InfoAut
Immagine di copertina per il post

Confindustria e Confesercenti tirano le orecchie a Di Maio verso l’autunno

||||

Le strigliate portate da Confindustria e Confesercenti con le dichiarazioni dell’altro ieri al Giggino nazionale suonano più di un semplice avviso da parte di due associazioni con notevole peso e ingerenza politica nelle decisionalità prese dall’alto (e per l’alto) in Italia.

Mostrano come, aldilà del bisogno di dare credibilità al Sistema-Paese con la formazione a tutti i costi dell’Esecutivo che voltasse pagina dopo il naufragio renziano, l’agibilità politica nel reale vada a scontrarsi con tutte le vecchie reticenze figlie del padronato industriale italico.

Così, dopo gli applausi di nemmeno un mesetto fa, arrivano rimbrotti e tirate di orecchie per il Ministro del Lavoro, che si traducono in un dover smorzare i toni rispetto alle velate possibilità di contrasto alle delocalizzazioni e di riduzione di alcune delle forme contrattuali subordinate in caso non vi siano effettive assunzioni a tempo indeterminato.

Queste intenzioni politiche per le due confederazioni di banchieri e industriali del paese sono impensabili laddove non stimolano la tanto vituperata storia della crescita, arma retorica necessaria dal loro punto di vista per qualsivoglia forma, velata o meno, di sfruttamento, e incentivi a pioggia per le aziende..

Ed ecco tornare in auge il paradigma tanto caro soprattutto ai grossi ceti imprenditoriali del Paese: nella crisi e con l’impoverimento della classe media i guadagni per loro non devono diminuire, anzi gonfiarsi col proliferare della ricattabilità di decine di migliaia di individui. Il mantra della crescita servirà a giustificare l’aumento della forbice sociale. Guai a mettere in discussione questo nodo.

Anzi, l’invocazione è quella di fare in modo che il sistema imprenditoriale venga ancora foraggiato a mani basse dalla politica sottoforma di denaro destinato all’investimento occupazionale (ma che tipo di occupazione? e quale beneficio di ritorno per coloro che sono già precari? Non è dato sapere), nella prospettiva che cominci il valzer per capire quali settori e quali aspetti della vita economica e sociale andranno tagliati maggiormente in concordato con quanto permetterà o meno l’Unione Europea.

Confindustria e Confesercenti invocano insomma quello che lo sfracellato Partito Democratico di Renzi gli garantiva senza colpo ferire dopo il suggello del Jobs Act.

E di colpo, una settimana di Giugno pare in realtà una proiezione di quello che potrebbe essere l’autunno, con i temi delle risorse e della decantata “crescita” che promettono di tornare prepotentemente al centro del dibattito e di futuribile scontro politico. Con Giggino che da una parte invoca e esaudisce i bisogni di rassicurazione del suo elettorato, e dall’altra si vede ammonito seccamente sin da principio sulla natura delle proposte fatte, in primis da Boccia e il suo direttivo.

Pesa, nel contesto, l’annunciata fine del Quantitative Easing, che si pone come ostacolo imperituro alle voluttà pentastellate in tema di reddito e politiche sociali, come abbiamo sottolineato poco tempo fa in questo articolo, nonché la doccia fredda che giunge sempre dai piani alti della finanza europea rispetto alla sostenibilità di un sistema pensionistico, secondo cui la flessibilizzazione dell’odiosa Legge Fornero è impensabile perché prevederebbe ulteriore indebitamento, non conciliabile con le famose manovre correttive decantate per il rilancio dell’economia. Il cerchio si stringe..

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

confindustriagoverno

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Dune nell’immaginario di ieri e di oggi

Dune può dirsi un vero e proprio mito contemporaneo capace di segnare profondamente l’immaginario collettivo

Immagine di copertina per il post
Culture

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.

Immagine di copertina per il post
Culture

L’ecosocialismo di Karl Marx

Disponibile la tesi di dottorato del filosofo giapponese Kohei Saito, pubblicata dalla casa editrice Castelvecchi.

Immagine di copertina per il post
Culture

Contadini

La premessa: alla base di tutta la nostra vita c’è la produzione agricola.

Immagine di copertina per il post
Culture

Nutrire la rivoluzione.

Che rapporto c’è tra città e campagna, che rapporto vediamo tra la questione del cibo – della possibilità di un suo approvvigionamento – e la rivoluzione che immaginiamo. Sono alcuni dei temi del libro “Nutrire la rivoluzione. Cibo, agricoltura e rottura rivoluzionaria”, pubblicato da Porfido edizioni per la collana i Sanpietrini nel 2023.

Immagine di copertina per il post
Culture

In attesa di un altro mondo: tre film sulla fine del sogno americano

Ha avuto inizio a Venezia, il 9 gennaio di quest’anno, una rassegna cinematografica “itinerante” di tre film e documentari di tre registi italiani under 40 che hanno vissuto parte della propria vita negli Stati Uniti e che hanno deciso di raccontarne aspetti sociali, ambientali e politici molto al di fuori dell’immagine che troppo spesso viene proiettata dai media di ciò che un tempo era definito come American Way of Life.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le contraddizioni e le moderne intuizioni di un editore militante

Molto si è scritto, detto e discusso a proposito della lotta armata in Italia, attraverso saggi, articoli, dibattiti e testimonianze di vario indirizzo, calibro e dalle finalità non sempre limpide.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il Decreto Crescita e il calcio ordoliberale

La mancata proroga del Decreto Crescita per la Serie A serve solo a dimostrare che il libero mercato del calcio non è tale

Immagine di copertina per il post
Culture

Note su cinema e banlieue

Lo scritto che segue riprende alcune tematiche approfondite in un libro in fase di ultimazione dedicato alla messa in scena delle banlieue nel cinema francese.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il reale delle/nelle immagini. La magia neoarcaica delle immagini tecniche

Il doppio offerto da queste “nuove immagini” a partire dalla fotografia finisce per dare vita ad atteggiamenti “neoarcaici” – come li definisce Edgar Morin (L’Esprit du temps) –, attivando reazioni irrazionali, primitive, infantili proprie dell’Homo demens che, da sempre, contraddistinguono il rapporto tra l’essere umano e le differenti forme di rappresentazione.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Marcia popolare No Tav: venerdì 8 dicembre Susa-Venaus.

Da sempre l’8 dicembre per il Movimento No Tav è un momento di ricordo della grande giornata di lotta e resistenza del 2005 ma è soprattutto uno sguardo che dal passato volge al futuro per continuare la battaglia contro il progetto del treno ad alta velocità Torino Lione.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Il castello di carte della questura è sempre più instabile.

A proposito del processo conclusosi in primo grado per i fatti di Confindustria a Torino, in occasione di una manifestazione studentesca dell’anno scorso contro l’alternanza scuola-lavoro, di seguito diamo spazio ad alcune valutazioni da parte degli studenti e delle studentesse coinvolti e che parteciparono alla mobilitazione di quel periodo.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Processo agli studenti per i fatti dell’Unione Industriale: emessa la sentenza

Si è concluso ieri il processo di I grado che vedeva imputati 11 giovani per gli scontri davanti all’Unione Industriale nel febbraio 2022, durante una manifestazione contro l’alternanza scuola-lavoro e per protestare contro le morti di 2 giovani studenti vittime nello svolgimento dei loro stage.

Immagine di copertina per il post
Formazione

2-3 ottobre, governo e Meloni non siete i benvenuti!

Riprendiamo il comunicato studentesco sulla due giorni di mobilitazione tenutasi a Torino in concomitanza con il Festival delle Regioni. Ieri il corteo partito dalle scuole superiori ha contestato il ministro dell’Istruzione Valditara, mentre oggi la manifestazione ha contestato l’arrivo della premier Giorgia Meloni, per la prima volta in città, ed è stata più volte caricata brutalmente dalla polizia che ha causato diversi feriti tra i manifestanti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il governo Meloni ci ruba il futuro.

Di seguito pubblichiamo l’appello dell’ Unione Sindacale di Base per la manifestazione nazionale che si terrà a Roma il 24 giugno.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Quattro studenti da sette mesi ai domiciliari. Lo Stato che odia i giovani

Di seguito riportiamo una riflessione studentesca a più di sette mesi dagli arresti di quattro studenti per il corteo del 18 febbraio a Torino. Buona lettura!

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

GKN: gli operai occupano la sede fiorentina di Confindustria

Ieri alcune decine di dipendenti della ex Gkn sono entrati nel cortile della sede di Confidustria a Firenze, in via Valfonda, sul retro della stazione di Santa Maria Novella, per denunciare l’atteggiamento degli industriali fiorentini nella vertenza con l’attuale proprietà Qf, che fa capo all’imprenditore Francesco Borgomeo.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Che Italia ha in mente la Meloni? Quella delle piccole-medie imprese ad alto coefficiente di sfruttamento

Al netto della vittimizzazione continua dell’imprenditoria italiana – come se negli ultimi anni avessero governato socialisti inferociti e non banchieri propensi a realizzare i desiderata di Confindustria in ogni ambito – qual’è l’Italia che per Meloni non va disturbata?

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Napoli: Confindustria che tu sia maledetta!

Condividiamo di seguito il comunicato del Laboratorio Politico Iskra sulle iniziative repressive che stanno colpendo in tutta Italia gli studenti e le studentesse in lotta contro l’alternanza scuola-lavoro. Siamo complici e solidali con gli attivisti e le attiviste, gli studenti e le studentesse di Torino colpiti dalla repressione delle FFOO e dalla vendetta di Confindustria […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Il 13 novembre tutti/e a Napoli! Manifestazione contro governo Draghi e Confindustria

Questo è il testo proposto dal Movimento di lotta dei disoccupati 7 novembre per l’indizione della manifestazione contro il governo Draghi e la Confindustria di sabato 13 novembre a Napoli. E’ in corso la raccolta delle adesioni. La crisi pandemica e la gestione dell’emergenza sanitaria hanno palesato, una volta di più, le priorità del sistema […]