InfoAut
Immagine di copertina per il post

Argentina. Chiusura della campagna elettorale di Milei: ultimo spettacolo del “loco” con la motosega

Il deputato di estrema destra ha dedicato il suo sermone alle “forze del cielo”: la proprietà privata e il Dio mercato.

Di Nicolás G. Recoaro*, da Resumen Latinoamericano

foto: Edgardo Gómez

L’ultradestra si scalda a Chacarita in vista delle elezioni di domenica. Aumenta la temperatura all’angolo tra Corrientes e Dorrego. Le forze del cielo sventolano le bandiere giallastre di Gadsden, icona del libertarismo e della schiavitù: lo sapranno?

Non mancano le bandiere di Israele e del candidato vestito da leone. Vicino ci sono i militanti del deputato di destra, economista dei media e aspirante presidente Javier Milei. L’estrema destra chiude la campagna elettorale nella Movistar Arena. Sono attese 15.000 persone. La casta libertaria attende con ansia l’ultimo spettacolo del maniaco della motosega e i gruppi della corporazione gastronomica danno il tocco popolare.

La notte dei morti viventi. I militanti indossano spille con eroi giurassici e contemporanei: Jair Bolsonaro, Julio Argentino Roca, Juan Bautista Alberdi e il repubblicano bianco Donald Trump. Anche con frasi come “Schiaccia la cultura marxista” o “Milei o la via d’uscita è Ezeiza”.

In omaggio a Carlos Menem, il Mileimóvil riposa sul Parque Los Andes, insieme ad altri autobus che hanno portato i sostenitori liberali all’evento.

C’è una fiera liberale. I commercianti accettano pesos, dollari, bonifici, qualsiasi cosa arrivi. Libertà di mercato. Dollaro blu sopra i mille. Altri commercianti offrono magliette e quaderni con il volto del leader ultra facho. “Milanesas a un dollaro”, grida un ragazzo in verde. Svalutate.

La coda per entrare allo stadio è un serpente velenoso piumato. Striscia lungo Corrientes fino alla bocca del colosseo dove Milei terrà il suo sermone alle forze del cielo. Il liberale Padre Nostro: rispetto della vita, della proprietà privata e del Dio mercato. Amen.

Non c’è uno spillo nello stadio. “Welcome to the jungle”. Il classico dei Guns N’ Roses suona puntuale dagli altoparlanti. La scaletta comprende successi degli Stones, dei The Rapists – Pil Trafa si starà rivoltando nella tomba – e “Ku Klux Klan Took My Girl” dei Ramones. Anche una versione libertaria del pachanguero “Provocame” di Chayanne che fa inveire gli zombie.

In prima fila, abbracciato alla recinzione, Juan attende l’inizio dello spettacolo. Ha 30 anni, viene da Mar del Plata e si guadagna da vivere nel settore immobiliare. Vende case. Indossa un berretto con lo slogan “Las Fuerzas del Cielo”, che ha comprato per 3.000 pesos. “La casta ha paura. Noi veniamo per il nuovo. Lasciamo che il mercato vinca e ci liberiamo della legge sugli affitti”, si entusiasma.

Panico, follia, paura e disgusto a Villa Crespo. Lo stadio è in delirio. Chiede di ridurre lo Stato. Un ragazzo brandisce una motosega di cartone sul campo. Tutti uniti, scaldano la gola per accogliere i vertici de La Libertad Avanza. Una folla di festanti in trance, di celebrità di serie B, di negazionisti, di furfantelli liberali dalla barba fresca. Libertari, liberali tarlati, detrattori dello Stato e odiatori di vario genere alimentano il parnaso. Cantano il loro grido di battaglia, la loro parola feticcio, il loro mantra eleuteromaniaco: “Libertà, libertà, libertà!

Vergine a 70 anni nel pantano della militanza popolare, Doña Rosa sottolinea di essere arrivata all’agape “milesiana” di sua spontanea volontà. “Sono una pensionata, una cittadina comune che vuole meno Stato, libero possesso di armi, per comprare dollari, per smettere di alimentare la casta politica. Questo sistema deve cambiare, o rimarremo nel passato”. Rosa chiude, indossando una fascia #votaamilei e abbracciando Píparo, che canta una canzone degli anni Novanta di Vilma Palma, un successo degli anni di Menemato. Ritorno al passato. Lì vicino, l’ultra-liberale Bertie Benegas Lynch sfoggia il suo orologio di alta gamma e saluta alcuni lavoratori gastronomici di Barrionuevo provenienti dalla zona ovest. Un bagno di popolo.

“Penso che dovremmo iniziare quello che ha fatto (Julio Argentino) Roca, cioè sospendere le relazioni diplomatiche con il Vaticano finché lo spirito totalitario prevarrà nella testa del Vaticano”, ha gridato l’altro Benegas Lynch, Alberto, l’83enne cugino del leader rivoluzionario “Che” Guevara.

Alle nove e mezza, i candidati salgono. Ai margini del palco, sono sorvegliati da Karina Milei, “El Jefe”, responsabile dell’armamento politico e della campagna del fratello. Milei viene spinto sul palco dal campo. Suona uno shofar e scoppia il “Panic Show” di La Renga. Il leone scatena la sua furia sul palco. È sorvegliato dal suo vicepresidente, Villacruel. Milei fa la sua grazia. Le sue groupie si scatenano.

Alla fine del concerto, dagli altoparlanti esce “Se viene” di Bersuit. Carte, bandiere e palloncini. Un finale a tutta orchestra. Poi, i libertari lasciano in massa lo stadio. Un serpente a sonagli striscia lungo l’Avenida Corrientes, diretto alla Casa Rosada. Non fateli arrivare.

*Tiempo Argentino.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

argentinaestrema destralibertarianiMilei

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Dune nell’immaginario di ieri e di oggi

Dune può dirsi un vero e proprio mito contemporaneo capace di segnare profondamente l’immaginario collettivo

Immagine di copertina per il post
Culture

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.

Immagine di copertina per il post
Culture

L’ecosocialismo di Karl Marx

Disponibile la tesi di dottorato del filosofo giapponese Kohei Saito, pubblicata dalla casa editrice Castelvecchi.

Immagine di copertina per il post
Culture

Contadini

La premessa: alla base di tutta la nostra vita c’è la produzione agricola.

Immagine di copertina per il post
Culture

Nutrire la rivoluzione.

Che rapporto c’è tra città e campagna, che rapporto vediamo tra la questione del cibo – della possibilità di un suo approvvigionamento – e la rivoluzione che immaginiamo. Sono alcuni dei temi del libro “Nutrire la rivoluzione. Cibo, agricoltura e rottura rivoluzionaria”, pubblicato da Porfido edizioni per la collana i Sanpietrini nel 2023.

Immagine di copertina per il post
Culture

In attesa di un altro mondo: tre film sulla fine del sogno americano

Ha avuto inizio a Venezia, il 9 gennaio di quest’anno, una rassegna cinematografica “itinerante” di tre film e documentari di tre registi italiani under 40 che hanno vissuto parte della propria vita negli Stati Uniti e che hanno deciso di raccontarne aspetti sociali, ambientali e politici molto al di fuori dell’immagine che troppo spesso viene proiettata dai media di ciò che un tempo era definito come American Way of Life.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le contraddizioni e le moderne intuizioni di un editore militante

Molto si è scritto, detto e discusso a proposito della lotta armata in Italia, attraverso saggi, articoli, dibattiti e testimonianze di vario indirizzo, calibro e dalle finalità non sempre limpide.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il Decreto Crescita e il calcio ordoliberale

La mancata proroga del Decreto Crescita per la Serie A serve solo a dimostrare che il libero mercato del calcio non è tale

Immagine di copertina per il post
Culture

Note su cinema e banlieue

Lo scritto che segue riprende alcune tematiche approfondite in un libro in fase di ultimazione dedicato alla messa in scena delle banlieue nel cinema francese.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il reale delle/nelle immagini. La magia neoarcaica delle immagini tecniche

Il doppio offerto da queste “nuove immagini” a partire dalla fotografia finisce per dare vita ad atteggiamenti “neoarcaici” – come li definisce Edgar Morin (L’Esprit du temps) –, attivando reazioni irrazionali, primitive, infantili proprie dell’Homo demens che, da sempre, contraddistinguono il rapporto tra l’essere umano e le differenti forme di rappresentazione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: La legge omnibus è stata fatta cadere

Il regime di Javier Milei ha subito una sconfitta considerevole prima di terminare i due mesi di mandato. Il suo progetto più prezioso è tornato indietro al Congresso.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Terzo giorno di gas al peperoncino, proiettili di gomma e arresti

Una nuova repressione ha avuto luogo nelle vicinanze del Congresso dopo l’approvazione del progetto di Legge Omnibus.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: di fronte al Congresso, selvaggia repressione e caccia ai manifestanti di assemblee di quartiere, organizzazioni sociali, sindacati combattivi e sinistra

La ministra Bullrich è il braccio armato della dittatura: una nuova operazione su scala smisurata ha cercato di sgombrare alcune centinaia di persone che protestavano contro la Legge Omnibus. Ci sono state decine di feriti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il primo sciopero generale contro Milei e lo smantellamento dello stato

Javier Milei ha affrontato il suo primo sciopero generale soltanto dopo sei settimane dall’essersi insediato alla presidenza con un piano di governo che punta ad una riduzione minima dello stato, stabilendo un nuovo primato, dopo aver superato il primato di tre mesi che ostentava Fernando de la Rúa.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Germania, centinaia di migliaia di persone in piazza contro AFD

Tra sabato e domenica in diverse città della Germania si sono riunite centinaia di migliaia di persone per manifestare contro il partito di estrema destra Alternativa per la Germania (AFD).

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La dittatura mineraria in tempi di democrazia elettorale

Le politiche estrattiviste hanno attraversato la “democrazia” argentina sotto tutti i governi, indipendentemente dal segno politico.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Decine di migliaia di manifestanti hanno partecipato alla convocazione della CGT e dei movimenti sociali per protestare contro il DNU di Milei

Numerose organizzazioni di lavoratori e lavoratrici hanno marciato a Plaza Lavalle con la parola d’ordine “Abbasso il DNU” (Decreto di Necessità e Urgenza).

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Per capire l’ascesa dell’estrema destra bisogna partire dai media

Processi di normalizzazione e sdoganamento nei media della politica di estrema destra dipendono dai media mainstream, più che dall’estrema destra stessa

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: La mobilitazione popolare ha riempito Plaza de Mayo

Le minacce repressive della ministra Bullrich e dello stesso Milei sono fallite.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: “Gli aggiustatori si affrontano in strada, lottando”

Le organizzazioni sociali hanno marciato a Buenos Aires verso il ministero dello Sviluppo Sociale.