InfoAut
Immagine di copertina per il post

PFAS “Eterni inquinanti”: oltre 300 attivisti invadono uno stabilimento Arkema a Lione

Sabato 2 marzo, gli attivisti di Extinction Rebellion e Youth for Climate hanno invaso uno stabilimento Arkema a sud di Lione. È stata una giornata “a porte aperte” per denunciare l’inquinamento da “inquinanti eterni” del gruppo chimico.

Tradotto da Reporterre

Una marea bianca è uscita dalla stazione di Pierre-Bénite. Vestiti con tute bianche, dai 300 ai 400 attivisti di Extinction Rebellion e Youth for Climate si sono diretti verso il sito industriale dell’Arkema, a sud di Lione. Dall’altra parte dei binari, l’impianto innalza il suo guscio di lamiere e tubi. In pochi secondi, le cesoie hanno squarciato i cancelli perimetrali. L’onda bianca è penetrata nella zona industriale. Le scritte sui muri segnano il suo passaggio: “Arkema ci avvelena”, “Assassini”, “Arkementeur”.

La maggior parte dei 300-400 attivisti dei collettivi Extinction Rebellion e Youth For Climate è arrivata in treno, la stazione si trovava proprio di fronte all’ingresso principale dello stabilimento Arkema di Pierre-Bénite. © Aurèle Castellane/Reporter

Situato alle porte della Valle della Chimica, l’impianto di Arkema produce un polimero utilizzato nella fabbricazione di microprocessori e batterie al litio. Scarica nel Rodano quantità considerevoli di composti perfluorurati (PFAS), composti chimici soprannominati “inquinanti eterni”. Il fiume li trasporta in due bacini idrografici che forniscono acqua corrente a un centinaio di comuni. Secondo un rapporto dell’Ispettorato generale per l’ambiente e lo sviluppo sostenibile pubblicato nell’aprile 2023, ogni anno vengono scaricate fino a 3,5 tonnellate di PFAS. Più di 220.000 persone potrebbero essere colpite. L’esposizione prolungata ai PFAS può causare numerosi problemi di salute: danni al fegato, malattie della tiroide, problemi di fertilità, diabete, cancro al seno, cancro ai testicoli, cancro ai reni, ecc.

© Louise Allain / Reporterre

Questa contaminazione non è un segreto per il sito, che è in funzione dal 1957. I livelli di perfluoruro sono monitorati nel sangue dei dipendenti dal 2000. I risultati delle analisi, rivelati da France 3, mostrano dosi superiori alla media. Il primo allarme ufficiale sulla loro pericolosità è stato inviato dall’Agenzia nazionale francese per la salute e la sicurezza (Anses) ad Arkema nel 2011. Ma solo nel 2022 il programma di France 5 “Vert de rage” ha rivelato la massiccia presenza di PFAS nel suolo e nell’acqua locali.

“Arkema ha pratiche oscure che influiscono sulla salute dei residenti locali e sulla biodiversità circostante”.

Scioccati da queste rivelazioni tardive, a maggio quarantasette residenti locali, dieci associazioni e un sindacato hanno presentato un’ingiunzione ambientale contro il gruppo chimico. Tra di loro c’erano madri il cui latte materno era stato contaminato e il padre di un bambino che ha dovuto subire l’asportazione completa di un testicolo dopo la diagnosi di un tumore. Hanno chiesto uno studio sui rischi per la salute associati ai PFAS utilizzati e sanzioni contro il produttore. Senza successo: l’ingiunzione è stata respinta. In autunno, trentaquattro comuni limitrofi hanno presentato un’altra denuncia collettiva contro X per “aver messo in pericolo la vita di altre persone”. Arkema non aveva comunicato sistematicamente i risultati delle analisi dei campioni di sedimenti, flora e fauna prelevati a valle dei suoi scarichi, nonostante fosse tenuta a farlo dal 2015.

Circa un centinaio di persone sono entrate nel sito della fabbrica, vestite con tute bianche, portando ombrelli neri e attrezzi per lo “smontaggio”. © Aurèle Castellane/Reporterre

“Arkema ha pratiche oscure che influiscono sulla salute dei residenti locali e sulla biodiversità circostante. Vogliamo sapere cosa succede all’interno, quindi scopriremo cosa stanno facendo”, spiega Camille* (nome cambiato), una delle organizzatrici della giornata “porte semiaperte” a Pierre-Bénite. Ma un’irruzione non offre abbastanza tempo per un’indagine. Questa infiltrazione suona più come un avvertimento all’Arkema, che “deve rispondere di aver nascosto le conseguenze della sua attività sugli organismi viventi”.

Gli attivisti hanno srotolato uno striscione di 8 x 8 metri sul tetto dello stabilimento Arkema. © Aurèle Castellane/Reporterre

La rabbia per il silenzio dell’azienda è stata espressa prendendo a martellate le finestre e usando piedi di porco per aprire le porte. Gli attivisti hanno srotolato striscioni sugli edifici dell’azienda per denunciare le sue violazioni delle leggi ambientali. L’ondata di attivisti ha occupato l’impianto solo per una manciata di minuti prima di ritirarsi, ma i loro danni hanno lasciato il segno sul sito.

Un dipendente della Arkema osserva con cautela i danni causati. “Stanno giocando con il sostentamento delle persone, e comunque ci sono inquinanti eterni ovunque”, dice a Reporterre. Uno dei suoi colleghi assiste divertito all’arrivo di una compagnia di CRS: “Questa è la parte migliore”. Gli attivisti sono accalcati sul bordo della linea ferroviaria, che non ha barriere. Sono stati lanciati lacrimogeni e cariche per tenerli lontani dalla fabbrica. La maggior parte di loro è riuscita a raggiungere la stazione per tornare a Lione. Otto persone sono state arrestate, ha annunciato il prefetto del Rodano. In un comunicato stampa, Pierre Clousier, direttore del sito di Pierre-Bénite, ha promesso di sporgere denuncia contro gli attivisti ambientali e ha condannato un’azione che “mette in pericolo i dipendenti e i manifestanti a causa dell’attività industriale del sito, che è classificato come sito Seveso”.

Circa 200 persone sono state spinte e costrette a ritirarsi tra le recinzioni della fabbrica, la polizia e i binari della ferrovia © Aurèle Castellane/Reporterre

Quando l’ondata di attivisti si è attenuata, si sono sentite grida di gioia. Separati dai gas lacrimogeni dalla linea ferroviaria e da un muro di cinta, i bambini hanno giocato a calcio tutto il pomeriggio nello stadio comunale di fronte alla fabbrica. Ognuno dei loro tacchetti colpiva il terreno inquinato.

Foto di copertina: © Aurèle Castellane/Reporterre – Sabato 2 marzo 2024, più di 300 attivisti di Extinction Rebellion e Youth for Climate sono entrati nello stabilimento Arkema di Pierre-Bénite, a sud di Lione.

Prima dell’arrivo dei CRS, gli attivisti hanno avuto il tempo di lucchettare l’ingresso della fabbrica, etichettarla e appendere striscioni. © Aurèle Castellane/Reporterre
Una strada separa il campo di calcio di Pierre-Bénite dallo stabilimento Arkema. © Aurèle Castellane/Reporterre

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

CRISI CLIMATICAinquinamentolioneNO PFASXR

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

I giorni delle canaglie

Questi primi di aprile sono giorni in cui si torna a parlare delle collusioni fra personaggi legati alla malavita, politici locali e imprese che gestiscono gli appalti per lavori direttamente o indirettamente legati alle grandi opere in Piemonte: sono i giorni delle canaglie.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: un “mondo a parte” che non si lascerà mettere tanto facilmente da parte

Breve reportage sulla grande assemblea che si è tenuta l’altro ieri al parco Don Bosco: centinaia le persone accorse dopo il rilascio senza misure cautelari del diciannovenne arrestato la notte prima.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: sostegno alle 17 persone arrestate dalla polizia antiterrorismo in seguito alla campagna di azione nazionale contro il mondo del cemento

Lunedì 8 aprile, 17 persone sono state arrestate in Normandia e nell’Ile de France in un’operazione condotta dalla Sottodirezione antiterrorismo. Alcuni di loro sono stati portati nella sede di Levallois-Perret e potrebbero rimanerci per 96 ore.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

PFAS: tre domande per capire ogni cosa sugli inquinanti eterni

I PFAS sono oggetto di una proposta di legge ambientale esaminata il 4 aprile. Questi inquinanti eterni, onnipresenti nei nostri prodotti di consumo, sono tossici per l’uomo.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

TAV = Mafia. Nuove prove del coinvolgimento della ‘ndrangheta nel TAV Torino – Lione.

Negli scorsi mesi è venuta fuori, come succede ciclicamente, una polemica bipartisan sulla scritta che svetta sul Musiné all’ingresso della valle che recita TAV = Mafia. Oggi veniamo a conoscenza attraverso una notizia apparsa sul tg regionale che esistono nuove prove del coinvolgimento delle ‘ndrangheta nelle opere propedeutiche al TAV Torino – Lione.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: giovane aggredito e picchiato dai Carabinieri al Parco Don Bosco.

Nella “democratica Bologna” tre volanti dei carabinieri aggrediscono e picchiano un giovane all’interno del parco Don Bosco.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

No Ponte: partono gli espropri.

In questi giorni sui giornali locali e nazionali sono state pubblicate le liste delle procedure per l’esproprio delle aree interessate alle opere anticipate per la realizzazione del ponte sullo Stretto.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Un anno dopo Sainte-Soline: solidarietà, rabbia e gioia per le strade di Nantes

Un anno fa, decine di migliaia di noi hanno marciato in mezzo ai campi delle Deux-Sèvres contro i megabacini, e siamo rimasti intrappolati dalla repressione militare, intrappolati sotto il rombo delle granate sparate a migliaia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il Perù volta le spalle agli accordi climatici. I soldi e le lobby vincono ancora

Il Congresso della Repubblica del Perù, con il consenso del Ministero dell’Energia e delle Miniere (Minem), ha abrogato la legge che fissava un termine per la rimozione dei minatori illegali dal REINFO, il registro ufficiale delle attività minerarie nazionali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

G7 clima, energia e ambiente: basta con i crimini ambientali, basta greenwashing, basta Tav!!!

Il 28, 29 e 30 aprile, Venaria sarà il palcoscenico del G7 dedicato all’energia, al clima e all’ambiente.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il socialismo climatico e il collasso del clima

Da un po’ di tempo i media riportano notizie allarmanti sulla possibile interruzione della circolazione meridionale atlantica (AMOC), un vasto sistema di correnti oceaniche, componente chiave della regolazione del clima globale di cui fa parte la Corrente del Golfo.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Guardiani della terra maremmana per una transizione ecologica giusta

Cresce nella Maremma ed in Tuscia la resistenza dal basso all’espansione incontrollata di megaimpianti di energia eolica, nuova frontiera del “landgrabbing”.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

G7 energia, clima, ambiente a Venaria, prepariamoci insieme ad accoglierlo!

Durante il G7 si riuniranno le principali potenze economiche per discutere come disegnare i prossimi passi della cosiddetta transizione energetica ed ecologica.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Olimpiadi. Cominciato il taglio di 4.500 larici

Il bob è una delle discipline delle olimpiadi invernali. In Italia nessuno, o quasi, pratica questo sport. La pista costruita a Cesana per le Olimpiadi del 2006 è un monumento allo spreco, alla distruzione di risorse per l’interesse di pochi signori del cemento e del tondino.