InfoAut
Immagine di copertina per il post

Selfie dall’Italia. Profondità di un fotogramma

La fotografia diventa così uno specchio allargato della società. Si estende dal pubblico al privato, dalla strada alla rete. Diventa un punto di vista esteso sul mondo. Le foto instantanee di cibi e animali in loop sulle varie timeline di Facebook e Twitter contornano questa galleria fotografica legata all’immaginario della crisi. Una sfida alla conquista di “like” tra lasagne e gattini. Se fino all’inizio del secolo la pratica ossessiva-compulsiva dello scatto era riservata per immortalare i riti di passaggio imposti dalle culture o alle folle di turisti giapponesi, oggi la fotografia diventa un atto quotidiano e di massa.

Il selfie non è solo un esercizio individualistico che si mischia alla tristezza, semplice autoscatto di se stessi, come scriveva banalizzando lo psicanalista Massimo Recalcati su Repubblica o nell’ “immagine satura” di atto narcisistico che ne da il dizionario Oxford premiandola come parola dell’anno 2013. Selfie è invece diventata pratica collettiva: una foto “riconosciuta” e “riuscita” è proprio quello che coinvolge più persone. Un continuo apparire, che deforma le prospettive bruneschelliane, ma che riesce a descrivere tutti i difetti, le insicurezze e le paure del presente.

Provando ad immaginarsi un selfie dell’Italia al tempo del Job Acts rischierebbe di uscire più o meno così: una fotografia mossa, offuscata che vede sullo sfondo e riprende la crisi che sta stringendo migliaia di vecchi e nuovi poveri, contornata da una rabbia sociale pronta ad esplodere, come ha scritto di recente non un “fomentatore di piazze” ma il direttore della Caritas di Torino. Poi c’è una macchia bianca, che è quella che si è vista con le santificazioni di Pinochet e dell’Opus Dei, quando i veri miracoli invece li fanno ogni giorno migliaia di uomini e donne per riuscire a campare. Un vero miracolo diventa al giorno d’oggi pure abortire e avere diritto alla cura come è successo in Ospedale a Genova. Insomma, quello dell’Italia non è uno selfie dei migliori.

Il Job Acts, l’art. 5 del piano casa, gli 80 euro al mese, e le campagne elettorali in vista delle europee danno un colore ancora più grigio a quella rappresentazione, che si divide tra il puro narcisismo renziano marchiato con l’hashtag #me e l’illusione di una ripresa che non c’è. Per fortuna esiste qualche “filtro di contrasto”. Sono le resistenze come le lotte territoriali, quelle il diritto ad abitare e per il meticciato sociale che danno colore e segno e generosamente riescono a scattare dei flash come hanno fatto il 19 ottobre e poi il 12 aprile a Roma davanti ai palazzi ministeriali.

Scene di un autoscatto senza filtri che ci da la rappresentazione cartografica di uno stivale che dalla parte superiore passando per la caviglia arrivando alla punta, si è trasformato in una forma totalmente precarizzata. Il selfie rappresenta l’essenza della fotografia “alla giornata” dentro una vita diventata filo e per segno “alla giornata”. Una vita che non prevede aperture di diaframma, filtri di colore, obiettivi simmetrici. Solo fotogrammi scattati in un immagine di bassa qualità, senza trucchi, nella sua essenza. Si scatta nell’immediatezza di un presente precario, dove non non c’è spazio per il dettaglio o la cura, perché non si riesce ad immaginarsi il futuro. Le antropologie del selfie, ci danno un ritratto del tutto simile a quello dell’Ocse, ovvero un tasso di disoccupazione giovanile pari al 53%, a pochi mesi dal meeting di Luglio a Torino, dove i vari governi europei si troveranno a discutere sulla disoccupazione e lavoro. E’ già pronto il #selfie di Renzi con Hollande e la Merkel, da scattare rigorosamente dietro la Mole. Nell’Italia di oggi tra uno scatto e l’altro, anche in salita, c’è il tempo per immaginarsi dei “selfie” diversi, che con una messa a fuoco migliore, puntino dal basso verso l’alto rovesciando ogni inquadratura…

Ahmed

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

Australiaitaliaselfie

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Le ultime parole scritte da Malcolm X riguardavano il sionismo. Ecco cosa disse

Per Malcolm X, il sionismo era indissolubilmente legato al più ampio colonialismo europeo. In un passaggio poco conosciuto scritto poco prima del suo assassinio, affermò chiaramente che vedeva il sionismo non solo come una minaccia per la Palestina, ma per l’intero Terzo Mondo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Oscar 2024: celebrità e stelle del cinema chiedono cessate il fuoco a Gaza

Numerose celebrità e stelle del cinema di Hollywood di alto profilo hanno manifestato il loro sostegno e la loro solidarietà ai palestinesi della Striscia di Gaza, chiedendo un cessate il fuoco sul tappeto rosso degli Oscar 2024.

Immagine di copertina per il post
Culture

Alle radici della Rivoluzione industriale: la schiavitù

E’ considerato come uno dei più noti storici dei Caraibi, insieme a Cyril Lionel Robert James, soprattutto per il suo libro intitolato “Capitalismo e schiavitù”, appena pubblicato in Italia da Meltemi editore.

Immagine di copertina per il post
Culture

ALTRI MONDI / ALTRI MODI VOL.II “Viaggio al centro della Terra”

Non si tratta di cercare degli altrove impossibili, altri mondi alternativi, comunità utopiche. Il centro della Terra è qui, in un angolo di mondo inesplorato.. in altri modi di agire, di contrapporsi, di emanciparsi, tutti da esplorare.

Immagine di copertina per il post
Culture

Art Not Genocide: oltre ventimila artisti firmano contro la presenza israeliana alla Biennale di Venezia

«Offrire un palcoscenico a uno Stato impegnato in continui massacri contro il popolo palestinese a Gaza è inaccettabile».

Immagine di copertina per il post
Culture

Immagini di classe. Produzione artistica, operaismo, autonomia e femminismo

Jacopo Galimberti, Immagini di classe. Operaismo, Autonomia e produzione artistica, DeriveApprodi, Bologna 2023

Immagine di copertina per il post
Culture

Dune nell’immaginario di ieri e di oggi

Dune può dirsi un vero e proprio mito contemporaneo capace di segnare profondamente l’immaginario collettivo

Immagine di copertina per il post
Culture

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.

Immagine di copertina per il post
Culture

L’ecosocialismo di Karl Marx

Disponibile la tesi di dottorato del filosofo giapponese Kohei Saito, pubblicata dalla casa editrice Castelvecchi.

Immagine di copertina per il post
Culture

Contadini

La premessa: alla base di tutta la nostra vita c’è la produzione agricola.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele vuole Anan Yaeesh, l’Italia intanto lo fa arrestare

Il caso del 37enne palestinese, residente a L’Aquila, accusato da Tel Aviv di finanziare la Brigata Tulkarem.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cannoni italiani contro i palestinesi di Gaza

La conferma giunge adesso direttamente dalla Marina Militare di Israele: alle operazioni di guerra contro Gaza partecipano le unità navali armate con i cannoni di OTO Melara del gruppo italiano Leonardo SpA.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Proteste degli agricoltori in tutta Europa. In Francia una giovane donna investita durante un blocco

Dopo le mobilitazioni degli agricoltori in Germania il movimento si estende in Francia, in particolare nella regione dell’Occitanie. Bloccata la A64 a Carbonne, i blocchi si moltiplicano a macchia d’olio intorno a Tolosa nella Haute-Garonne, bloccata anche l’autostrada A20 di Montauban.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’orrore nucleare di Ghedi e Aviano

Chissà cosa accadrebbe se qualcuno dicesse che in Italia ci sono armi nucleari. Che quella presenza espone di fatto tutto il territorio a essere in qualsiasi momento bersaglio nucleare e che le esplosioni potrebbero causare tra i 2 e i 10 milioni di morti.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Australia, Referendum “The Voice”: riflessione sul corteo di Sydney a sostegno della voce aborigena all’interno della Costituzione australiana. 

Nonostante il caldo di Sydney sono in migliaia a radunarsi domenica 17 settembre ore 14:00 al Redfern Park, per partecipare alla marcia in sostegno del referendum del 14 ottobre 2023 che promette di dare una voce aborigena all’interno della Costituzione Australiana. L’afflusso delle persone al concentramento è accompagnato dagli interventi dal palco, tra cui la […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

TAV: la Francia nell’imbuto della Torino-Lione

Grande è la confusione sotto il cielo della Torino Lione. Un terremoto mediatico si è scatenato qualche giorno fa lungo la faglia tellurica dei rapporti italo-francesi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Aziende produttrici di armi: lobby e interessi italiani.

Secondo la stima diffusa dal SIPRI di Stoccolma la spesa militare mondiale ha raggiunto nel 2022 la somma di 2.240 miliardi di dollari complessivi, ossia una crescita del 3.7% rispetto all’anno precedente.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Perché il nucleare pulito è una chimera

Mentre la Germania spegneva le sue centrali atomiche, l’Italia ha partecipato da «osservatore» a un meeting dei paesi nuclearisti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

UE: proposta di riforma del patto di stabilità, un costo per l’Italia di 15 miliardi euro l’anno

L’ampiezza dell’intervento che il governo italiano dovrebbe attuare per risanare i conti sarebbe di una manovra correttiva da 14-15 miliardi l’anno in 4 anni oppure di 6-8 miliardi l’anno per 7 anni.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La casa è diventata un lusso per pochi: l’emergenza abitativa in Italia

Inflazione, caro bollette, calo del potere d’acquisto dei salari. E mancanza di alloggi a prezzo accessibile. Sono questi gli ingredienti dell’emergenza abitativa che si sta verificando oggi in Italia: sono sempre di più le famiglie sotto la soglia di povertà, sotto sfratto o in attesa di una casa popolare.