sorge spontanea, ma questi magistrati li vanno a cercare con il lanternino, o è semplicemente che avendo una maggiore predisposizione al “lavoro sporco” si adattano alla repressione di chi lotta contro la devastazione del territorio? Domande a cui difficilmente avremo una risposta.

Ricordiamo brevemente che Bucarelli è il Pm che nel 2018 aveva chiesto l’archiviazione e l’assoluzione per Mario Virano, ex commissario del governo alla Torino-Lione ed ex direttore generale di TELT da un’accusa di omissione di atti d’ufficio. Il procedimento era nato da un esposto di alcuni No Tav che avevano richiesto copie di alcuni atti dell’Osservatorio del governo per la Torino-Lione. Non avendo ottenuto risposte esaustive e celeri avevano cominciato una battaglia di carte bollate, con diffide e ricorsi al Tribunale amministrativo regionale del Piemonte che aveva ritenuto la loro richiesta generica, ma aveva invitato Virano a consegnare il materiale richiesto. Per sciogliere alcuni nodi l’allora commissario del governo si era rivolto all’Avvocatura dello Stato, facendo passare moltissimo tempo.

Da allora la sua attenzione nei confronti del movimento No Tav è cresciuta, tanto che ha ereditato alcuni dei processi già in corso e rappresenta attualmente l’accusa in almeno tre procedimenti in atto: una passeggiata di lotta partita da Giaglione il 18 novembre 2018, il primo maggio No Tav del 2019 per cui furono emesse 13 misure cautelari ai danni degli attivisti a Torino ed in Val Susa e l’8 marzo 2020 ai Mulini in Clarea. Inoltre Bucarelli è il magistrato che ha firmato la perqusizione al Centro Sociale Askatasuna dopo il concertone del 15 ottobre 2022 che ha portato al sequestro dell’impianto musicale e di alcuni wrustel. Sue sono anche le denunce nei confronti degli artisti che in quell’occasione avevano preso parte alla serata in difesa del centro sociale.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

bucarellimagistraturaMALAGIUSTIZIAnotavTRIBUNALE DI TORINO

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

No Tav: siamo la montagna che si difende… da 18 anni!

Si è conclusa ieri la tre giorni No Tav in occasione dell’8 dicembre di quest’anno. Un anno che ha visto un’accelerazione da parte di chi devasta la montagna e di chi reprime chi la difende in particolare in questi ultimi mesi.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

8 dicembre 2023 – In 10mila di nuovo in marcia contro il Tav!

Una grande marcia popolare ha attraversato ieri le strade della valle. 10mila No Tav, partiti da Susa, hanno riempito la statale per raggiungere Venaus dopo 18 anni dalla battaglia che ci ha permesso di riconquistare quelle terre che oggi ospitano il presidio.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Trento: sabato 14 ottobre corteo No Tav contro la Circonvallazione

Comitati e singoli cittadini contrari all’opera avevano ragione: questo progetto è una bomba ecologica puntata su Trento e su tutto l’asse dell’Adige.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Giorgio No Tav sorvegliato speciale – Aggiornamenti

Il 28 febbraio 2023 la Procura di Torino ha chiesto la sorveglianza speciale e l’obbligo di dimora nel luogo di residenza per quattro anni per Giorgio Rossetto, militante di area autonoma.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Grande confusione nel cielo Sitav. Due autoporti e nessuna stazione

Ormai è guerra aperta tra i sognatori sitav. La stazione internazionale si farà a Susa o Bussoleno? A chiederlo è proprio uno dei massimi tifosi del progetto, Paolo Foietta, presidente della conferenza intergovernativa Italia Francia scrivendo una lettera aperta ai sindaci in cui chiede una scelta non ideologica.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Il procuratore generale anti notav Saluzzo e la loggia Ungheria

Inizia forse così, con un pranzo e un calcio nel sedere l’ascesa di Francesco Saluzzo al vertice della procura generale di Torino.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Breaking the waves (I)

L’articolo di Nicolò Molinari si pone in dialogo con alcuni testi recenti intorno alla questione della composizione come problema strategico. Per riflettere sui limiti e sulle potenzialità di questa intuizione prende a riferimento il movimento delle pensioni in Francia, Soulevements de la Terre, la lotta contro i megabacini, e Stop Cop City ad Atlanta.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Vicenza: repressione economica sul movimento No Tav, 40mila euro di multa agli attivisti

Fioccano sanzioni sugli attivisti No TAV che l’8 luglio scorso avevano bloccato il traffico a Ponte Alto, a Vicenza, per manifestare contro la realizzazione dell’Alta Velocità in città.