InfoAut
Immagine di copertina per il post

Argentina. Feriti ed arresti in un nuovo conflitto sulla terra a Santiago del Estero

La scorsa settimana la tensione si è accesa tra continue minacce e movimenti di estranei armati. Dietro c’è l’interesse di una società tedesca che emette “obbligazioni verdi”. Il governo provinciale ha inviato la polizia per evitare ulteriori incidenti, ma gli agricoltori sostengono che la situazione è “molto pericolosa”.

di Tomás Astelarra, tradotto da Resumen Latinoamericano

Quattro persone sono state ferite e cinque arrestate in una sparatoria per l’usurpazione di terre contadine nei villaggi di San Roque e Chañar Pozo, nel dipartimento di Figueroa, a Santiago del Estero. Il territorio è abitato da famiglie contadine e da membri della comunità indigena Tonokote, all’interno dell’Unión de Trabajadores de la Tierra (UTT) e della Mesa Agroalimentaria Argentina (MAA). I 31.000 ettari sono rivendicati dall’azienda tedesca Concepture Nature Management S.A. e dalle aziende nazionali ad essa collegate, come Figueroa S.A. e Santiago S.A. Le terre sono registrate ai sensi della Legge 21.160 dall’Istituto Nazionale degli Affari Indigeni (INAI).

“In precedenza le famiglie avevano denunciato la presenza di bande armate e la circolazione di persone non originarie della zona. Lunedì scorso è stata presentata una denuncia al Comitato per la terra di Santiago del Estero. Martedì è avvenuta la sparatoria”, racconta Victoria Escobar, dell’UTT. “Dopo la sparatoria, la provincia ha inviato una grande presenza di polizia per prevenire ulteriori violenze. Ma la situazione attuale nella zona è molto tesa, persino pericolosa. Ci sono ancora molte persone che non appartengono alle comunità e la paura regna. Anche giovedì i compagni dell’UTT sono andati in visita e hanno detto che la maggior parte delle famiglie ha lasciato le proprie case per paura di rappresaglie o persecuzioni”, aggiunge.

Crimine Verde

“Quando la folla è arrivata, i membri della comunità hanno cercato di parlare con i malviventi. Ma i malviventi erano armati e hanno iniziato a picchiarli e a sparare. Mentre fuggivano nella boscaglia, alcuni sono stati feriti alla schiena. Questi dipendenti stavano cercando di espropriare la comunità di una parte significativa del suo territorio. Le famiglie vivono sotto minaccia”, spiega Lucas Tedesco, del coordinamento nazionale dell’UTT, che ha visitato il territorio la scorsa settimana.

Tedesco descrive una situazione geopolitica complessa. L’azienda tedesca è coinvolta nel business dei green bond richiesti dall’Europa. Per ottemperare a queste presunte normative ecologiche dei Paesi sviluppati, l’azienda acquista terreni attraverso partner locali per piantare specie straniere (pini o eucalipti), distruggendo la foresta autoctona. Distrugge anche le comunità locali che producono cibo. Le aziende ottengono documenti di proprietà poco chiari, avallati dallo stesso sistema giudiziario che fa saltare le procedure di regolarizzazione delle terre per le comunità. Di fronte alla resistenza e all’occupazione storica delle famiglie contadine, assoldano bande armate di giovani nei quartieri marginali di La Banda o Santiago del Estero. Uno schema che può già essere descritto come “narco-paramilitarismo”, come sta accadendo da tempo in Messico e in Colombia.

“Attraverso i rapporti di dominio, scoprono chi è stato l’ultimo presunto proprietario di un certo numero di ettari, contattano i suoi discendenti ed effettuano transazioni che non sempre sono legali, chiare o eque per le comunità interessate. Questo ha generato disperazione e sfollamento forzato tra le famiglie locali”, spiega Tedesco. “La storia della nostra provincia è molto segnata dai conflitti fondiari, che si sono aggravati a partire dagli anni ’90 con l’avanzata dell’agroalimentare. È anche per questo che i movimenti contadini, come il MOCASE, sono emersi con tanta forza in difesa della terra”, spiega Escobar.

Una lunga storia di impunità

Sono numerosi i conflitti nella lotta contadina a Santiago del Estero. Il caso più emblematico è quello di Cristian Ferreyra, un ventiduenne assassinato in un incidente simile a quello avvenuto la scorsa settimana a Figueroa. L’autore dell’omicidio ha ricevuto una condanna a soli dieci anni, mentre sono stati rilasciati i membri della banda che ha sostenuto le molestie, un poliziotto accusato di aver fornito le armi e l’imprenditore responsabile, Jorge Antonio Ciccioli.

“Ci sono molte aziende coinvolte nel conflitto nel nord del Paese. Ma c’è un sistema giudiziario molto lento, che non rispetta i territori che sono stati dichiarati come comunità indigene, che non rispetta la legge del possessore di vent’anni nel caso delle famiglie contadine”, denuncia Escobar. All’avanzata dell’agrobusiness si aggiunge ora quella dell’economia “verde”. “Negli ultimi tempi, l’estrattivismo sta avanzando sotto forma di imprese verdi, imprese internazionali con capitale e partner nazionali e provinciali che, per emettere meno carbonio e nell’ambito di obbligazioni verdi, vengono a svolgere attività forestali tra virgolette. Perché queste aziende, e in questo caso l’azienda tedesca, acquista 30.000 ettari, anch’essi tra virgolette, con famiglie e comunità all’interno, con l’obiettivo di rimboschire i boschi di Santiago, che sono già boschivi”, spiega.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

AGROINDUSTRIAargentinacrediti carbonioESTRATTIVISMOgreen washingterra

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Collassi localizzati, debito ecologico e politiche pubbliche

Le inondazioni nel Rio Grande do Sul, una delle zone più ricche e potenti del Brasile, hanno provocato 163 morti, più di 80 persone disperse e 640.000 persone costrette a lasciare le proprie case.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: manifestazione contro il progetto della A69

Ben 6.000 oppositori dell’A69 sfidano il divieto di manifestare e si uniscono nella rivolta contro i progetti autostradali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

No Tav: sabato 15 giugno manifestazione popolare contro Grandi Opere Inutili e mafie

Che le grandi opere siano terreno fertile per le mafie non è una sorpresa. L’enorme scritta che ormai da 15 anni compare sul fianco del Musinè “TAV= MAFIA”, ne è una testimonianza concreta.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia, A69, bacini: azioni seriali di disarmo contro le aziende ecocide

Macchine incendiate nel cantiere della A69, un bacino scoperchiato nella Vienne

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Manifestazione di 2.000 persone contro il magazzino Greendock, tentativo di blocco della logistica e arresti.

Sabato, più di 2.000 persone hanno manifestato da Gennevilliers a L’Île-Saint-Denis per mostrare la loro opposizione a un gigantesco magazzino sulle rive della Senna e all’espansione senza fine dei magazzini logistici

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: dalla cordigliera alla meseta e alla costa, la lotta di un popolo per l’acqua

Tra il 15 e il 21 dicembre 2021, il popolo del Chubut abrogò la Legge di Zonificazione Mineraria che era stata approvata sei giorni prima, senza consultazioni, dai deputati provinciali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Brasile: l’acqua che tutto abbatte

Due donne, già negli anni, attendono i soccorsi alle intemperie, sopra il tetto della vecchia casa familiare, in un villaggio del Rio Grande do Sul.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bill Gates, il miliardario che sta industrializzando l’agricoltura mondiale

Utilizzando milioni di dollari, la Fondazione Bill & Melinda Gates sta aggirando e plasmando le politiche agricole internazionali. I grandi vincitori di questo gioco antidemocratico sono le aziende agro-industriali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La strategia estrattivista per entrare nei territori ancestrali raggiunge il suo apice

Il conflitto per il territorio degli Shuar, causato dagli interessi minerari, va avanti da più di 20 anni. Ma questa volta è diverso, sembra essere l’ultima battaglia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

“Il Ponte sullo Stretto è uno specchietto per allodole”. Calabria e Sicilia si preparano alla manifestazione popolare

Il ponte sullo Stretto” tra la Calabria e la Sicilia è uno “specchietto per le allodole.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La mappa degli impatti e dei conflitti delle Terre Rare. Sfide per una transizione verde e digitale

La Rare-Earth Elements Impacts and Conflicts Map documenta i processi controversi che si svolgono nelle catene di fornitura degli elementi delle Terre Rare (REE): siti di estrazione, lavorazione e riciclo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: la polizia ha effettuato varie perquisizioni ai locali e alle mense delle organizzazioni sociali

Lunedì mattina, agenti della Polizia Federale hanno perquisito i locali e le mense popolari del Polo Obrero, si sono recati anche nel domicilio di uno dei dirigenti del FOL e hanno effettuato una perquisizione del locale di questa organizzazione nel quartiere di Congreso.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La diffusione del dengue, l’agroindustria e il cambiamento climatico

Le cause dell’epidemia di dengue sono molteplici, conosciute e anche poco affrontate: cambiamento climatico, deforestazione, uso di pesticidi, impatto sui predatori delle zanzare e mancanza di pianificazione territoriale.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La variante del marmo: così la Regione Toscana vuole rimettere mano al Piano cave

La Giunta Giani ha avviato l’iter per modificare la normativa sulle attività estrattive e aumentare del 5% la capacità autorizzata fino al 2038.