InfoAut
Immagine di copertina per il post

La strategia estrattivista per entrare nei territori ancestrali raggiunge il suo apice

Il conflitto per il territorio degli Shuar, causato dagli interessi minerari, va avanti da più di 20 anni. Ma questa volta è diverso, sembra essere l’ultima battaglia.

di Tania Laurini, da Rebelion

Per più di 20 anni, la Federazione Interprovinciale dei Centri Shuar, FICSH, l’organizzazione madre di tutte le organizzazioni indigene, fondata nel 1964, è stata sopraffatta. Uno dopo l’altro, molti dei leader dell’organizzazione sono stati comprati a favore delle compagnie minerarie o petrolifere. Tuttavia, la risposta è sempre stata il licenziamento dei leader da parte delle comunità di base per qualsiasi accordo firmato che violasse il loro territorio. C’è stato persino un susseguirsi di conflitti per la doppia leadership, quando una fazione sconfitta ha mantenuto la propria posizione, fino al raggiungimento di un’assemblea decisiva.

Un altro modo per logorare la volontà degli Shuar è stata la pressione: tre Shuar sono stati assassinati per cause legate all’estrattivismo minerario dal 2009; e diversi presidenti della FICSH sono stati incarcerati dal governo quando le loro posizioni non gli andavano bene, per cause inadeguate come una frase inopportuna detta alla radio, la detenzione nel carcere di Latacunga, e gravati da cause legali che durano da più di dieci anni, come nel caso di Bosco Wisum.

Nonostante ciò, Morona Santiago è l’unica provincia dell’Amazzonia ecuadoriana ancora priva di attività estrattive, ma la maggior parte del territorio shuar ha ottenuto concessioni e si trova in diverse fasi di esplorazione. Se questa avanzata estrattiva dovesse continuare, il territorio Shuar andrebbe perduto e avrebbe profondi impatti ambientali, sociali e culturali.

In questo contesto di minaccia permanente da decenni, il 12 aprile 2024 si è verificato uno scontro presso la sede della Federazione Shuar di Sucúa, che ha provocato diversi feriti, persone che giravano incendiate da bombe molotov, comunicatori della comunità aggrediti e persino i mediatori di pace delle organizzazioni madri CONFENIAE e COICA, mancati di rispetto al punto da strappare loro importanti insegne culturali come il Tawasap Shuar, simbolo di autorità.

La strategia della compagnia mineraria e del governo di contrapporre Shuar a Shuar ha raggiunto il suo apice, a partire dalla gestione della volontà delle comunità Warints e Yawi, nel centro della Cordigliera del Cóndor, che hanno firmato i permessi per l’ingresso della compagnia mineraria, in disobbedienza al mandato della loro organizzazione, il Pueblo Shuar Arutam.

La sede della FICSH a Sucúa in fiamme a causa di attacchi con molotov. Foto Willa

È proprio questo territorio a essere in gioco in questa crisi della Federazione Shuar, minacciato dalla presenza della compagnia mineraria canadese Lowell Solaris e dal suo progetto Warints, concesso dallo Stato ecuadoriano in disobbedienza agli accordi firmati con il Popolo Shuar Arutam per la conservazione di questo territorio, nell’Accordo Socio-forestale.

Nel marzo 2023, il Popolo Shuar Arutam ha votato ed eletto nuovamente un leader anti-minerario, Jaime Palomino, dopo la leadership di Josefina Tunki, noto difensore del territorio e con una chiara posizione anti-mineraria riconosciuta a livello nazionale e internazionale.

Il Popolo Shuar Arutam ha autogoverni della durata di quattro anni e non è mai stato rovesciato dalle sue origini, oltre 20 anni fa. Quando i tentativi della Lowell Mining di piazzare un’importante presidenza sono falliti e non hanno resistito ad altri quattro anni di mancata accettazione del loro progetto minerario, la compagnia ha cercato di entrare attraverso la FICSH, creando una nuova spaccatura di divisione nella già scossa società Shuar.

La Federazione Interprovinciale dei Centri Shuar è l’organizzazione madre degli Shuar, creata nel 1964. Gli Shuar della provincia di Pastaza, FNASH-P e di Zamora, FSHZCH, così come gli Achuar, NAE e il Popolo Shuar Arutam, 2006, sono organizzativamente autonomi da essa, in contesti e proposte diverse. Il Popolo Shuar Arutam è nato come progetto pilota della FICSH per sperimentare la Circoscrizione Territoriale Indigena (CTI), un diritto nato nella Costituzione ecuadoriana del 1998 e che la FICSH proiettava all’epoca in un numero di cinque o sette CTI per tutto il suo territorio. Il PSHA è stato legalizzato davanti allo Stato ecuadoriano nel 2006, ma lo Stato non ha mai concesso una sola CTI con ostacoli amministrativi; tuttavia, il PSHA ha da allora esercitato il suo autogoverno con autodeterminazione e autonomia dagli inizi a oggi, riuscendo a sostenere il suo bilancio e a difendere il suo territorio di fronte a varie minacce.

Il rapporto tra PSHA e FICSH è sempre stato amichevole, con visite reciproche ad alcuni eventi e assemblee. E la FICSH ha consentito l’autonomia della PSHA senza interferire in essa. Ma questa armonia si è rotta l’8 luglio 2023, perché in un’assemblea FICSH del consiglio neoeletto, nel gennaio 2023, la leadership di David Tankamash, ha deciso di cedere agli accordi con la compagnia mineraria Lowell. Tale Assemblea motiva il PSHA a convocare anche un’Assemblea straordinaria per affermare chiaramente la propria autonomia come PSHA, detentore dei territori ancestrali concessi dallo Stato alla compagnia mineraria Lowell.

Assemblea della FICSH, dove l’ex Consiglio direttivo, presieduto da David Tankamash, decide di avviare accordi con la compagnia mineraria Lowell. Foto: Radio Arutam

Dall’Assemblea dell’8 luglio, si è verificata una sequenza di situazioni conflittuali che non si sono fermate, dove in diverse occasioni la base della Federazione ha cercato di rovesciare questo leader; la Commissione di Vigilanza ha presentato gravi rapporti che compromettono questa leadership di spicco in varie irregolarità; il leader territoriale della FICSH ha dichiarato pubblicamente il suo disaccordo con questa misura e ha fatto una campagna comunitaria per denunciare le irregolarità; tuttavia il potere del sostegno economico della compagnia Lowell a questa leadership ha sostenuto questo presidente nella sua posizione. Questa volta, le compagnie minerarie hanno cooptato non solo il consiglio di amministrazione, ma anche la maggioranza dei presidenti delle associazioni. La FICSH riunisce circa 500 comunità organizzate in quasi 50 Associazioni. Anche se molti leader sostengono che alla base, nelle comunità, l’80% non è d’accordo con l’estrazione mineraria.

Sanzionamento del Comitato interfederale Shuar-Achuar

La Coordillera del Cóndor, simbolo sacro della resistenza Shuar, di fronte alla minaccia mineraria della società Lowell, una filiale di Solaris Resources. Foto: Yutsu Maiche

La risoluzione dell’8 luglio della FICSH ha provocato anche il Comitato Interfederale Shuar-Achuar, formato dalle organizzazioni NASHE, NAE, FICSH e PSHA, che si riunirà immediatamente in assemblea, il 14 luglio 2023, a Samikin, Macuma, per ratificare il suo rifiuto all’attività mineraria e denunciare i casi particolarmente gravi di estrazione illegale nel territorio della Nazione Shuar dell’Ecuador, NASHE.

Alla luce dei problemi che l’attività mineraria sta causando nel territorio della NASHE, il consiglio ha letto gli statuti della NASHE che chiariscono i suoi mandati di protezione del territorio e ha deciso di applicare sanzioni alle autorità territoriali che non li rispettano. Allo stesso modo, il Comitato Interfederacional, sulla base degli accordi firmati per la conservazione del territorio, ha deciso di sanzionare il presidente della FICSH, David Tankamash, per la sua apertura all’estrazione mineraria, che contraddice il fondamento principale di tutte le organizzazioni, ovvero la protezione del territorio e della cultura ancestrale.

Così, nelle risoluzioni firmate si legge: “La grande assemblea del Comitato Inter-Federale respinge le decisioni della FICSH, che dovrebbe essere sanzionata senza il diritto di ricoprire cariche organizzative o pubbliche, per non aver rispettato le regole e i principi del Comitato Inter-Federale”. Viene menzionato in particolare un accordo firmato tra la FICSH e la società Lowell Mineral e a questo proposito lascia “senza effetto il certificato di ingresso delle società minerarie rilasciato dal vicepresidente della NASHE e presidente della FICSH”. Il presidente della NASHE e del Comitato Interfederale, Felipe Mashiant, ha coordinato l’intera giornata impugnando con forza la sua grande lancia, simbolo della forza ancestrale degli Shuar in situazioni critiche per la loro sopravvivenza, ratificando in diversi discorsi la sua ferma posizione di protezione del territorio. Era presente anche Roberto Wachapá, leader territoriale del CONAIE.

Assemblea del Comitato Interfederacional Shuar-Achuar in cui David Tankamash viene sanzionato per la sua apertura alle attività minerarie su larga scala nel territorio ancestrale degli Shuar. Foto NASHE

Jaime Palomino, nuovo presidente del Popolo Shuar Arutam, PSHA, per il periodo 2023-2027, ha mantenuto la posizione della sua organizzazione della Cordigliera del Cóndor, di rifiuto di ogni tipo di attività mineraria nel loro territorio, perché sta causando gravi problemi sociali e ambientali, soprattutto con la presenza della compagnia mineraria Lowel-Solaris, a Warints.

L’Assemblea è stata visitata anche da gruppi di cittadini di Morona Santiago, provenienti dalla città di Macas, presenti per sostenere le organizzazioni shuar nella loro decisione di opporsi all’attività mineraria nel territorio shuar e achuar “che minaccia tutti gli abitanti della provincia, del Paese e del mondo”, ed esprimere la loro solidarietà con le loro lotte.

Nelle risoluzioni del Comitato interfederale Shuar-Achuar si esprime “preoccupazione per gli accordi che alcuni leader shuar stanno stipulando con le compagnie minerarie in cambio di doni”, e che i leader in assemblea “hanno ratificato la loro posizione di difesa dei loro territori e di non permettere a nessuna compagnia legale o illegale di intervenire nei loro territori per la prospezione, l’esplorazione e lo sfruttamento minerario”.

Hanno deciso di “ratificare le risoluzioni dello Yaap: no all’attività mineraria, no al disboscamento su larga scala, no ai progetti idroelettrici e no al petrolio”. Inoltre, affermano: “Il Congresso del Comitato Interfederale proibisce l’ingresso di compagnie minerarie” e chiede il “ritiro immediato delle macchine che sviluppano attività minerarie all’interno del territorio Shuar e Achuar”. In considerazione di ciò, hanno deciso di “rafforzare le organizzazioni affinché i loro leader possano riprendere i loro principi e difendere il territorio”.

Per rispondere alle necessità che indeboliscono le popolazioni di fronte all’attività mineraria, affermano: “Il Comitato Interfederale cercherà alternative di sviluppo per le loro comunità, attraverso progetti che generino bioeconomia, concordati dalle comunità”. Hanno anche deciso di “esigere che le autorità elette delle GADS parrocchiali, comunali, provinciali e nazionali promuovano progetti di vita, turismo, produzione, allevamento e viabilità all’interno dei territori dei NAE, NASHE, FICSH e PSHA”. In questo modo, si generano alternative economiche che non degradano il territorio.

Dopo il viaggio alla convention mineraria in Canada, scoppia un conflitto nella Federazione Shuar

Il conflitto generato dall’8 luglio 2023 ha raggiunto, dopo 8 mesi, il suo affronto più audace all’inizio di marzo 2024, quando il Presidente della FICSH, David Tankamash, si è presentato a sorpresa, insieme al Presidente dell’Ecuador, Daniel Noboa, e agli uomini d’affari di Lowell-Solaris, alla più importante convention mineraria del mondo, la PDAC-2024. Al suo ritorno dal Canada, il presidente Tankamash è stato accolto da un’assemblea di impeachment, firmata da 26 presidenti di associazioni, con una maggioranza legale. Tuttavia, questa destituzione non è stata rispettata dal consiglio direttivo di Tankamash. Di conseguenza, le 9 associazioni hanno convocato un’assemblea per eleggere un nuovo consiglio direttivo e il leader storico e leggendario difensore del suo territorio, Domingo Ankuash, è stato eletto presidente, un’autorità morale all’interno del territorio, oltre che un leader riconosciuto a livello nazionale e internazionale.

Daniel Earl, presidente di Solaris, Federico Velásquez, presidente di Solaris America Latina, Vicente Tsakimp, coordinatore dell’Alleanza strategica di Solaris, insieme a David Tankamash, ex presidente della FICSH, in Canada.

Questa nuova decisione della base nella sua resistenza a essere consegnata alle compagnie minerarie e a perdere il proprio territorio e il proprio stile di vita ha raggiunto il punto più critico il 12 aprile, quando la nuova dirigenza guidata da Domingo Ankuash non ha permesso che si svolgesse all’interno della sede un’assemblea convocata dalla dirigenza del Tankamash, che è stata licenziata, e si è preparata a un ingresso violento. La mattina del 12 aprile, i leader del COICA, Marco Martínez, Shuar e Silverio Grefa, Kichwa, leader del Consiglio direttivo della CONFENIAE, sono stati aggrediti dalle persone convocate dal presidente Tankamash, fino a strappargli violentemente il distintivo di autorità.

Sostenitori di David Tankamash, prima dei violenti scontri per il tentativo di sgombero dell’attuale Consiglio direttivo della Ficsh, presieduto da Domingo Ankuash. Foto Yutsu Maiche

Dopo questa aggressione, i seguaci del presidente spodestato David Tankamash attaccano la sede di Sucúa per prenderla con la forza, senza riuscirci, ma lasciando diverse persone ferite da pietre, barbarazos e molotov. Attaccano e rubano l’attrezzatura fotografica del comunicatore comunitario di Lluvia Comunicación, Yutsu Maiche, tutor della “Scuola di comunicazione per la protezione del territorio amazzonico”, sviluppata con il Comitato Interfederale dal 2023. Dopo il pesante attacco alla sede, attualmente c’è uno stato di calma tesa di fronte alla minaccia di sgombero, vista la nota complicità degli organi statali con la fazione Shuar che difende l’estrazione mineraria.

Nel 2017, durante il governo di Rafael Correa, lo Stato ha militarizzato la provincia di Morona Santiago per tre mesi. Le trasmissioni giornalistiche nella provincia sono state vietate, con un decreto di stato di emergenza, senza nemmeno poter riferire che nel bel mezzo della militarizzazione, la Cordigliera del Kutukú, dove vivono più di 100 comunità Shuar, ha ottenuto una concessione. Il conflitto sociale è in aumento nei territori invasi dalle miniere transnazionali; le famiglie sono divise e conflittuali di fronte al vile denaro. “Il cancro è entrato nel nostro territorio”, afferma Josefina Tunki, la prima presidente donna del PSHA, che nel novembre 2020 ha ricevuto una minaccia di morte da parte di un’autorità mineraria canadese, come avvertimento a non presentare la denuncia internazionale della sua organizzazione all’Organizzazione internazionale del lavoro (OIL). Non sono riusciti a intimidirla e la sua voce è stata presentata con la forza della donna Shuar. Nel marzo 2024, l’OIL ha accolto il reclamo del PSHA contro lo Stato ecuadoriano; tuttavia, nello stesso mese, nel contesto della violenza scatenata nel FICSH, la compagnia mineraria Lowell-Solaris ha firmato una nuova fase di esplorazione con le due comunità Warints e Yawi.

Di fronte alla crisi provocata nella nazionalità shuar, è stata proposta una soluzione con la mediazione delle organizzazioni madri: CONAIE, CONFENIAE, COICA, il Comitato Interfederale, alle quali il nuovo presidente, Domingo Ankuash, ha chiesto un intervento chiaro e sano affinché vengano rispettate le risoluzioni assembleari di CONAIE, CONFENIAE e del Comitato Interfederale, relative alla difesa dei territori ancestrali e al rifiuto dell’estrazione mineraria.

Domingo Ankuash nella sede della FICSH, dove si trova dal 30 marzo 2024, dopo essere stato nominato presidente dalla base per guidare la FICSH verso l’unità degli Shuar nella difesa del territorio. Foto: Yutsu Maiche

Questo è un momento decisivo per il territorio degli Shuar. Dato il livello di interferenza della compagnia mineraria, questa sembra essere l’ultima battaglia. Il conflitto non è tra Shuar, ma con le compagnie minerarie transnazionali che stanno invadendo il territorio con la concessione statale. Le organizzazioni madri sono rispettose dell’autonomia delle figlie, ma allo stesso tempo devono rispetto ai leader attaccati e alle risoluzioni delle assemblee nazionali e regionali. Sembra che questa volta il caso Shuar debba diventare un esempio per affrontare questi problemi che affliggono tutte le nazioni native, da un punto di vista organico, profondo e trasformativo, per un problema che non è solo Shuar, né amazzonico, ma nazionale.

Fonte: https://wambra.ec/shuar-vs-shuar-estrategia-extractivismo/

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

corruzioneequadorESTRATTIVISMOminierePOPOLI INDIGENI

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il Tav segna il campo anche nella Francia in campagna elettorale.

Nel contesto di crisi di governo in Francia, dopo le dimissioni di Macron e lo scioglimento dell’Assemblea Nazionale che ha portato a chiamare nuove elezioni, il tema del tav si pone ancora una volta come campo di battaglia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: ancora cariche, polizia e sradicamento delle piante al Parco don Bosco.

Ancora tensione a Bologna al parco Don Bosco, dove abitanti e manifestanti protestano da mesi per evitare il taglio e l’abbattimento di oltre 70 alberi.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La Sardegna si contrappone alla speculazione eolica e fotovoltaica.

Il territorio sardo è ormai, purtroppo, conosciuto per i numerosi progetti e cantieri che lo costellano nell’ambito della produzione energetica, in particolare quella cosiddetta green, che proviene dal vento e dal sole.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Comunicato del Movimento No Tav sulle parole del Capitano dei Carabinieri di Susa.

Sabato scorso si è tenuta a Susa una manifestazione No Tav. Manifestazione espressamente organizzata contro SITAF e TELT, sostenitrici entrambe di una grande opera ormai ampiamente corrosa (già prima di nascere) da un cancro chiamato mafia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Collassi localizzati, debito ecologico e politiche pubbliche

Le inondazioni nel Rio Grande do Sul, una delle zone più ricche e potenti del Brasile, hanno provocato 163 morti, più di 80 persone disperse e 640.000 persone costrette a lasciare le proprie case.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: manifestazione contro il progetto della A69

Ben 6.000 oppositori dell’A69 sfidano il divieto di manifestare e si uniscono nella rivolta contro i progetti autostradali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

No Tav: sabato 15 giugno manifestazione popolare contro Grandi Opere Inutili e mafie

Che le grandi opere siano terreno fertile per le mafie non è una sorpresa. L’enorme scritta che ormai da 15 anni compare sul fianco del Musinè “TAV= MAFIA”, ne è una testimonianza concreta.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia, A69, bacini: azioni seriali di disarmo contro le aziende ecocide

Macchine incendiate nel cantiere della A69, un bacino scoperchiato nella Vienne

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Manifestazione di 2.000 persone contro il magazzino Greendock, tentativo di blocco della logistica e arresti.

Sabato, più di 2.000 persone hanno manifestato da Gennevilliers a L’Île-Saint-Denis per mostrare la loro opposizione a un gigantesco magazzino sulle rive della Senna e all’espansione senza fine dei magazzini logistici

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: dalla cordigliera alla meseta e alla costa, la lotta di un popolo per l’acqua

Tra il 15 e il 21 dicembre 2021, il popolo del Chubut abrogò la Legge di Zonificazione Mineraria che era stata approvata sei giorni prima, senza consultazioni, dai deputati provinciali.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La mappa degli impatti e dei conflitti delle Terre Rare. Sfide per una transizione verde e digitale

La Rare-Earth Elements Impacts and Conflicts Map documenta i processi controversi che si svolgono nelle catene di fornitura degli elementi delle Terre Rare (REE): siti di estrazione, lavorazione e riciclo.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Brasile: l’acqua che tutto abbatte

Due donne, già negli anni, attendono i soccorsi alle intemperie, sopra il tetto della vecchia casa familiare, in un villaggio del Rio Grande do Sul.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Il CALP prende parola sull’indagine per corruzione nella regione Liguria

Riprendiamo due post facebook del Collettivo Autonomo Lavoratori Portuali sulle ultime vicende giudiziarie che hanno visto coinvolto il Presidente della Regione Toti e riguardano anche il porto.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La variante del marmo: così la Regione Toscana vuole rimettere mano al Piano cave

La Giunta Giani ha avviato l’iter per modificare la normativa sulle attività estrattive e aumentare del 5% la capacità autorizzata fino al 2038.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: i Me`phaa di Tilapa creano sistema di giustizia a difesa del loro territorio

Il popolo Me`phaa di Tilapa, Guerrero, ha presentato il proprio sistema di giustizia denominato Sicurezza di Protezione Territoriale Indigena (Serti), per “difendere il territorio da una prospettiva indigena, olistica e integrale”, di fronte alle minacce di progetti minerari, saccheggio territoriale e controllo dei gruppi del crimine organizzato.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Congo: la maledizione del cobalto

Quando Roger Milolo ha lasciato la sua città natale al confine tra la Repubblica Democratica del Congo (RDC) e lo Zambia per lavorare come operatore in una miniera di cobalto, sperava che la sua sarebbe stata una storia “dagli stracci alla ricchezza”.