InfoAut
Immagine di copertina per il post

Luzerath: interviste a due attivisti tedeschi per la giustizia climatica

Sabato 14 gennaio 2023 più di 35mila persone hanno raggiunto Lutzerath, un piccolo villaggio del Nord Reno – Vestfalia, nella Germania occidentale, per manifestare contro la sua distruzione per fare spazio all’ennesima, enorme, miniera di carbone del colosso energetico tedesco Rwe. Nei giorni precedenti, migliaia di attiviste e attivisti dei movimenti per la giustizia climatica avevano tentato di impedire lo sgombero del villaggio da parte della polizia, dopo due anni e mezzo di resistenza e diversi tentativi di sgombero sventati.

Questa volta, però, attiviste e attivisti non sono riusciti a impedire lo sgombero e la distruzione del villaggio da parte di uno schieramento massiccio di forze di polizia, giunte con tutti i mezzi a disposizione (blindati, piccoli tank, agenti a cavallo, cani, idranti), che hanno praticato un livello molto alto di violenza sui manifestanti. Nonostante lo sgombero e la distruzione del villaggio, però, le azioni per la giustizia climatica non si sono fermate. Due giorni dopo la grande manifestazione del fine settimana, tutte le organizzazioni che lottano per il clima in Germania, dai Fridays for Future a Ende Gelände, da Ultima Generazione a Extinction Rebellion, da Alle Dörfer Bleiben alla Interventionistische Linke, hanno dato vita a una giornata di blocchi e azioni dietro lo slogan “Lutzerath non si sgombera”.

Sulle frequenze di Radio Onda d’Urto abbiamo intervistato due attivisti per la giustizia climatica tedeschi che hanno partecipato alla lotta di Lutzerath e degli altri villaggi che, in Germania, hanno tentato di resistere e opporsi alla propria distruzione per far spazio all’estrazione del carbone. Con loro abbiamo ricostruito la storia di Lutzerath e della lotta, descritto la composizione sociale, la partecipazione e l’organizzazione della lotta, ma anche ragionato sulla reazione dell’opinione pubblica tedesca a questi fatti e sul ruolo dei Grünen, i Verdi, che in Germania fanno parte della coalizione di governo e hanno accettato l’accordo su quell’area con la compagnia energetica Rwe.

L’intervista a Christopher, portavoce di Alle Dörfer Bleiben, coordinamento dei villaggi che si trovano nelle aree di estrazione del carbone e che resistono a sgombero e distruzione. Traduzione dall’inglese all’italiano a cura della nostra redazione. Ascolta o scarica.

L’intervista a Tadzio Muller, attivista tedesco che ha partecipato alla lotta e all’organizzazione a Lutzerath. Traduzione dal tedesco all’italiano di Alessandra Mori. Ascolta o scarica.

da Radio Onda d’Urto

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

carboneCRISI CLIMATICAFOSSILEgermaniaLuzerath

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Nucleare: la continua rincorsa al profitto perpetuo.

Nelle scorse settimane la notizia che negli Usa fosse stata scoperta la fusione nucleare controllata ha fatto il giro del mondo, individuando nella narrazione americanocentrica e pro nucleare i paradigmi dell’attualità.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Germania: Lützerath resiste nonostante l’attacco della polizia

Gli attivisti ambientali stanno ancora occupando un villaggio destinato alla distruzione di una miniera nella Germania occidentale, anche se la polizia ha lanciato l’operazione di sgombero.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

In Germania, l’eco-villaggio di Lützerath resiste ancora al carbone

La frazione di Lützerath, vicino a Colonia, sarà rasa al suolo per far posto a una miniera di carbone. La polizia si sta preparando ad evacuare gli zadisti che occupano il sito.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ultima Generazione: a Milano presidio solidale per Simone e contro la sorveglianza speciale. Il tribunale decide tra 30 giorni

Presidio solidale martedì 10 gennaio fuori dal Tribunale di Milano a sostegno di Simone Ficicchia, 20enne militante di Ultima Generazione, movimento di disobbedienza civile nonviolenta contro il collasso ecoclimatico in atto.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Stop al progetto di inceneritore a Frossasco: alcune considerazioni con il comitato Frossasco Ambiente.

Abbiamo posto alcune domande a Massimiliano, biotecnologo del comitato Frossasco Ambiente che ha preso parte alla lotta contro il progetto di inceneritore promosso da Kastamonu, a seguito della notizia dello stop all’opera dovuto alla mancanza della variante sul piano regolatore che ne avrebbe permesso la costruzione.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Io, sorvegliato speciale

Intervista a Simone Ficicchia, vent’anni, che ha partecipato ad alcune azioni di protesta nonviolenta per il collasso eco-climatico con Ultima generazione e ora la Procura di Pavia ha chiesto per lui un anno di “sorveglianza speciale”, provvedimento riservato a chi è sospettato di avere contatti con la criminalità organizzata, insomma mafiosi e terroristi.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Quando una grande diga nasce un fiume muore

Mphanda Nkuwa si preannuncia come una catastrofe incombente sulla natura e sulle comunità dei territori coinvolti, e il suo impatto ha già cominciato a manifestarsi sugli spazi di agibilità politica di militanti e popolazioni che tentano di contrastarlo, sottopost* a criminalizzazione e intimidazioni frequenti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Sci(occhi): Appennino senza neve e ristori senza senso

Avete presente i dodo? Nell’immaginario comune sono dipinti come animali talmente stupidi da essersi estinti da soli, in realtà sono stati vittime delle colonizzazione portoghese ed olandese che ha devastato l’habitat dell’isola di Mauritius e introdotto specie antagoniste non presenti precedentemente.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

“Quando il dito indica la Luna, l’imbecille guarda il dito”. Analisi e commenti sull’azione di Ultima Generazione al Senato (di Onda Anomala)

“Dopo aver visto il disastro della Marmolada ho paura per il nostro futuro. Ho aderito a Ultima Generazione perché propone un cambiamento – ha dichiarato uno degli arrestati -, in particolare di fermare le emissioni di gas e puntare sulle energie rinnovabili”.

Immagine di copertina per il post
Contributi

LÜTZERATH BLEIBT-Riflessione con e oltre Lützerath, per una lotta ecologista consapevole, radicale e glocale

A Lützerath si sta combattendo la battaglia ecologica più importante degli ultimi tempi. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Lützerath resiste al carbone

C’è un piccolo centro della Renania, nella Germania nordoccidentale, che deve scomparire per far posto all’ampliamento di una delle maggiori miniere a cielo aperto d’Europa. Dalla miniera si estrae carbone di proprietà della seconda impresa tedesca per produzione di elettricità.