InfoAut
Immagine di copertina per il post

Turchia: Erdogan tenta di delegittimare la vittoria di Dem nel sud-est del paese. Manifestazioni e scontri

Proseguono i tentativi del sultano Erdogan e del suo partito AKP di delegittimare i risultati espressi nel voto per le elezioni amministrative del fine settimana. I dati definitivi confermano la batosta per Erdogan. Il Sultano ha perso a Istanbul, Ankara e in tutte le maggiori città. “È finito il declino della democrazia, che resiste contro il crescente autoritarismo”, ha detto il sindaco di Istanbul Imamoglu, leader del chemalista Chp, ora proiettato verso le presidenziali 2028. I sostenitori dell’opposizione hanno fatto festa per tutta la notte.

Nel sudest ottimo risultato per Dem, la sinistra curda e turca che rappresenta ora la terza forza politica a livello nazionale nonostante violenze e repressione da parte del regime. Il partito Dem – il nuovo Hdp, che era stato chiuso mesi fa da Ankara – in questa tornata ha riconquistato diversi centri del Kurdistan settentrionale i cui co-sindaci erano stati commissariati, arrestati e sostituiti da politici fedeli a Erdogan.

Tutto questo, però, si sta già ripetendo in queste ore: le autorità turche hanno negato il mandato al neoeletto sindaco di Van per il partito Dem, Abdullah Zeydan. Ha vinto con il 55,4%. Ankara sostiene che una precedente sentenza del Consiglio elettorale turco gli impedisse di potersi candidare. Al suo posto Ankara vuole imporre il secondo classificato, esponente del partito Akp di Erdogan, che aveva preso il 27%. Ozgur Ozel, il segretario generale del Chp, ha affermato che con questa decisione “è stata tesa un’imboscata” alla popolazione di Van, in quanto Abdullah Zeydan aveva ottenuto tutti i documenti necessari per candidarsi, la sua nomina era stata accettata e aveva fatto campagna elettorale per mesi. Nella città sono in corso manifestazioni e scontri da stamattina. La polizia ha arrestato il sindaco eletto Zeydan.

Commentiamo quanto sta accadendo in queste zone con Ylmaz Orkan, dell’ufficio informazione Kurdistan in ItaliaAscolta o scarica

da Radio Onda d’Urto

Partito DEM : Esortiamo il governo AKP a rispettare la volontà della popolazione di Van

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della Giustizia, il partito DEM ha invitato il governo a rispettare la volontà della popolazione di Van.

In una dichiarazione scritta, il Comitato esecutivo centrale del Partito per l’uguaglianza e la democrazia dei popoli (Partito DEM) ha dichiarato: “Il nostro partito ha ottenuto una vittoria storica nelle elezioni amministrative tenutesi il 31 marzo 2024 a Van. La gente di Van ha affidato tutti i quattordici comuni, compresa la municipalità metropolitana, al partito DEM, affermandolo con un margine significativo come partito leader nell’Assemblea generale provinciale.L’elettorato di Van ha espresso con decisione la sua risoluta volontà alle urne, una risposta clamorosa al regime fiduciario.”

La dichiarazione prosegue: “Nonostante un mandato così chiaro da parte dell’opinione pubblica, a Van si stanno attuando nuove azioni illegali, come è avvenuto in molti comuni dell’HDP dopo le elezioni del 2019. Nella municipalità metropolitana, dove il partito DEM ha ricevuto il 55% dei voti e l’AKP solo al 27%, al nostro eletto co-sindaco del partito DEM della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato negato l’incarico e sostituito dal candidato dell’AKP.

Come è ampiamente noto, il signor Zeydan ha completato tutte le procedure legali necessarie e ha ottenuto con successo l’approvazione della candidatura da parte del Consiglio elettorale supremo (YSK) dopo un rigoroso esame. Il signor Zeydan ha ottenuto un sostegno sostanziale dalla gente di Van ed è stato regolarmente eletto.

Tuttavia, solo cinque minuti prima della chiusura dei lavori di venerdì 29 marzo 2024 e appena due giorni prima delle elezioni, il Ministero della Giustizia, attraverso una decisione amministrativa e una corrispondenza, ha contestato le credenziali legali del signor Zeydan, che ha avuto ripristinati tutti i diritti civili con una decisione del tribunale quando è stato rilasciato dal carcere nel 2022.

In seguito alla decisione amministrativa e alla lettera di opposizione di venerdì, che era essenzialmente una direttiva, la procura autorizzata ha ripresentato la questione al tribunale che aveva emesso la decisione di ripristinare i suoi diritti civili due anni fa. Lo stesso giorno, il tribunale ha revocato la propria precedente decisione e ha respinto la richiesta di diritti civili del signor Zeydan; e hanno informato preventivamente l’YSK prima della formalizzazione della loro nuova decisione revocata, limitando così il diritto di opposizione e di ricorso. Lo stesso tribunale che inizialmente si era pronunciato a favore del ripristino dei diritti civili del nostro co-sindaco, Abdullah Zeydan, ha annullato la sua decisione. Questa manovra riflette una mentalità che non tiene conto del mandato del popolo. Il signor Zeydan ricopre di diritto la carica di co-sindaco della municipalità metropolitana, conferitagli dalla gente di Van.

Esortiamo tutte le parti a riconoscere questo fatto. Questa sentenza errata deve essere tempestivamente ribaltata. Tali azioni che si fanno beffe della volontà della popolazione di Van, sono illegali. Invitiamo tutti i sostenitori dei principi democratici a condannare questa linea di condotta. Rispettare la volontà del popolo è fondamentale per l’essenza della democrazia.

Chiediamo che il governo onori il mandato del popolo!”

da Rete Kurdistan

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

elezionierdogankurdistanturchia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le elezioni USA: non solo uno scontro tra un “rimbambito” e un “delinquente”

Dopo il Super Tuesday del 5 marzo, la partita delle primarie presidenziali negli Stati Uniti si è chiusa con lo scontato risultato della vittoria di Biden da un lato e di Trump dall’altro, che quest’estate verranno incoronati quali candidati per la corsa del novembre 2024 nelle Conventions dei rispettivi partiti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

In un recente comunicato, l’Assemblea Comunitaria di Puente Maderas, Municipio de San Blas Atempa, Oaxaca, intitolato significativamente “Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione”, ribadisce il suo rifiuto fondato e il suo impegno di resistenza alla megaopera del Corridoio Interoceanico dell’Istmo di Tehuantepec.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’obiettivo finale di Netanyahu e le ambizioni regionali dell’estrema destra israeliana

Gli eventi degli ultimi giorni suggeriscono che potremmo vedere prendere forma l’obiettivo finale di Israele. Gli obiettivi del governo di estrema destra di Netanyahu non si limitano a Gaza: vuole conquistare tutta la Palestina e iniziare una guerra anche con Hezbollah e l’Iran.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: cariche alla manifestazione contro il concerto “in onore” dei 75 anni della NATO. 10 gli attivisti feriti

Scontri e feriti alla manifestazione contro la Nato e le politiche di guerra, 10 i manifestanti feriti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sudamerica: crisi diplomatica dopo l’assalto della polizia ecuadoregna all’ambasciata del Messico a Quito.

Il presidente messicano Obrador ha annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche con l’Ecuador, dopo che la polizia ha fatto irruzione nell’ambasciata messicana a Quito per arrestare l’ex vicepresidente Jorge Glas, legato all’ex presidente Correa, da tempo rifugiatosi in Europa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Raid israeliano a Damasco: un quadro degli attori e delle strategie nel conflitto in Medio Oriente.

Proviamo a dare un quadro del clamoroso attacco dell’esercito israeliano contro la sede consolare iraniana nella città di Damasco (Siria), avvenuto lunedì 1 aprile, a cui ha fatto seguito l’attacco israeliano contro i convogli umanitari della WCK del 2 aprile.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Tribunale della libertà conferma gli arresti per Anan, Alì e Mansour

L’Italia conferma la propria collaborazione con il progetto israeliano di repressione della resistenza palestinese. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Alcune valutazioni post elezioni in Turchia.

Con Murat Cinar facciamo il punto sulle condizioni delle elezioni in Turchia e gli scontri tra popolazione e forze dell’ordine nei giorni immediatamente successivi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia si arma. Diretta con i portuali di Genova.

«Il Collettivo Autonomo dei Lavoratori Portuali (CALP) di Genova ha denunciato un nuovo sbarco di mezzi militari nel porto ligure, arrivati a bordo di una delle navi della compagnia saudita Bahri (le “navi delle armi”) e diretti a Camp Darby.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il PKK è un’organizzazione terroristica?

Il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e il suo cofondatore e leader di lunga data, Abdullah Öcalan, sono stati per molti anni nella lista dei terroristi degli Stati Uniti e dell’Unione Europea (UE).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kurdistan: filmato di 70 minuti sull’operazione di guerriglia rivoluzionaria a Zap

Il 12 gennaio Gerîla TV ha diffuso un filmato di 70 minuti dell’operazione di guerriglia rivoluzionaria nella regione di Zap, nel Kurdistan meridionale.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Costante trumpista: la guerra civile latente negli Stati Uniti

In molti avevano creduto che dopo i fatti di Capitol Hill il trumpismo come fenomeno politico sarebbe stato archiviato, presentandosi al limite nelle forme di un estremismo suprematista tanto più radicale quanto residuale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kurdistan: Gerîla TV pubblica un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê

Gerîla TV ha pubblicato un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê verso la fine di dicembre, in cui sono stati uccisi decine di soldati.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

SDF: gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un atto di aggressione barbara e terroristica

Gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un “atto di aggressione barbarica e terroristica”, lo hanno affermato le SDF in una nota. Questa mattina la Turchia ha continuato ad attaccare la regione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rojava: Foza Yûsif invita alla mobilitazione “Dichiariamo la resistenza totale”

Invitando alla mobilitazione contro lo Stato turco occupante, Foza Yûsif, membro del Consiglio di co-presidenza del PYD, ha dichiarato: “Dichiariamo la resistenza totale”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unità operativa rivoluzionaria di guerriglieri a Zap: “Noi non ci arrenderemo, ma il nemico sì”

Gerîla TV ha pubblicato un filmato del gruppo d’azione Girê Şehîd Pîrdogan che ha preso parte all’operazione rivoluzionaria per espellere l’esercito turco dalla regione occidentale di Zap, nelle zone di difesa di Medya controllate dalla guerriglia nel Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale).