InfoAut
Immagine di copertina per il post

Assemblea verso La Carovana Ambientale per la Salute dei Territori

||||

Mentre leggiamo sui giornali le vicende che riguardano la cosiddetta “Terra dei Fanghi”, mentre assistiamo agli sviluppi della tragedia del Mottarone, mentre vediamo ripartire a pieno regime la macchina estrattivista, mentre la politica annuncia una nuova tornata di deregolamentazione degli appalti pubblici, mentre accade tutto questo si rende sempre più evidente quanto la legge del profitto sia incompatibile con la sopravvivenza di larghe fasce della popolazione. In questo senso Rise Up 4 Climate Justice ha lanciato un’assemblea per la costruzione di una Carovana Ambientale per la Salute dei Territori, che ha come obbiettivo quello di sollevvare il nesso rimosso che esiste tra devastazione ambientale e diffusione dell’epidemia, tra inquinamento e salute, tra privatizzazione, sperpero di risorse pubbliche e deficit nella sanità pubblica e territoriale. Di seguito l’indizione dell’assemblea che si terrà online giovedì 3 giugno, alle 18.

Qui il link dell’evento

La crisi pandemica
Da più di un anno ormai ci stiamo confrontando con quella che viene definita l’emergenza da Covid 19. Una pandemia globale che sta sconvolgendo i nostri modi di vita e sta mostrando le fragilità della nostra società. Mentre stiamo scrivendo i morti da Coronavirus sono oltre 3,5 milioni nel mondo, solo in Italia 126mila (la popolazione di una città grande come Bergamo) e l’impressione è che nonostante le vaccinazioni e i lockdown dovremo fare i conti con questa malattia ancora a lungo.
Non serve girarci intorno, le istituzioni del nostro Paese (e più in generale quelle occidentali) hanno fallito nella gestione della pandemia, sono state incapaci di assicurare il benessere collettivo di tutti e tutte. Per salvaguardare un modello di sviluppo dove il privato è più importante dell’interesse comune, dove il mercato ha sempre ragione, dove le scelte politiche vengono prese in base ai pruriti di Confindustria o a qualche variazione nei sondaggi, oggi siamo costretti a vivere in una situazione di emergenza perpetua che sembra via via diventare la nuova “normalità”.
Eppure, le cause dello sviluppo e della diffusione del virus le conosciamo ormai da tempo e hanno a che fare con il modo in cui è organizzata la nostra società e come essa interagisce con la natura.

Quale sanità per quale salute?
Il nostro modello sanitario ha vissuto una radicale trasformazione negli ultimi trent’anni. Pensato come un modello pubblico e universale, attento ai bisogni dei territori, è stato progressivamente smantellato e convertito al profitto. Razionalizzazione, privatizzazioni, logica aziendalista e concentrazione in grandi poli di eccellenza sono stati alcuni dei processi a cui abbiamo assistito. Quando il Coronavirus è arrivato nel nostro Paese abbiamo assistito a una crisi generale del sistema sanitario proprio perché incentrato ormai sul denaro e sulla valorizzazione dei profitti piuttosto che sulla salute e la prevenzione della malattia.

Inquinamento e devastazione ambientale
Diverse ricerche scientifiche hanno trovato una correlazione tra la differente incisività del contagio su base territoriale e l’inquinamento atmosferico generato da produzioni nocive e combustibili fossili. In particolare, pare evidenziarsi una relazione tra inquinamento da PM 2,5 e diffusione del Covid19. Altrettanto importante è considerare il fatto che il Coronavirus colpisce in maniera particolarmente critica i pazienti che presentano quadri clinici già complessi. Secondo una ricerca dell’Oms a livello globale quasi un quarto delle malattie (il 24%) è dovuto ad esposizione a fattori di rischio ambientale.

Agroindustria e deforestazione
Il contatto promiscuo tra uomo e grandi concentrazioni animali all’interno dell’agroindustria è considerato uno dei principali rischi per lo sviluppo e la diffusione di pandemie accanto alla deforestazione dove l’uomo entra in contatto con patogeni sviluppati in ambienti selvaggi con cui non era mai entrato in contatto prima. L’agribusiness è inoltre un fattore di inquinamento ambientale tra i più importanti, secondo una stima dell’ISPRA del 2019 a questo settore vanno imputate il 15,1% di emissioni di polveri (la seconda fonte di inquinamento in Italia).

Globalizzazione e logistica
L’epidemia si è trasformata in una pandemia sulle rotte del mercato globale. Il contagio si è diffuso con una rapidità mai vista prima e la mappa della diffusione coincide con la mappa delle zone più pesantemente infrastrutturate, con una maggiore frequenza di scambi internazionali. Le fabbriche, i magazzini della logistica collegati alle catene del valore globale sono stati importanti luoghi di contagio in Italia. Diversi scioperi sono esplosi durante la prima ondata dell’epidemia a causa del ricatto tra salute e lavoro che veniva imposto ai lavoratori ed alle lavoratrici. I modelli di approvvigionamento e produzione delle merci si sono evidenziate come estremamente fragili e pericolose per la salute di chi vi lavora, ma anche per quella dei consumatori.

Una carovana per una vita degna e giusta
Mentre la gestione dell’epidemia continua la sua disastrosa parabola crediamo che sia il momento di far emergere con forza queste contraddizioni della società in cui viviamo. Crediamo che solo questo sia il modo di conquistarsi una vita degna e giusta per non rimanere in balia della pandemia (e di quelle che verranno). Quanto sta succedendo non ha insegnato niente a politici, industriali e speculatori, che continuano imperterriti la loro opera di devastazione e sfruttamento.
Per questo motivo abbiamo deciso di lanciare una “carovana ambientale per la salute dei territori” che attraversi le zone maggiormente colpite dai danni ambientali di produzioni nocive, grandi opere inutili e speculazioni per discutere con la popolazione, mettere in campo iniziative che indichino i problemi e le responsabilità, per incontrare i movimenti popolari che da anni si battono contro inquinamento e devastazione, contro il cambiamento climatico e le politiche ecocide che continuano a venirci proposte.
Una carovana per costruire, con i movimenti e i comitati, le premesse per affrontare le sfide della transizione ecologica e per intervenire con forza sulle scelte istituzionali di stanziamento dei fondi del NextGeneration EU. Una carovana, quindi, che non si esaurisca nelle varie tappe, ma che apra la strada ai percorsi verso due appuntamenti cruciali per le politiche ambientali: la pre-COP di Milano, dal 30 settembre al 2 ottobre 2021, e la COP26 di Glasgow, dall’1 al 12 novembre 2021. Crediamo che ritessere, riconnettere la ricchezza delle battaglie territoriali sia un passaggio fondamentale per attraversare questi summit con rivendicazioni chiare, forti e radicate e indurre le governance a farci i conti.

Crediamo che sia ora di battersi per costruire un rapporto diverso tra uomo e natura e tra uomo e uomo, crediamo che sia necessario ripensare il concetto di salute come un concetto inclusivo che riguarda il benessere di tutti e tutte a partire dalle determinanti sociali e ambientali della malattia. Crediamo che sia il momento di pensare ad un vero “progresso”, un progresso verso una società più giusta, più libera ed in armonia con la natura.

La prima assemblea online di costruzione della Carovana ambientale si terrà il 3 giugno alle ore 18. Chiunque volesse proporre una tappa, un’iniziativa, un’assemblea o dare semplicemente il proprio contributo alla costruzione del percorso potrà partecipare all’assemblea o contattarci all’indirizzo mail info@riseup4climatejustice.org.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

CAROVANA AMBIENTALE PER LA SALUTE DEI TERRITORIRISE UP 4 CLIMATE JUSTICE

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bill Gates, il miliardario che sta industrializzando l’agricoltura mondiale

Utilizzando milioni di dollari, la Fondazione Bill & Melinda Gates sta aggirando e plasmando le politiche agricole internazionali. I grandi vincitori di questo gioco antidemocratico sono le aziende agro-industriali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La strategia estrattivista per entrare nei territori ancestrali raggiunge il suo apice

Il conflitto per il territorio degli Shuar, causato dagli interessi minerari, va avanti da più di 20 anni. Ma questa volta è diverso, sembra essere l’ultima battaglia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

“Il Ponte sullo Stretto è uno specchietto per allodole”. Calabria e Sicilia si preparano alla manifestazione popolare

Il ponte sullo Stretto” tra la Calabria e la Sicilia è uno “specchietto per le allodole.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ponte: avvio dei cantieri rinviato. Ora chiudere la Stretto di Messina S.p.a.

Il comunicato di Antudo a seguito della notizia del rinvio dei cantieri per il ponte sullo Stretto..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Germania: manifestazioni ecologiste contro Tesla.

Un blocco anticapitalista, berretti blu per riconoscersi, una rapida avanzata per rompere le linee di polizia: questo è ciò che è avvenuto venerdì 10 maggio in Germania, intorno a una gigantesca fabbrica Tesla vicino a Berlino.

Più di mille manifestanti ambientalisti hanno poi nuovamente manifestato sabato 11 maggio contro i piani di Tesla di espandere la sua fabbrica di auto elettriche..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Vicenza: il Tav vuole travolgere il bosco Lanerossi, rischia anche il CS Bocciodromo

A Vicenza il progetto del Treno Alta Velocità, all’interno del tracciato Brescia-Padova, oltre che ad impattare fortemente sulla città e sulla salute della cittadinanza, rischia di distruggere 11 mila metri quadrati di bosco

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Emilia Romagna: a un anno esatto dalla prima devastante alluvione, qual è la situazione dei territori colpiti?

Furono giorni drammatici, convulsi, in cui non mancò tuttavia uno slancio solidale esteso e diffuso, con ben pochi precedenti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Sulmona: attivisti No Snam invadono il cantiere della centrale

“Abbiamo compiuto una azione di obbedienza civile  per denunciare le illegalità in atto. Chi di dovere agisca”.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il circo del G7: Extinction Rebellion occupa la tettoia della RAI.

Torino: Due attiviste di Extinction Rebellion hanno occupato la tettoia della RAI, mentre altre sette vestite da clown sono comparse in triciclo davanti all’ingresso. “G7 ambiente: -2 all’inizio del circo”, si legge sullo striscione.“G7 ambiente: -2 all’inizio del circo”, si legge sullo striscione.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La variante del marmo: così la Regione Toscana vuole rimettere mano al Piano cave

La Giunta Giani ha avviato l’iter per modificare la normativa sulle attività estrattive e aumentare del 5% la capacità autorizzata fino al 2038.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Privatizzazione dell’acqua: cariche di fronte alla Coca-Cola di Nogara

Condividiamo il comunicato di Rise Up 4 Climate Justice sulle proteste di questa mattina di fronte alla fabbrica della Coca cola di Nogara.  Oggi ci siamo trovatx davanti ai cancelli della Coca Cola di Nogara per denunciare le politiche di privatizzazione di un bene comune che in piena emergenza siccità rimane monopolio delle aziende private […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Meeting europeo per la giustizia climatica e sociale

Riprendiamo di seguito l’appello di indizione del meeting europeo per la giustizia climatica e sociale sostenuto da Rise Up 4 Climate Justice che si terrà il 13 marzo a Vicenza.   Perché? La crisi climatica è una sfida epocale. Una sfida che sta mettendo a rischio l’esistenza della vita sul pianeta. Come intendiamo vincerla, questa […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Cariche contro gli attivisti climatici a Milano

Si aprono così i tre giorni di Precop e Youth Cop a Milano, con violente cariche contro lə attivistə che stavano bloccando l’accesso al MiCo dove i potenti del mondo si riuniscono per rilanciare green washing e speculazione. Questo è uno dei tre blocchi che hanno avuto luogo questa mattina. Appena i manifestanti hanno posizionato […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Sciopero globale per il clima: migliaia di giovani in tutta Italia riempiono le piazze

Lo sciopero globale per il clima lanciato da Fridays for Future torna a riempire le piazze italiane dopo oltre un anno e mezzo di pandemia. Cortei ed iniziative in decine di città italiane a sottolineare l’urgenza di cambiare direzione e mettere in discussione il modello di sviluppo imposto. In aggiornamento – Le migliaia di giovani […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Assemblea di Rise Up 4 Climate Justice al Festival Alta Felicità

La sindemia ha dato l’impressione, talvolta, di sospendere il tempo. Così non è stato, e mentre sperimentavamo gli effetti devastanti di uno spillover abbiamo visto l’industria fossile approfittare dell’emergenzialità per avviare progetti estrattivi altrimenti bloccati. Di più, abbiamo visto fondi straordinari stanziati per fronteggiare la crisi venire messi a disposizione delle multinazionali del fossile o […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Testimonianze dalla Carovana – (videoracconto)

Testimonianze dalla Carovana – Tappa 4: Piacenza Da Bologna a Piacenza lunghe file di camion incolonnati, si procede a tratti, mentre scorrono sotto i nostri occhi campi coltivati, capannoni e industrie dell’agroalimentare. La grande fabbrica Emilia, diffusa in mille territori si muove frenetica. Arriviamo a Piacenza con un cielo plumbeo di pioggia. Quartiere Infrangibile, l’iniziativa […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

In viaggio con chi resiste – CAROVANA AMBIENTALE PER LA SALUTE DEI TERRITORI

Un anno e mezzo di crisi pandemica ha insegnato tanto e nulla allo stesso tempo. Da un lato sono infatti emerse con evidenza una serie di contraddizioni, a partire dalla disastrosa gestione delle politiche sanitarie degli ultimi decenni e dal perverso intreccio tra iper-industrializzazione dei territori e devastazione ambientale – entrambi fattori che hanno amplificato […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Carovana Ambientale per la Salute dei Territori: è ora di mettersi in viaggio!

L’assemblea online del 3 giugno è stata un importante primo momento di confronto in vista della costruzione della Carovana Ambientale per la Salute dei Territori. Abbiamo condiviso l’urgenza di rimetterci in marcia partendo dai territori, da quei territori che in questi due anni hanno sperimentato a pieno il rapporto tra devastazione ambientale, inquinamento, sfruttamento e […]