InfoAut
Immagine di copertina per il post

Francia: scommessa vinta per il movimento No Bassines: più di 7000 invadono il sito di Sainte-Soline!

A Sainte-Soline, nelle paludi di Poitevin, più di 7000 oppositori ai mega-bacini si sono riuniti sabato scorso prima di riuscire a entrare nel cantiere del più grande bacino in costruzione, nonostante i pesanti divieti e una presenza di polizia senza precedenti.

Abbiamo tradotto da Bassines Non Merci questi due articoli di cronaca sulle giornate di mobilitazione di sabato 29 e domenica 30 contro la costruzione del maxi-bacino di Sainte Soline, in Francia. Buona lettura!

Su appello di 150 associazioni e collettivi (Bassines Non Merci, Soulèvements de la Terre, la Confédération Paysanne, la CGT, ATTAC, SUD Solidaires…), più di 7000 persone si sono riunite questo fine settimana per fermare il cantiere del mega-bacino di Sainte-Soline, iniziato all’inizio di ottobre. A loro si sono uniti una dozzina di deputati e funzionari eletti locali (Sandrine Rousseau, Manon Meunier, Yannick Jadot, Philippe Poutou, …), dopo che giovedì 200 personalità hanno denunciato pubblicamente il divieto di manifestare e hanno dato il loro sostegno al campeggio anti-bacino.

Agricoltori, residenti, naturalisti, funzionari eletti e militanti climatici si sono uniti per marciare verso il cantiere nonostante una presenza di polizia senza precedenti: 1700 agenti di polizia e 6 elicotteri sono stati mobilitati per ostacolare i manifestanti, mentre da lunedì sono stati emessi divieti di manifestazione e di movimento per dissuadere i partecipanti.

Separati in 3 cortei, gli oppositori sono comunque riusciti a superare la decina di blocchi stradali e ad entrare nel sito, rimuovendo i cancelli e usandoli come barricate per avanzare. Questa mobilitazione è la quarta di una serie di manifestazioni e azioni dell’ultimo anno che assumono collettivamente atti di disobbedienza civile determinata, e continuerà a farlo con tutte le sue componenti.

Le attrezzature da costruzione sono state rimosse preventivamente venerdì e il movimento continuerà a mobilitarsi per garantire che non tornino. Gli anti-bacino hanno infatti allestito una base di appoggio in un campo prestato dall’ex-irrigante e ora critico del modello dei mega-bacini Philippe Béguin, e intendono utilizzarla anche in seguito per continuare a bloccare il cantiere.

Il progetto Sainte-Soline, che rappresenta 16 ettari di artificializzazione del territorio e 720.000 m3 di acqua privatizzata, è purtroppo solo l’inizio. Entro il 2025 potrebbero essere costruiti quasi 1.000 mega-bacini se l’agroindustria continuerà a portare avanti i suoi progetti e le autorità pubbliche continueranno a sostenerli e a finanziarli fino all’80%. E questo dopo un’estate torrida che ha lasciato le falde acquifere e i fiumi in uno stato di siccità senza precedenti.

L’azione di oggi è stata quindi un’urgenza per fermare questo sito di test prima che ne vengano installati altri. Bassines Non Merci e Earth Lifts chiedono ancora una volta una moratoria e l’arresto immediato di questi progetti di bacino. Esistono altre soluzioni per la condivisione dell’acqua e l’agricoltura contadina, e continueremo a ripeterlo finché la nostra voce non sarà ascoltata.

No bassaran!

Smantellare il sistema di tubature del mega-bacino e costruire una vedetta per fermare ulteriormente la costruzione.

Dopo il successo dell’intrusione nel bacino di Sainte-Soline durante una mobilitazione di oltre 7000 persone sabato, un altro punto chiave di questa infrastruttura è stato preso di mira questa domenica dalle migliaia di oppositori ancora sul posto: le sue tubature. Il bacino di Sainte-Soline ha 6 tentacoli che pompano nella falda freatica per riempire i suoi 720.000 m³ di acqua.

Il piano della prefettura è stato sventato da questa azione, che si è svolta senza l’intervento della polizia, e gli attivisti sono riusciti a scavare e smantellare una rete di tubi. La rete smantellata oggi pompa nella falda acquifera a livello del Bignon, un fiume che è in secca come molti altri a causa del livello di siccità e della crisi climatica. È probabile che alcune di queste condutture si sovrappongano alle reti esistenti e che rimangano 18 km da costruire, se i lavori proseguiranno comunque.

La mappa della Water Co-op mostra che il bacino di St. Solina sarà collegato a questa condotta per riempirla. Si tratta di una delle 6 reti di pompaggio del bacino.

Questa rete non è ancora collegata perché il bacino è ancora in costruzione e devono essere installati 18 km di tubature, tra l’altro da tubature già esistenti come quella di oggi.

La mappa sul sito della prefettura di Deux Sevres, per il progetto di costruzione di riserve sostitutive (bacino idrografico Sèvre Niortaise e Mignon): https://www.deux-sevres.gouv.fr/content/download/34948/266161/file/20200306_Plan_reseau_SEV15.pdf

Inoltre, questa mattina è stata costruita una torre di guardia sul campo prestato da contadino ex-irrigatore e ora oppositore dei bacini. Servirà come torre di osservazione per gli uccelli e per seguire i progressi della costruzione del bacino di Sainte-Soline, situato a 2 km di distanza. Questo campo, dove il proprietario invita gli oppositori fino al 19 maggio (quando tornerà la piccola otarda), potrebbe essere utilizzato nelle prossime settimane come base per nuove mobilitazioni.

L’ampia coalizione che ha indetto la manifestazione “pas une bassine de +” chiede ancora una volta di fermare il cantiere di Sainte-Soline e di imporre una moratoria su tutti gli altri mega-bacini in progetto. Se il governo persiste nel forzare, imporre e finanziare questi progetti di accaparramento dell’acqua assolutamente inaccettabili, il movimento annuncerà una nuova data di mobilitazione nazionale e di disobbedienza civile entro le prossime due settimane.

Chiediamo una forte solidarietà ai/alle militanti accusati e ancora in custodia o feriti durante la manifestazione di ieri. Continuiamo la resistenza per l’acqua e la sua condivisione!

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

AGROINDUSTRIABacini idriciCRISI CLIMATICAFranciaPRIVATIZZAZIONE ACQUAsiccità

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Giustizia climatica: rischio “sorveglianza speciale” per un attivista di Ultima Generazione

Mentre la crisi climatica avanza, con eventi estremi di gelo negli Usa e in Giappone e temperature massime e medie più alte di sempre nel 2022 in Italia, chi si batte perchè si cambi rotta viene represso.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Caldo record in Europa, l’anno più caldo di sempre per l’Italia. Mentre l’America del Nord congela

Mentre il 2022 si sta per confermare come l’anno più caldo di sempre, almeno dal 1800 per l’Italia (secondo i dati del Cnr), gli Stati Uniti sono alle prese con la “tempesta del secolo”.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il Ponte sullo Stretto come il Muos di Niscemi e Sigonella

Non prova neanche a mimetizzarlo il suo punto vista, Lucio Caracciolo, sul ponte sullo Stretto. Ne ha parlato in un pezzo scritto per La Stampa il 7 dicembre scorso.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Foodopia, la mistificazione consumistica del cibo contadino

Il richiamo alla ruralità, alla purezza e al legame con la vita contadina è il tema che appare nella grande maggioranza delle pubblicità, e nelle immagini del cibo che ci viene proposto. 

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La Val di Susa piange Annamaria

Ci associamo al cordoglio dei familiari, degli amici e del movimento No Tav per la scomparsa di Annamaria, attivista No Tav generosa e sempre in prima fila nella difesa della valle.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Finanziarizzazione della terra: nuove dinamiche di appropriazione della rendita fondiaria e territoriale

Già nel 1982 Harvey 1 richiamava l’attenzione sul fatto che “nel capitalismo avanzato la terra è trattata come un’attività finanziaria; ciò che si compra e si vende non è la terra ma il diritto ad appropriarsi della sua rendita”.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Sciagure, disastri e territori

QUANDO SI PERDE DI VISTA IL PROBLEMA da Malanova.info Premesso che non si intende qui minimizzare nessun fatto e neanche fare della polemica d’accatto su un fatto come quello di Casamicciola. Proprio per dare dignità ad un accadimento non episodico e non sporadico che ci accingiamo a proporre queste considerazioni. Dicevamo fatto non sporadico e […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

ENI e neocolonialismo made in Italy

Un percorso tra i nuovi scenari energetici mediterranei e mondiali e la collocazione geopolitica dell’Italia al servizio degli interessi dell’apparato industriale militare.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La fusione nucleare non ci salverà

Come di tanto in tanto succede, nei giorni scorsi i maggiori mezzi di comunicazione hanno dato grande risalto a una notizia relativa al settore nucleare: in questo caso alla fusione nucleare.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Pacco di Natale: dall’UE mancano 2 miliardi per il Tav. Salvini che fa?

Mancano quasi due miliardi per finanziare il TAV in Val di Susa. La notizia imbarazzante è stata data ieri dall’imbarazzato neo-ministro delle infrastrutture Salvini durante la riunione della conferenza inter-governativa con il suo omologo francese, Clément Beaunne.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Alle radici dell’Antropocene

L’Antropocene può essere definito come l’era del pianeta Terra in cui una singola specie (Homo sapiens sapiens) ha preso il sopravvento su tutte le altre e ha tanto rapidamente e radicalmente trasformato l’intera ecosfera da mettere in pericolo la propria stessa esistenza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia: attacco contro il centro culturale curdo Ahmet-Kaya, proteste e scontri di piazza

Dopo l’attacco, centinaia di giovani curdi e solidali si sono radunati attorno al Centro culturale dell’X arrondissement, dando vita a durissimi scontri con la polizia tra sanpietrini, lacrimogeni e cariche.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: Lettera del Movimento dei Senza Terra al popolo brasiliano

Il Brasile vive la peggiore crisi della sua storia, che si manifesta nell’economia, nella società, nell’aumento della disuguaglianza sociale, nei crimini ambientali, la fame, la disperazione e la mancanza di prospettiva che affligge più di 70 milioni di lavoratori.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

A Marsiglia, lo stabilimento Lafarge di La Malle è stato occupato e sabotato da 200 attivist*

L’azienda, tra i leader in Europa nella fabbricazione di materiali di costruzione, è accusata anche di aver finanziato Daesh in Siria

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Autoprodurre l’energia da rinnovabili locali? La legge c’è ma non la fretta…

Dicono che ci sia una emergenza climatica in atto. Dicono. Pare che gli eventi meteorologici estremi si vadano facendo vieppiù violenti e frequenti. Pare. Avete presente l’alluvione nelle Marche a settembre e ora Casamicciola?