InfoAut
Immagine di copertina per il post

Bruxelles, sequenze di attentatori in tv tra propaganda e delirio

Buona lettura

Tra gli attentati di Parigi e Bruxelles, un atto della guerra asimmetrica tra Europa e Medio Oriente che sta attraversando il continente, la copertura mediatica europea ci rivela politiche della comunicazione tutte da leggere.

Soffermiamoci al caso per noi più diretto, quello italiano, senza omettere però che i media europei, per quanto militarizzati, non arrivano al iivello di comunione mistica con i poteri costituiti come nel nostro paese. Solo in un paese in preda ad effetto Orwell, come lo è l’Italia, si poteva presentare l’arresto di un presunto jihadista, gambizzato dalla polizia, come il salvataggio di una bambina. Infatti la bambina altri non è che la figlia del presunto jihadista. In un mondo dove le foto di bambini sui media vengono sgranate per non ledere la sfera emotiva del minore, anche quando non ce n’è bisogno, sparare a qualcuno che ha accanto a sua figlia è “salvare la bambina”. Altro che eredi di 1984, qui siamo un piano inarrivabile, celeste di reinvenzione del reale.

E che dire di Salah, indicato dai media globali come componente del commando degli attentati parigini? Salah è stato dato “secondo fonti ufficali”, formula usata dal mainstream italiano, prima pentito del gesto, poi fuggitivo in Belgio, poi in Siria, poi semplicemente fuggitivo. Una volta arrestato in Belgio è stato dato, sempre con la stessa formula giornalistica, come pentito che rifiuta l’estradizione in Francia. Poi è stato dato come pentito che chiede, espressamente, l’estradizione in Francia. Poi come pronto a farsi saltare in aria a Bruxelles se non fosse stato scoperto. Facciamo notare che Salah, secondo fonti ufficiali, sarebbe stato coperto per mesi dall’Isis e poi addirittura inserito in un commando per un nuovo attentato. Quando, a novembre, sempre secondo fonti ufficiali, l’Isis gli dava la caccia per essersi rifiutato di farsi saltare in aria. Infine, Salah, sempre ufficialmente, avrebbe rifiutato di parlare. Grazie, come suggeriscono i giornali, ad una astuta strategia del suo avvocato. Un delirio, insomma. Certo, la confusione di una diretta permanente su questi temi fa il suo effetto. Ma siamo di fronte anche una strategia diffusa: un uso bellico della falsa notizia, prodotta per tentare di destabilizzare l’immagine che il nemico ha di sè. Una risorsa strategica in guerra. Solo che i media fingono di funzionare come se non ci fosse lo stato di guerra.

Così i bollettini dal fronte, quelli della propaganda, le tattiche da comunicazione di guerra si mescolano alle notizie, e alla pubblicità, in un flusso audio-video-testo indistinguibile. Fatto con il solo scopo di contribuire a creare pressione verso ciò che si pensa essere il nemico e, visto che siamo in guerra, tenere sotto controllo la propria popolazione. La quale non solo non ha mai accettato docilmente i media come oggi ma, anche, è oggetto non di una strategia della tensione ma di una vera e propria strategia della paura. Gli innumerevoli falsi allarme attentati, sparsi nella penisola, lo testimoniano. La strategia della paura, verso la propria popolazione, serve a regolare quanto possibile i comportamenti dei governati. Per cui al terrore seguono sempre le rassicurazioni, medialmente amplificate, delle istituzioni. Alternare paura e rassicurazione, regolando quanto possibile i flussi di comunicazione, è una forma di governo. Forma che pone il governo sempre dalla parte della istituzione legittimata in quanto soggetto che conforta, rassicura. Forma che scaccia l’altra forma, quella dell’opinione pubblica basata sul solito modello settecentesco, che metteva le notizie sullo stesso piano, con il primato del giudizio pubblico nell’elaborare le notizie. Ora conosciamo i difetti storici del modello dell’opinione pubblica, specie nel mondo tecnomorfo si manifesta come dittatura dell’opinione data sulla notizia istantanea a discapito di forme sociali strutturate e sedimentate, ma la strategia della paura è una chiara e piena regressione di ogni forma pubblica di elaborazione delle notizie. Regressione efficace visto che i social media sono sostanzialmente il riflesso della strategia della paura, pullulando di richieste, fantasiose quanto draconiane, di interventi polizieschi, militari, di rastrellamenti che pongano fine a quest’angoscia. Quando i tg fanno strategia comunicativa della paura, in Facebook è egemone il regno digitale del terrore.

La strategia della paura copre poi benissimo le evidenti smagliature nella trama del racconto dei media. Facciamo un esempio. Ufficialmente l’Italia fa parte di una coalizione che riunisce i più forti paesi occidentali, alleati di un nucleo forte di paesi arabi, che combatte l’Isis. Sulla carta una coalizione che potrebbe atomizzare Isis in poco tempo. Perchè nessuno intervista i responsabili di questa fantomatica coalizione per sapere come vanno le cose sul campo? Certo, la domanda giusta sarebbe se esiste davvero questa coalizione ma è significativo notare come la vicenda non sia seguita da notizie nonostante una guerra in corso. Eppure qualche D’Annunzio, del resto in Italia il gemello del tragico si chiama patetico, in questa situazione ha provato a gridare “vinceremo”. Ma chi sarebbe il soggetto della vittoria? Gli Usa e la Gran Bretagna provano a gestire la guerra asimmetrica con Isis col minimo d’intervento diretto; la Germania è alleata della Turchia, che con Isis ha buoni rapporti; la Francia combatte Isis per trovarsi maggior spazio in Siria. La retorica di Vittorio Veneto, versione twitter, non sa nemmeno chi vincerà, e nemmeno a discapito di chi, che si alzano già le fanfare della vittoria. Quando si dice comportarsi in autonomia dalla realtà.
Per i media meglio allora ripiegare su una sorta di Chi l’ha visto post mortem, ricostruendo movimenti di qualche attentatore di Bruxelles, capendo dove e come ha dormito prima di andare in Grecia. Fa molto giornalismo di provincia, quello che del grande evento va sempre a scavare se, per caso, è rimasto coinvolto qualche paesano o è stato toccato, anche per via indiretta, qualche paese del circondario. Del resto solo un giornalismo provinciale, che scatta carabinierescamente sull’attenti senza porsi domande se una fonte ufficiale passa una notizia,è in grado di rappresentare notizie come quella riguardante il terzo uomo dell’attentato all’aereoporto di Bruxelles. Infatti, non solo il terzo uomo ha cambiato più volte identità, sempre data per certa dalle solite fonti ufficiali, ma si è riusciti a costruire il capolavoro. Quello di dare come certa l’identità del terzo uomo ad un giornalista free-lance belga, per ben due giorni, in presenza di due foto (quella del giornalista e quella dell’attentatore) in cui era plasticamente evidente che non ci fosse alcuna somiglianza. Tutte le tv italiane pullulano di esperti -tra Luiss, Bocconi e Sant’Anna ne abbiamo visti di profeti in questi mesi pronti anche a giurare (un classico dall’11 settembre) che la torre di Pisa fosse sotto attacco- ma nessuno che sia stato invitato in studio ad analizzare le due foto. Solo quando le fonti ufficiali hanno smentito sé stesse, cambiando di nuovo ipotesi di identità a questo terzo uomo, ci si è adeguati. Questo perché, nella strategia della paura della guerra asimmetrica, le autorità non si possono smentire. Devono solo rassicurare. E, come nel caso della bimba alla fermata del tram, ciò che non è evidentemente vero lo diventa: due persone che non si somigliano diventano identiche. E chiaro che in assenza di una strategia dal basso contro questi fenomeni, le evoluzioni negative dei media seguiranno le evoluzioni delle atrocità del conflitto. Vedremo come.
Nel frattempo viene a mente l’eco delle strofe di una lontanissima canzone:

“Il nemico, marcia, sempre, alla tua testa.
Ma una testa oggi che cos’è?
E che cos’è un nemico?
E una marcia oggi che cos’è?
E che cos’è una guerra?
Si marcia già in questa santa pace
con la divisa della festa.
Senza nemici né scarponi e
soprattutto senza testa”

E così senza un nemico distinto, visto che cambia volto ogni giorno, e senza neanche una figura chiara di chi sia amico, prosegue la strategia della paura della guerra asimetrica. Con qualche bischero che urla “vinceremo”, nel silenzio della società, con i media che producono terrore. Senza senso pure quello si parla anche dell’unica cosa che i media italiani sanno produrre.

per Senza Soste, nique la police
28 marzo 2016

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

bruxellespropagandaterrorismo

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Prefazione di Premières Secousses, il libro di Soulèvements de la Terre

Abbiamo tradotto la prefazione del libro dei Soulèvements de la Terre dal titolo Premières Secousses, uscito ad aprile per le edizioni La Fabrique.

Immagine di copertina per il post
Culture

Festa di Radio Onda d’Urto – Il programma

Da mercoledì 7 a sabato 24 agosto 2024 in via Serenissima a Brescia 18 serate di concerti, dibattiti, djset, presentazioni di libri, enogastronomia, spazio per bambine-i…

Immagine di copertina per il post
Culture

Marx: scomodo e attuale, anche nella vecchiaia

Marcello Musto, professore di Sociologia presso la York University di Toronto, può essere considerato tra i maggiori, se non il maggiore tra gli stessi, studiosi contemporanei di Karl Marx.

Immagine di copertina per il post
Culture

Immaginari di crisi. Da Mad Max a Furiosa

Per quanto diversi siano i film della saga, ad accomunarli è certamente la messa in scena di un “immaginario di crisi” variato nei diversi episodi in base al cambiare dei tempi, dei motivi, delle modalità e degli sguardi con cui si guarda con inquietudine al presente ed al futuro più prossimo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le monde est à nous

Rap e seconde generazioni: dare voce ai senza voce

Immagine di copertina per il post
Culture

Occupazione temporanea del MAXXI: dal mondo dell’arte pro Palestina

Occupazione temporanea del MAXXI – mobilitazioni dal mondo dell’arte
in sostegno della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Culture

Addio a Giovanna Marini: custode della musica popolare

E’ morta a 87 anni Giovanna Marini, cantautrice e ricercatrice della tradizione orale. Ha percorso tutta Italia raccogliendo una massa sterminata di canti popolari in lingua italiana e nei vari dialetti e lingue regionali.

Immagine di copertina per il post
Culture

50 anni dalla strage di Piazza della Loggia – Maggio 2024 su Radio Onda d’Urto

Radio Onda d’Urto dedica la programmazione dell’intero mese di maggio (dal 6 al 31 maggio 2024) al 50esimo anniversario della Strage fascista, di Stato e della Nato di Piazza della Loggia, avvenuta il 28 maggio 1974 a Brescia.

Immagine di copertina per il post
Culture

Quando il polemos si fa prassi

Majakovsky aveva paura che «una corona» avrebbe potuto «nascondere la sua fronte così umana e geniale e così vera» e «che processioni e mausolei» avrebbero offuscato la «semplicità di Lenin».

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Conclusa la seconda edizione. Video e Podcast degli incontri

La seconda edizione del Festival Altri Mondi/Altri Modi si è chiusa. E’ stata un’edizione intensa e ricca di spunti: sei giorni di dibattiti, musica, spettacoli, socialità ed arte all’insegna di un interrogativo comune, come trovare nuove strade per uscire dal sistema di oppressione, guerra e violenza che condiziona quotidianamente le nostre vite?

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Lo spettro dell’agitatore esterno

Dopo l’attacco alle università Usa, media e politici hanno rinnovato la caccia al provocatore esterno: la usarono anche contro Martin Luther King. Ma gli attivisti che fanno da ponte tra le lotte sono una costante nella storia dei movimenti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paolo Mieli e il razzismo democratico dell’Occidente

Fra le novità storiche emerse in questi due anni di guerra, in Ucraina e a Gaza, spicca in Italia la piccola guerra psicologica, una forma di squadrismo mediatico, condotta da un gruppo di giornalisti impegnati a intimorire e emarginare tutti coloro che deviavano dalla versione dominante.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Lacrimogeni e cannoni ad acqua: la rabbia degli agricoltori si riversa sulle strade di Bruxelles

A Bruxelles, un migliaio di trattori ha bloccato il quartiere europeo a margine di una riunione dei ministri dell’Agricoltura dell’UE-27. Gli agricoltori hanno difeso un reddito equo, la fine del libero scambio e, in alcuni casi, le norme ambientali.

Immagine di copertina per il post
Culture

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Prevedere la Cina? 

Riprendiamo da New Left Review questo breve testo di Nathan Sperber sulla narrazione che in Occidente si sta facendo della “crisi” economica cinese.  Discussioni di carattere macro-economico su cosa sia o quando ci si trovi in una situazione di crisi economica non sono solitamente il centro delle nostre attenzioni.  Tuttavia, riteniamo che il nostro compito controinformativo odierno […]

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Atlanta: attivisti/e di Stop Cop City arrestati con l’accusa di terrorismo domestico

Condividiamo di seguito la traduzione di un articolo tratto da Unicorn Riot sulla sequela di arresti che ha colpito il movimento Stop Cop City con l’accusa di terrorismo interno. La vicenda ricalca in maniera inquietante i tentativi a cui abbiamo assistito negli ultimi anni anche nel nostro paese di ricondurre ogni tipo di conflittualità sociale e di protesta al terrorismo, alla sovversione o alla criminalità organizzata.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La fusione nucleare è ancora solo propaganda

Non credete ai titoli dei giornali: sta succedendo molto meno di quanto affermano gli esperti pro-nuke.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Attacco armato contro un’associazione curda a Parigi. Tre morti e diversi feriti

Poco prima di mezzogiorno a Parigi un uomo ha aperto il fuoco a Parigi contro il centro culturale curdo Ahmet-Kaya, al numero 16 di rue d’Enghien nel quartiere Saint Denis. L’assalitore avrebbe anche sparato su un ristorante curdo e un parrucchiere sulla stessa strada.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’abuso dei poteri delle leggi “antiterrorismo” soffoca la libertà della società civile in Medio Oriente.

L’uso improprio della retorica e delle autorità antiterrorismo stanno incoraggiando gli Stati autoritari, contribuendo a un regresso democratico e diminuendo la nostra sicurezza collettiva.    In tutto il mondo, assistiamo a una pratica costante di abuso del linguaggio e delle leggi antiterrorismo per prendere di mira, mettere a tacere e danneggiare la società civile e […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia. Leyla Guven senza giustizia: 22 anni per terrorismo.

Durissima condanna per l’ex parlamentare curda dell’Hdp, in sciopero della fame per 200 giorni. Nella Turchia sempre più erdoganizzata, la campagna contro il partito di sinistra prosegue spedita.    L’escalation contro Leyla Guven, storica esponente della sinistra curda in Turchia, ieri ha toccato la vetta: una condanna a 22 anni e tre mesi di prigione per terrorismo. Il […]