InfoAut
Immagine di copertina per il post

Argentina. Feriti ed arresti in un nuovo conflitto sulla terra a Santiago del Estero

La scorsa settimana la tensione si è accesa tra continue minacce e movimenti di estranei armati. Dietro c’è l’interesse di una società tedesca che emette “obbligazioni verdi”. Il governo provinciale ha inviato la polizia per evitare ulteriori incidenti, ma gli agricoltori sostengono che la situazione è “molto pericolosa”.

di Tomás Astelarra, tradotto da Resumen Latinoamericano

Quattro persone sono state ferite e cinque arrestate in una sparatoria per l’usurpazione di terre contadine nei villaggi di San Roque e Chañar Pozo, nel dipartimento di Figueroa, a Santiago del Estero. Il territorio è abitato da famiglie contadine e da membri della comunità indigena Tonokote, all’interno dell’Unión de Trabajadores de la Tierra (UTT) e della Mesa Agroalimentaria Argentina (MAA). I 31.000 ettari sono rivendicati dall’azienda tedesca Concepture Nature Management S.A. e dalle aziende nazionali ad essa collegate, come Figueroa S.A. e Santiago S.A. Le terre sono registrate ai sensi della Legge 21.160 dall’Istituto Nazionale degli Affari Indigeni (INAI).

“In precedenza le famiglie avevano denunciato la presenza di bande armate e la circolazione di persone non originarie della zona. Lunedì scorso è stata presentata una denuncia al Comitato per la terra di Santiago del Estero. Martedì è avvenuta la sparatoria”, racconta Victoria Escobar, dell’UTT. “Dopo la sparatoria, la provincia ha inviato una grande presenza di polizia per prevenire ulteriori violenze. Ma la situazione attuale nella zona è molto tesa, persino pericolosa. Ci sono ancora molte persone che non appartengono alle comunità e la paura regna. Anche giovedì i compagni dell’UTT sono andati in visita e hanno detto che la maggior parte delle famiglie ha lasciato le proprie case per paura di rappresaglie o persecuzioni”, aggiunge.

Crimine Verde

“Quando la folla è arrivata, i membri della comunità hanno cercato di parlare con i malviventi. Ma i malviventi erano armati e hanno iniziato a picchiarli e a sparare. Mentre fuggivano nella boscaglia, alcuni sono stati feriti alla schiena. Questi dipendenti stavano cercando di espropriare la comunità di una parte significativa del suo territorio. Le famiglie vivono sotto minaccia”, spiega Lucas Tedesco, del coordinamento nazionale dell’UTT, che ha visitato il territorio la scorsa settimana.

Tedesco descrive una situazione geopolitica complessa. L’azienda tedesca è coinvolta nel business dei green bond richiesti dall’Europa. Per ottemperare a queste presunte normative ecologiche dei Paesi sviluppati, l’azienda acquista terreni attraverso partner locali per piantare specie straniere (pini o eucalipti), distruggendo la foresta autoctona. Distrugge anche le comunità locali che producono cibo. Le aziende ottengono documenti di proprietà poco chiari, avallati dallo stesso sistema giudiziario che fa saltare le procedure di regolarizzazione delle terre per le comunità. Di fronte alla resistenza e all’occupazione storica delle famiglie contadine, assoldano bande armate di giovani nei quartieri marginali di La Banda o Santiago del Estero. Uno schema che può già essere descritto come “narco-paramilitarismo”, come sta accadendo da tempo in Messico e in Colombia.

“Attraverso i rapporti di dominio, scoprono chi è stato l’ultimo presunto proprietario di un certo numero di ettari, contattano i suoi discendenti ed effettuano transazioni che non sempre sono legali, chiare o eque per le comunità interessate. Questo ha generato disperazione e sfollamento forzato tra le famiglie locali”, spiega Tedesco. “La storia della nostra provincia è molto segnata dai conflitti fondiari, che si sono aggravati a partire dagli anni ’90 con l’avanzata dell’agroalimentare. È anche per questo che i movimenti contadini, come il MOCASE, sono emersi con tanta forza in difesa della terra”, spiega Escobar.

Una lunga storia di impunità

Sono numerosi i conflitti nella lotta contadina a Santiago del Estero. Il caso più emblematico è quello di Cristian Ferreyra, un ventiduenne assassinato in un incidente simile a quello avvenuto la scorsa settimana a Figueroa. L’autore dell’omicidio ha ricevuto una condanna a soli dieci anni, mentre sono stati rilasciati i membri della banda che ha sostenuto le molestie, un poliziotto accusato di aver fornito le armi e l’imprenditore responsabile, Jorge Antonio Ciccioli.

“Ci sono molte aziende coinvolte nel conflitto nel nord del Paese. Ma c’è un sistema giudiziario molto lento, che non rispetta i territori che sono stati dichiarati come comunità indigene, che non rispetta la legge del possessore di vent’anni nel caso delle famiglie contadine”, denuncia Escobar. All’avanzata dell’agrobusiness si aggiunge ora quella dell’economia “verde”. “Negli ultimi tempi, l’estrattivismo sta avanzando sotto forma di imprese verdi, imprese internazionali con capitale e partner nazionali e provinciali che, per emettere meno carbonio e nell’ambito di obbligazioni verdi, vengono a svolgere attività forestali tra virgolette. Perché queste aziende, e in questo caso l’azienda tedesca, acquista 30.000 ettari, anch’essi tra virgolette, con famiglie e comunità all’interno, con l’obiettivo di rimboschire i boschi di Santiago, che sono già boschivi”, spiega.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

AGROINDUSTRIAargentinacrediti carbonioESTRATTIVISMOgreen washingterra

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Costruendo un ponte verso il caos climatico

La 28a Conferenza delle Parti (COP28) delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (UNFCCC) è iniziata ieri a Dubai, non proprio sotto i migliori auspici.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

END FOSSIL – Occupy!

Sono settimane di occupazioni per il clima nelle università italiane che hanno aderito alla campagna di End Fossil, rete internazionale per la mobilitazione di studenti e studentesse che, in Italia, hanno occupato l’Università di Pisa e la Sapienza di Roma.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Appesi al tetto dell’Oval: Extinction Rebellion contesta la fiera dell’aerospazio e della difesa.

Cinque attivisti di Extinction Rebellion e Fridays for Future si sono appesi questa mattina dal tetto dell’Oval, reggendo un gigantesco striscione “Qui si finanzia guerra e crisi climatica”, mentre decine di metri più in basso si svolgeva una delle più grandi fiere mondiali del settore aerospaziale e degli armamenti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Guerra e clima: Extinction Rebellion ostacola l’accesso all’Aerospace and Defence Meeting

Vestite da astronaute, tre attiviste di Extinction Rebellion si sono appese alla passerella olimpica di Lingotto, per ostacolare l’accesso all’Aerospace and Defence Meeting, la conferenza mondiale su aerospazio e industria bellica. Srotolate due grandi bandiere della pace e uno striscione con scritto: “Guerra sulla Terra, Affari sulla Luna”. Alla cerimonia di apertura presente anche il Ministro dell’Economia Giorgetti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Com’era verde la mia valle

21nov23 In Clarea, calpestati e persi per sempre pezzi di storia!

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Marcia popolare No Tav: venerdì 8 dicembre Susa-Venaus.

Da sempre l’8 dicembre per il Movimento No Tav è un momento di ricordo della grande giornata di lotta e resistenza del 2005 ma è soprattutto uno sguardo che dal passato volge al futuro per continuare la battaglia contro il progetto del treno ad alta velocità Torino Lione.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Verso un dicembre in lotta per la difesa delle nostre montagne!

Oggi pomeriggio alle 18 in aula Breack – Campus Luigi Einaudi di Torino ci sarà la presentazione dell’8 dicembre in Val Susa e del 16-17 dicembre nelle Alpi Apuane!

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Le montagne non ricrescono. Fermiamo l’estrattivismo in Apuane e ovunque

Condividiamo di seguito l’appello alla mobilitazione in difesa delle Alpi Apuane del 16 dicembre a Carrara.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Un altro morto nei cantieri Tav francesi

Nel silenzio delle testate di informazione italiane, anche locali registriamo un altro morto nei cantieri geognostici della Torino Lione in Francia. E’ un ragazzo di 31 anni, dipendente della ditta Vinci, colosso delle costruzioni francese che lavorava nel cantiere di Saint Martin la Porte.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: confermata l’estradizione in Cile dell’attivista mapuche Jones Huala

Questo martedì la Corte Suprema di Giustizia argentina ha emesso un verdetto con cui convalida l’ordine d’estradizione in Cile del lonko mapuche Facundo Jones Huala, detenuto da gennaio nel carcere penale federale di Esquel, Chubut, nell’ambito di una causa penale realizzata nel paese transandino e sulla cui legalità ci sono più che troppi sospetti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina dal basso

Con il trionfo di Javier Milei si chiude un ciclo della politica argentina, quello che si aprì nel dicembre del 2001 con l’insurrezione popolare che abbatté il governo di Fernando de la Rúa e le sue politiche neoliberali senza anestesia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Panama: Crisi per l’estrattivismo minerario

Panama entra nella sua quarta settimana di Sciopero Nazionale.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Agricoltura e biodiversità possono coesistere?

Per liberare terra per la conservazione della biodiversità soddisfacendo al contempo la crescente domanda di cibo, le narrazioni tecno-ottimistiche suggeriscono di aumentare indefinitamente la produttività agricola, anche attraverso l’uso massiccio di pesticidi.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Raccogliere la lotta: voci di resistenza agroecologica

Da una scuola recuperata da una comunità mapuche ranquel, ora convertita in un progetto agroecologico, diverse organizzazioni, assemblee e la stessa comunità Rupu Antu Linkoln hanno discusso del futuro ambientale del Paese.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dopo massicce proteste il presidente panamense annuncia un referendum sul contratto minerario

Il mandatario ha anche annunciato che il Governo eleverà a legge la proibizione, a livello nazionale, dell’attività mineraria metallica.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Panama: La polizia reprime nuovamente il corteo contro lo sfruttamento minerario

I manifestanti chiedono l’abrogazione del contratto minerario Legge 406 che darebbe una concessione per 20 anni alla canadese First Quantum, che vuole sfruttare il rame.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

2.6 Radura || Polvere. L’industria estrattiva sulle Alpi Apuane

In questa nuova puntata di Radura torneremo a parlare di montagna ed estrattivismo.