Rivolta nelle universita' albanesi: intervista ad un attivista del movimento (parte 2)

Stampa

Pubblichiamo la seconda parte di una intervista ad un compagno attivo nelle mobilitazioni in corso in Albania. Nel settore universitario del paese è in corso una protesta che, partita da alcune dimensioni unicamente relative all'ambito della formazione, si sta estendendo ad una messa a critica dell'intero sistema politico e sociale albanese, in particolare del sistema dei partiti. Qui la prima parte. Buona lettura.

||||
|||| ||||

Hai detto che uno degli slogan della protesta degli studenti è "Vogliamo l'Albania come il resto d'Europa", in riferimento ai requisiti di acessibilitá e di qualitá del sistema universitario. Chiaramente, la qualitá del sistema universitario albanese non si avvicina nemmeno lontanamente a quella degli stati dell'Unione Europea, ma così facendo non si rischia di fraintendere l'UE per un luogo in cui certe contraddizioni non esistono? Anche i sistemi universitari europei, e in primo luogo quello italiano, hanno centinaia di problemi che vanno dalla corruzione al clientelismo, dal nepotismo all'uso ideologico dell'accademia come legittimazione dello stato delle cose presenti. Per non parlare delle pesanti misure repressive adottate dalla polizia o direttamente da certi rettorati per impedire l'attivitá politica degli studenti.

È  vero che cosi facendo s'incorre nel rischio di venire sussunti dall'ideologia dominante, che vorrebbe l'occultamento di ogni contraddizione e che rappresenta la realta' come organica e armonica, in cui la vita si svolge nei migliore dei modi, dove chiunque ha il suo ruolo e non esistono contraddizioni e classi. Molti studenti però non lo capiscono, anche perché i loro principali canali di contatto con l'Europa passano attraverso la televisione, Internet o dalle loro brevi visite che compiono in questi paesi. Se questi andassero a vivere un po' di tempo in questi luoghi, la loro idea cambierebbe di sicuro, ma solo dopo aver constatato da solo che la realta e' estremamente diversa da quella descritta dalle riviste, dalla tv o da Internet. Io ho studiato in'Italia dal 2004 al 2012 e so che la realta' di questi luoghi e' completamente diversa da quello che si dice o che si pensa. Ricordo di aver preso parte a molte lotte studentesche contro la riforma Gelmini. In'italia ci sono molti problemi che riguardano i diritti degli studenti e pure le loro liberta' politiche, come anche gli alti costi dell'istruzione.

Nei fatti, come ogni movimento è a suo modo composito e spurio. A dimostrazione di questo va ricordato che uno degli altri slogan gridati dalle piazze questi ultimi giorni è stato "No al dialogo, no ai negoziati, riducete le tariffe, stronzi!". Questo a dimostrazione che il conflitto che segna la linea di demarcazione tra le rivendicazioni degli studenti e la posizione del governo europeista di Rama sta diventando man mano più profondo e sembra non lasciare altri sbocchi che quello dell'annullamento della riforma universitaria del 2015. Pena la caduta del governo o come minimo l'inizio di negoziati che vedrebbero in grosso svantaggio Rama e l'intero gabinetto.

Edi Rama, dal canto suo, aveva ampiamente sottovalutato la protesta. All'inizio il suo atteggiamento é stato molto arrogante e facilone, e con queste pretese era giunto a liquidare la piazza come "movimento dei pluribocciati", per poi rendersi conto, in maniera molto infantile, che la realtá del movimento era molto più ampia e il disagio alle sue fondamenta molto profondo di quanto si aspettasse. I suoi ultimi post fb lasciando intendere molto bene questo andamento. Sentitosi braccato dalle piazze degli universitari, ai quali nel frattempo si sono uniti tantissimi liceali e semplici cittadini, ha infatti promesso che il pagamento delle tariffe verrá sospeso.

Il movimento però é deciso, e non sembra volersi fare incantare dalle sue promesse o da qualche pallida posizione di studenti "integrati e di successo" per cui le rivendicazioni degli studenti "non sono nulla a confronto dei doveri dell'universitá e a confronto di quello che il governo può offrire". Il movimento è riuscito peraltro é riuscito a resistere anche agli intrighi di Berisha e dei suoi squadristi, portando in larga parte solidarietá ai compagni aggrediti negli scorsi giorni e, come pure in queste ultime ore, anche a quelli colpiti dalle misure repressive adottate dalla procura di Tirana.

Ma a noi e agli studenti del resto d'Europa cos'è che può insegnare questo movimento?

Rama non ha ancora accettato le richieste degli studenti, lui chiede il dialogo e la creazione di una piattaforma per lo svolgersi dei negoziati. Gli studenti, dal canto loro, hanno risposto che non ci possono essere negoziati e che le loro richieste devono essere accettate tout court. Infatti in una democrazia, la rappresentativita' puo' essere solo di natura amministrativa, procedurale, e mai sostanziale. Noi non vogliamo negoziare per quello che riguarda gli aspetti sostanziali delle nostre rivendicazioni. Per dirla con le parole di Rousseau "La volonta non puo' essere in alcun modo manifestata se non direttamente da noi".

Quello che vorrebbe Edi Rama, nei fatti e' di uscire vincitore, da questa battaglia e ha gia' perso. Lui vorrebbe apparire agli occhi del popolo come d'accordo con gli studenti, e non come quello che si e' arreso a loro senza condizioni. Rama e il suo partito cercano di attirare, in maniera furtiva, gli studenti nelle loro giovanili, per creare una artificialmente una rappresentanza in grado di negoziare con lui. E non solo lui ma anche le giovanili degli altri partiti d'opposizione. comunque sia gli studenti non accetteranno la creazione di piattaforme del genere da parte dei partiti, siano anche esse dell'opposizione.

Gli studenti non possono avere una rappresentanza, anche per il fatto che sanno gia' che, qualunque tipo di rappresentanza, sarebbe corruttibile o comunque mendace. E le contraddizioni si sono inasprite a tal punto che e' impossibile negoziare. Nemmeno Berisha e gli altri, sono riusciti a dividere gli studenti. Durante la scorsa manifestazione, per esempio, gli studenti hanno spontaneamente cancellato i simboli dei tre partiti principali: PD, PS, LSI. Questo in aggiunta alla solidarieta' verso il movimento e i suoi attivisti. Gli studenti del resto d'Europa non hanno nulla da imparare da questo movimento, se non quello che ha gia' insegnato la storia, cioe' che solo l'organizzazione e l'unita' possono permette la conquista di molte cose.

Il movimento per l'università è da anni che cerca di consapevolizzare gli studenti in merito ai rischi che comporta la riforma universitaria, la quale conseguenza e' la crescita delle tariffe, la scomparsa dell'autonomia universitaria, la rovina della democrazia studentesca etc. Dopo molti anni di organizzazione e di opposizione in strada e nelle aule, è infine arrivato il giorno in cui gli studenti si sono sollevati a centinaia di migliaia. Tutto questo dopo 25 anni durante i quali non si erano mai viste proteste cosi' grandi e tenaci. Questo insegna che li', anche dove sembra non esserci speranza, se ci sono organizzazione e coraggio, allora questa speranza ormai perduta puo' tornare per dare nuovo respiro alla lotta per una societa' formata da liberi e uguali.

Le disparità di classe si sono inasprite parecchio questi ultimi anni, questo grazie anche al contributo del governo che ha sempre assecondato le richieste dei padroni e degli oligarchi. Nel caso questi scontri si concretizzino in una buona organizzazione con delle vertenze inalterabili, allora ogni lotta puo' essere vinta. Le sinistre europee sono spesso frammentate e malorganizzate, nel caso si voglia lottare per una societa' diversa, andrebbero messe da parte le piccole differenze e unirci. Dato che i nostri nemici restano sempre e comunque lo stato e il capitale. Solo cosi' possiamo sconfiggerli ovunque.

Un altro problema che accomuna voi e altri paesi della penisola balcanica é quello che riguarda l'emigrazione verso i paesi dell'UE, che non coinvolge solo i lavoratori, ma anche numerosissimi studenti. È un problema che tocca pure l'Italia, anche se diversamente. La risposta a questo è senza dubbio la lotta, ma questo significa anche opporsi a quei politici balcanici che dicono nei loro paesi di provenienza che l'unica alternativa alla corruzione e alle insufficienze del sistema economico siano l'integrazione euro-atlantica o l'emigrazione.L'Unione Europea non è in qualche modo responsabile di questo assieme a questi politici? 

Mi viene da pensare che l'esempio più chiaro di questo sia proprio Edi Rama, che per guadagnarsi la simpatia degli europei e accelerare il processo di integrazione euroatlantica, descrive l'Albania all'estero (penso a certe interviste rilasciate a vari talk show in Italia) come una vera e propria utopia per gli investitori e gli avventurieri di ogni sorta, vista la mancanza di moltissime garanzie sindacali e politiche per i lavoratori e la grande corruzione.

Il problema che riguarda l'allontanamento dei lavoratori e degli studenti e' una vera propria emergenza nazionale, mentra stiamo discutendo, migliaia di questi si stanno gia' allontanando dal paese.  Si parla in particolare dei lavoratori specializzati, dei medici, degli infermieri, degli ingegneri, dei tecinici, insomma del cervello del nostro paese. E' vero che questo e' un problema di molti altri paesi dei Balcani, in una situazione simile sono Bosnia ed'Erzegovina, Serbia e Kosovo. Ma il caso dell'Albania supera tutti gli altri paesi.

I motivi sono chiaramente molteplici, ma principalmente la disoccupazione, il lavoro senza garanzie, le basse puste baghe, e la mancanza totale di organizzazioni sindacali che dovrebbero assicurare il miglioramento delle condizioni lavorative e tanto altro ancora.. Secondo uno studio condotto in questi ultimi giorni la maggioranza sei medici emigra verso la Germania, vista la mancanza di prospettive per il futuro, come conseguenza dei motivi sopra elencati. E' vero anche che alla radici di questo c'e' la politica dello pseudosocialista Rama, che ha invitato molti investitori stranieri a venire in'Albania, adducendo al fatto che non ci sono sindacati e il mercato del lavoro sia il piu' libero d'Europa.

Le nostre madri oggi lavorano nelle imprese tessili italiane per 150 Euro al mese, 9 o 10 ore al giorno, senza assicurazioni in molti casi, e con un solo giorno libero a settimana. Rama e' semplicemente il rappresentante politico degli oligarchi e dei grandi padroni, che siano albanesi o stranieri. Una delle nostre lotte principali condotta contro queste politiche di devastazione, e' la creazione di un sindacato operaio, lotta che conduciamo ormai da tempo e che speriamo di poter vincere assieme ai lavoratrici e ai lavoratori dei call center e a quelli delle imprese tessili.

Il governo continua a dire che la soluzione a tutti i nostri problemi e' l'integrazione nell'UE, come se nell'Unione Europea non ce ne fossero. Anche in Europa oggi si affrontano gli stessi problemi nostri problemi, come i bassi salari, la corruzione sindacale, il lavoro malpagato etc. Per quando riguarda noi le istituzioni europee sono altrettanto colpevoli di questa situazione quanto lo e' il governo, che continua a chiudere occhi e orecchie sullo sfruttamento, le ingiustizie, la corruzione, la distruzione del nostro ambiente e la sua trasformazione in un immenso orto adibito alla coltivazione della marijuana.

Cosa vorreste dire ai giovani della diaspora albanese in Europa?

Per quanto riguarda loro, vorremmo indirizzare una critica, ma anche un consiglio. Spesso la diaspora albanese in Europa, dato che non vive qua, quando torna per le vacanze si stupisce per alcuni cambiamenti estetici che il governo e i comuni compiono alla fisionomia delle citta', sistemando le facciate dei palazzi, le piazze e le strade. Vorrei pregarli, quando giudicano l'operato del governo, di non limitarsi al lato estetico, e di non esaltarsi per la riverniciatura dei palazzi o di alcune piazze, ma di giudicare in maniera piu' profonda la situazione.

Andrebbe ricordato loro che le loro madri e sorelle vengono pagate nelle filande soli 150 euro al mese, e che lavorano 9 o 10 ore al giorno, qua non ci sono sindacati che difendono i loro diritti. E gli studenti albanesi pagano le tariffe universitarie piu' care d'Europa, nonostante i salari siano anche i piu' bassi d'Europa, pure il prezzo della luce e' uno dei piu' alti se comparato a quello degli altri paesi nonostante il nostro paese sia uno dei paese con le piu' grandi risorse idroelettriche e idriche.Non abbiamo nemmeno acqua potabile nelle condutture.. Queste cose dovrebbero fare innervosire la nostra diaspora. Anche loro posso fare pressioni sul governo, coi mezzi a loro disposizione, affinche' tutto questo cambi.

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons

});})(jQuery);