InfoAut
Immagine di copertina per il post

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.

English version

Di Alan MacLeod – 14 febbraio 2024

Nel mezzo dell’azione frenetica che ha visto i Kansas City Chiefs vincere il loro terzo campionato in cinque anni, gli americani che si sintonizzavano per guardare la finale di Football, il Super Bowl, si sono trovati davanti ad un susseguirsi di insolita propaganda.

Inseriti tra le tipiche pubblicità di automobili e birra c’erano due messaggi bizzarri: uno della Fondazione per la Lotta all’Antisemitismo (Foundation to Combat anti-Semitism – FCAS) e l’altro dello stesso Stato di Israele. Entrambi erano strettamente correlati al massacro in corso a Gaza e cercavano di distogliere l’attenzione dai Crimini di Guerra israeliani.

Lo spot pubblicitario della FCAS presenta Clarence B. Jones, l’ex consigliere di Martin Luther King, Jr., che ha redatto il suo famoso discorso “I Have a Dream” (Ho Un Sogno). Il messaggio è che c’è una crescente ondata di intolleranza razzista in America e che tutti devono unirsi tutti per fare fronte contro l’antisemitismo: lo spot termina dicendo alle persone di visitare il sito web StandUpToJewishHate.com. (Opporsi all’Odio Antiebraico).

Le pubblicità del Super Bowl non costano poco, e il suo prezzo di 7 milioni di dollari (6,5 milioni di euro) per 30 secondi di trasmissione è stato pagato dal miliardario proprietario della squadra dei New England Patriots N.F.L. (Lega Nazionale di Football), Robert Kraft. Kraft (patrimonio netto: 11 miliardi di dollari – 10,2 miliardi di euro) ha fatto fortuna nel settore della carta e degli imballaggi e ha profondi legami con lo Stato di Israele, tra cui la donazione di centinaia di milioni di dollari a gruppi filo-israeliani e il finanziamento di candidati filo-israeliani alle elezioni statunitensi. Ha anche uno stretto rapporto con il Primo Ministro Benjamin Netanyahu.

Kraft ha sposato sua moglie in Israele nel 1962 e, secondo quanto riferito, ha effettuato oltre 100 visite nel Paese, inclusa la conduzione di molteplici missioni di pubbliche relazioni, portando con sé celebrità e stelle dello sport. Mantiene anche una rete di enti di beneficenza in tutto Israele.

A dicembre ha promesso alla FCAS la gigantesca somma di 100 milioni di dollari (93 milioni di euro). Lo scopo, ha riferito Forbes, è stato quello di “sensibilizzare il pubblico sull’aumento degli episodi di antisemitismo e sviluppare ulteriormente il rapporto tra le comunità afroamericane ed ebraiche”. Considerando il contenuto e l’appello del Dottor King, sembra chiaro che lo spot del Super Bowl faceva parte del piano di Kraft per prendere di mira la comunità afroamericana.

Gli afroamericani sono molto più progressisti riguardo alla Palestina rispetto al resto della popolazione. Molti leader afro, così come movimenti come Black Lives Matter (Le Vite Degli Afro Valgono), si sono alleati con la Causa Palestinese, vedendo parallelismi e connessioni tra l’oppressione dei palestinesi all’estero e il trattamento degli afroamericani in Patria.

Foto: Murale di solidarietà afro-palestinese raffigurante George Floyd, assassinato da un agente di polizia statunitense, Gaza City, 2020. (Kalboz, Wikimedia Commons, proprietario del PDM)

Un sondaggio di dicembre condotto dalla Fondazione per la Pace Internazionale Carnegie ha rilevato che il 28% della popolazione afroamericana era favorevole a un cessate il fuoco immediato, rispetto al 20% dei bianchi americani. Solo il 5% degli afroamericani voleva che il governo degli Stati Uniti mostrasse “incrollabile sostegno” a Israele, contro il 23% della popolazione bianca.

Finanziare l’antiantisemitismo

Secondo Kraft, quindi, la posizione della popolazione afroamericana è un problema. Il miliardario proprietario della squadra ha fondato la FCAS nel 2019 in mezzo alla crescente opposizione nazionale e internazionale alle politiche di Apartheid dello Stato di Israele in Palestina. Ha annunciato la mossa durante una sontuosa cerimonia a Gerusalemme, dove gli è stato consegnato il Premio Genesis, un premio patrocinato dal governo israeliano assegnato a individui che aiutano maggiormente lo Stato Ebraico.

Dopo la cerimonia, ha pranzato con il suo amico Netanyahu. Kraft aveva già sostenuto Netanyahu partecipando al suo discorso al Congresso nel 2015. “Israele non ha un amico più leale di Robert Kraft”, ha detto Netanyahu.

Kraft ha ricevuto il Premio Genesis da 1 milione di dollari (928.000 euro) per i suoi sforzi nella filantropia e nella “lotta all’antisemitismo”. Eppure le sue opinioni su ciò che costituisce e ciò che non costituisce antisemitismo sono a dir poco controverse.

Sulla scia della storica ondata di proteste che hanno attraversato gli Stati Uniti per chiedere un cessate il fuoco in Medio Oriente, è apparso su MSNBC per denunciare i partecipanti come sostenitori del terrorismo. “Per me è orribile che un gruppo come Hamas possa essere rispettato e che le persone negli Stati Uniti d’America possano portare bandiere o sostenerlo”, ha detto, equiparando chiaramente il sostegno ai diritti dei palestinesi al terrorismo. “Hamas predica lo sradicamento di tutti gli ebrei dalla Terra”, ha aggiunto.

Pertanto, mentre la FCAS afferma di opporsi alla disinformazione ​​e al razzismo, il suo fondatore continua a diffondere la propria disinformazione al servizio del progetto israeliano.

Forse non sorprende che si opponga anche al movimento di Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS), una campagna popolare per esercitare pacificamente pressione economica sullo Stato di Israele affinché cessi l’Oppressione e l’Occupazione dei suoi vicini. Kraft vede il BDS come una forma di movimento razzista antiebraico, collegandolo agli attacchi alle sinagoghe o alla crescente minaccia dell’estrema destra.

Foto: Manifestazione pro-Palestina a Oakland, California, agosto 2014. (Alex Chis, Flickr, CC BY-SA 2.0)

“La mia visione è di lavorare per porre fine alla violenza contro le comunità ebraiche. Per contrastare la normalizzazione delle narrazioni antisemite che mettono in discussione il diritto di Israele ad esistere, mascherate come parte di un legittimo dibattito nelle istituzioni scolastiche e nei media”, ha affermato, suggerendo così che la FCAS tenterà di inserirsi nei plessi universitari a livello nazionale e di fare pressione sui media ad assumere (ancora) più posizioni filo-israeliane.

Il finanziatore della lobby israeliana

Kraft è uno dei principali benefattori della lobby israeliana, donando milioni di dollari a vari gruppi nel corso della sua vita. Nel 2022, ad esempio, ha donato 1 milione di dollari (928.000 euro) al super PAC (Comitato di Azione Politica) del Comitato Americano per gli Affari Pubblici di Israele (AIPAC). L’AIPAC lavora per promuovere politiche filo-israeliane negli Stati Uniti e per inserire un linguaggio filo-israeliano nel maggior numero possibile di atti legislativi.

Finanzia anche gli Amici delle Forze di Difesa Israeliane, un gruppo che raccoglie fondi per aiutare i soldati israeliani, anche se commettono Crimini di Guerra in Palestina, Siria e altrove. Ha fatto donazioni considerevoli ad altri gruppi filo-israeliani, tra cui:

  • American Friends of the Israel Museum (Amici Americani del Museo di Israele)
  • American Friends of the Yitzhak Rabin Center (Amici Americani del Centro Yitzhak Rabin)
  • The Anti-Defamation League (Lega Anti-Diffamazione)
  • The Committee for Accuracy in Middle East Reporting and Analysis (Comitato per l’Accuratezza nei Rapporti e nell’Analisi del Medio Oriente)
  • The Jewish Agency for Israel (Agenzia Ebraica per Israele)
  • The Jewish National Fund (Fondo Nazionale Ebraico)
  • StandWithUs (StaiConNoi)
  • The Israel Project (Progetto Israele)

Attraverso la sua organizzazione, Touchdown in Israel (Meta in Israele), Kraft organizza regolarmente viaggi di propaganda in Israele per gli ex giocatori della NFL, senza dubbio sperando che diventino sostenitori dello Stato Ebraico.

Probabilmente il modo più influente con cui Kraft condiziona la vita pubblica americana, tuttavia, è il suo costante finanziamento ai democratici di destra che si oppongono ai progressisti e ai sostenitori della giustizia in Palestina.

Nel 2021, ad esempio, ha donato 5.800 dollari (5.380 euro) alla deputata Shontel Brown nel suo controverso confronto contro la progressista Nina Turner e altri 2.900 dollari (2.700 euro) per la sua rielezione. Brown era una candidata poco conosciuta ma fortemente filo-israeliana che si opponeva ad una socialista democratica, co-presidente nazionale della campagna elettorale 2020 di Bernie Sanders e una aperta critica delle politiche israeliane.

Foto: Shontel Brown saluta il Presidente Joe Biden all’Aeroporto Internazionale Hopkins di Cleveland il 6 luglio 2022. (Casa Bianca, Adam Schultz)

Enormi quantità di denaro filo-israeliano confluirono nella campagna di Brown, aiutandola a sconfiggere Turner. Nel suo discorso di accettazione, Brown ha elogiato Israele e in seguito ha ringraziato la comunità ebraica per “averla aiutata a vincere”.

Kraft ha finanziato anche democratici filo-israeliani, tra cui David Cicilline; Juan Vargas; Ted tedesco; Jake Auchincloss e Ritchie Torres.

Le sue azioni, donazioni e dichiarazioni pubbliche hanno attirato la condanna di alcuni che le hanno seguite. Il giornalista sportivo Dave Zirin, ad esempio, ha recentemente scritto che:

“Sembra pensare che qualsiasi critica a Israele sia intrinsecamente antisemita. Per Kraft, parte del problema sono gli ebrei come me, i rabbini e i sopravvissuti all’Olocausto che chiedono un cessate il fuoco e una Palestina libera. E Kraft sembra pensare che l’opposizione a Israele, all’IDF, e all’agenda dell’AIPAC sia antisemitismo”.

Israele in televisione

Nel mezzo dell’azione gli spettatori del Super Bowl sono stati sottoposti a un altro spot pro-Israele, questo direttamente finanziato e in rappresentanza del governo israeliano. Una voce fuori campo, mentre sullo schermo vengono riprodotte immagini di sane attività paterne, annuncia:

“A tutti i papà, quelli divertenti, quelli distratti, quelli forti, quelli avventurosi. A tutti i papà tenuti prigionieri da Hamas da oltre 120 giorni, promettiamo di riportarvi a casa”.

A quanto pare, il governo israeliano stava inviando un messaggio ai padri israeliani ancora in mano ad Hamas. Quel messaggio era per dire che stavano lavorando per riportarli a casa (spendendo milioni di dollari per mandare in onda il messaggio sulla TV americana durante il Super Bowl).

La realtà, tuttavia, è che questo è stato un tentativo di influenzare il pubblico americano a identificarsi con Israele, suggerendo che ciò potrebbe accadere anche a chiunque dei loro padri.

Molti spettatori ritenevano che ciò che vedevano equivalesse a poco più che una costosa disinformazione. “Sono esterrefatto, Israele sta davvero mandando in onda uno spot di propaganda strappalacrime durante il Super Bowl mentre contemporaneamente bombarda i rifugiati a Rafah?, ha scritto uno spettatore su Twitter.

Tuttavia, il Super Bowl è stata la trasmissione televisiva americana più vista di sempre, totalizzando oltre 123 milioni di telespettatori. Alcuni dicono che non è possibile dare un prezzo a questo tipo di pubblicità, ma a quanto pare è possibile, e il prezzo è di 7 milioni di dollari (6,5 milioni di euro). Potrebbe essere propaganda, ma in America sono i soldi a parlare. E sia Robert Kraft che il governo israeliano hanno sicuramente molto da spendere.

Alan MacLeod scrive per MintPress News. Dopo aver completato il suo dottorato di ricerca nel 2017, ha pubblicato due libri: “Bad News From Venezuela: Twenty Years of Fake News and Misreportin” (Cattive Notizie Dal Venezuela: Vent’anni di Notizie False e Mistificazioni) e “Propaganda in the Information Age: Still Manufacturing Consent” (Propaganda nell’Era dell’Informazione: Fabbricare il Consenso), oltre a numerosi articoli accademici. Ha anche collaborato con FAIR.org The Guardian, Salon, The Grayzone, Jacobin Magazine, Common Dreams, American Herald Tribune e The Canary.

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

ASSEDIO DI GAZAisraelepropagandasionismosportstati unitisuper bowl

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Quando il polemos si fa prassi

Majakovsky aveva paura che «una corona» avrebbe potuto «nascondere la sua fronte così umana e geniale e così vera» e «che processioni e mausolei» avrebbero offuscato la «semplicità di Lenin».

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Conclusa la seconda edizione. Video e Podcast degli incontri

La seconda edizione del Festival Altri Mondi/Altri Modi si è chiusa. E’ stata un’edizione intensa e ricca di spunti: sei giorni di dibattiti, musica, spettacoli, socialità ed arte all’insegna di un interrogativo comune, come trovare nuove strade per uscire dal sistema di oppressione, guerra e violenza che condiziona quotidianamente le nostre vite?

Immagine di copertina per il post
Culture

Le ultime parole scritte da Malcolm X riguardavano il sionismo. Ecco cosa disse

Per Malcolm X, il sionismo era indissolubilmente legato al più ampio colonialismo europeo. In un passaggio poco conosciuto scritto poco prima del suo assassinio, affermò chiaramente che vedeva il sionismo non solo come una minaccia per la Palestina, ma per l’intero Terzo Mondo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Oscar 2024: celebrità e stelle del cinema chiedono cessate il fuoco a Gaza

Numerose celebrità e stelle del cinema di Hollywood di alto profilo hanno manifestato il loro sostegno e la loro solidarietà ai palestinesi della Striscia di Gaza, chiedendo un cessate il fuoco sul tappeto rosso degli Oscar 2024.

Immagine di copertina per il post
Culture

Alle radici della Rivoluzione industriale: la schiavitù

E’ considerato come uno dei più noti storici dei Caraibi, insieme a Cyril Lionel Robert James, soprattutto per il suo libro intitolato “Capitalismo e schiavitù”, appena pubblicato in Italia da Meltemi editore.

Immagine di copertina per il post
Culture

ALTRI MONDI / ALTRI MODI VOL.II “Viaggio al centro della Terra”

Non si tratta di cercare degli altrove impossibili, altri mondi alternativi, comunità utopiche. Il centro della Terra è qui, in un angolo di mondo inesplorato.. in altri modi di agire, di contrapporsi, di emanciparsi, tutti da esplorare.

Immagine di copertina per il post
Culture

Art Not Genocide: oltre ventimila artisti firmano contro la presenza israeliana alla Biennale di Venezia

«Offrire un palcoscenico a uno Stato impegnato in continui massacri contro il popolo palestinese a Gaza è inaccettabile».

Immagine di copertina per il post
Culture

Immagini di classe. Produzione artistica, operaismo, autonomia e femminismo

Jacopo Galimberti, Immagini di classe. Operaismo, Autonomia e produzione artistica, DeriveApprodi, Bologna 2023

Immagine di copertina per il post
Culture

Dune nell’immaginario di ieri e di oggi

Dune può dirsi un vero e proprio mito contemporaneo capace di segnare profondamente l’immaginario collettivo

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA per la Palestina: dipendenti Google licenziati e studenti alla Columbia University sgomberati dalla polizia

Negli Stati Uniti proteste in corso a sostegno del popolo palestinese, per il quale diversi settori della società civile si sono mobilitati.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Appello alla mobilitazione in sostegno alla popolazione di Gaza ed alla resistenza palestinese

Ci appelliamo a tutt3 coloro che vogliono sostenere la resistenza del popolo palestinese per difendere una prospettiva universale di autodeterminazione, uguaglianza, equità e diritti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Attacco iraniano a Israele: quali conseguenze per il Libano?

Lo Stato ebraico potrebbe intensificare la lotta contro Hezbollah, ma secondo gli esperti una guerra aperta sul territorio libanese è improbabile.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sapienza: un racconto della giornata di ieri (17 aprile)

Il 17 aprile in Sapienza è stata una giornata di lotta e smascheramento dei rapporti che l’università coltiva (e non vuole interrompere) con la guerra e Israele.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Cosa vuol dire un’università libera?

In TV e sui giornali si è scatenata la canea mediatica nei confronti degli studenti e delle studentesse universitarie che richiedono la fine degli accordi di ricerca militari o di dual use con le università israeliane.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Torino: 23 aprile corteo contro il convegno vergognoso del Politecnico

Condividiamo di seguito l’appello degli studenti e delle studentesse universitarie torinesi mobilitati in sostegno al popolo palestinese in vista del convegno che si terrà il 23 aprile al Politecnico alla presenza del Ministro Tajani, di Eni e MAECI.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

“Lavender”: la macchina dell’Intelligenza Artificiale di Israele che dirige i bombardamenti a Gaza

L’esercito israeliano ha contrassegnato decine di migliaia di gazawi come sospetti per l’assassinio, utilizzando un sistema di puntamento AI con scarsa supervisione umana e una politica permissiva per i danni collaterali, rivelano +972 e Local Call.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’obiettivo finale di Netanyahu e le ambizioni regionali dell’estrema destra israeliana

Gli eventi degli ultimi giorni suggeriscono che potremmo vedere prendere forma l’obiettivo finale di Israele. Gli obiettivi del governo di estrema destra di Netanyahu non si limitano a Gaza: vuole conquistare tutta la Palestina e iniziare una guerra anche con Hezbollah e l’Iran.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: cariche alla manifestazione contro il concerto “in onore” dei 75 anni della NATO. 10 gli attivisti feriti

Scontri e feriti alla manifestazione contro la Nato e le politiche di guerra, 10 i manifestanti feriti.