"Proteggo il mio popolo": i cittadini tribali difendono i posti di blocco contro il coronavirus tra le minacce dello Stato

Stampa

Abbiamo tradotto questo interessante articolo da indianz.com che tratta del conflitto in corso tra alcune riserve di nativi americani e la governatrice repubblicana dello stato del Dakota del Sud sulle misure di autotutela assunte dai Sioux. Mentre negli USA i numeri dei contagi da Coronavirus continuano a salire e la base trumpiana porta avanti la sua crociata negazionista anti-lockdown alcune comunità native del Dakota del Sud hanno organizzato forme di auto-isolamento delle riserve per evitare l'ingresso del virus. Buona lettura!

||||
|||| ||||

Domenica ad un posto di blocco polveroso e ventoso nel cuore delle Badlands del South Dakota, una madre di tre figli di 41 anni del Lakota ha tenuto la mano alta mentre un'auto piena di turisti si fermava e le chiedeva di passarle accanto.

Al di là del checkpoint si trovava la riserva di Pine Ridge, le terre d'origine del popolo Oglala Lakota, il popolo di Francisca Tobacco. Le persone che chiamava cugina, mamma, papà, nonna, nonno.

Mentre si avvicinava alla macchina, chiese a quelli dentro perché volessero entrare nella riserva.

Siamo turisti, hanno detto.

Chiese loro di aggirare la riserva, suggerendo che viaggiassero a ovest e poi a sud attraverso il Nebraska. Ha detto loro che la sua tribù sta cercando di proteggere la sua gente dalla diffusione di COVID-19. Hanno acconsentito.

"Sono qui solo per la nostra gente", ha detto a Indianz.Com. "Proteggo la mia gente".

Ma non tutti credono che la tribù abbia il diritto di bloccare il traffico che porta alla riserva.

Venerdì, il governatore del Sud Dakota Kristi Noem ha rilasciato un ultimatum ai leader delle tribù Sioux Oglala e Cheyenne River del suo stato: abbattere i checkpoint o affrontare azioni legali.

Ha dato loro 48 ore per farlo, una scadenza che si è conclusa domenica.

Sabato, un gruppo di veterani e cittadini tribali di Oglala Lakota si è riunito in un centro comunitario a Manderson e ha discusso su come rispondere all'ultimatum di Noem.

Bryan Brewer, ex presidente della tribù Oglala Sioux, ha dichiarato che il gruppo ha deciso di riunirsi in occasione della festa della mamma ai sei posti di blocco attualmente gestiti dalla tribù sulle autostrade che conducono alla riserva.

Il Consiglio tribale di Oglala Sioux aveva precedentemente votato di assumere una società di sicurezza privata per gestire quei posti di blocco, e Brewer ha detto che i membri della comunità che si sono recati a quei posti di blocco domenica non erano lì per interferire con il funzionamento dei posti di blocco.

"Siamo qui solo nel caso in cui arrivi la Guardia Nazionale o qualcun altro", ha detto a Indianz.Com domenica.

Dall'altra parte della riserva di Pine Ridge, si sono diffuse voci che Noem avrebbe inviato i soldati della Guardia Nazionale del Sud Dakota alla riserva per abbattere i posti di blocco della tribù.

Ma da domenica sera tardi, nessuno era arrivato.

Brewer ha detto che circa 50 persone si sono radunate in un posto di blocco vicino a Batesland, nel Dakota del Sud, lungo la US Highway 18, tra cui alcuni membri del consiglio tribale.

Un volontario, Lloyd Elk, ha dichiarato di aver viaggiato dall'Idaho per sostenere la sua popolazione di Oglala Lakota. Un veterano dell'esercito degli Stati Uniti, ha detto che la sua lealtà sta prima nel suo popolo.

"Prima sono Lakota", ha detto. "Questo è il motivo per cui sono qui."

tashinagleskawin

Brewer ha affermato che quelli riuniti ai posti di blocco in tutta la riserva sono disposti a intraprendere qualsiasi azione necessaria per prevenire l'invasione dello stato nelle loro terre tribali.

"L'ultima cosa che vogliamo è per un conflitto armato o qualcosa del genere, ma non permetteremo alla Guardia Nazionale di entrare e abbattere i nostri confini o aprirli", ha detto.

A partire da domenica, il Dakota del Sud ha avuto 3.517 casi positivi di coronavirus e ha subito la morte di 34 persone. Molti dei casi positivi sono collegati a un impianto di lavorazione della carne di maiale Smithfield Foods a Sioux Falls, dove un focolaio di lavoratori ha causato 1.098 casi e due morti.

Brewer ha affermato che gli sforzi della tribù per prevenire la diffusione del coronavirus - compresi gli ordini di soggiorno a casa e punti di controllo in tutti i principali ingressi della riserva - hanno effettivamente fermato il virus ai confini della riserva. La tribù ha visto solo un caso positivo di coronavirus, un membro non tribale che aveva viaggiato a Denver e che la tribù ha bandito a causa delle preoccupazioni che aveva violato le misure di salute tribale in partenza e poi di ritorno da un luogo colpito duramente dal virus.

"Non abbiamo alcun caso qui. Eppure vuole aprirla”, ha detto Brewer di Noem. "Non riesco a capire perché voglia mettere in pericolo tutti noi. Siamo cittadini dello stato del South Dakota. Eppure siamo trattati in questo modo anche se viviamo nella nostra stessa terra, una nazione sovrana. "

bryanbrewer copia

Ha detto che teme che il coronavirus infetti vaste aree della popolazione di Oglala Lakota se ottiene un punto d'appoggio nella riserva a causa delle condizioni di vita anguste - molte case hanno più famiglie che vivono in esse - e gravi condizioni di salute di base vissute da molti membri tribali che li rendono più sensibili al coronavirus.

"Se viene qui, si diffonderà molto in fretta", ha detto. "Questo è il motivo per cui non possiamo lasciarlo entrare. Dobbiamo mantenere la nostra riserva al sicuro."

Quasi 220 miglia a nord di Batesland, in Eagle Butte, nella riserva del fiume Cheyenne, anche il presidente Harold Frazier ha resistito domenica.

Ha detto che lo stato del South Dakota non ha l'autorità per controllare i viaggi sulle autostrade statali che attraversano la riserva del fiume Cheyenne. Solo la tribù ha questo diritto, ha detto Frazier a Indianz.Com.

"Questa è la nostra terra", ha detto. "Abbiamo giurisdizione. Abbiamo l'autorità per farlo."

Un gruppo di legislatori del Sud Dakota ha espresso sostegno domenica per gli sforzi dei leader tribali per fermare l'invasione dello stato sulle loro terre.

In una lettera bipartisan firmata da 17 membri del Congresso del Sud Dakota, i legislatori hanno criticato Noem per aver agito in modo conflittuale e provocando una crisi costituzionale nei suoi sforzi per far rispettare la legge statale entro i limiti di una riserva.

Hanno messo in dubbio l'affermazione del governatore secondo cui le tribù non hanno l'autorità di stabilire posti di blocco all'interno della loro terra, citando il 1851 e il 1868 Ft. Trattati di Laramie e una decisione della Corte d'appello dell'8 ° Circuito del 1990, secondo cui lo stato del South Dakota non ha giurisdizione sulle autostrade che attraversano le terre tribali.

"Non desideriamo essere parte di un'altra causa che alla fine costerà più denaro alla popolazione del Dakota del Sud", hanno scritto i legislatori. "Desideriamo lavorare con tutte le parti coinvolte per una soluzione ragionevole, legale e appropriata che affronti le preoccupazioni di tutte le sovranità coinvolte."

indianz

Ma Frazier ha affermato di non avere alcun desiderio di negoziare con Noem sulla questione dei checkpoint tribali.

"Questi posti di blocco non verranno sciolti, non importa quello che dicono", ha detto. "Non stiamo causando alcun danno. Non stiamo facendo nulla di dannoso. Stiamo cercando di salvare delle vite ".

Ha detto che la sua tribù è pronta a intraprendere qualsiasi azione necessaria per impedire allo stato di chiudere i suoi posti di blocco - che considera baluardi contro l'assalto di una pandemia globale. E ha detto che non avrebbe tollerato la presenza di soldati della Guardia Nazionale nella riserva.

"Se entrano e fanno in qualche modo tentativi, li arresteremo", ha detto. "Penso che sia altamente improbabile che ci provino."

indianz2

Ha detto che la tribù sta permettendo la maggior parte del traffico attraverso la riserva, incluso il traffico commerciale e gli abitanti della zona che cercano di passare, ma il personale del checkpoint ha respinto i viaggiatori provenienti da aree che sono state duramente colpite dal coronavirus.

Di fronte a tassi sproporzionati di diabete, obesità, malattie polmonari e malattie cardiache, le persone del fiume Cheyenne sono particolarmente sensibili al coronavirus e Frazier ha affermato che il suo strumento migliore è la prevenzione.

"Se mai arrivasse qui, si diffonderebbe come un incendio", ha detto. "Sarebbe qualcosa che sarebbe davvero devastante per la nostra gente e per tutti i residenti in questa riserva."

Molte miglia a sud, nel cuore delle Badlands, Francisca Tobacco ha detto che intende tornare al checkpoint vicino a Buffalo Gap lunedì.

Domenica, ha presidiato il checkpoint da solo, sebbene un ufficiale tribale abbia tentato di convincerla a lasciare il suo posto, temendo che un guidatore frustrato potesse ferire i suoi figli. Ha detto che fermare i viaggiatori che potrebbero diffondere il coronavirus alla sua gente valeva il rischio.

"Questa è la nostra terra e questo è il nostro territorio e abbiamo il diritto di proteggere la nostra terra", ha detto.

 indianz3

Di Kevin Abourezk

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons