Stampa questa pagina

Violet Gibson, l’irlandese che sparò a Benito Mussolini

25 Febbraio 2021 | in CULTURE.

Il 7 aprile 1926 una donna irlandese uscì dalla folla a Roma e sparò un colpo a uno dei dittatori più famigerati del XX secolo. Un proiettile ha sfiorato il naso di Benito Mussolini, ma il leader italiano è sopravvissuto al tentativo di omicidio. Tra i molti atti di coraggio individuale contro il fascismo in Europa nel 20esimo secolo, quello di Violet Gibson è andato in gran parte perso nella storia. Delle quattro persone che hanno tentato di assassinare Il Duce, lei è stata quella che c’è andato più vicino.

||||
|||| ||||

Ora, quasi un secolo dopo, le iniziative per appendere una targa a Dublino si stanno intensificando. Il suo attentato alla vita di Mussolini è arrivato tre anni dopo il suo governo, mentre stava facendo un discorso. Ha sparato tre colpi prima che la pistola si inceppasse e poi è stata attaccata dai sostenitori di Mussolini, salvata solo dalla polizia intervenendo e arrestandola. Dopo un po’ di tempo speso in una prigione italiana, è stata deportata in Inghilterra, cosa che si sospetta possa essere accaduta per risparmiare l’imbarazzo di un processo pubblico in Italia. Successivamente è stata detenuta al St Andrew’s Hospital, un manicomio a Northampton, fino alla sua morte nel 1956.

Violet Gibson proveniva da una ricca famiglia anglo-irlandese di Dublino. Nei giorni successivi al tentato omicidio, il presidente del Consiglio esecutivo dello Stato libero irlandese W.T. Cosgrave, scrisse a Mussolini per congratularsi con lui per la sua sopravvivenza. La sua storia è resa ancora più improbabile dalle circostanze della sua nascita. Figlia dell’aristocratico anglo-irlandese Baron Ashbourne, Lord Cancelliere d’Irlanda (l’ufficio legale più alto del paese all’epoca), era una debuttante alla corte della regina Vittoria. Il Consiglio comunale di Dublino ha ora approvato una mozione che ha dato il primo consenso per affiggere una targa a lei dedicata in città. La mozione afferma che “l’antifascista impegnata” dovrebbe essere portata “agli occhi del pubblico e dato il suo giusto posto nella storia delle donne irlandesi e nella ricca storia della nazione irlandese e del suo popolo”. “Era conveniente, all’epoca, sia per le autorità britanniche che per la sua famiglia vederla come ‘pazza’ piuttosto che come politica”, aggiunge la mozione. ‘Per il suo coraggio ha sofferto atrocemente’. Il consigliere comunale indipendente di Dublino Mannix Flynn, che ha presentato la mozione, ha detto che Violet Gibson era una persona che “per qualche strana ragione, l’establishment irlandese, e in effetti l’establishment britannico, l’hanno completamente ignorata”. “Come la maggior parte delle persone, e in particolare le donne, che hanno fatto cose straordinarie, vengono sempre messe in secondo piano”, ha detto. “Se guardi alla prima o alla seconda guerra mondiale, le donne erano proprio lì con gli uomini. Qua e là ora tiriamo fuori dalla borsa le cose strane per riconoscerne il debito con la storia, ma è una cosa rara. Per alcune strane ragioni, Violet Gibson è diventata una sorta di imbarazzo, è stata evitata, hanno cercato di dire che era pazza per nascondere la vergogna”. Benito Mussolini governò l’Italia dal 1922 al 1943.

Il signor Flynn ha aggiunto che la famiglia di Violet Gibson aveva dato il loro sostegno per la targa e si aspettava che la proposta passasse alla fase successiva della commissione nelle prossime settimane. Ha detto che mentre dipenderà dall’ottenere il permesso del proprietario dell’edificio, un luogo probabile per la targa sarebbe la sua casa d’infanzia nella zona di Merrion Square a Dublino. Nel 2014, la storia di Violet è stata portata a un pubblico più ampio da un documentario radiofonico trasmesso da RTÉ, realizzato da Siobhán Lynam, e attingendo al libro “The Woman Who Shot Mussolini”, di Francis Stoner-Saunders. Il documentario successivamente è servito come base per il film “Violet Gibson, La donna irlandese che ha sparato a Mussolini”, diretto dal marito della signora Lynam, Barrie Dowdall, e attualmente proiettato in festival cinematografici internazionali. “La gente andava in pellegrinaggio per cercare di uccidere Mussolini”, ha detto la signora Lynam.

Il signor Dowdall ha spiegato che una “cosa fondamentale” nella storia è stata una serie di lettere che Violet ha scritto facendo appello per il suo rilascio dal St Andrew’s Hospital a potenti figure della società britannica, tra cui la principessa Elisabetta – l’attuale regina – e Winston Churchill, che è possibile abbia trascorso del tempo con lei quando era in Irlanda da bambino. La sig.ra Lynam e il sig. Dowdall hanno potuto visionare le lettere a Northampton, dove non sono state inviate ai destinatari previsti. “È stata rilasciata [dall’Italia] a condizione che fosse rinchiusa per il resto della sua vita”, ha detto la signora Lynam. Come parte della loro ricerca, il team di marito e moglie ha esaminato i materiali d’archivio in Italia e ha affermato che la più grande raccolta di informazioni su qualcuno degli individui che hanno tentato di assassinare Mussolini si trovava su Ms Gibson. “Se questo fosse stato fatto da un uomo, probabilmente ci sarebbe stata una statua o qualcosa di simile. Poiché era una donna, è stata rinchiusa. Siamo così felici di essere in grado di raccontare questa storia e di tirarla fuori per il pubblico”, ha detto il signor Dowdall. Ha detto che la targa era una buona cosa in quanto riconosce il valore di Violet Gibson e ha contribuito a portare la sua storia a un pubblico più ampio. “Violet Gibson era una persona molto coraggiosa nel fare quello che ha fatto, e tra lei e Benito Mussolini, e tutte le cose che ha fatto, chi era davvero pazzo?” Il Partito Nazionale Fascista di Mussolini salì al potere in Italia all’indomani della prima guerra mondiale, sostenuto da gruppi armati noti come camicie nere che intimidirono gli oppositori. I fascisti presero il potere all’inizio degli anni ’20, smantellando le istituzioni democratiche e Mussolini divenne il dittatore italiano nel 1925. Ha sostenuto il generale Francisco Franco nella guerra civile spagnola e ha sostenuto Adolf Hitler nella seconda guerra mondiale. Mussolini adottò alcune delle politiche di Hitler, in particolare le leggi antiebraiche del 1938 che spogliarono gli ebrei italiani dei loro diritti civili. Più di 7.500 ebrei italiani sono morti nell’Olocausto. Mussolini fu giustiziato dopo la sua cattura da parte dei partigiani italiani nel 1945, mentre tentava di fuggire dall’avanzata alleata.

Da lesenfantsterribles

 

Potrebbe interessarti