InfoAut
Immagine di copertina per il post

Quattro studenti da sette mesi ai domiciliari. Lo Stato che odia i giovani

Di seguito riportiamo una riflessione studentesca a più di sette mesi dagli arresti di quattro studenti per il corteo del 18 febbraio a Torino. Buona lettura!

Dall’11 maggio ormai, quattro studenti si trovano agli arresti domiciliari in regime preventivo, imputati in un processo in cui vengono ritenuti i responsabili dei tafferugli avvenuti sotto la sede di Confindustria il 18 febbraio scorso.

Abbiamo avuto modo, noi e tanti dei soggetti che hanno attraversato quella piazza, di dire molto sul corteo studentesco del 18 febbraio, Confindustria è diventata la rappresentazione plastica della nostra controparte, quel soggetto che è il fiero portavoce degli interessi dei potenti che indisturbati si sono fatti spazio nei tavoli decisionali della Scuola, piegandola sempre di più verso un cieco asservimento agli interessi del mercato del lavoro e dell’economia del profitto sfrenato. Quello che abbiamo sempre affermato è che proprio in questa scala di priorità risiede la responsabilità delle morti in alternanza di Lorenzo, Giuseppe e Giuliano. Per questo motivo è stato dato un segnale forte il 18 febbraio. Perché volevamo farla finita con i tentativi ipocriti di imbonirci che provenivano dalle varie cariche istituzionali che andavano esprimendosi sulla nostra mobilitazione. Non cercavamo una pacca sulla spalla; stavamo lottando perché agli assassini dei nostri coetanei non fosse più permesso agire liberamente compromettendo le nostre vite, cosa che invece governi e ministri da destra a sinistra hanno fatto in modo che accadesse con ogni mezzo a loro disposizione.

Questo è importante dirlo e ripeterlo poiché, invece, all’interno delle aule di tribunale, non viene dato un contesto politico alle singole condotte che vengono giudicate solamente come uno sterile esercizio di violenza fine a sé stessa. Però questo è falso e dobbiamo pretendere che invece venga rimesso al centro il contesto che ha prodotto quei comportamenti e cosa questi esprimono.

Con il rischio di essere ridondanti, riaccenniamo anche che solo poche settimane prima centinaia di giovani furono brutalmente picchiati da un corposo dispiegamento di agenti in tenuta antisommossa, il cui scopo era quello di impedire il movimento di quello che avrebbe dovuto essere un corteo.

Quindi insomma, questi sono gli elementi che le accuse sterili e arbitrarie della procura torinese non vogliono riconoscere, con l’evidente intento di far gravare sulle spalle di quattro giovanissimi studenti il peso giuridico di azioni che sono state invece frutto di un’elaborazione collettiva ricca di vivaci intelligenze che in quella profonda spaccatura ci vedevano la possibilità di parlare di utopie concrete.

Sono passati ormai sette mesi di arresti per Francesco, Emiliano, Jacopo e Sara e le vicissitudini giudiziarie proseguono. Come sappiamo, in questa città si intraprendono creativi esperimenti dentro le aule dei tribunali.

Allo scadere del sesto mese di detenzione, i ragazzi sarebbero usciti dai domiciliari per motivi burocratici, dal momento che parliamo sempre di arresti preventivi senza l’esecuzione di una condanna penale a seguito di una sentenza, se non fosse che mantenere quattro ventenni rinchiusi per aver protestato è un’assoluta priorità. Dunque, dal cappello magico della macchina giuridica è stato ripescato un “Giudizio Immediato”. Il Giudizio Immediato rientra tra le modalità processuali dei cosiddetti “Giudizi speciali”, delle deviazioni dalla norma che in casi molto specifici possono essere applicati agli imputati su richiesta del PM o che l’imputato stesso può richiedere. In questo caso la richiesta è ovviamente partita dalla pubblica accusa. Questo procedimento è applicabile qualora ci fossero delle prove assolutamente chiare che indirizzerebbero alla certa colpevolezza degli imputati e fa sì che si salti l’udienza preliminare per passare immediatamente alla fase dibattimentale e ovviamente annulla ogni termine di scadenza per le misure cautelari inflitte a Francesco, Emiliano, Jacopo e Sara. In sostanza, si è ricorso ad un cavillo burocratico per impedire a dei ragazzi giovanissimi e incensurati accusati di un reato di bassa gravità, di riprendere una vita libera dopo sei mesi di detenzione. La situazione all’oggi potrebbe sboccarsi nei primi giorni di febbraio con lo svolgersi della prima udienza. Nel frattempo, si resta in attesa.
Possiamo definire “Giustizia” questo gioco sadico?

Considerando questo fatto, non vorremmo che si schiacciasse il discorso sulla repressione in modo circoscritto. Vorremmo si inserisse questo pezzo in più ampio piano che guarda in avanti. Vogliamo divincolarci da una posizione che guarda solo all’aspetto persecutorio della vicenda o che normalizza un rapporto delle parti basato sullo sterile concetto di “legalità”; ci interessa di più smascherare e ostacolare l’uso e il consumo che viene fatto della “legge”, plasmata a piacimento sulla base di ciò che richiede una bastonata secca poiché disturba il quieto vivere dell’élite politica e/o finanziaria della nazione.

Reprimere, spaventare, isolare, stigmatizzare: questo è il lavoro che svolgono la polizia, i tribunali e i penitenziari supportati da una buona propaganda vuota di contenuti che i mezzi di informazione vomitano nelle orecchie delle persone.

Anche in questo caso specifico risulta chiaro l’intento intimidatorio e insieme disgregativo che questa inchiesta si porta con sé. Per quanto la pubblica accusa richieda un giudizio sui fatti delittuosi al di fuori dal loro contesto, appare evidente che l’intento iniziale dell’operazione di polizia fosse, invece, precisamente quello di decomprimere il portato politico che le mobilitazioni stavano accrescendo.
Non si tratta solamente di “colpirne uno per educarne cento”, questo è sicuramente un pezzo ma non è tutto. Perché se guardiamo indietro, dalle cariche di Piazza Arbarello in avanti, il posizionamento della polizia è sempre stato in funzione di eliminare una possibilità di ricomposizione.

Le morti di Lorenzo prima e di Giuseppe e Giuliano poi, hanno alzato di molto il tiro; la contraddizione che si è aperta avrebbe potuto costituire una voragine incolmabile, un irrisolto che tutt’ora rimane tale anche se con meno entusiasmo. Perché questo è il vero volto della ferocia di questo sistema che sul suo altare sacrifica qualunque vita sia necessaria ad assicurare la sua egemonia. E quando la maschera cade in modo così ostentato è difficile tenere le briglie a una generazione che da perdere ha ben poco.

Il dato forse più interessante che abbiamo potuto cogliere delle mobilitazioni dell’anno passato è stata l’apertura della possibilità di costruire soggettivazione individuale e collettiva in modo incredibilmente dispiegato. Il fenomeno delle occupazioni, i processi di costruzione dei cortei e il livello altissimo dell’analisi collettiva è stato qualcosa di molto tangibile e che stava dando il via ad una trasformazione delle forme di attivismo che abbiamo conosciuto fino ad allora. Questo è stato ciò che si è voluto distruggere. A partire dalle dichiarazioni della Lamorgese, allora ministra degli Interni, che affermò con sicurezza che le violenze di piazza Arbarello fossero responsabilità di un piccolo gruppo di “infiltrati”, fino agli arresti, la strategia adottata è stata precisamente quella del “divide et impera”. Per ridare dignità a quel percorso politico che è stato linfa vitale per decine di migliaia di giovani in tutta Italia e per provare a non stare al gioco dei buoni e dei cattivi, dobbiamo rimandare al mittente le accuse che ricadono sulle teste degli studenti che stanno pagando il protagonismo ad un moto per una scuola nuova, per un sistema sociale che non si cibi delle nostre vite, per un presente e un futuro più giusti. Dobbiamo riprendere in mano ciò che questi arresti miravano a distruggere, un’organizzazione di studenti dispiegata, radicata e con le idee chiare.

Contemporaneamente abbiamo il dovere anche di accendere i riflettori sulla crudeltà di un sistema giudiziario che quotidianamente tiene nella sua morsa moltissime persone e moltissimi giovani a cui viene sottratta la possibilità di un’esistenza decente in questo sistema. Dobbiamo ricordarci i costi umani che vengono pagati da coloro che si trovano ristretti, privati delle proprie libertà, additati come una feccia da estirpare alla faccia della favoletta sulla “rieducazione e il reinserimento”.

In quale mondo quattro ragazzi di vent’anni verrebbero rieducati essendo privati di ogni contatto umano, della possibilità di svolgere la stessa vita dei propri coetanei, di poter studiare regolarmente, di lavorare, di avere rapporti familiari sani? Come se non bastasse tutto questo, Emiliano e Jacopo sono attualmente ancora detenuti al massimo regime restrittivo con braccialetto elettronico e divieto di comunicazione con l’esterno. Questo sempre perché l’intento è rieducare, ovviamente.

Noi parliamo di ciò che ci è più vicino, come gli arresti dei nostri amici, però dobbiamo essere coscienti che intorno a noi accadono cose tremende legate alle carceri e ai processi penali che spesso e volentieri restano nel buco nero dell’esclusione, della marginalità e dell’abbandono. È nota la situazione delle carceri italiane, anche grazie alle rivolte e le iniziative di protesta che a più riprese si sono date dal primo Covid in avanti. Il sovraffollamento, le violenze e le torture, i detenuti versano in condizioni inumane e molti in regime cautelare, in attesa di processo. Il numero dei suicidi avvenuti in galera è vertiginosamente aumentato e coinvolge persone sempre più giovani, anche detenute da poco tempo. Di pochi giorni fa è la notizia della denuncia di una violenza sessuale avvenuta nel carcere minorile Beccaria di Milano ad opera dei due concellini di un ragazzo diciassettenne lì detenuto. Un fatto di questa gravità ci dice con tremenda chiarezza che questo sistema di “Giustizia” è tutto sbagliato. Che è urgente interrompere questo turbinio di violenza.

A Torino, 1 detenuto su 10 ha meno di ventiquattro anni ed è recluso per reati minori; tutto ciò che le autorità sanno dirci in merito è che stanno preparando percorsi di “recupero delle devianze”, una retorica che esprime con chiarezza l’incapacità di comprendere la gravità di questo fare distopico “dell’olio di ricino e manganello”, non si prova minimamente a interrogarsi sull’insorgere di un disagio generalizzato dettato non solo da un impoverimento progressivo, dalla costante sottrazione di servizi alla comunità, da una scuola sempre più classista e discriminatoria nei confronti di chi non dimostra gli standard richiesti, ma anche da un annichilimento profondo che è dettato dall’incertezza del domani e dalla finzione su cui si regge il mondo odierno.

Il vortice nel quale siamo ingabbiati genera ansia, instabilità, insicurezza e isolamento e l’unica via di uscita è incontrarci, stringere legami sulla base del nostro rifiuto della miseria e perché no, iniziare a organizzarci insieme. Fare ciò che fa tanta paura alla polizia e a chi la comanda. Perché è solo in questo modo che possiamo rompere le catene.

Le intelligenze che sperano di incasellare negli sterili parametri di una società triste, fondata sullo sfruttamento, devono cercare spazi altri in cui mettere a frutto le proprie capacità a servizio di quelli che sono i nostri bisogni autonomi, di felicità collettiva, di un benessere per tutti e tutte. E questo è possibile farlo solo aprendo i nostri spazi di azione e contrapposizione. Le occupazioni, i collettivi scolastici, le assemblee cittadine, i cortei di questo ultimo anno lo hanno dimostrato ed è da lì che bisogna ripartire.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Formazionedi redazioneTag correlati:

confindustriadomiciliarigiovanistudenti

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sapienza: un racconto della giornata di ieri (17 aprile)

Il 17 aprile in Sapienza è stata una giornata di lotta e smascheramento dei rapporti che l’università coltiva (e non vuole interrompere) con la guerra e Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Torino: 23 aprile corteo contro il convegno vergognoso del Politecnico

Condividiamo di seguito l’appello degli studenti e delle studentesse universitarie torinesi mobilitati in sostegno al popolo palestinese in vista del convegno che si terrà il 23 aprile al Politecnico alla presenza del Ministro Tajani, di Eni e MAECI.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Genova: protestano studenti e studentesse dell’istituto Pertini-Diaz: “Non vogliamo poliziotti a far lezione qui” 

“Fuori la polizia dalla Diaz”, questo lo striscione comparso martedì mattina, e subito rimosso, sui cancelli dell’istituto Pertini – Diaz a Genova, la scuola dove nel 2001 avvennero i pestaggi polizieschi contro i manifestanti del G8.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Bologna: dopo ben 11 anni il processo sulla cacciata della polizia da Piazza Verdi arriva in primo grado. Posticipata la sentenza

Sono serviti 11 anni perché si concludessero le udienze del processo in primo grado riferito agli scontri tra studenti, studentesse e forze di polizia, avvenuti nelle giornate del 23 e 27 maggio 2013 a Bologna.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Grecia: passa la legge sulla creazione di università private. Scontri fuori dal Parlamento

In Grecia è passata in Parlamento la contestatissima legge che equipara le università private con quelle pubbliche nel paese.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Grecia: ampia mobilitazione delle università, occupati la maggior parte degli Atenei contro la creazione di poli privati

Grecia. La lotta del mondo accademico e universitario ellenico si intensifica di giorno in giorno in vista della presentazione del controverso disegno di legge per la creazione di università private.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Solidarietà agli studenti del Severi-Correnti!

Esprimiamo la nostra totale solidarietà nei confronti degli studenti e delle studentesse del liceo Severi Correnti di Milano, che la mattina del 30 gennaio occupavano il loro istituto per denunciare il genocidio in atto in Palestina e contro l’indifferenza per le morti di decine di migliaia di persone sotto le bombe israeliane.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Scuola. Tecnici e professionali: un “capolavoro” al servizio delle imprese

L’iter parlamentare della riforma degli istituti tecnici e professionali è in discussione alla Camera.

Immagine di copertina per il post
Formazione

L’azienda italiana che può localizzare una persona in ogni angolo del mondo

Tykelab offre i suoi servizi tramite la ben più nota azienda di intercettazioni RCS.  RCS e Tykelab sviluppano uno spyware, Hermit, in grado di prendere il controllo del tuo smartphone e ascoltare tutto ciò che dici. 

Immagine di copertina per il post
Formazione

Roma: manganellate della polizia sugli studenti a Montecitorio

Le forze dell’ordine in tenuta anti sommossa hanno caricato gli studenti dei collettivi degli istituti occupati che tentavano di raggiungere Palazzo Chigi. Fermi e identificazioni

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Cronaca e riflessioni sulla mobilitazione per la Palestina a Pisa

In questi mesi Pisa, come molte altre città d’Italia, ha visto e continua a vedere un’intensa e articolata mobilitazione per la libertà della Palestina e per lo stop al genocidio. Dallo scorso autunno, sin dall’intensificarsi dell’offensiva israeliana sulla Palestina e la ripresa dei bombardamenti su Gaza dopo il 7 ottobre, giovani e studentǝ della città […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Bologna: ecco che rumore fa la dignità!

Condividiamo di seguito i comunicati di PLAT e del CUA Bologna sulle giornate di lotta che hanno seguito lo sgombero del Condominio Sociale e dello Studentato Glitchousing.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Il castello di carte della questura è sempre più instabile.

A proposito del processo conclusosi in primo grado per i fatti di Confindustria a Torino, in occasione di una manifestazione studentesca dell’anno scorso contro l’alternanza scuola-lavoro, di seguito diamo spazio ad alcune valutazioni da parte degli studenti e delle studentesse coinvolti e che parteciparono alla mobilitazione di quel periodo.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Processo agli studenti per i fatti dell’Unione Industriale: emessa la sentenza

Si è concluso ieri il processo di I grado che vedeva imputati 11 giovani per gli scontri davanti all’Unione Industriale nel febbraio 2022, durante una manifestazione contro l’alternanza scuola-lavoro e per protestare contro le morti di 2 giovani studenti vittime nello svolgimento dei loro stage.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Bologna: Glitchousing Project – Nuovo spazio occupato nel cuore della città

L’ex Istuto Zoni, una residenza universitaria privata della fondazone R.U.I. da anni in disuso, è stata occupato questa mattina dal Collettivo Universitario Autonomo di Bologna. “Nasce Glitchousing Project”, scrive il CUA, “una piattaforma ibrida di immaginazione per un abitare nuovo e sociale”. “All’interno del Glitchousing Project”, prosegue il CUA, “si trovano gli Student Hostel: spazi […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

Torino: “Gestione di piazza criminale” gli studenti rispondono in merito alle cariche della polizia

“La risposta repressiva della questura di Torino ci dimostra quanto a questo governo non importino le nostre rivendicazioni e di fronte alla violenza possiamo solo riconoscere che è ancora più importante impegnarci a lottare contro un sistema che ha fallito e a far valere le nostre esigenze” dichiara uno studente.

Immagine di copertina per il post
Formazione

2-3 ottobre, governo e Meloni non siete i benvenuti!

Riprendiamo il comunicato studentesco sulla due giorni di mobilitazione tenutasi a Torino in concomitanza con il Festival delle Regioni. Ieri il corteo partito dalle scuole superiori ha contestato il ministro dell’Istruzione Valditara, mentre oggi la manifestazione ha contestato l’arrivo della premier Giorgia Meloni, per la prima volta in città, ed è stata più volte caricata brutalmente dalla polizia che ha causato diversi feriti tra i manifestanti.